Hawaii, un posto unico e speciale

Immersi nella natura selvaggia delle isole principali tra snorkeling, trekking e 4x4
 
Partenza il: 04/08/2017
Ritorno il: 27/08/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Hawaii, una destinazione decisamente speciale e non solo perché è il sogno di una vita per molte persone, ma perché qualche anno fa avevamo detto che quando avremmo festeggiato il nostro 20 esimo anniversario saremmo andati alle Hawaii… ed ecco che i 20 anni assieme sono arrivati e con loro questo incredibile viaggio.

Per la prima volta voliamo con Korean Air. La nostra scelta è ricaduta su questa compagnia aerea per un paio di motivi: facciamo un solo scalo, a Seoul, anziché 2 se avessimo optato di viaggiare verso ovest, e il costo è anche più vantaggioso. Inoltre le compagnie asiatiche hanno standard migliori rispetto a quelle europee o americane. Il volo della Korean Air non è previsto tutti i giorni ed è per questo che partiamo da Malpensa venerdì sera alle 22, non vogliamo sprecare un solo istante di questi tanto desiderati giorni di ferie.

Arriviamo a Seoul dopo un volo di poco più di 11 h e tutto sommato non è stato neppure troppo tragico. L’aereo era confortevole e il servizio impeccabile e siamo riusciti a riposare per buona parte del volo. Una nota per il cibo offerto dalla Korean Air: si può scegliere anticipatamente sul loro sito il pasto desiderato tra una vasta scelta di cucine, niente male! A Seoul sono le 17 del pomeriggio e dobbiamo attendere fino alle 21.20 per il volo con destinazione Honolulu, ma sgranchirci un po’ le gambe è cosa gradita. E l’Incheon Airport è il posto ideale per passeggiare tra tantissimi negozi. Prendiamo un caffè per svegliarci un po’ e verso le 19 ci fermiamo a mangiare in un ristorante coreano nella food court … davvero buono. Il tempo passa veloce e per fortuna è ora di imbarcarsi perché la stanchezza inizia a pesare. Partiamo con una mezzora di ritardo per qualche passeggero che non si è presentato. Questa volta il volo ha una durata di poco più di 8h . Alle 11:30 del mattino di sabato 5 arriviamo a Honolulu. Si può davvero dire che abbiamo viaggiato indietro nel tempo! Appena usciamo dall’aeroporto siamo assaliti dal caldo … non saranno giorni facili! Abbiamo noleggiato un’auto con Alamo e quindi attendiamo lo Shuffle che ci porta all’agenzia per il ritiro. Abbiamo optato per una economy, una Hundai… e già così ci costa poco più di 300 dollari per 3 gg. È comunque un’auto più che dignitosa e spaziosa per noi due. Con l’aiuto dell’app gratuita Navigator (che è utilizzabile senza connessione dati) ci avventuriamo nel traffico e raggiungiamo in poco meno di 30 minuti il nostro alloggio per le prime 3 notti: Ohana East Waikiki. Facciamo il check in, ma dobbiamo attendere un’oretta per la camera che non è ancora pronta. Ci facciamo indicare il parcheggio convenzionato per lasciare l’auto e dopo una breve passeggiata torniamo in albergo dove fortunatamente la camera è disponibile. Finalmente alle 14.30 possiamo fare una doccia! L’albergo è pulito e in ottima posizione, anche se non siamo molto fortunati con la camera che è proprio a ridosso degli ascensori che sono abbastanza rumorosi. Si tratta di una struttura old style, ma a parte il discorso ascensori non è niente male. La camera è spaziosa e c’è anche un terrazzino dove poter fare colazione.

Dopo esserci resi nuovamente presentabili, usciamo per andare a cercare qualche maglietta della Hawaii University, il college team di football di Honolulu. Facciamo un po’ di shopping al centro commerciale di Ala Moana e poi ci spostiamo a Chinatown … sembra abbastanza deserta e davvero niente di che … evitate pure. Verso le 19 riportiamo l’auto al parking e facciamo una passeggiata alla ricerca di un posto dove cenare … tentando di rimanere svegli ancora per un po’. Optiamo per l’Heavenly … il locale è grazioso, ma il servizio è un po’ lento e il cibo non è davvero niente di che. La sera la temperatura è decisamente piacevole grazie anche al vento. Per le 22.30 ci abbandoniamo al sonno in un letto davvero molto comodo.

DOMENICA 6 AGOSTO

Sveglia alle 7 dopo un sonno ristoratore. Facciamo colazione in camera e poco prima delle 9 usciamo per la prima vera esplorazione dell’isola. Facciamo il Manoa Fall Trail, facile sentiero che si snoda nella foresta e che porta all’omonima cascata. Quest’ultima di per sé non è davvero nulla di speciale, presa d’assalto da diversi turisti che, ignorando i chiari cartelli disseminati un po’ ovunque, fanno il bagno nelle sue acque. È però molto grazioso il percorso che offre belle viste sulle cime circostanti. La seconda tappa è il Diamond Head Beach Park, dove facciamo una breve passeggiata lungo la spiaggia che è più che altro adatta ai surfisti. Pranziamo al Gyotaku buon ristorante giapponese anche se non propriamente economico. La prima tappa del pomeriggio è la salita a Makapuu Point Lighthouse. La strada di per sé non sarebbe troppo faticosa, ma con il caldo cocente del primo pomeriggio è decisamente dura. La vista però da quassù è incantevole e vale il sacrificio. Dopo tutto questo camminare è giunto il momento di andare ad Hanauma Bay per rilassarci un po’ e fare finalmente snorkeling. Arriviamo per le 15.45, ma non siamo possiamo accedere alla spiaggia prima delle 16.15 poiché gli ingressi sono regolati e tutti i visitatori devono prendere visione di un video che mostra come ci si deve comportare in questa riserva per non danneggiare il reef. Hanauma Bay è infatti un luogo estremamente particolare poiché si tratta di quanto rimane di un cratere vulcanico. Già a pochi metri dalla riva si può godere della vista di numerosi e bellissimi pesci colorati. È decisamente un posto che non si può saltare. Torniamo in albergo stanchi ma molto soddisfatti. Per cena optiamo per il buon Siam Square, ristorante thai. Una passeggiata nelle vie del centro e per le 23 siamo a letto.

LUNEDì 7 AGOSTO

Questa notte purtroppo non abbiamo dormito benissimo complici un paio di telefonate (12 h di fuso orario non sono facili da gestire ) e il rumore degli ascensori continuamente in movimento. Ci alziamo quindi poco prima delle 7 e dopo colazione puntiamo a Kailua Beach, bella spiaggia di sabbia finissima. Arriviamo presto e riusciamo a trovare parcheggio senza problemi … cosa che sarebbe stata decisamente diversa se avessimo tardato un’oretta. Qui il mare è l’ideale per nuotare e si può anche noleggiare un kayak. Noi ci dedichiamo allo snorkeling anche se qui i pesci sono davvero pochi. Verso le 12 andiamo al vicino Market a comprare qualcosa da mangiare e pranziamo all’ombra dei pini, vista oceano… molto rilassante. Visto il sole cocente e il fatto che non siamo proprio tipi da spiaggia raccogliamo tutte le nostre cose e ci dirigiamo a Kualoa. Qui dalla spiaggia si gode di una bellissima vista sull’isolotto di Mokolii e alle spalle ci sono alte e ripide montagne . Non possiamo però fare il bagno per via della bandiera rossa a causa delle pericolose meduse portoghesi. Torniamo in auto e riscendiamo verso sud per andare a vedere la valle dei templi dove si trova il bel tempio buddista Byodo-in. Cotti da tutto il sole di questa mattina decidiamo di tornare in camera per sistemare la valigia poiché domani di parte alla volta di Kauai.



  • marcello41037 marcello41037
    Ottimo diario! Grazie"
  • marcello41037 marcello41037
    Ottimo diario! Grazie"
  • marcello41037 marcello41037
    Ottimo diario! Grazie"
Commenti

Lascia un commento

Leggi i Diari di viaggio su Hawaii
Diari di viaggio
tour delle hawaii

Tour delle Hawaii

Per in nostro viaggio di nozze abbiamo organizzato un tour delle Hawaii, con tre giorni a San Francisco prima del rientro in Italia. Nel...

Diari di viaggio
viaggio negli stati uniti: louisiana, grandi parchi e hawaii

Viaggio negli Stati Uniti: Louisiana, Grandi Parchi e Hawaii

Mi riconoscete? Sono proprio io, a 18 anni, durante il mio primo viaggio negli Stati Uniti, il mio primo vero viaggio. Un viaggio che per...

Diari di viaggio
los angeles e hawaii

Los Angeles e Hawaii

Giorno 1: Italia e Los Angeles Oggi è stata una giornata veramente lunga! Sveglia alle 7, volo Genova - Amsterdam alle 12.30 e coincidenza...

Diari di viaggio
meravigliose hawaii in solitaria

Meravigliose Hawaii in solitaria

sacco di pesci.In questo tratto di strada è possibile che si formino code, in quanto tutti rallentano o per trovare parcheggio, o per...

Diari di viaggio
viaggio di nozze tra california e hawaii

Viaggio di nozze tra California e Hawaii

Viaggio di nozze tra California e HawaiiEccomi qui a raccontare il nostro viaggio di nozze, 18 bellissimi giorni tra California ed...

Diari di viaggio
la natura e i colori di yellowstone e hawaii

La natura e i colori di Yellowstone e Hawaii

Ed eccoci qui a raccontare del nostro secondo viaggio alla scoperta dell’America. Il nostro giro questa volta si svolgerà nella parte...

Diari di viaggio
giappone - hawaii - san francisco - miami

Giappone – Hawaii – San Francisco – Miami

Questo è il nostro viaggio di nozze, che ci obbliga ad inventarci qualcosa di speciale per onorarne l'importanza. Dopo un'attenta analisi,...

Diari di viaggio
tre settimane alle hawaii: informazioni pratiche

Tre settimane alle Hawaii: informazioni pratiche

Credo di non svelare nessun segreto dicendo che un viaggio alle Hawaii non ha nulla di economico, neanche se lo organizzate in “fai da...

Diari di viaggio
hawaii, un posto unico e speciale

Hawaii, un posto unico e speciale

Hawaii, una destinazione decisamente speciale e non solo perché è il sogno di una vita per molte persone, ma perché qualche anno fa...

Diari di viaggio
usa e hawaii: lo spettacolo della natura

Usa e Hawaii: lo spettacolo della natura

Organizzare un viaggio così lungo e pieno di tappe in un mese è stato molto arduo ma con un po' di pazienza e tante serate di fronte al...