Grecia, secondo round

Il 24 di luglio sono partita con il mio ragazzo per la seconda volta alla scoperta delle cicladi. L'unico biglietto che abbiamo deciso di prenotare è stato quello della nave, venezia-patrasso, 35 ore di viaggio che sono passate molto tranquillamente e comodamente, nonostante il biglietto di passaggio ponte. Dopo aver affrontato il tragitto fino...
Scritto da: pailong
grecia, secondo round
Partenza il: 24/07/2007
Ritorno il: 15/08/2007
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Il 24 di luglio sono partita con il mio ragazzo per la seconda volta alla scoperta delle cicladi. L’unico biglietto che abbiamo deciso di prenotare è stato quello della nave, venezia-patrasso, 35 ore di viaggio che sono passate molto tranquillamente e comodamente, nonostante il biglietto di passaggio ponte.

Dopo aver affrontato il tragitto fino al pireo con i consueti cambi di mezzi e fatiche varie, decidiamo di prenotare il biglietto della nave per raggiungere Milos, il prezzo del biglietto notevolmente aumentato (40 euro), ma la nave era bella e piuttosto veloce.

Il soggiorno a Milos è andato parecchio bene, l’isola è davvero bellissima, resa molto particolare dai mille colori caratteristici delle sue rocce e montagne, anche se purtroppo è un pò rovinata dalle moltissime cave che la stanno lentamente mangiando.

Abbiamo soggiornato al camping Achivadolimni, l’unico dell’isola, struttura molto piacevole e confortevole, grande e con quasi tutte le piazzole immerse nell’ombra di rilassanti oleandri, molto curato in generale, parecchio pulito e dotato anche di una piscina e di un bar molto carino. I prezzi molto ragionevoli, 7 euro a notte, a parte la fregatura di dover pagare 2 euro al giorno il parcheggio se parcheggiate qualsiasi mezzo nello spiazzo antistante la reception.

Le spiagge dell’isola sono tutte molto suggestive, alcune piu di altre, tra cui personalmente citerei Tsigrado, raggiungibile tramite una breve scalata nella roccia, provatas, ag. Kyriaki e Paliochori, la piu particolare a causa dei suoi colori e delle sua acque termali. Le spiagge a sud dell’isola sono indiscutibilmente piu belle di quelle a nord, solo ed esclusivamente a causa del mare mosso di queste ultime, che trascina a riva un po di sporcizia e rende l’acqua torbida.

I prezzi dei locali e dei ristoranti sono molto ragionevoli, fatta eccezione per alcuni locali parecchio fashion e per alcuni ristoranti sulla riva del mare al porto.

Seguendo il consiglio di un pescatore incontrato a Klima, un piccolo paesino di pescatori molto grazioso, abbiamo evitato di mangiare pesce, caro e di cattiva qualità, in quanto ci è stato detto non essere fresco.

Molto piacevoli i ristoranti di Plaka e di Tripiti dove si mangia davvero molto bene a prezzi bassi e si respira un’atmosfera rilassante e davvero piacevole.

L’isola ci è piaciuta parecchio, l’abbiamo girata quasi tutta, fatta eccezione di alcune zone difficili da raggiungere col motorino; gli abitanti sono molto accoglnti e disponibili, isola davvero consigliabile.

La nostra seconda tappa è stata Folegandros.

Sbarchiamo alle 00.30, qui ci viene ad accogliere il consueto pulmino del campeggio, dove scopriamo non esserci assolutamente posto per la tenda, quindi dormiamo in spiaggia. La mattina seguente ci rechiamo in città per cercare un alloggio e scopriamo con molto dispiacere un comportamente davvero spiacevole da parte degli isolani, veniamo trattati con sufficienza ed in modo snob in diversi posti, rimaniamo tanto stupiti da questa differenza di atteggiamento che prenotiamo un biglietto della nave per il pomeriggio stesso, ed alle 12.30 salpiamo per sifnos, dove attracchiamo alle 17.

Sifnos è un isola molto tranquilla, presenta un paesaggio apparentemente desolato all’arrivo in porto ma in realtà è un isola frizzante e davvero molto bella a livello paesaggistico.

Montagne terrazzate con ulivi nascondono paesini parecchio carini, curati nel dettaglio e piacevoli da visitare.

Kastro è uno dei piu belli, caratteristico ed affascinante, si puo esplorare a piedi, e si puo mangiare in un ristorante che noi abbiamo trovato splendido, sia per l’ambientazione intrigante, su una terrazza affaciata sugli uliveti, sia per l’ottimo cibo che si consume ed i prezzi buoni e soprattutto per la gentilezza del proprietario.

Uno spettacolo molto suggestivo è offerto anche dalla spaiggia di Chryssopigy, dove si puo prendere il sole sia in spiaggia che sugli scogli e dove si possono osservare dei fondali davvero bellissimi armati di una maschera.

Apollonia è la cittadina piu importante dell’isola e la sera presenta una vita d un atmosfera frizzante,nei numerosi locali si possono gustare cocktail frschi godendo di una vista mozzafiato.

Il nostro soggiorno in quest’isola è stato molto positivo, ci siamo rimasti 8 giorni, invogliti anche dall’ottima sistemazione in camera che abbiamo trovato presso la casa di una gentilissima e deliziosa signora che ci ha viziato e coccolato per l’intera durata del soggiorno,ed inoltre trattenuti dalla fantastica posizione occupata dalla casa, molto vicino al mare con una vista strepitosa.

Isola consigliabile anche se a livello di spiagge non abbiamo trovato niente di ecczionale rispetto alle altre isole visitate anche gli anni precedenti (naxos, koufonissia, donousa), ma è davvero adatta a chi vuole passare qualche giorno davvero tranquillo e rilassante in un ambiente amabile e in un atmosfera genuina e raffinata allo stesso tempo.

Gli isolani sono davvero splendidi, gentili e disponibili, amichevoli e piacevoli. Ottima scelta.



    Commenti

    Lascia un commento

    Apollonia: leggi gli altri diari di viaggio