Gite in Emilia-Romagna: Bobbio e la Val Trebbia

Itinerario giornaliero alla scoperta della splendida Val Trebbia, sulle orme di San Colombano.
 
Partenza il: 09/05/2021
Ritorno il: 09/05/2021
Viaggiatori: 2
Spesa: Fino a €250 €

Maggio 2021: dopo tanti mesi di zona rossa e arancione, finalmente si può viaggiare all’interno della nostra Regione. Ne approfittiamo per visitare una zona dell’Appenino piacentino, organizzando un itinerario che segue il corso del fiume Trebbia.

Partiamo da Reggio Emilia di buon’ora e raggiungiamo Piacenza in autostrada. Da qui, imbocchiamo la SS45 che, come notiamo, è un vero paradiso per i motociclisti.

Incontriamo, lungo la strada, i paesi di Rivergaro, dove si sta svolgendo un affollato mercato domenicale, e Travo; noi procediamo spediti verso la prima destinazione della giornata, Bobbio. La storia di questo borgo, legata alla vita di San Colombano, ci ha affascinato: nato ai tempi dei Romani (a cui si deve la costruzione della parte più antica del Ponte sul Trebbia), Bobbio è diventato uno dei centri commerciali e culturali più importanti del Medioevo, quando il monaco Colombano, partito da Cleenish Island nell’Irlanda del Nord, ha fondato qui il suo monastero nel 614. Nasceva, così, il feudo monastico di Bobbio, destinato a crescere e prosperare in epoca longobarda, anche grazie all’importante Scriptorium, che conservava i più preziosi manoscritti dell’epoca.

Arrivati nel paese, troviamo fortunatamente un posto nel parcheggio a pagamento di Piazza San Francesco, vicino al Santuario della Madonna dell’Aiuto e a due passi dal centro pedonale. Visto che le stradine brulicano di gente, decidiamo di scendere verso il fiume per percorrere l’iconico Ponte Gobbo. Il Ponte, simbolo del borgo, è chiamato anche “Ponte del Diavolo”, per la forma irregolare delle sue 11 arcate, più volte ricostruite e rimaneggiate. La leggenda vuole che il Ponte sia stato costruito dal Diavolo in persona, nel corso di una notte, in cambio della prima anima che lo avesse attraversato; San Colombano fece, però, attraversare il ponte appena ultimato ad un cane: il Diavolo, infuriato, se ne andò.

Sul ponte pedonale vige l’obbligo di indossare la mascherina. Lo attraversiamo fino alla sponda opposta al paese: qui, si trova un belvedere da cui scattare le foto migliori!

Risaliamo verso il centro storico, percorrendo la Contrada del Castellaro fino a Piazza Duomo. Il vicolo è caratterizzato dai portici medievali, costruiti in pietra scura ad un livello più basso rispetto alla strada e, ancora oggi, vi si trovano piccole botteghe di generi alimentari. Giunti davanti alla Cattedrale, in attesa che finisca la Messa e si possa visitare la chiesa, ci concediamo un caffè e una brioche seduti ad uno dei tanti bar che fiancheggiano la piazza.

Entriamo, quindi, nel Duomo, dedicato a Santa Maria Assunta ed edificato attorno al 1075, che ci sorprende subito perché l’interno è ricco di decorazioni e colori, che contrastano con la semplice facciata romanica. Proseguendo lungo la navata minore di destra, visitiamo la Cappella di San Giovanni dove, nel 1910, è stato casualmente riscoperto un affresco raffigurante l’Annunciazione e risalente alla fine del 400. Dal transetto, si scende nella cripta, la cui cappella è dedicata a San Antonio Giannelli, vescovo di Bobbio dal 1838 al 1846; la cripta ospita, inoltre, il sepolcro dei vescovi della diocesi.

Percorriamo i vicoli medievali di Bobbio, notando che la gente comincia a diminuire: si avvicina l’ora del pranzo. Noi ci dirigiamo verso l’Abbazia di San Colombano. Il complesso abbaziale del monastero comprende numerosi edifici: la Basilica, il corridoio-cavedio dove si trova una piccola mostra sul monaco irlandese, il chiostro che ospita il Museo della Città, i giardini interni, il Museo dell’Abbazia nella zona dell’antico scriptorium, il porticato con il giardino di Piazza Santa Fara, l’ex Chiesa delle Grazie e vari altri edifici pubblici e privati.

Entriamo subito nella Basilica: la scritta sul portale d’ingresso (“Terribilis est locus iste”) ci ricorda che questo è un presidio templare. All’interno si notano la vasca battesimale del VII secolo, che la leggenda vuole dono della regina Teodolinda a San Colombano, e il coro ligneo intagliato e intarsiato dal frate Domenico nel 1488 (la datazione è così precisa perché l’autore ha firmato nel legno la sua opera: “Hoc opus fecit Dominicus de Placentia 1488”). Ai lati dell’altare, due rampe di scale conducono alla cripta, dove è conservato il sarcofago marmoreo di San Colombano; a fianco, i sepolcri di Sant’Attala e San Bertulfo, secondo e terzo abate di Bobbio. Un’altra meraviglia nascosta della Basilica è stata riscoperta durante i lavori di restauro di Inizio 900: si tratta di un mosaico pavimentale del XII secolo che si estende per ben 100 metri quadrati e rappresenta alcuni episodi biblici, il susseguirsi dei mesi e i segni zodiacali.

Ritorniamo al parcheggio, percorrendo la strada principale del borgo, Contrada di Porta Nova, costeggiata di botteghe e negozietti di prodotti locali.

Imbocchiamo nuovamente la SS45 che segue il corso tortuoso del fiume Trebbia.

Dopo il ponte di Marsaglia, cerchiamo sulla destra la deviazione per Brugnello: una strada stretta e ripida conduce, in circa 3 chilometri, al minuscolo borgo medievale di case di pietra, caratterizzate da porte e finestre di legno intarsiato. L’accesso al paesino è vietato alle auto; cerchiamo, quindi, un posto nell’unico parcheggio all’inizio del centro abitato (che può contenere poche vetture, siamo stati fortunati a trovare l’ultimo spazio libero!).

A piedi, saliamo lungo il vicolo acciottolato fino alla Chiesa dei SS. Cosma e Damiano e al belvedere che si affaccia a strapiombo sulle anse del Trebbia: da qui, la visuale è vertiginosa e, grazie alla splendida giornata di sole, l’acqua del fiume è di un azzurro intenso.

Approfittiamo delle panchine nella zona pic-nic per gustarci il nostro pranzo al sacco (per evitare problemi con le prenotazioni di ristoranti in tempo Covid, abbiamo preferito preparare a casa gnocco farcito con mortadella). Accanto a noi, altri turisti ed escursionisti mangiano e chiacchierano in questa cornice incredibile.

Dopo pranzo (e dopo trecento foto al panorama), visitiamo la chiesetta, costruita nel XIV secolo sui resti dell’antico castello dei Brugnatelli, un tempo situato su questo sperone roccioso in posizione dominante sulla valle del Trebbia.

Torniamo sulla SS45, percorrendo a ritroso l’unica stradina di accesso a Brugnello, con l’intenzione di raggiungere il borgo di Cerignale. Purtroppo, la statale è interrotta per un cantiere e dobbiamo tornare indietro; ne approfittiamo per qualche sosta nelle piazzole ai lati della strada, per ammirare dall’alto il fiume e la valle che, in questo punto, si fa stretta e boscosa.

Guarda la gallery
piacenza-4fppv

Le anse del Trebbia

piacenza-gh16p

Bobbio e il Ponte Gobbo



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Emilia-Romagna
    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    reggio emilia: città del tricolore, dell'erbazzone e dei ponti di calatrava

    Reggio Emilia: città del Tricolore, dell’Erbazzone e dei ponti di Calatrava

    Focalizzate il pensiero sulla pianura padana, volate sull'unica regione “di traverso” – l’Emilia-Romagna - e ora cercate una...

    Diari di viaggio
    un natale alternativo

    Un Natale alternativo

    L'utopia di ogni anno è passare le feste al riparo, lontani da pranzi e cene con parenti e vicino a luoghi che curano l'anima. Questa...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    dove andiamo in vacanza quest'estate? a cattolica, nella regina dell'adriatico!

    Dove andiamo in vacanza quest’estate? A Cattolica, nella regina dell’Adriatico!

    Sta arrivando di nuovo la stagione estiva ed in tanti si chiedono dove passare le vacanze quest’anno. Io un’idea ce l’ho e oggi ve ne...

    Diari di viaggio
    la terra dei motori

    La terra dei motori

    Primo o ultimo non conta... L'importante è avere dato il meglio di sé in ogni singolo giro.Zaino in spalla, giusto qualche cambio...

    Diari di viaggio
    saludecio, una capitale antica sulle colline della romagna

    Saludecio, una capitale antica sulle colline della Romagna

    Appollaiato su di un poggio che degrada dolcemente verso il mare, si trova uno dei borghi più interessanti del panorama della bassa...

    Diari di viaggio
    la via del sale, varzi - sori in 3 giorni

    La via del sale, Varzi – Sori in 3 giorni

    Questa mia avventura è stata decisa al più qualche giorno prima della partenza. Ho avuto uno spiraglio di tempo per buttarmici e.. direi...

    Se non ora, quando? Tour in moto lungo tutta l’Italia

    È dal 2014 che viviamo in the road insieme (io, Andrea; Sonia, la mia ufficiale in seconda; la nostra moto, una Royal Enfield Classic...

    Diari di viaggio
    un weekend in emilia romagna nelle terre dei malatesta

    Un weekend in Emilia Romagna nelle terre dei Malatesta

    Giorno 1 - da Santarcangelo a Rimini Santarcangelo di Romagna Quando giungo a Santarcangelo di Romagna è metà mattina di una soleggiata...

    Video Itinerari