Giordania del Nord: Madaba, Jerash e i castelli del deserto

Tour autogestito tra le più belle località del nord del paese
 

Dopo avere visitato Petra e Wadi Rum nel novembre 2019 e dopo “soli” sei annullamenti causa pandemia e successive restrizioni Covid, riusciamo finalmente a settembre 2022 a partire per il nostro secondo viaggio in Giordania.

Come per il primo viaggio, anche stavolta ci muoviamo nella più completa autonomia, guidare nel paese non è difficile, il costo del noleggio di due auto per 6 persone è molto più basso del costo di un driver per l’intera settimana e il desiderio di potere modificare giorno per giorno l’itinerario a nostro piacere ci convince che il noleggio è la soluzione ideale.

Se si vuole trovare buone tariffe meglio noleggiare la vettura con molti mesi di anticipo, noi lo abbiamo fatto a marzo tramite Rentalcars che consente l’annullamento del noleggio fino alle 48 ore precedenti il viaggio. Due auto in buone condizioni, con copertura totale della franchigia ci sono costate circa 60 euro a testa con Dollar. Auto ritirate e consegnate all’aeroporto di Amman. Entrambe le auto avevano il cambio automatico, è possibile chiedere una vettura con cambio manuale se non si è molto pratici.

Le strade sono ben tenute, bisogna solo fare attenzione ai numerosi dossi che non sono sempre ben segnalati. Abbiamo incontrato alcuni posti di controllo, nei quali ci è stato chiesto di mostrare il passaporto, ma tutto si sbriga in pochi istanti.

Atterriamo ad Amman il 26 settembre alle ore 22 circa, le procedure di ingresso sono abbastanza veloci (a dispetto di quanto letto su vari forum in cui si parlava di tempi lunghi), avevamo acquistato il Jordan Pass da casa e fatto la registrazione obbligatoria per ottenere il QRcode che bisogna presentare all’immigrazione. L’assicurazione sanitaria non è più obbligatoria, ma il consiglio è di farla ugualmente, non costa molto e copre da ogni piccolo (o grande) problema si possa verificare durante un viaggio.

Ritiriamo le auto e ci trasferiamo a Madaba dove scegliamo di dormire le prime due notti, scelta davvero ottima per evitare il traffico caotico di Amman e allo stesso tempo per potersi muovere facilmente per le varie visite.

Scegliamo il Tell Madaba, una guesthouse molto pulita e in una via tranquilla gestita dalla coppia mamma+figlio. La mamma al mattino prepara colazioni giordane, ma anche torte e squisite marmellate di albicocca, il figlio tiene i contatti con i turisti e suggerisce le visite da fare. Due persone davvero squisite.

Il giorno successivo partiamo per visitare il Memoriale di Mosè sul Monte Nebo, ci avevano detto di andarci al mattino per evitare la nebbiolina che a volte nasconde i panorami e al nostro arrivo il panorama era abbastanza limpido. Dal memoriale si gode di una incredibile vista sulla Terra Santa. Iniziamo a fare la conoscenza dei fantastici mosaici che troveremo anche a Madaba, d’altronde se la chiamano la Città dei mosaici ci sarà un perché

Rientriamo in città e facciamo il giro classico delle chiese ammirandone i mosaici, iniziando da quello famoso della chiesa di San Giorgio con la più antica rappresentazione cartografica originale della Terra Santa e di Gerusalemme. Nella Chiesa della Decapitazione di Giovanni Battista saliamo sul campanile e ammiriamo Madaba dall’alto, proprio mentre il muezzin fa sentire il suo canto dal minareto di fronte. Facciamo tappa anche al piccolo e forse non molto visitato Museo di Madaba, dove abbiamo la fortuna di conoscere il custode che (ovviamente) si propone come guida turistica. Ci illustra i mosaici esposti al museo e alla fine ci conduce sotto una grande tettoia sotto al quale vediamo una distesa di sabbia. E qui, molto delicatamente, toglie un po’ di sabbia e ci mostra un bellissimo mosaico appena restaurato che sarà mostrato al pubblico solo nel 2023, una gran bella anteprima! Il primo giorno finisce con una ottima cena al Ristorante Adonis.

I castelli del deserto in Giordania

Salutiamo Madaba (solo temporaneamente) e partiamo il giorno successivo per il giro dei castelli nel deserto. Percorriamo la strada che attraversa il deserto ad est di Amman, i cartelli ci segnalano che ci stiamo avvicinando alla Siria, alla radio ascoltiamo musica araba, la libertà di viaggiare non ha prezzo e mai come ora, dopo essere stati costretti a fermare i viaggi a causa della pandemia, siamo felici di essere qui.

Il tour prevede visita e sosta a diversi castelli, iniziamo con Qasr al-Kharanah, il caravanserraglio, dove troviamo il solito custode con velleità da guida che ci fa visitare il complesso facendoci anche divertire. Una bella struttura circondata dal nulla, dove facciamo conoscenza con un gruppo di donne giordane che ritroveremo spesso durante questa giornata.

Passiamo poi a Qusayr Amra, forse il più famoso anche se il più piccolo, ciò che rende questo edificio assolutamente affascinante sono i suoi affreschi in cui sono raffigurati diversi Re del passato, scene di caccia, animali, uomini e donne anche a seno nudo. Sul soffitto sono raffigurate le fasi di costruzione del castello, partendo dall’estrazione delle pietre nella cava fino al loro trasporto a dorso di cammello. Davvero un posto da non perdere!

Proseguiamo poi per Qasr al-Azraq costruita dai romani con roccia nera basaltica, oggi sono rimasti pochi resti, a differenza dei precedenti due che sono posti nel deserto, questo castello è all’interno della cittadina di Azraq quindi forse un po’ meno affascinante. Finiamo con Qasr al Hallabat, ubicato in cima ad un colle, che comprende il castello verso e proprio a cui fu aggiunta una moschea, un bagno e un ingegnoso sistema idrico che comprendeva cinque cisterne e un grande serbatoio d’acqua.

Per percorrere l’intero giro dei castelli considerate una giornata, facendo le cose con calma e fermandosi anche a pranzare. Chiudiamo la giornata molto ricca di bellezze arrivando ormai a sera a Jerash, dove trascorreremo le successive tre notti al Full Panorama to Archeological site, un nome che non potrebbe essere diverso visto che l’hotel è ubicato proprio sopra il sito e la cittadina si estende di fronte con mille lucine, sembra un presepe. Anche in questo caso siamo molto contenti della scelta, le camere sono confortevoli, le ragazze che ci preparano cena e colazione gentili e come ciliegina sulla torta abbiamo a disposizione una grande sala dove si cena dotata di un tavolo da biliardo. Le serate finiranno sempre con sfide tra i componenti maschi del nostro gruppo, bevendo litri di ottimo tè arabo aromatizzato alla salvia!

Guarda la gallery
giordania_mar_morto

giordania_jerash_foro

giordania_jerash_colonnato

giordania_jerash_teatro

giordania_macheronte

giordania_mar_morto_dal_panoramic_dead_sea_complex

giordania_qasr_al_kharanah

giordania_umm_quais

giordania_wadi_mujib



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Giordania
    Diari di viaggio
    giordania: terra del cuore

    Giordania: terra del cuore

    Ci dicevano che la Giordania custodisce bellezze naturali e plasmate dall'uomo, che oltre ai panorami ci avrebbero conquistato le...

    Diari di viaggio
    giordania del nord: madaba, jerash e i castelli del deserto

    Giordania del Nord: Madaba, Jerash e i castelli del deserto

    Dopo avere visitato Petra e Wadi Rum nel novembre 2019 e dopo “soli” sei annullamenti causa pandemia e successive restrizioni Covid,...

    Diari di viaggio
    giordania 2022: sulle orme di indiana jones

    Giordania 2022: sulle orme di Indiana Jones

    Era già diverso tempo che avevo voglia di visitare qualche posto con la P maiuscola. Uno di quelli che ti lasciano a bocca aperta quando...

    Diari di viaggio
    giordania on the road: tra tradizione, avventura e divertimento

    Giordania on the road: tra tradizione, avventura e divertimento

    Giorno 1 – Direzione sud Arriviamo ad Amman intorno alle 11 del mattino e grazie al Jordan pass (comprato sul sito qualche settimana...

    Diari di viaggio
    giordania on the road 6

    Giordania on the road 6

    È il deserto, una distesa di nulla più assoluto, quello che vediamo mentre l’aereo si abbassa per atterrare all’aeroporto di Amman,...

    Diari di viaggio
    giordania e israele in due settimane

    Giordania e Israele in due settimane

    Condivido il resoconto del mio ultimo ed entusiasmante viaggio di 2 settimane trascorso tra Giordania e Israele. Il viaggio si è svolto...

    Diari di viaggio
    giordania in febbraio

    Giordania in Febbraio

    A settembre 2019, in accordo con una coppia di amici, abbiamo deciso di organizzare una decina di giorni da trascorrere non lontano...

    Diari di viaggio
    4 giorni in giordania con bambino di 6 anni

    4 giorni in Giordania con bambino di 6 anni

    Voli: EasyJet Malpensa - Aqaba acquistati ad agosto 103 € con il solo bagaglio a mano (due adulti e un bambino di 6 anni). Al momento del...

    Diari di viaggio
    vacanze di natale in giordania

    Vacanze di Natale in Giordania

    La Giordania è un’ottima meta per le vacanze invernali perché, nonostante le non troppe ore di luce, permette di visitarla quasi...

    Diari di viaggio
    giordania classica di o quasi

    Giordania classica di o quasi

    Domenica 15 settembre 2019 – In viaggio Ci aspetta una lunga giornata: anche se le ore volo in sè non sono tante, le coincidenze non...

    Video Itinerari