Giordania 2019

Un viaggio in Giordania ti apre la mente
 
Partenza il: 30/08/2019
Ritorno il: 09/09/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

30/8/2019 – venerdì

Ore 12 prendiamo l’autostrada per l’aeroporto, oggi è molto affollata e impieghiamo più di un ora per raggiungere il nostro parcheggio, prenotato giorni prima al costo di 60 euro per 10 giorni. Siamo in aeroporto, G. Marconi alle 13.30, sbrighiamo i soliti controlli doganali e alle 15.40 il nostro volo decolla destinazione Giordania. Atterriamo ad Amman alle 20.30, ci rechiamo al controllo passaporti, ma prima dobbiamo sbrigare la seccatura del visto. Abbiamo prenotato mesi fa la Jordan Pas, questa ti permette di entrare senza pagare il visto e successivamente l’ingresso alla maggior parte dei siti del paese. Usciamo dall’aeroporto a ritirare la nostra auto noleggiata sempre dall’Italia. Non trovando il nostro ufficio per il ritiro dell’auto, ci rivolgiamo a dei tassisti che molto gentilmente con una telefonata ci risolvono il problema. Ritirata finalmente la macchina ci rechiamo in centro città nel nostro hotel, che raggiungiamo con il cortesissimo aiuto della gente giordana.

31/8/2019 – sabato

Facciamo colazione per primi e poi inizia la nostra avventura, questa mattina visiteremo un sito romano a Jerash. Percorriamo i 51 km che ci separano in poco più di un ora, trovate le rovine, parcheggiamo e subito mostriamo la nostra Jordan pas che ci spalanca l’ingresso. Il primo monumento che ci troviamo davanti è la porta di Adriano, Iris prende la nostra Lonely Planet e inizia a leggermi le informazioni storiche. Proseguiamo con l’ippodromo, costruito nel terzo secolo AC, continuiamo con lo splendido teatro di Artemide. Ma l’attrazione più bella è la piazza con il colonnato, tanto bella da ricordare quella del Bernini di piazza S. Pietro a Roma. Passiamo qui quasi tre ore, con un caldo bestia, facendo tanta fatica, vista la grandezza di questo sito. Abbiamo bisogno di energia e allora all’uscita del sito ci prendiamo due spremute di melograno che ci danno il giusto refrigerio. Riprendiamo la nostra macchina e puntiamo il nostro navigatore in direzione Jolun, una piccola cittadina che dista 20 km, qui si trova un castello templare costruito dal cugino del feroce Saladino. Prima di entrare ci concediamo un buon caffè turco speziato al cardamomo, arrivati all’ingresso mostriamo la nostra Jordan pas e iniziamo la visita del castello. Completato il nostro tour, facciamo un giro al mercato, tra banchi di frutta e venditori di ogni genere, qui possiamo assaggiare il dattero fresco e assaporare tutti gli odori dei vari ambulanti. Riprendiamo la nostra macchina e ci dirigiamo verso Salt, un paesino caratteristico, consigliato a chi ama cercare posti fuori dai classici circuiti turistici. Anche qui facciamo una passeggiata al mercato, molto caratteristico e la vera sorpresa è l’accoglienza delle persone, tutti cercano un saluto e tutti scambiano volentieri un sorriso, indipendentemente dall’interesse di vendere qualche cosa. Soddisfatti di questa splendida esperienza decidiamo di rientrare ad Amman nel nostro “Rafi” hotel per un breve relax. Usciamo che è quasi ora di cena, ci dirigiamo verso un ristorante che abbiamo scelto sul web , per le buonissime recensioni. Ci lasciamo rapire dai tanti passanti e dai coloratissimi negozi di questa immensa e caotica capitale. Giungiamo finalmente al “Jafra”, capiamo subito che abbiamo fatto la scelta giusta, pochi turisti e tanta giordani frequentano questo ristorante, Kebab e pollo alla griglia, accompagnato da una porzione di falafel, risultano una ottima cena, peccato solo che qui non si possa bere birra per motivi di religione. Completiamo la cena con due caffè turchi alla modica cifra di 15 euro a testa. Chiudiamo la serata con una visita al teatro romano, che tutto illuminato aumenta il suo fascino, nella piazza adiacente tantissimi giovani si divertono con della musica araba.

1/9/2019 – Domenica

Partiamo sempre di buon’ora, direzione Madaba, rimaniamo subito imbottigliati dal caotico traffico di Amman, ma con molta pazienza ne veniamo fuori. Arriviamo a Madaba alle 9:30, parcheggiamo nel centro e ci dirigiamo a piedi verso la chiesa di S Giorgio, qui possiamo ammirare il mosaico che mostra la mappa della Palestina, risalente al 500 DC, la più antica esistente. Prima di entrare dobbiamo attendere la fine della funzione religiosa e poi possiamo ammirare il mosaico in tutto il suo splendore. Usciti dalla chiesa per combattere la calura, ci prendiamo due spremute di melograno che ci danno subito la carica per continuare nella nostra visita. Seguiamo il consiglio dalla Lonely Planet, che ci dice di visitare un’altra chiesa che ha le fondamenta su dei resti antichissimi, qui possiamo ammirare una città sotterranea ben conservata e inoltre ammirare un pozzo di 3000 anni fa. Completiamo la visita delle chiese con quella degli apostoli, qui possiamo ammirare dei mosaici ben conservati. Per pranzo ci fermiamo in un negozio che fa dei panini con il pane arabo e dentro mettono falafel verdure e un po di piccante, prendiamo tre panini al costo di un Jod (1.30 Euro). Continuiamo il nostro viaggio verso Il Monte Nemo, qui Dio mostrò a Mosè per la prima volta La Terra Promessa. In questo posto è stata costruita una chiesa e al suo interno ci sono i mosaici meglio conservati di tutta la Giordania. Da questo monte si ammira un panorama fantastico, che svaria dal Mar Morto alla Palestina, scattiamo le nostre foto di rito e ci mettiamo nuovamente in macchina, destinazione Karak. Lungo il viaggio decidiamo di fare una deviazione, la Lonely ci dice di un posto, Mukawir dove ci assicura che non troveremo turisti, questo ci da lo spunto per visitare il sito. Percorriamo 20 km e finalmente giungiamo al sito, siamo gli unici, ma per giungere dove una volta c’era il palazzo di Erode dobbiamo affrontare un sentiero a dir poco arduo. In questo bellissimo posto fu decapitato Giovanni Battista. Del Palazzo non resta quasi niente ma vi assicuro che emana un fascino particolare, poi si gode di uno stupendo panorama e questo ripaga della fatica fatta. Riprendiamo il nostro lungo viaggio verso Karak, ma le sorprese non sono finite, dobbiamo oltrepassare il Muscib, un bellissimo canyon, che non ha nulla da invidiare a quello americano. Troviamo una piazzola da dove ci godiamo il panorama di questo spettacolo che la natura ci offre. Arriviamo alla meta di oggi, Karak, facciamo una breve escursione per vedere il castello, siamo troppo stanchi per visitarlo dall’interno, ci ritiriamo nel nostro hotel “Il Cairwan”, un posticino di poche pretese ma gestito con una gentilezza unica.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Amman
    Diari di viaggio
    giordania on the road

    Giordania on the road

    L'incanto della terra rossa. Viaggio on the road alla scoperta della GiordaniaDiario di viaggio 1° settembre - Arrivo ad...

    Diari di viaggio
    giordania on the road 6

    Giordania on the road 6

    È il deserto, una distesa di nulla più assoluto, quello che vediamo mentre l’aereo si abbassa per atterrare all’aeroporto di Amman,...

    Diari di viaggio
    giordania in febbraio

    Giordania in Febbraio

    A settembre 2019, in accordo con una coppia di amici, abbiamo deciso di organizzare una decina di giorni da trascorrere non lontano...

    Diari di viaggio
    vacanze di natale in giordania

    Vacanze di Natale in Giordania

    La Giordania è un’ottima meta per le vacanze invernali perché, nonostante le non troppe ore di luce, permette di visitarla quasi...

    Diari di viaggio
    giordania classica di o quasi

    Giordania classica di o quasi

    Domenica 15 settembre 2019 – In viaggio Ci aspetta una lunga giornata: anche se le ore volo in sè non sono tante, le coincidenze non...

    Diari di viaggio
    giordania 2019

    Giordania 2019

    30/8/2019 - venerdì Ore 12 prendiamo l'autostrada per l'aeroporto, oggi è molto affollata e impieghiamo più di un ora per raggiungere...

    Diari di viaggio
    giordania zaino in spalla

    Giordania zaino in spalla

    La mia filosofia di viaggiatore mi porta a stare a contatto con la gente del posto, mangiare dove mangiano i "locali" e prendere mezzi di...

    Diari di viaggio
    nel paese delle meraviglie

    Nel Paese delle Meraviglie

    Dopo varie vacanze in giro per l'Italia io e la mia ragazza decidiamo di realizzare uno dei viaggi che sogniamo di fare da tempo: vedere...

    Diari di viaggio
    medio oriente fai da te: i contrasti di israele e le bellezze della giordania

    Medio Oriente fai da te: i contrasti di Israele e le bellezze della Giordania

    Introduzione Questo racconto sarà così organizzato: all'inizio raccoglierò una serie di consigli utili per coloro che vogliono...

    Diari di viaggio
    giordania in pillole

    Giordania in pillole

    Ed anche quest'anno è arrivato il mio compleanno...e anche quest'anno posso scegliere un viaggio... e allora Giordania sia! ma se il tuo...