Giappone, tutto è perfezione

Un paese dove i servizi funzionano alla perfezione; un paese di divieti, della cultura del cibo e delle tradizioni a esso legate, ma dove la tecnologia è sorprendente, così come la distanza tra le persone, di una gentilezza, onestà, cortesia e rispetto nei confronti del prossimo disarmanti! Un paese sicuro, pulito, dai paesaggi da cartoline di...
Scritto da: luna-lecci
giappone, tutto è perfezione
Partenza il: 31/08/2016
Ritorno il: 13/09/2016
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Titolo: Giappone tutto è perfezione!

Data di partenza: 31/08/2016

Data di rientro: 13/09/2016

Range di spesa sostenuto: € 1.600 a persona

Numero di viaggiatori: 2

Temi del viaggio: Cultura, On the road, Terme, Enogastronomia

Destinazioni: Giappone, Tokyo, Kamakura, Kyoto, Nara, Hiroshima, Miyajima, Kanazawa, Takayama, Nikko, Narita, Sol Levante

Descrizione in breve: Un paese dove i servizi funzionano alla perfezione; un paese di divieti, della cultura del cibo e delle tradizioni a esso legate, ma dove la tecnologia è sorprendente, così come la distanza tra le persone, di una gentilezza, onestà, cortesia e rispetto nei confronti del prossimo disarmanti! Un paese sicuro, pulito, dai paesaggi da cartoline di un tempo e futuristici! Un paese dalle tante curiosità e stranezze! Il Sol Levante: tutto da vedere e scoprire!

Volo prenotato on-line dall’Italia su www.aifrance.it

€ 550 a persona per i voli internazionali A/R Roma–Tokyo con la compagnia Alitalia + Air France (scalo a Parigi)

Trasporti

€ 243 a persona per il Japan Rail Pass (Yen 29.119)

€ 32 a persona per bus Narita Tokyo

€ 50 a persona per Metro e bus a Tokyo

€ 15 a persona per Metro e bus a Kyoto

€ 22 a persona da Nikko a Narita

Hotel prenotati su www.booking.com

360 a stanza per 4 notti a Tokyo (Machida) presso il Best Western Rembrandt

€ 262 a stanza per 3 notti a Kyoto presso l’Hearton Hotel

€ 60 a stanza per 1 notte a Hiroshima presso il Reino Inn Hiroshima Peace Park

€ 142 a stanza per 2 notti a Kanazawa presso il Central Hotel Annex 3*

€ 70 a stanza per 1 notte a Nikko presso il Fukko Oyado Kaze 3*

€ 48 a stanza per 1 notte a Narita presso il Narita U-City Hotel 3*

Escursioni

€ 60 a persona sostenute in loco per le entrate ai siti, templi, palazzi, giardini

€ 270 a persona per colazioni, pranzi, spuntini, cene e bevande

€ 130 totali per un po’ di souvenir

PRIMA DELLA PARTENZA

Studio la mappa del Paese, individuo le città che ritengo importanti visitare in una dozzina di giorni e pianifico il viaggio.

Il primo acquisto è il volo; il costo di quelli di linea cresce con l’avvicinarsi della partenza. Ricerco on line su skyscanner e googleflight e scelgo Alitalia-Air France per il Roma-Parigi-Tokyo e ritorno.

Per girare il paese in autonomia, velocemente, senza spendere una fortuna, investimento indispensabile è il Japan Rail Pass al costo di 29.119 ¥ (243 € a persona) per sette giorni, in seconda classe, da acquistare non prima di 3 mesi dalla partenza. Potrei comprarlo on line e mi sarebbe recapitato a casa, ma preferisco recarmi in un’agenzia autorizzata a Roma: l’HIS (http://www.giappone.hisitaly.com/ a Via Barberini 86) dove applicano il cambio più favorevole. Il voucher dovrò cambiarlo in Giappone, al primo utilizzo di una delle reti ferroviarie nipponiche Shinkansen ossia ad alta velocità (non linee Nozomi e Mizuho). Sarà molto più economico rispetto ai biglietti singoli e varrà anche per il traghetto per Miyajima.

Sul sito www.hyperdia.com simulo gli spostamenti col treno, da città a città, nei giorni in cui prevedo di farli. Stampo gli orari delle partenze dei vari treni e i loro tragitti in modo da avere chiare le distanze e i tempi di percorrenza, ma il tutto lo prenoterò in una delle agenzie a Tokyo quando attiverò il JRPass.

Sul sito www.booking.com prenoto tutti i pernottamenti in hotel scegliendoli secondo le recensioni, i prezzi e soprattutto la comodità e vicinanza alle stazioni.

Non consiglio il pocket wi-fi, ovvero il modem portatile (per 7 giorni € 35) poiché negli alberghi il collegamento è sempre gratuito, durante il giorno in cui si gira il Paese in Italia è notte e in qualsiasi stazione si arrivi, presso i tourist information, gentilissimo personale in comprensibile lingua inglese dà indicazioni precise sui siti principali da vedere e come arrivarci.

La valuta giapponese è lo Yen e mentre effettuo il cambio nella mia banca (€ 1 = 114,5 Yen) mi comunicano che con le carte potremmo avere difficoltà a effettuare i prelevamenti per cui porterò più cash del previsto e non me ne pentirò affatto. Il Paese è sicuro, i pagamenti in contanti sono molto apprezzati e utilizzerò la carta di credito solo per saldare alcuni alberghi.

Sarà utile scaricarsi alcune informazioni con foto per identificare i cibi!

Valigia con indumenti comodi ed estivi, una felpa per le zone di montagna o per l’aria condizionata (onnipresente nei luoghi chiusi) e un k-way (può capitare nel tardo pomeriggio un acquazzone repentino, ma in hotel sono sempre disponibili ombrelli).

IL VIAGGIO NEI MINIMI PARTICOLARI

0 giorno: mercoledì 31 agosto 2016: ROMA-TOKYO (con scalo a Parigi)

Partenza da Fiumicino alle 9,15 con volo Alitalia (posti 24A). Due 2 ore e 15 minuti, una bibita con una merendina e siamo a Parigi CDG. Scalo di un paio d’ore e ridecolliamo per Tokyo (NRT) con Air France (posti 47F). Aereo piuttosto comodo, pienissimo, ognuno con un monitor per vari intrattenimenti. Durante le 11 ore e mezza di tragitto servono un aperitivo (snack alle arachidi e bicchiere di champagne), il pranzo (insalatina vegetale, formaggio Camembert, mela, dolcino alla crema per tutti e a scelta pollo con riso e funghi oppure maiale al curry con riso, piselli, carote e patate) e la merenda (gelatino Magnum). Il personale è gentile; volendo, lontano dai pasti, si può chiedere una bibita o uno snack (barretta ai cereali, cioccolatino Mars o salatini).

1° giorno: giovedì 1° settembre 2016: Aeroporto Narita – Tokyo (Machida)

Atterriamo alle 8,30, in Italia è l’una e mezza di notte. La differenza di fuso orario è di 7 ore. Siamo un po’ frastornati, ma già gasatissimi per l’inizio della sognata vacanzina.

Per soggiorni fino a 90 giorni non è necessario alcun visto.

Non commutiamo il voucher per l’attivazione dello Japan Rail Pass perché inizieremo a utilizzarlo fra qualche giorno, ma eventualmente presso l’aeroporto c’è un ufficio apposito.

Guarda la gallery
miyajima-933w6

Hallo Luna!



    Commenti

    Lascia un commento

    Giappone: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari