Germania di Est: la grande bellezza

La bellezza immensa e misteriosa della ex Germania Est. Obiettivo puntato tanto sui luoghi quanto sulle persone incontrate e sulla storia di un popolo. Il nostro viaggio tra avventure, emozioni e tante risate
Scritto da: sermed
germania di est: la grande bellezza
Partenza il: 16/06/2018
Ritorno il: 23/06/2018
Viaggiatori: 8
Spesa: 500 €

Per impegni vari e poca disponibilità economica, gli ultimi due viaggi in Provenza e in Bulgaria sono stati di soli quattro i giorni. Quest’anno, invece, partiamo per una settimana intera e per una fortunata coincidenza riusciamo anche a trovare ottime tariffe per Berlino, con partenza e ritorno di sabato! (chi va appresso alle low cost sa bene che per contenere la spesa, magari si deve partire alle 10 di sera di mercoledì e tornare alle 5 di mattina di martedi!).

Questa volta partiamo in quattro: Sergio & Letizia con Morena e Giorgia (di 12 e 9 anni); lunedi ci raggiungeranno Giuseppe & Sonia con Lara ed Emma (coetanee ed amiche delle nostre).

1° giorno – sabato 16 giugno: Catania – Berlino Schonefeld – Hotel (km 23)

Partiamo in orario da Catania e arriviamo a Berlino Schonefeld alle 20.35. Prima di scendere dall’aereo raccomando alle bimbe di mettere le giacchette perché siamo a nord della Germania e sicuramente ci sarà un po’ di freschetto! Freschetto? Avete presente quando Totò e Peppino si imbacuccano per andare a Milano? Noi non avevamo il colbacco ma il nostro abbigliamento non era sicuramente adeguato ai 27° di Berlino! Abbiamo già cenato sull’aereo con dei panini ed andiamo al distributore del terminal per prendere solo un paio di bottigliette d’acqua, tanto in tasca ho degli spicci… ma quali spicci, la carta di credito ci vuole: 3€ ogni bottiglietta! Penso sia un furto ma si sa in aeroporto costa tutto di più.

Ritiriamo quindi la nostra auto all’Enterprise (Ford Transit 9 posti a €476 per una settimana), e ci avviamo verso il nostro hotel (A&O Kolumbus quadrupla €60). Prendiamo un paio di bottigliette per la notte? Magari in hotel costano meno… 3€ ognuna! Alla reception ci danno le lenzuola: mah! Forse sono in più per ogni evenienza. Invece no, i letti singoli non sono pronti e ce li dobbiamo fare da soli (siamo appena arrivati a Berlino e già mi sta sulle scatole!). Inoltre sotto al materasso del letto a castello c’è un calzino dimenticato chissà da chi! Poveri noi.

2° giorno – domenica 17 giugno: Berlino – Potsdam – Berlino (km 91)

La giornata di oggi è dedicata alla visita di Potsdam quindi dopo aver caricato i bagagli, partiamo per il ponte Glienicker Brücke che segna trionfalmente l’inizio della città patrimonio dell’Unesco. Andiamo subito a visitare l’Alten Markt con la chiesa evangelica di San Nicola e il municipio vecchio. Poi al parco di Sanssouci con le magnifiche residenze estive di Federico Guglielmo: mica scemo il tizio, si trattava proprio bene! Per pranzo abbiamo dei panini preparati in hotel, compriamo quindi qualche bottiglietta in uno dei chioschi del parco: indovinate il loro prezzo. Complice anche la chiusura domenicale di tutti i supermercati, a conti fatti abbiamo speso più di 30€ di acqua in poco più di un giorno!!! Qualcosa recupereremo in seguito perché nel costo delle bevande in bottiglie di plastica (acqua compresa) c’è una cauzione di 25cent che viene restituita quando riporti il vuoto al supermercato!

Ci sono altri edifici storici da vedere a Potsdam, ma siamo stanchi, così prima di tornare a Berlino andiamo a vedere solo la Nauener Tor: che dire, se fosse originale magari non sarebbe malaccio, ma così ricostruita dà l’impressione che sia fatta con i mattoncini della Lego!

Arrivati a Berlino è presto per cenare, quindi ci rechiamo al castello di Charlottenburg: scendo solo io però perché le bimbe si sono nel frattempo addormentate. Buona la cena a L’Osteria in Breitscheidplatz: i prezzi delle portate sono in linea con i nostri; quello che anche qui non è in linea è il prezzo dell’acqua: ma si può pagare 5,80€ una bottiglia d’acqua da 0,75l? si, si può! Finalmente domani è lunedì e prima di fare qualsiasi cosa cercheremo un Lidl aperto per fare scorta di acqua!

La domenica tutti gli hotel di Berlino fanno un ottimo sconto sul prezzo normale e quindi una quadrupla all’elegante Hotel Lindemann’s ci viene 59€ invece di 120!! Ahimè, lo sconto non si estende alla colazione che invece paghiamo per intero: 44€.

3° giorno – lunedì 18 giugno: Berlino – Tegel – Sachsenhausen – Lubecca (km 302)

Le bimbe vogliono vedere lo zoo (family ticket 41€). Carino ma mi aspettavo di meglio: in primis l’intero padiglione dei felini è in ristrutturazione e quindi niente tigri, leoni o pantere, non c’è nemmeno un gatto per sbaglio! L’acqua dei vari laghetti è quasi sempre sporca fino a diventare stagnante in alcuni casi, ed alcuni recinti sono vuoti. Di positivo, invece, il padiglione dei pinguini artici con tanta neve; si può anche entrare in un recinto dove scorrazzano liberi diversi animali da cortile come caprette nane, conigli e pony (si possono accarezzare e nutrire con semi e mangimi di un apposito distributore); e soprattutto il fiore all’occhiello dello zoo: il bellissimo Panda Garden (molto richiesto da Morena) in stile pagoda cinese rosso acceso.

Sonia, Giuseppe, Emma e Lara arrivano oggi alle 16,35 all’aeroporto di Tegel (8km da Berlino) e noi ci prepariamo ad accoglierli come dei Vip: beh… quasi… in un foglio A4 riciclato scarabocchiamo in fretta “Willkommen Sonia und Familie”. Bellissimo l’effetto sorpresa con incontenibili risate fino alle lacrime! Chissà cosa avranno pensato le persone intorno a noi!

Finalmente ricomposti e rifocillati, andiamo a prelevare il van, ma abbiamo sforato di poca l’ora di sosta e ci tocca pagare ben 10€ per due ore!

Arriviamo dopo una mezz’oretta di autostrada al paesello di Oranienburg per visitare il piccolo ma interessante campo di concentramento di Sachsenhausen. Apro una parentesi: le tanto decantate autostrade tedesche efficienti e senza limiti di velocità qui non ci sono; anzi la trafficatissima Berlino-Amburgo è tutta un susseguirsi di cantieri e restringimenti che al confronto fare la Salerno-Reggio risulta una passeggiata. Poi via di corsa verso Lubecca dove ceniamo in un McDonald’s nei dintorni dell’Ibis Budget (una tripla+metà di un’altra camera doppia 85€ e colazione 26€). Piove a sprazzi e rinunciamo quindi alla visita serale del centro. Peccato, ci rifaremo domani.

Guarda la gallery
zoo-di-berlino-zoo-3k61j

Germania (Est): la grande bellezza

zoo-di-berlino-zoo-zcrms

Germania (Est): la grande bellezza



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi anche

    Video Itinerari