Georgia, l’Europa oltre l’Europa

Toccata e fuga in una poco conosciuta (ancora per poco) ex Repubblica sovietica
 
Partenza il: 28/04/2017
Ritorno il: 01/05/2017
Viaggiatori: 1
Spesa: 500 €

Complice un volo in super offerta, toccata e fuga nella ex Repubblica sovietica della Georgia, nuova meta del turismo low-cost, grazie ai nuovi voli sulla città di Kutaisi, nella regione dell’Imerezia.

Antefatto: ai primi di gennaio, scandagliando le offerte delle varie compagnie low-cost, mi sono imbattuto in una offerta con destinazione Kutaisi. Ammettendo la mia ignoranza, neppure conoscevo l’esistenza di questa città, che poi ho scoperto essere nella Georgia dell’ovest. Per combinazione, qualche giorno dopo, in una libreria in fase di chiusura, ho trovato in vendita a 5 euro la guida Lonely Planet Georgia, Armenia e Azerbajan, penultima edizione (2015), che, come al solito si è rivelata sostanzialmente inutile, visto i veloci cambiamenti che stanno avvenendo in Georgia in questi ultimi anni.

Come arrivare: la capitale Tblisi è ovviamente servita dalle principali compagnie aeree internazionali, che, visti i costi, non ho nemmeno preso in considerazione. Da poco, la compagnia ungherese Wizzair ha aperto un volo Milano Mpx-Kutaisi: il volo, comprato i primi di gennaio per il ponte del 1° maggio è stato pagato 74 euro a/r con mini bagaglio a mano. Decisamente un buon prezzo per un volo di 4 ore.

Dove stare: avendo a disposizione solo 2 giorni e mezzo, ho deciso di fare base a Kutaisi e poi muovermi con taxi e mezzi pubblici nei dintorni della città. Essendo da solo ho scelto una guest house trovata sulla guida (l’unica cosa a cui è servita): Giorgi Homestay ([email protected]) gestita appunto da Giorgi, un georgiano molto cordiale e ospitale che affitta le camere della sua grande casa sulle colline di Kutaisi, nei pressi della cattedrale di Bagrati. Camera pulita con bagno condiviso, anch’esso pulito, con possibilità di colazione. Giorgi parla inglese, cosa non scontata perché l’inglese è decisamente poco conosciuto. Gli stessi giovani georgiani parlano poco l’inglese; le persone più su di età parlano, oltre il georgiano ovviamente, il russo. Il costo della camera è di 30 GEL (Lari, 1 euro=2,65 GEL), quindi circa 11 euro a notte, ma volendo si trova anche a molto meno. Ultimamente stanno nascendo parecchie guest house, ma mi sento di consigliare Giorgi Homestay per l’ospitalità del proprietario e per le informazioni turistiche che fornisce, anche se costa qualcosa in più rispetto alle altre.

Come muoversi: dall’areoporto, in coincidenza dei voli, ci sono dei pulmini collettivi gestiti dalla Georgiantour che offre passaggi a pochi GEL per il centro (5 GEL), per Tblisi e per altre destinazioni sempre a prezzi molto convenienti. Il mezzo più usato ed economico per muoversi sono le marshrutka, i pulmini collettivi che collegano tutte le città e i paesi della Georgia a prezzi irrisori: con 6 GEL si possono fare tragitti anche di 60/70 Km.

In alternativa ci sono molti taxi, anche questi a prezzi molto bassi rispetto all’Italia: la tratta aeroporto-centro costa ad esempio 15 GEL. Una corsa nei limiti della città circa 5 GEL. Definire sempre il prezzo prima di partire. Pochissimi tassisti parlano inglese, al massimo arrivano a conoscere i numeri, quindi i viaggi si svolgono tra tentativi inutili di comunicazione.

Come mangiare: purtroppo è stata solo una toccata e fuga quindi non ho potuto assaggiare tutte le specialità locali, comunque la cucina non mi è sembrata male, anche se la varietà dei piatti non è numerosa. Tra i piatti tipici vale la pena sicuramente ricordare i Kinkali, dei ravioloni ripieni o di carne speziata con coriandolo o di formaggio o funghi, cotti al vapore. La razione tipo è 5 Kinkali da mangiarsi con le mani risucchiando il liquido che si trova all’interno del raviolo. Ci sono inoltre parecchie torte salate (al formaggio, con carne, con le patate). Altra specialità è il khachapuri: è un pane/pizza che varia a seconda delle regioni dove viene cucinato; comunque il più famoso è quello ripieno di formaggio fuso con al centro un uovo. Menzione speciale per i vini, di cui la Georgia è uno storico produttore, ma, non essendone un esperto, non so valutarne la reale qualità.

Cosa vedere: ovviamente, visto il poco tempo a disposizione mi sono concentrato sui Kutaisi e i suoi dintorni, facendo un giro molto serrato per vedere il più possibile.

28/04

Partenza da Milano in ritardo di un’ora con arrivo a Kutaisi a mezzanotte, pulmino che mi ha lasciato a notte fonda davanti la casa di Giorgi. Sono entrato furtivamente nel giardino e ho svegliato un vecchio che dormiva la piano terra che a sua volta ha svegliato Giorgi. A letto finalmente alle 2 di notte, dopo essere riuscito parlare finalmente con Silvia con WhatsApp visto che la linea del telefono non è mai funzionata.

29/04

Alle 8.00 colazione con cetrioli, riso dolce con uvetta, frittata con formaggio stagionato in compagnia di una coppia di francesi e di un canadese/inglese. Condividendo il taxi con i francesi mi sono fatto accompagnare al monastero più bello della Georgia in fatto di affreschi, il monastero di Gelati (patrimonio Unesco) a circa 10 Km dal centro. Molto bello l’interno della chiesa principale, in fase di restauro l’esterno. Camminata di circa 3 Km verso il monastero di Motsameta, in bella posizione, ma non paragonabile al precedente. Lungo il percorso incontro ravvicinato con 2 belle vipere colorate.

Da Motsameta mi sono accordato con un tassista per farmi scarrozzare in giro per tutto il resto del giorno per 120 GEL. Laboriosa comunicazione tramite cellulare con una sua conoscente che parlava inglese: dopo 20 passaggi di cellulare per le varie traduzioni, gli ho spiegato che volevo andare a ovest di Kutaisi per vedere il Martvili Canyon, l’Okatse Canyon e le cascate di Kinchkha (80 Km circa di tour).

Le strutture turistiche per visitare i canyon sono di recentissima costruzione (2015/2016). Il Martvili è un canyon piccolo ma molto affascinate per la lussureggiante vegetazione e la possibilità di fare un breve giro in canoa lungo le sue acque (15 GEL l’entrata + il giro in canoa). Si è immersi un magnifico paesaggio montano con, in questa stagione, tutto sulle tonalità del verde per via delle foglie degli alberi appena rinverditi, il muschio che ricopre i tronchi e i riflessi sull’acqua; secondo me molto bello.

Guarda la gallery
kutaisi-cr6t8

Georgia, l'Europa oltre l'Europa



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Georgia
    Diari di viaggio
    l'antica kutaisi, in georgia

    L’antica Kutaisi, in Georgia

    Kutaisi non è una bellezza secondo i classici canoni del turismo. Niente natura rigogliosa o grattacieli vertiginosi, nessuna estrema...

    Diari di viaggio
    georgia, la porta d'europa

    Georgia, la porta d’Europa

    Siamo appena tornati dal nostro desideratissimo viaggio in Georgia, terra di incredibile bellezza incastrata fra Russia, Turchia, Armenia e...

    Diari di viaggio
    stati uniti: georgia - alabama - mississippi - arkansas - texas - oklahoma - louisiana - florida

    Stati Uniti: Georgia – Alabama – Mississippi – Arkansas – Texas – Oklahoma – Louisiana – Florida

    moderno e funzionale), dove restiamo in riposo fino alle ore 17,30 quando decidiamo di muoverci per andare prima a un vicino Valmart per...

    Diari di viaggio
    armenia e georgia on the road

    Armenia e Georgia on the road

    sala da pranzo).A Goris - Takarik (Syunik St 25/1) anche qui buona cucinaGEORGIA - ristoranti (prezzi dai 4 € ai 9 €...

    Diari di viaggio
    armenia e georgia in pratica

    Armenia e Georgia in pratica

    Alcune indicazioni generali prima di passare al racconto delle singole giornate.1. Capitolo Sicurezza. Armenia e Georgia ci sono...

    Diari di viaggio
    georgia, l'ombelico del mondo

    Georgia, l’ombelico del mondo

    Dieci giorni in Georgia a settembre. Cerchiamo, e troviamo, grandi emozioni nelle alte montagne del Caucaso che superano i 5000, cerchiamo...

    Diari di viaggio
    georgia, l'europa oltre l'europa
    pil

    Georgia, l’Europa oltre l’Europa

    Complice un volo in super offerta, toccata e fuga nella ex Repubblica sovietica della Georgia, nuova meta del turismo low-cost, grazie ai...

    Diari di viaggio
    georgia e armenia in minibus

    Georgia e Armenia in minibus

    Facile viaggio autogestito tra Georgia e Armenia con un pulmino e autista. Belli sia i paesaggi che i monasteri visitati. Molto moderne le...

    Diari di viaggio
    states attraverso gli stati del sud

    States attraverso gli stati del Sud

    E' stato un colpo di fulmine. Ho iniziato a leggere un diario di viaggio in questi luoghi e prima della parola fine avevo già deciso. A...

    Diari di viaggio
    tblisi e non solo

    Tblisi e non solo

    Ultime luci della sera... sembra quasi il prologo di qualche racconto ma rispecchia l’orario di partenza del nostro volo FCO-TBS...

    Video Itinerari