FLORIDA, aprile 2009

FLORIDA, aprile 2009 di Alessandro e Sabrina Diciamolo subito: la Florida non è il west. Non ci sono paesaggi da sogno ad ogni curva, non ci sono le Montagne Rocciose, non ci sono i grandi spettacolari parchi dell’Arizona o dello Utah, non ci sono i cowboys e non ci sono neanche le strade lunghe e diritte da percorrere per centinaia di...
 
Partenza il: 28/03/2009
Ritorno il: 11/04/2009
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

FLORIDA, aprile 2009 di Alessandro e Sabrina Diciamolo subito: la Florida non è il west. Non ci sono paesaggi da sogno ad ogni curva, non ci sono le Montagne Rocciose, non ci sono i grandi spettacolari parchi dell’Arizona o dello Utah, non ci sono i cowboys e non ci sono neanche le strade lunghe e diritte da percorrere per centinaia di chilometri senza incontrare anima viva. La Florida è un’America diversa, e in modo diverso bellissima.

Per noi Florida significava Miami Beach e i parchi tematici di Orlando, il mare delle Keys e le paludi delle Everglades, ma alla fine possiamo dire che un viaggio in Florida è molto di più: è il viaggio attraverso uno stato di cui scopriamo solo una parte, ma che presenta aspetti tanto diversi quanto vari ed interessanti, che offre la possibilità di scoprire realtà uniche al di fuori del comune pensare turistico. Il tour che abbiamo organizzato, grazie come sempre all’insostituibile e fondamentale contributo di forumviaggiatori.Com ed ai diari di turistipercaso.It, prevede un lungo loop che attraversa tutta la metà meridionale dello stato, da Miami ad Orlando, passando per la costa ovest e le Everglades, fino alla punta meridionale di Key West, per un totale, a conti fatti, di 1500 miglia e circa 2950 euro, in due, tutto compreso (di cui solo 90$ di benzina). Per gli alberghi ci siamo quasi sempre affidati alle grandi catene come Super8 e Howard Johnson, tutti prenotati in anticipo dall’Italia, mentre per la creazione dell’itinerario abbiamo usato l’insostituibile Microsoft Streets and Trips. Ma non perdiamoci troppo in spiegazioni e partiamo col diario vero e proprio. sabato 28 marzo, CESENA – MIAMI Non cominciamo per niente bene. Appena entrati in aeroporto la prima riga dei monitor segnala un volo con un ritardo di tre ore: è il nostro American Airlines (acquistato prima di Natale su orbitz.Com per 730 dollari a testa, andata malpensa-new york-miami – ritorno miami-londra-malpensa). Pare che l’aereo sia partito in ritardo da New York a causa del maltempo, ma la cosa più divertente è che il volo Alitalia previsto alla stessa ora parte in perfetto orario. In realtà non siamo molto preoccupati perché a New York avremmo comunque avuto una sosta di cinque ore che, ci assicurano al check-in, sono più che sufficienti per coprire il ritardo e le operazioni di sbarco/imbarco. Una nota su American Airlines: non avendo acquistato il biglietto direttamente dal sito della compagnia, non ci è stato possibile fare il check-in online, cosa che ha di fatto annullato la comodità, almeno in partenza, di avere il solo bagaglio a mano. Non avere bagagli stivati risulta tuttavia comodissimo a New York, dove in ogni caso occorre recuperare e poi reimbarcare le proprie cose. Arriviamo quindi a Miami alle 22:25, in perfetto orario e pronti per ritirare l’auto da Dollar (prenotata su enoleggio.Com a 288€ con assicurazioni e pieno di benzina). Attenzione, perché gli uffici dei principali rental car non sono all’interno dell’aeroporto, ma in una zona completamente esterna, quindi bisogna uscire dal gate e posizionarsi su una delle banchine con i nomi dei noleggiatori: entro pochi minuti passerà un mezzo della compagnia scelta per accompagnarvi al deposito auto. Tra una cosa e l’altra usciamo dal parcheggio Dollar con la nostra Chrisler Sebring quasi a mezzanotte. Fortunatamente il nostro motel è vicinissimo, anche se il primo impatto con le strade di Miami è un po’ duro ed impieghiamo un po’ più del previsto per trovare la via giusta.

Il Fantasy Inn alla fine si rivela un motel di basso livello, al limite della decenza, più adatto ad una clientela a ore che ai turisti, ma il prezzo ridotto e l’estrema vicinanza all’aeroporto lo rendono comunque una scelta possibile, almeno come appoggio per la prima notte. NOTTE: Fantasy Inn Motel, 845 E Okeechobee Rd, Miami, tel. (1).305.885.8106, www.Fantasyinnmotel.Com, mail: [email protected] – 50$ doppia senza colazione tasse incluse (BT).

domenica 29 marzo, MIAMI – TITUSVILLE Nonostante il lungo viaggio il fuso ci fa svegliare presto e siamo subito pronti a cominciare il tour. L’obiettivo della giornata è arrivare a Titusville, in zona Kennedy Space Center, nel tardo pomeriggio, quindi abbiamo un po’ di tempo per fare un giro a Miami Beach e prendere contatto con la nuova realtà. Realtà che si rivela subito insidiosa, perché le strade si incrociano e intersecano su più livelli, cambiano nome e direzione così frequentemente che sentirsi disorientati è il minimo che può capitare. Sbagliamo raccordo un paio di volte, paghiamo un paio di pedaggi che avremmo potuto evitare, ma alla fine riusciamo a trovare una rassicurante M gialla per fare colazione, un market per fare un po’ di spesa e anche Ocean Drive, il lungomare di Miami Beach. Sulla via trafficatissima si affacciano hotel, ristoranti e locali di ogni tipo, tutti con quello stile un po’ retrò che ha sempre un certo fascino e caratterizza l’Art Decò District. Siamo fortunati a trovare un parcheggio e un po’ meno a farci venire l’idea di sederci ad un tavolino per uno spuntino: da bravi turisti ci facciamo subito spennare, ma pazienza, in fondo è il primo giorno. I palazzoni sulla spiaggia, le torrette dei baywatchers, i ragazzi in skateboard…È un piacere fare una passeggiata sotto il nostro primo sole della Florida. Siamo travolti da una disorientata felicità come bambini in un negozio di giocattoli; facciamo anche un giretto in spiaggia, ma un acquazzone tipicamente tropicale ci riporta alla realtà di un clima caraibico: dieci minuti di pioggia e poi di nuovo un sole caldo e splendente che ci accompagna fino a nord, sulla US-95 verso la Space Coast.

Va detto che qui le strade, la interstate in particolare, sono sempre gonfie di veicoli e la pianura circostante non è certo spettacolare. Arriviamo a Titusville dopo circa tre ore e ci presentiamo al motel dove i gestori indiani (dell’India, non nativi americani) non sanno chi siamo e non trovano la nostra prenotazione. Breve scambio di documenti, ricevute e mail, nessun problema dicono…We have rooms, basta passare la carta e siamo a posto. Mica tanto diciamo noi, perchè non abbiamo alcuna intenzione di pagare due volte una stanza già pagata e prenotata. Alla fine si risolve tutto, la colpa la prende la “internet people” e riusciamo a prendere la camera prima di avere la tentazione di lasciarci andare a feroci atti vandalici. Il motel non è niente di speciale, ma ancora una volta la posizione strategica a breve distanza da Cape Canaveral lo classifica tra le soluzioni accettabili. PASTI: colazione McDonald’s – 11$ in due; pranzo Cardozo, Ocean Drive Miami – 46$ in due; cena al sacco – 7$ in due.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Florida
    Diari di viaggio
    babbo natale regala voli per miami

    Babbo Natale regala voli per Miami

    Era dicembre quando mio fratello si avvicina e a bassa voce mi dice: “Che ne pensi se a maggio andiamo tutti a Miami? Però dobbiamo...

    Diari di viaggio
    florida 2019... e il sogno americano continua

    Florida 2019… e il sogno americano continua

    Regalo di prima comunione per i miei bambini? Quale se non un viaggio spettacolare? E dove si trovano i parchi più belli da visitare ?...

    Diari di viaggio
    stati uniti: georgia - alabama - mississippi - arkansas - texas - oklahoma - louisiana - florida

    Stati Uniti: Georgia – Alabama – Mississippi – Arkansas – Texas – Oklahoma – Louisiana – Florida

    moderno e funzionale), dove restiamo in riposo fino alle ore 17,30 quando decidiamo di muoverci per andare prima a un vicino Valmart per...

    Diari di viaggio
    crociera ai caraibi... l'inverno in infradito!

    Crociera ai Caraibi… l’inverno in infradito!

    L’idea di togliere scarpe, cappotti e sciarpe e anche per una sola settimana durante i mesi più freddi infilare un semplice paio di...

    Diari di viaggio
    musica e sole... a stelle e strisce

    Musica e sole… a stelle e strisce

    19/08 Finalmente ci siamo: le nostre tanto desiderate ferie sono arrivate! Quest’anno optiamo per un viaggio itinerante: da New...

    Diari di viaggio
    la nostra florida on the road

    La nostra Florida on the road

    Abbiamo scelto di partire tra ottobre e novembre dopo esserci confrontati con altri viaggiatori che ci hanno preceduto i quali hanno...

    Diari di viaggio
    in florida con bambini: 12 di buoni consigli

    In Florida con bambini: 12 di buoni consigli

    marini e foche. Il Seaquarium è molto grande (circa 40 ettari), ha quindi al proprio interno numerose strutture: il Penguin Isle (sede di...

    Diari di viaggio
    fuga d'inverno in florida

    Fuga d’inverno in Florida

    Una settimana in giro nel Sunshine State 297 Passare una settimana al caldo d’inverno, soprattutto quando si è abituati all’umidità e...

    Diari di viaggio
    florida... sunshine state 2

    Florida… sunshine state 2

    Da sempre mi ha affascinato l’idea di trovarmi al caldo quando da noi le giornate sono grigie, umide e nelle case accendiamo il...

    Diari di viaggio
    states attraverso gli stati del sud

    States attraverso gli stati del Sud

    E' stato un colpo di fulmine. Ho iniziato a leggere un diario di viaggio in questi luoghi e prima della parola fine avevo già deciso. A...