Fine settimana straordinario Napoli-Pompei

Napoli forever....
 
Partenza il: 10/09/2021
Ritorno il: 12/09/2021
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Qui ci accoglie Vincenzo, il proprietario del B&B che ci da informazioni utilissime sia per la cena sia per la visita a Pompei del giorno successivo, sia per l’artigianato.

Per cena seguiamo il consiglio di Vincenzo e andiamo da Nennella. Il locale è descritto come tradizionale con i camerieri “caciaroni” e con rapporto qualità/prezzo ottima. Ci troviamo di fronte ad una situazione surreale. Il locale era già pieno alle 19.15 forse perché era venerdì, quindi noi e altre 15 persone ci dirottano nel “garage” sistemato di fronte al locale munito di aria condizionata fortissima. Mangiamo molto bene (primo, secondo e contorno) e acqua a 20 euro. All’uscita però per evitare gli assembramenti “scappiamo” in una via laterale in modo da evitare contagi. Decidiamo di prendere i caffè in un bar/pasticceria sulla strada del ritorno. Entriamo in questo posto molto bello con un bel bancone dove sono esposti un sacco di dolci (babà di tutte le misure e pastiere, cornetti…). Siamo in piedi e prendiamo 2 mini-babà al banco dei dolci e ci dirigiamo verso il banco del caffè. A quel punto col piatto dei dolci in mano facciamo un salto all’indietro vedendo un bel “scarrafone” che attraversava il locale e si infilava sotto il bancone. Siamo rimaste un po’ interdette e un po’ schifate ma abbiamo deciso sia di mangiare i babà che alla fine non erano male sia di bere i caffè e ci siamo allontanate dal locale velocemente. Ci siamo dirette verso la fermata della metro TOLEDO per ammirare la più bella fermata metropolitana dell’Europa. Effettivamente merita: è proprio bella!

2 giorno – Pompei

Ci svegliamo alle 7.15 per fare colazione e dirigerci in stazione per prendere la circumvesuviana per raggiungere Pompei. Per chi è lombardo, questa linea è come trenord più o meno, e in 40 minuti da Napoli piazza Garibaldi, si raggiunge Pompei Scavi – Villa dei Misteri. Facciamo il biglietto in stazione di andata e ritorno e alle 8.22 siamo sul treno. Peccato che non abbiamo visto bene e siamo scesi alla fermata precedente quella a cui dovevamo scendere, quindi abbiamo dovuto aspettare una buona mezzoretta prima che passasse il treno successivo. Avendo acquistato il biglietto di ingresso a Pompei tramite ticketone, l’ora di ingresso era tra le 10.15-10.30. Scesi alla stazione corretta, ci siamo dirette a piedi verso l’ingresso dell’anfiteatro come indicato sul biglietto. Pompei è una città pulita con molti marciapiedi e semplice da girare. Raggiungiamo l’ingresso e riusciamo ad entrare. Appena entrati veniamo avvicinati da Raffaele, una guida turistica munita di tesserino esposto, che ci offre un tour di 2 ore con 8 persone a 15 euro a persona. Valutiamo e decidiamo di accettare anche perché il sito è talmente vasto che avremmo perso tempo a trovare le case principali da visitare. Questa si rivela una scelta ottima. Raffaele è bravissimo e ci porta a visitare le attrazioni principali raccontandoci tutto quello che sa della tragedia. Alla fine, abbiamo pagato 20 euro a testa perché eravamo in 6 e ci avevano chiesto se andasse bene lo stesso prima di far partire il tour. Decidiamo di visitare il regio V con le nuove scoperte e prima di uscire dal sito, visitiamo anche la Villa dei Misteri. In fondo al percorso ci sono i tornelli per uscire definitivamente dal sito archeologico. Sono le 13.00 e la fame e la stanchezza iniziano a farsi sentire; decidiamo di fermarci nel ristorante / bar a fianco all’uscita villa dei misteri. Ci “pelano” un po’ nel senso che 2 capresi (12 euro cad.) 2 birre medie alla spina (4 euro cad.), 2 dolci di cui una pastiera e una macedonia (6 euro cad.), 2 caffè (2 euro cad.) e il servizio al tavolo (15% di 44 euro) ci sono costati 55 euro, senza scontrino. Pazienza, però il locale era pieno di gatti e la location era molto carina.

Ritorniamo alla stazione e prendiamo il treno in ritardo delle 15.30. Rientriamo nel B&B per riprenderci un po’ dalla stanchezza. Per la sera decidiamo di andare a cenare al “Tandem”. Peccato che quando arriviamo sul posto ci dicono di essere pieni ma ci indirizzano nel secondo locale in piazza buon Gesù e ci trovano posto. Mangiamo molto bene, solo l’area condizionata al massimo ci infastidisce. Questo locale è tipico per il ragù napoletano e la genovese che cucinano in tutti i modi. 2 gnocchi con ragù e provola e ½ litro di vino rosso della casa e 2 sorbetti 43 euro. Le porzioni sono abbondantissime quindi forse conviene dividere le porzioni tra primo e secondo.

3 giorno – Napoli zona porto

Ci svegliamo alle 7.30 (noi siamo veramente mattiniere) e, dopo la colazione prendiamo la metropolitana e ci dirigiamo verso il porto. Facciamo i biglietti in stazione alle macchinette e prendiamo la metro fino alla stazione Municipio. Uscendo dalla metro vediamo sia il mare che il Vesuvio da lontano… insomma uno spettacolo. Ci dirigiamo verso il Maschio Angioino e il palazzo reale che però alla domenica sono chiusi. Facciamo quindi rotta verso galleria Umberto I (è praticamente uguale alla galleria Vittorio Emanuele a Milano) e piazza del Plebiscito. Sabato sera ha giocato il Napoli (vincendo….!!!!) quindi la piazza risultava un po’ sporca…pazienza è comunque molto bella. Ci dirigiamo verso castel dell’Ovo. L’ingresso è gratuito ma andava prenotato… Ci dicono però che è possibile entrare con visita guidata al costo di 10 euro cad. Accettiamo e… abbiamo fatto benissimo. La guida si rivela molto preparata e ci spiega tutto sia dell’origine della costruzione sia l’evoluzione di questo bellissimo castello nel tempo; ci fa inoltre ammirare il panorama praticamente dal mare verso l’interno.

Decidiamo di andare da Saverio per una pizza prima di recarci in aeroporto ma scopriamo che alla domenica è chiuso. Peccato…. Scegliamo quindi da Tripadvisor una pizzeria vicina alla Galleria e ci imbattiamo in questo locale super recensito dove mangiamo una pizza buonissima con mozzarella di bufala e 2 birre con 14 euro in due. Decidiamo di andare a bere il caffè e mangiare un dolcetto al gran caffè Gambrinus. Il caffè è pieno sia al banco che nella sala esterna ed interna. Al tavolo il caffè costa 4.5 euro e i dolci circa 5-7 euro. Il babà gigante però è buonissimo così come la sfogliatella (la riccia). Ci incamminiamo verso Via Toledo che è la via dello shopping. Lateralmente si possono ammirare i quartieri spagnoli; raggiungiamo la fermata della metro, Toledo appunto, e ci dirigiamo alla fermata del nostro B&B dove, gentilmente Vincenzo, ci aveva permesso di depositare i bagagli. Ci incamminiamo verso la stazione coi nostri trolley in piazza Garibaldi per prendere il nostro Alibus direzione aeroporto. Non c’è trafficoe in 15 minuti arriviamo a destinazione. Per fortuna eravamo in anticipo perché in aeroporto con le nuove disposizioni di Green Pass c’era una coda pazzesca.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Napoli
    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    napoli, sorrento e capri

    Napoli, Sorrento e Capri

    In questi tempi di covid il last minute è diventato di rigore, a due settimane dalla partenza passiamo dall’Alsazia, Strasburgo e Parigi...

    Diari di viaggio
    campania intima

    Campania intima

    Giorno 1, Napoli - Fontegreca Caricato anche l’ultimo bagaglio in macchina, finalmente siamo partiti. Un traffico insolitamente...

    Diari di viaggio
    napoli e capri connubio perfetto

    Napoli e Capri connubio perfetto

    Fare una vacanza a Napoli e Capri era da sempre il desiderio di mia sorella e il mio. La sua amica ci invitò alcuni giorni a casa sua e...

    Diari di viaggio
    campania: mille tesori da scoprire

    Campania: mille tesori da scoprire

    Il desiderio di partire nonostante le 1000 restrizioni nel periodo di Natale ‘21, la paura di questa pandemia sta colpendo tutta Italia...

    Diari di viaggio
    prospettive napoletane

    Prospettive napoletane

    Descrivere Napoli per me che ci sono nato e dove ho vissuto quasi metà della mia vita è un pochino complicato, non tanto per l’impegno...

    Diari di viaggio
    4 giorni tra napoli e la costiera a settembre

    4 giorni tra Napoli e la costiera a settembre

    Finalmente è arrivato il tempo delle nostre ferie annuali, anche se abbiamo pochi giorni a disposizione, nella testa ho un solo pensiero,...

    Diari di viaggio
    le murge settembrine

    Le Murge settembrine

    La scelta di restare anche quest'anno in Italia è nata in primavera dopo l'allentamento delle restrizioni per la pandemia, visto che non...

    Diari di viaggio
    fine settimana straordinario napoli-pompei

    Fine settimana straordinario Napoli-Pompei

    Io e mia suocera abbiamo deciso di visitare la città partenopea da venerdì a domenica circa un mesetto fa; mi sono subito messa alla...

    Diari di viaggio
    tra toscana e campania

    Tra Toscana e Campania

    Giorno 1 - domenica 4 luglio 2021 Il trio vacanza composto da due adulti e un ragazzino di 12 anni si mette in marcia: partenza in auto...