Fantastico Senegal fai da te

Un viaggio stupendo, completamente auto-organizzato, in un paese che ci ha riservato davvero mille soprese
 
Partenza il: 20/05/2011
Ritorno il: 29/05/2011
Viaggiatori: 3
Spesa: 2000 €

Il Senegal è da vedere. Perché rappresenta una valida alternativa ai soliti percorsi eccessivamente turistici, ed offre una prospettiva diversa da cui osservare l’Africa. E perché merita maggior attenzione da parte di noi turisti, meglio se responsabili. Personalmente speravo mi desse molto, ma le aspettative sono state superate dalla realtà. Se amate viaggiare, è un paese che prima o poi dovrete assolutamente visitare.

Non avendo trovato molte informazioni per riuscire ad organizzare un viaggio totalmente fai da te, ho cercato di redigere un racconto molto particolareggiato, per aiutare il più possibile coloro che vorranno ripetere la nostra stessa esperienza. Evitando in linea di massima le descrizioni dei luoghi da visitare, dettagli che potrete reperire ovunque. In primis le info di base.

Eravamo in tre, periodo: fine maggio. Giorni: 9, più 2 per il volo. Clima: caldo (ma non eccessivamente) di giorno, fresco la sera.

Tappe: Goree, Dakar, Keur Moussa, Lago Rosa, Lompoul, St. Louis, Thies, Mbour, Joal Fadiouth, Palmarin, Nianing, La Somone.

Guide: Lonely Planet e Routard. Siti consultati:

www.au-senegal.com

www.saintlouisdusenegal.com/

www.casamance-tourisme.sn/ (anche se in Casamance, per una questione di tempo, non ci siamo poi andati)

Il cambio è di: 1€ = 655cfa. Abbiamo cambiato all’aeroporto, senza commissioni. E’ uno dei pochi posti in cui applicano un cambio corretto, e senza commissioni. A St. Louis e Mbour invece abbiamo dovuto ritirare, perchè il cambio non era conveniente (1€ =642 cfa). In molte località inoltre (Palmarin o La Somone) non ci sono banche, e occorre spostarsi. Cercate sempre di avere un po’ di contanti con voi.

La benzina è cara quasi quanto in Italia (1,20 € al litro).

Cibo: si pasteggia con un piatto unico, solitamente pesce o carne, con accompagnamento di riso, patate o verdura di stagione, e quasi in tutti i ristoranti è più che sufficiente per sfamarsi. Il costo del piatto va dai 3000 ai 4500 cfa in base alla località e al locale in cui ci si trova. Tra bere e mangiare abbiamo speso mediamente 20000 cfa in tre, con un paio di ‘punte’ da 27000 cfa perchè abbiamo ordinato più cose.

Telefono: portatevi un cellulare che non usate più, e comprate una sim locale, acquistabile ovunque: Orange e Tigo le compagnie più diffuse. Costi molto bassi: indicativamente 100 cfa per un sms all’Italia, e circa 800 cfa per una chiamata di 4 minuti.

Vaccini: consigliato quello per la febbre gialla e l’ antimalarica. Noi abbiamo assunto il Malarone anche se io ritenessi che non fosse necessario, ma più che altro perchè ogni dottore consultato ci ha consigliato di farla. In realtà, almeno in questa stagione, non credo ci siano rischi (però: opinione personale).

Trasporti: avremmo voluto utilizzare di più i mezzi locali, per viaggiare con e come loro, ma il tempo era poco e le cose da vedere erano tante, e non ci potevamo permettere lunghi tempi di attesa. Quindi abbiamo fatto ricorso ad un’auto con autista per i quattro giorni dei maggiori spostamenti, mentre per le piccole tratte ci siamo serviti dei taxi locali senza licenza, i clandò.

Guarda la gallery
senegal-fuczd

Affumicatura del pesce, Saint-Louis

senegal-sj1h6

La Louisianne

senegal-m8217

Goree

senegal-sgu8d

Lago Rosa

senegal-n77q7

Goree

senegal-aytfz

Deserto di Lompoul

senegal-p3e6a

Piroghe sulla spiaggia di Lompoul

senegal-hh877

Casa Meissa

senegal-5bjjd

Scuola di Lompoul sur Mer

senegal-9sg92

Bimba

senegal-anrta

Granchi sulla spiaggia di Saint-Louis, davanti al Phoenix



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
rasiglia e orvieto

Rasiglia e Orvieto

È ideale trascorrere un weekend tra questi due borghi così diversi, ma abbastanza...

versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare...

il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche...

Leggi i Diari di viaggio su Africa
Diari di viaggio
the gambia, the smiling coast of africa

The Gambia, the smiling coast of Africa

gialla (che comunque non ci hanno chiesto). - Le prese della luce sono diverse, portatevi un adattatore. - La luce va via spesso...

Diari di viaggio
zambia in autonomia

Zambia in autonomia

si propongono. Ci è stato sconsigliato di camminare da sole ad esempio in Lusaka, ma l’abbiamo fatto più volte senza mai avere la...

Diari di viaggio
kenya bis

Kenya Bis

In Kenya c’eravamo già stati nel settembre 2010, ma abbiamo deciso di tornare per far sì che nostro figlio di due anni e mezzo potesse...

Diari di viaggio
il mio sudafrica

Il mio Sudafrica

Come molti TPC consigliano di fare, suggerisco anch’io di leggere alcuni libri sull’apartheid, su Nelson Mandela (“Lungo Cammino...

Diari di viaggio
una meta insolita: gibuti

Una meta insolita: Gibuti

Meta sicuramente insolita, ma, per quanto sono appassionata di avventure, disavventure e economia dei paesi emergenti, il Gibuti non poteva...

Diari di viaggio
kenya, un paradiso dimenticato

Kenya, un paradiso dimenticato

Quando si arriva in Kenya si entra in un universo parallelo. Un mondo silenzioso, pacifico, di naturale bellezza e ricco di sentimenti. Un...

Diari di viaggio
uganda e kenya low budget per sei

Uganda e Kenya low budget per sei

per la partenza verso l'Italia. Dopo circa sei ore arriviamo a Venezia. Siamo tornati nella nostra Italia. Ci sentiamo in parte diversi,...

Diari di viaggio
emozioni e pensieri dal mio viaggio in marocco in solitaria

Emozioni e pensieri dal mio viaggio in Marocco in solitaria

Un po’ intimorita e ansiosa come sempre parto per questo viaggio in solitaria di 10 giorni in Marocco consapevole che appena arrivata a...

Diari di viaggio
trekking sul kilimangiaro

Trekking sul Kilimangiaro

Domenica 22 Luglio La nostra avventura inizia domenica 22 luglio al Machame Gate (1.800 mt), uno dei diversi punti di accesso al Parco...

Diari di viaggio
il giro del mondo in quaranta giorni

Il giro del mondo in quaranta giorni

Per lavoro mi hanno chiesto di seguire tre manifestazioni in tre continenti diversi, in un tempo così ristretto che non si poteva "passare...