Fantastica Birmania

Ho visitato la Birmania nel 2000 con un gruppo di amici. Ho organizzato tutto il viaggio dall'Italia. Il più bel posto che abbia mai visto. Gente stupenda. Sorrisi e affetto. Mi è rimasta nel cuore e sicuramente tornerò...
 
Partenza il: 09/08/2000
Ritorno il: 02/09/2000
Viaggiatori: 7

Saliamo a bordo della vettura che ci aspetta e ci fermiamo a cena allo spartano ma sufficiente Danyawaddy Restaurant.

La notte la passiamo al Prince Guest House. Sistemazione in bungalow doppi senza acqua calda. Spartani ma sufficienti.

Abbiamo utilizzato le zanzariere che ci siamo portati dall’Italia, sia per proteggerci dalle zanzare che dai ragni e dagli scarafaggi.

GIORNO 4 12/08/2000 SABATO MRAUK-U. Pioggia/sole. Sveglia alle 7.30. Giornata dedicata alla visita di Mrauk-U e dei suoi dintorni. L’antica città medioevale di Myohaung, oggi è un villaggio annidato tra le palme, sulla riva del fiume, ma dovunque si posi lo sguardo si incontrano statue di Buddha, Pagode e Templi. Prima di visitare la città ed i suoi monumenti, ci rechiamo a fare colazione in una tea-house. La colazione a Mrauk-U e Sittwe non è inclusa, ma al termine del viaggio la Myanmar Adventur rimborserà quanto speso e segnato sul giornale di cassa.

Visitiamo nell’ordine Shittaung Pagoda, Dhaukkan Thein e Laungpcoinpauk Pagoda. Sosta per il pranzo nella stessa Tea-House della colazione e poi visita al mercato locale (Mrauk-U Market).

Dopo le spese al mercato visitiamo Sandsamuni Pagoda e poi lo stupendo Theok Village. Meraviglioso camminare fra la popolazione che abita il villaggio e che vive ancora come ai tempi della pietra.

Cena da Moe Cherry Restaurant (prenotato al mattino). Buono.

GIORNO 5 13/08/2000 DOMENICA MRAUK-U. Sveglia alle 7.30. Pioggia/sole. Giornata dedicata alla visita di Mrauk-U e dei suoi dintorni. Prima di visitare i dintorni di Mrauk-U, colazione alla stessa tea-house del mattino precedente. A bordo dello spartano pulmino raggiungiamo (1.30 ore) la Mahamuni Pagoda. Sulla strada del ritorno ci fermiamo a visitare la Whatali Pagoda.

Una volta rientrati a Mrauk-U facciamo un giro fra le case nei pressi dell’albergo per andare a vedere una Bamboo Hat Factory (interessante). Lasciamo libero il conducente del mezzo, con l’impegno, però, di passare a prenotare il Ristorante Moe Cherry. Manterrà la promessa.

Rientriamo presto all’Hotel e ci sediamo nella fatiscente Hall. Ci facciamo servire del te e del caffè (dopo una lunga attesa) e del pane su cui spalmiamo la nutella di Stefania.

Passiamo la fine del pomeriggio a chiacchierare allegramente e poi ci rechiamo, a piedi, al ristorante. La cena è sempre buona…Se non fosse per qualche formica di troppo fra i gamberetti…Ma forse fanno parte del piatto! Non lo scopriremo mai! Anche il ritorno in albergo lo facciamo a piedi.

Ci rinchiudiamo nelle zanzariere e ci prepariamo per la notte (incominciamo ad abituarci ai gechi che continuamente ci fischiettano nelle orecchie).

GIORNO 6 14/08/2000 LUNEDÌ MRAUK-U – SITTWE. Sveglia alle 7.00. Coperto. Dopo una rapida colazione alla classica tea-house, ci imbarchiamo sul piccolo battello che ci riporterà, in 7 ore, a Sittwe. All’arrivo piove e continuerà a piovere per parecchio tempo. Trasferimento immediato al terribile Palace Hotel. Il cameriere che ci accompagna nelle piccole stanze (dotate di ventilatore ma di notte non va in quanto tolgono la corrente, i letti sono dotati di zanzariera) provvede a spruzzare un po’ di insetticida in qua e in là…Ma nonostante questo i ragni non tardano a darci il benvenuto. Il letto di Elisa è terrificante, macchie di sangue (forse un topo ha partorito sul letto??) e la ospiterò nel mio per la notte.

Dopo esserci sistemati nell’Hotel andiamo, sotto un’acqua battente, fino al View Point, dove pranziamo. Al ritorno ci fermiamo al Fish Market e poi rientriamo in Hotel.

Al rientro ci attende un topo equilibrista! Notiamo, infatti, che sui fili della corrente sospesi sopra il bancone della reception si esercita un bel topo di fogna. Date le premesse decidiamo di sigillare ogni buco presente nelle nostre stanze.

Altri quattro passi per le vie di Sittwe e siamo a cena al discreto Inn Pauk Wa Restaurant.

Rientrati ci rilassiamo passeggiando per le buie stradine della cittadine e cerchiamo di raggiungere il mare.

Prendiamo sonno rigorosamente sigillati nelle polverose zanzariere.

GIORNO 7 15/08/2000 MARTEDÌ SITTWE – YANGON. Sveglia alle 7.30. Coperto. La notte sembra passata indenne…Almeno fino a quando non mi accorgo che lo zaino, in prossimità di una confezione di caramelle “Rossana” è stato rosicchiato da un topo. Al risveglio Guido asserirà di aver visto un topo camminare sulla spalliera del suo letto.

Colazione al River Valley Restaurant. Buona. Dopo colazione facciamo un’ultima scappata al mercato e poi una sosta al negozio di stoffe che la guida dell’EDT dice essere nei pressi dell’albergo. Il negozio c’è, ma mancano le stoffe. Verso le 13.00 arriviamo all’aeroporto. Ci sediamo nella tea-house davanti e aspettiamo che si faccia l’ora per il check-in. Le pratiche in aeroporto sono sempre lunghe e faticose e ci perquisiscono sommariamente i bagagli. Volo linea Air-Mandalay. L’aereo parte in orario (14.30) ed alle 15.45 atterriamo a Yangon.

Trasferimento al Panorama Hotel, una rapida doccia e usciamo per andare a visitare la Sule Pagoda. Cena al ristorante cinese Shan Kan Restaurant. Buono. Lussuoso. Al rientro passiamo per la Shwedagon Pagoda. Alcuni rapidi scatti e Aung ci riporta in albergo.

Prendiamo un taxi e ci dirigiamo nuovamente alla immensa Pagoda per scattare altre foto.

GIORNO 8 16/08/2000 MERCOLEDÌ YANGON – MANDALAY Sveglia alle 6.00 per andare presto alla visita della Shwedagon Pagoda che ci terrà impegnati fino alle 13.00. Pioggia/sole. Il tempo al mattino non è brutto, ma quando arriviamo all Pagoda piove a dirotto.

Dopo la visita alla Pagoda andiamo a vedere l’enorme Bhudda sdraiato della Chauk Htat Pagoda. Una breve visita all’annesso Monastero per vedere i monaci che dormono e andiamo a pranzo ad un Tea-Shop. Alle 16.00 siamo di ritorno in albergo, ma prima sosta alla Botataung Pagoda. Nell’arco della giornata visitiamo anche il Bogyoke Aung San Market ed il Theingyi Zei interessante per la grande sezione di erbe e medicine tradizionali.

Aung va a prendere i viveri per il lungo viaggio. Sufficiente servizio di catering offerto dalla Myanmar Adventure.

Prepariamo la valigia ed alle 17.00 siamo alla stazione ferroviaria in attesa del treno che ci porterà fino a Mandalay.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Birmania
    Diari di viaggio
    myanmar: un viaggio per gli occhi, la mente e il cuore

    Myanmar: un viaggio per gli occhi, la mente e il cuore

    di X-cards adeguata: almeno 2 schede da 32 G se scattate in jpg, almeno 2-3 schede da 64 G se scattate in raw.Ð tutte le strade...

    Diari di viaggio
    myanmar wow

    Myanmar WOW

    PREMESSA - Il mio intento è quello di condividere l'esperienza e provare a dare spunti nella costruzione di un possibile itinerario e dare...

    Diari di viaggio
    birmania, finalmente

    Birmania, finalmente

    Ero un po' indeciso se scrivere del mio recente viaggio in Birmania perchè, essendo il primo, non mi sembrava il caso di fare l'esperto:...

    Diari di viaggio
    birmania e un gruppetto di buddha che si tirano la veste

    Birmania e un gruppetto di Buddha che si tirano la veste

    Orwell nel suo Burmese Days diceva che "Beauty is meaningless until it is shared", in altre parole che la bellezza è senza significato,...

    Diari di viaggio
    myanmar in sette giorni

    Myanmar in sette giorni

    Viaggio in Myanmar (Birmania) 01-09 gennaio 2019 Quest’anno decidiamo di concederci un viaggio alla scoperta della Birmania alias...

    Diari di viaggio
    tour della birmania

    Tour della Birmania

    Birmania-Burma-Myanmar Premessa Ho diversi giorni e quindi la possibilità di vedere le principali mete turistiche e quelle un po'...

    Diari di viaggio
    viaggio fai da te tra le meraviglie dell'oriente

    Viaggio fai da te tra le meraviglie dell’Oriente

    casa!Il nostro bellissimo viaggio è finito e tutto ciò che scrivo non renderà mai l’idea di ciò che è stato perché ogni...

    Diari di viaggio
    myanmar fai da te: dove il tempo sembra essersi fermato

    Myanmar fai da te: dove il tempo sembra essersi fermato

    Abbiamo deciso di visitare il Myanmar consapevoli dei grandi cambiamenti del paese dall’apertura al turismo, ma dove fortunatamente si...

    Diari di viaggio
    birmania allo zenzero

    Birmania allo zenzero

    Chi: Karine (31, Parigi), Ale (34, Parigi), Simo (33, Maastrischt), Mau (io, 34, Torino). Karine e Ale sono una coppia; Ale, Simo ed io...

    Diari di viaggio
    massimo e florence in birmania di myanmar

    Massimo e Florence in Birmania di Myanmar

    Continuiamo la nostra esplorazione del Sud-est asiatico. Quest’anno optiamo per la Birmania o come dal nome ufficiale Myanmar. Come per...