Estate tra Tinos e Andros

Tinos l’affascinante: l’isola del vento, delle colombaie, dei terrazzamenti e delle tamerici. Andros l’autentica: l’isola delle belle spiagge selvagge e attrezzate, buoni ristoranti e strade sterrate
 
Partenza il: 06/08/2017
Ritorno il: 19/08/2017
Viaggiatori: 3+6
Spesa: 1000 €

Tinos e Andros agosto 2017

Partecipanti: Gianluca, Claudia e la piccola Cristina a Tinos. Ad Andros raggiunti da Davide e Roberta, Marco e Cristina con i piccoli Riccardo e Marta.

Tinos l’affascinante: l’isola del vento, delle colombaie, dei terrazzamenti e delle tamerici

Andros l’autentica: l’isola delle belle spiagge selvagge e attrezzate, buoni ristoranti e strade sterrate.

06 agosto à Roma à RyanAir à Atene

Sveglia alle 4.30, alle 5.30 siamo già all’aeroporto di Ciampino, al gate per imbarcarci sul nostro volo RyanAir per Atene. Non siamo riusciti a trovare un’auto a noleggio ad Andros nonostante l’anticipo con cui l’abbiamo cercata, quindi ne abbiamo noleggiato una (Opel Corsa) presso l’Enterprise dell’aeroporto di Atene perché era l’unica compagnia che ci permetteva di imbarcarla sui traghetti. Alla fine comunque avendo trovato un’ottima offerta per il noleggio, nonostante i costi di imbarco, abbiamo speso una cifra vantaggiosa e abbiamo avuto la comodità di avere l’auto dall’arrivo alla ripartenza all’aeroporto di Atene. Il nostro traghetto per Tinos parte alle 21.30, quindi ci dirigiamo alla volta della costa e alle 11.00 siamo già sulla spiaggia di Chamolia, vicino a Vravrona, sulla costa ad est dell’aeroporto, poco a sud del porto di Rafina da dove partiremo la sera. Dopo un breve bagno ci asciughiamo e andiamo a pranzare in una taverna vicina (Ornithotrophḗo) dove mangiamo con 14€. Ci spostiamo a nord per cercare una spiaggia attrezzata dove riposare un po’. Troviamo 2 lettini gratuiti sulla bella spiaggia di Artemis, basta consumare 2 frapè (un beverone molto popolare in Grecia, a base di Nescafè e ghiaccio shakerato, con aggiunta di zucchero e latte a piacere). Verso le 18.30 facciamo una doccia sulla spiaggia (praticamente tutte le spiagge attrezzate sono dotate di docce di acqua dolce in Grecia) e ci dirigiamo verso Rafina dove arriviamo alle 19.00. Ritiriamo i biglietti del traghetto, ceniamo in una taverna con vista sul porto e puntuali alle 21.30 ci imbarchiamo sul traghetto della Fast Ferries per Tinos, dove arriviamo alle 00.45. Prendiamo possesso della nostra stanza al 3° piano dell’Hotel Poseidonio, che ha un bel balcone con vista sul porto (75€ a notte la tripla con colazione). Dopo una bella doccia ci godiamo il meritato riposo dopo una giornata molto faticosa.

7 agosto à Tinos à Kolimpithra

Sveglia con calma, una bella colazione in hotel, prendiamo l’auto e ci fermiamo a comprare l’ombrellone e qualche snack e ci dirigiamo verso l’altra parte dell’isola direzione Kolimpithra. Attraversiamo un bel paesaggio, brullo, punteggiato da piccoli paesini dai colori cicladici, numerose chiesette bianche e tante belle colombaie (costruzioni tipiche dell’isola a 2 piani, con deposito sotto e colombaia sopra, alcune risalenti al 1700). Arriviamo alle 11.30 alla splendida baia di Kolimpithra. La prima spiaggia è molto suggestiva, incassata in una baietta. Scendiamo dalla scaletta del club dei surfisti e troviamo un graziosissimo stabilimento con dei curiosi ombrelloni a forma di funghetto, fatti da tettucci di cannette montati su dei tronchi. Purtroppo qui facciamo conoscenza con il vento di Tinos, troppo forte per restare in questa spiaggia, quindi ci spostiamo sull’altra che si trova poco più avanti, molto più riparata. E’ una spiaggia con sabbia grossa e acqua cristallina, piazziamo l’ombrellone quasi in acqua e ci godiamo il sole e il mare sorseggiando un frapè, infine ci addormentiamo sotto l’ombrellone. Verso le 14.00 saliamo alla taverna sopra la spiaggia (Drakonḗsi, 24€) e ci godiamo un’insalata greca e una cretese con una splendida vista su tutta la baia dal nostro tavolino su un terrazzino rialzato. Riscendiamo in spiaggia e ci addormentiamo di nuovo sotto l’ombrellone. Dopo diversi bagni d’acqua e di sole rinunciamo al programma di visitare un’altra spiaggia perché qui si sta troppo bene. Ce ne andiamo verso le 18.30, direzione Tinos, ma prima ci fermiamo a visitare il grazioso paesino di Agapi. Dopo una bella doccia scendiamo in paese a mangiare in un bel ristorante vicino l’hotel (Metaxi Mas 35€). Dopo cena facciamo una bella passeggiata fino al Santuario della Panaghia Evangelistria. Al lato alla strada che sale al Santuario c’è uno stretto tappeto rosso, perché i devoti salgono in ginocchio dal porto fino in cima. Il 15 agosto, l’Assunzione, l’isola è “invasa” dai fedeli. Troviamo il Santuario aperto (l’esterno) anche se sono le 22.30, così entriamo a visitarlo. Lo troviamo molto bello, affascinante, soprattutto suggestivo con le luci della notte. Si è fatto tardi e scendiamo a riposare in hotel.

8 agosto à Exomvourgoà Panormos

Dopo una lauta colazione in hotel usciamo, acquistiamo delle tiropita (torte salate ripiene) al forno sotto l’hotel, prendiamo l’auto e ci dirigiamo verso Panormos, a nord dell’isola. Ci godiamo i paesaggi mentre l’auto si arrampica sui monti. Ci fermiamo subito dopo il paesino di Isteria ad Exomvourgo, dove c’è un mulino e delle chiesette da dove si gode un bellissimo panorama. In questo punto il vento è fortissimo, addirittura da spostarci. Riprendiamo l’auto verso le 12.00 e ci fermiamo al grazioso paesino di Pyrgos, il secondo paese più grande dell’isola, dove facciamo una bella passeggiata e ci fermiamo a prendere un caffè nella piazzetta della cittadina, piena di localini caratteristici e tanta gente. Riprendiamo l’auto e dopo un po’ arriviamo finalmente a Panormos. Imbocchiamo una brutta strada sterrata e arriviamo alla bella baia/spiaggia di Agia Thalassa, dove ci fermiamo un paio d’ore a fare bagni, prendere il sole, leggere e mangiare le ottime tiropita. Dopo un po’ il vento aumenta e comincia a dare fastidio, così ci spostiamo alla vicina spiaggia di Rohari, dove c’è un grazioso stabilimento con alberi sulla spiaggia al posto degli ombrelloni. Anche qui facciamo un po’ di bagni, prendiamo il sole e mangiamo un gelato. Dopo un po’ il vento comincia a dare fastidio, così alle 17.30 ce ne andiamo per andare a visitare i paesini di Tarampados e Ktitados dove ci sono molte colombaie. Ripartiamo alla volta di Tinos, dove fatico non poco a trovare parcheggio. La sera ceniamo al caratteristico ristorante familiare che si trova proprio dietro l’hotel, il Malamatemia, dove assaggiamo ottime polpette di carne, di melanzane e saganaki. Chiudiamo la serata con la solita passeggiata serale, durante la quale compriamo dei dolcetti al miele e un nuovo cappello per me prima di andare a dormire.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Andros
    Diari di viaggio
    le figlie di eolo

    Le figlie di Eolo

    Premessa – viaggiare in tempo di COVID significa accettare rischi ma anche rispettare tutte le regole di contenimento della pandemia che...

    Diari di viaggio
    estate tra tinos e andros

    Estate tra Tinos e Andros

    Tinos e Andros agosto 2017 Partecipanti: Gianluca, Claudia e la piccola Cristina a Tinos. Ad Andros raggiunti da Davide e Roberta, Marco e...

    Diari di viaggio
    andros: isola greca e dei greci

    Andros: isola greca e dei greci

    Come tutte le estati la mia vacanza è mare e per me mare significa Grecia. Mio marito "subisce" questo mio amore e già a gennaio mi...

    Diari di viaggio
    cicladi fuori dal coro

    Cicladi fuori dal coro

    ANDROS DI ACQUA E DI PIETRA ANDROS, perché? Per la voglia di scoprire un'isola che tanto un'isola non pare: vicina alla terraferma, ha...

    Diari di viaggio
    andros, appunti di viaggio

    Andros, appunti di viaggio

    Andros ad agosto 2015: appunti di viaggio Volo Ryanair milano-atene -milanoBus dall'aeroporto a riafina parte dall'uscita 3...

    Diari di viaggio
    isola di andros e atene

    Isola di Andros e Atene

    Incuriositi dalla descrizione dell'isola di Andros (di cui ignoravamo l'esistenza) letta sulla rivista “In Viaggio” del 2011 abbiamo...

    Diari di viaggio
    quattro tappe con tenda e auto nella grecia tranquilla

    Quattro tappe con tenda e auto nella Grecia tranquilla

    Noi due "vecchi" (io e mia moglie) e la nipote diciottenne, due tende e un'auto piccola. Anche per la meta ci eravamo ripromessi di vivere...

    Diari di viaggio
    viaggio/vacanza nell'isola di andros...

    Viaggio/vacanza nell’isola di Andros…

    A settembre quest’anno decidiamo per Andros, dopo avere visitato quasi tutte le isole turisticamente più accessibili, la scelta cade su...

    Diari di viaggio
    andros e tinos, le meraviglie sconosciute

    Andros e Tinos, le meraviglie sconosciute

    Andros e Tinos, le Cicladi che non conosci (racconto riservato agli amanti delle vacanze Grecia). L’anno scorso siamo stati a Naxos e...

    Diari di viaggio
    le cicladi dei greci: tinos e andros

    Le cicladi dei greci: Tinos e Andros

    Io e mio marito, appassionati da diversi anni della Grecia, abbiamo deciso di vistare due isole meno conosciute dai turisti italiani: Tinos...