Viaggio nell’Eremo di Santa Caterina del Sasso

Un gioiellino del Lago Maggiore
 

Quello che vi porto a scoprire oggi è un luogo particolare, incastonato tra le rocce del Lago Maggiore. Ammetto e faccio mea culpa: questo incanto d’Italia non lo conoscevo e ne ignoravo l’esistenza. Un biglietto da visita non proprio dei migliori ma, tant’è, dovrò pure raccontarvelo se voglio ambire ad un posto tra i “raccontatori d’Italia”.

Per me che vengo dal mare, il lago è sempre stato una incognita di difficile comprensione. Sarà per quel suo essere “rinchiuso” o per quel suo fascino tenebroso che si manifesta nelle giornate nebbiose. Guidato dallo stereotipo e dalla superbia costiera mi accingo a vedere da vicino una delle bomboniere della Lombardia.

Arrivato quasi all’ora di pranzo, sperando di non trovare nessuno, trovo invece una orda di visitatori che avevano avuto la mia stessa idea. A questo punto, mi vien da dire, non del tutto originale.

Parcheggio nuovo ma stracolmo, il posto della mia utilitaria diventa una umile stradina di campagna che conduce alla bellezza. Prima di entrare all’eremo, vengo accolto da una piazzetta assolata e viva, colma di gente e di localini. Le gigantografie di Gigi Riva e Silvano Contini mi ricordano di essere in una terra di campioni.

Pago il mio biglietto di 5 euro, passo i moderni tornelli e mi dirigo verso l’infinita scalinata che scende a picco sul Lago Maggiore. Gli scalini non li conto, ma assicuro che sono alquanto sfiancanti. Quello che però allieta la discesa è sicuramente la vista mozzafiato sulla mia sinistra. Una vista quasi marina, con l’acqua piatta che racconta una terra tranquilla e bella.

Il primo intervallo, che poi scoprirò essere l’unico, si manifesta attraverso un pergolato in legno su cui scendono fiori rosa di un rosa coinvolgente. Chiedo lumi ai tanti “autoscattatori” del giorno e scopro che il fiore in questione è il glicine, un rampicante di origine cinese che in primavera matura in tutto il suo scintillante colore.

Scendo ancora giù, trovo un porticciolo e aspetto per circa dieci minuti, chiedendomi come mai un eremo incastonato nella roccia necessiti di un unlteriore viaggio in barca per essere raggiunto. Naturalmente il mio torpore di viaggiatore distratto mi porta a scoprire la verità dando un veloce sguardo verso l’alto. Santa Caterina dal Sasso era su, all’altezza del pergolato dove avevo immortalato anche io la mia presenza.

Entrata a Santa Caterina del Sasso

Sette archi con un’antica carrucola in legno nel mezzo e poi una prima sala affrescata sulla sinistra. Una effige in marmo, con scritta in latino, mi da il benvenuto nella Sala Capitolare, l’antico refettorio dell’eremo, costruita originariamente nel ‘300 e soggetta a numerosi sconvolgimenti architettonici nel corso dei secoli.

Qui rimango colpito da un caminetto di un marmo lucente e perfetto e dagli affreschi colorati che raffigurano la Crocifissione e Sant’Eligio che guarisce un cavallo. 

Vado avanti nel mio percorso di curioso e mi imbatto in un giardino nella roccia nel quale si erge la figura mastodontica di un gigantesco torchio in legno. Siccome non sono un esperto, naturalmente, leggo la descrizione e vedo che si tratta di un pezzo unico, risalente al ‘600. Il torchio è la dimostrazione della presenza, in un tempo passato, di vigneti sulle colline che circondano il paradiso del Lago Maggiore.

Guarda la gallery
img_20220418_132714

img_20220418_130538

img_20220418_132127

img_20220418_133156

img_20220418_133350

img_20220418_133605

schermata_2022_04_28_alle_23.19.07



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare...

il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche...

genova

GENOVA

GENOVA

Leggi i Diari di viaggio su Italia
Diari di viaggio
insolita trieste

Insolita Trieste

Io e il mio compagno siamo stati a Trieste per il ponte dell’8 dicembre (8 – 12 dicembre 2021): 5 giorni che per noi, provenienti da...

Diari di viaggio
primavera in umbria

Primavera in Umbria

Ferie ad aprile, la primavera è alle porte e così, da amante della natura, scelgo una delle regioni più verdi in cui in passato ho...

Diari di viaggio
parco naturale regionale della lessinia

Parco Naturale Regionale della Lessinia

Parco Naturale Regionale della Lessinia - Ponte di Veja In una giornata di pioggia, lungo l’impervio sentiero che mi portavano ai...

Diari di viaggio
cosa vedere a matera in 2 giorni

Cosa vedere a Matera in 2 giorni

Meravigliosa Matera la città dei Sassi, due giorni in questa splendida e affascinante città che mi ha letteralmente rapita. Matera...

Diari di viaggio
viaggio nell'eremo di santa caterina del sasso

Viaggio nell’Eremo di Santa Caterina del Sasso

Quello che vi porto a scoprire oggi è un luogo particolare, incastonato tra le rocce del Lago Maggiore. Ammetto e faccio mea culpa: questo...

Diari di viaggio
weekend nelle langhe

Weekend nelle Langhe

Quale periodo migliore per visitare le Langhe se non l’autunno? Il primo fine settimana di novembre decidiamo di partire per un weekend...

Diari di viaggio
napoli e capri connubio perfetto

Napoli e Capri connubio perfetto

Fare una vacanza a Napoli e Capri era da sempre il desiderio di mia sorella e il mio. La sua amica ci invitò alcuni giorni a casa sua e...

Diari di viaggio
una giornata tra mare e trulli

Una giornata tra mare e trulli

Il nostro itinerario comincia da Matera, la città dei Sassi: dopo aver soggiornato 2 notti qui, spinti da consigli di amici e parenti, e...

Diari di viaggio
passeggiata per le vie di bobbio, il borgo più bello d'italia

Passeggiata per le vie di Bobbio, il borgo più bello d’Italia

Un programma televisivo di qualche anno fa l'ha decretato borgo più bello d'Italia ed io non potevo farmi sfuggire l'opportunità di...

Diari di viaggio
alla scoperta di san miniato

Alla scoperta di San Miniato

Percorrendo la superstrada Fi-Pi-Li, esattamente a metà strada tra Pisa e Firenze, si trova uno dei borghi più caratteristici della...