Viaggio nell’Eremo di Santa Caterina del Sasso

Un gioiellino del Lago Maggiore
 

Quello che vi porto a scoprire oggi è un luogo particolare, incastonato tra le rocce del Lago Maggiore. Ammetto e faccio mea culpa: questo incanto d’Italia non lo conoscevo e ne ignoravo l’esistenza. Un biglietto da visita non proprio dei migliori ma, tant’è, dovrò pure raccontarvelo se voglio ambire ad un posto tra i “raccontatori d’Italia”.

Per me che vengo dal mare, il lago è sempre stato una incognita di difficile comprensione. Sarà per quel suo essere “rinchiuso” o per quel suo fascino tenebroso che si manifesta nelle giornate nebbiose. Guidato dallo stereotipo e dalla superbia costiera mi accingo a vedere da vicino una delle bomboniere della Lombardia.

Arrivato quasi all’ora di pranzo, sperando di non trovare nessuno, trovo invece una orda di visitatori che avevano avuto la mia stessa idea. A questo punto, mi vien da dire, non del tutto originale.

Parcheggio nuovo ma stracolmo, il posto della mia utilitaria diventa una umile stradina di campagna che conduce alla bellezza. Prima di entrare all’eremo, vengo accolto da una piazzetta assolata e viva, colma di gente e di localini. Le gigantografie di Gigi Riva e Silvano Contini mi ricordano di essere in una terra di campioni.

Pago il mio biglietto di 5 euro, passo i moderni tornelli e mi dirigo verso l’infinita scalinata che scende a picco sul Lago Maggiore. Gli scalini non li conto, ma assicuro che sono alquanto sfiancanti. Quello che però allieta la discesa è sicuramente la vista mozzafiato sulla mia sinistra. Una vista quasi marina, con l’acqua piatta che racconta una terra tranquilla e bella.

Il primo intervallo, che poi scoprirò essere l’unico, si manifesta attraverso un pergolato in legno su cui scendono fiori rosa di un rosa coinvolgente. Chiedo lumi ai tanti “autoscattatori” del giorno e scopro che il fiore in questione è il glicine, un rampicante di origine cinese che in primavera matura in tutto il suo scintillante colore.

Scendo ancora giù, trovo un porticciolo e aspetto per circa dieci minuti, chiedendomi come mai un eremo incastonato nella roccia necessiti di un unlteriore viaggio in barca per essere raggiunto. Naturalmente il mio torpore di viaggiatore distratto mi porta a scoprire la verità dando un veloce sguardo verso l’alto. Santa Caterina dal Sasso era su, all’altezza del pergolato dove avevo immortalato anche io la mia presenza.

Entrata a Santa Caterina del Sasso

Sette archi con un’antica carrucola in legno nel mezzo e poi una prima sala affrescata sulla sinistra. Una effige in marmo, con scritta in latino, mi da il benvenuto nella Sala Capitolare, l’antico refettorio dell’eremo, costruita originariamente nel ‘300 e soggetta a numerosi sconvolgimenti architettonici nel corso dei secoli.

Qui rimango colpito da un caminetto di un marmo lucente e perfetto e dagli affreschi colorati che raffigurano la Crocifissione e Sant’Eligio che guarisce un cavallo. 

Vado avanti nel mio percorso di curioso e mi imbatto in un giardino nella roccia nel quale si erge la figura mastodontica di un gigantesco torchio in legno. Siccome non sono un esperto, naturalmente, leggo la descrizione e vedo che si tratta di un pezzo unico, risalente al ‘600. Il torchio è la dimostrazione della presenza, in un tempo passato, di vigneti sulle colline che circondano il paradiso del Lago Maggiore.

La chiesa

Quattro arcate, precedute da una seconda grotta dove è conservata una statuina della Vergine Maria, e poi l’entrata alla chiesetta dell’eremo. Utilizzo il diminutivo perché l’edificio non è grandissimo ma è pieno di affreschi di ogni genere. Io percorro il lato sinistro e vengo conquistato dalle vetrate variopinte fatte dall’artista Richino nel 1986, a forma di arco: i colori sono davvero incredibili, pieni di vita, quasi perfetti.

Alla fine di questa passerella mi imbatto nel Sacello, la parte più antica di questo luogo. Una costruzione rustica con un affresco esterno e delle statue posizionate all’interno. Il Sacello venne fatto costruire dal Beato Alberto Besozzi sul modello del Sepolcro di Santa Caterina d’Alessandria sul Monte Sinai.

Inutile raccontarvi gli affreschi e le opere nel dettaglio. Rischierei di scimmiottare critici ed esperti, inerpicandomi in un campo che conosco poco. Vi posso solo dire che questo luogo è qualcosa di particolare, qualcosa che trasmette benessere e tranquillità.

E così, prima di uscire dalla chiesetta, osservo con stupore un organo con struttura in legno; sulla stessa struttura è presente la scritta in latino che, presumibilmente, ne sottolinea l’anno di costruzione e l’autore (Domenico Antonio Rossi, 1783).

Il mio corto viaggio in questo piccolo gioiello incastrato nella roccia è quasi terminato. Mi aspetta un bel pranzo a Stresa e un giro in barca direzione Isola Bella (a proposito, costa 8 Euro). Prima, però, da buon giornalista di viaggio, è tempo di provare il moderno ascensore costruita nella pietra. Una sorta di astronave del lago, con tunnel in stile metropolitana, biglietterie automatiche di ultima generazione e viaggio “supersonico” di nemmeno 30 secondi. Il tutto alla modica cifra di 1 Euro, che vale la pena di spendere in un pomeriggio assolato e affollato.

Guarda la gallery
img_20220418_132714

img_20220418_130538

img_20220418_132127

img_20220418_133156

img_20220418_133350

img_20220418_133605

schermata_2022_04_28_alle_23.19.07



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    alpe veglia, i pascoli del cielo

    Alpe Veglia, i pascoli del cielo

    Il titolo non è mio ma calza a pennello al posto in cui vi voglio portare con questo breve racconto.Cominciamo dall’ubicazione:...

    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Video Itinerari