Emozioni africane, angel’s bay mambrui

Ciao a tutti e grazie per i vs utilissimi racconti; purtroppo per mancanza di tempo questa volta sono riuscita a leggerne solo qualcuno… mi è comunque servito per farmi un’idea del continente che avrei visitato per la prima volta. E’ da più di un anno che pensavo all’Africa come alla meta di un viaggio ma la decisione di partire è...
Scritto da: adalgis
emozioni africane, angel’s bay mambrui
Partenza il: 19/08/2006
Ritorno il: 28/08/2007
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Ciao a tutti e grazie per i vs utilissimi racconti; purtroppo per mancanza di tempo questa volta sono riuscita a leggerne solo qualcuno… mi è comunque servito per farmi un’idea del continente che avrei visitato per la prima volta. E’ da più di un anno che pensavo all’Africa come alla meta di un viaggio ma la decisione di partire è stata presa all’ultimo momento: abbiamo casualmente trovato un last minute con partenza qualche giorno dopo ferragosto, la nostra ricerca inizialmente era per un viaggio con meta Marsa Alam… Entrati in agenzia per chiedere informazioni, ce ne siamo andati con una prenotazione per il Kenya… Uscita dall’agenzia ero come in trance sensazioni diverse si alternavano in me: incredulità x la destinazione scelta, intenso profumo di avventura, delusione perché sapevo che non avrei avuto il tempo di raccogliere sufficienti informazioni sull’agognata destinazione, eccitazione perché stavo per realizzare un sogno… La settimana scorsa ero fisicamente in Africa, ma da quando sono tornata la mia testa è sempre là… Non so esattamente perché ma non passa giorno senza che almeno una volta non ripensi alla scoperta del meraviglioso Kenya. Non penso solo alla mia vacanza lì, a quanto sono stata in pace con me stessa, a quanto mi sono rilassata, a come sono riuscita a non pensare nemmeno per un momento alla realtà che avevo lasciato e che avrei ritrovato al mio rientro… soprattutto penso a quel paese e al grande fascino che ha esercitato su di me… Il privilegio di essere lì, la sensazione di ancestrale appartenenza, il ritorno alle origini: la natura, gli spazi aperti e sconfinati, paesaggi molto diversi ma uguali nella loro infinita bellezza… Il popolo, i colori, gli odori… ti entrano nell’anima in modo definitivo, senti che vengono a far parte di te giorno dopo giorno e percepisci che le sensazioni provate non le dimenticherai mai anzi cercherai di ritrovarle per ravvivare le emozioni che ti hanno lasciato… La voglia di tornarci quanto prima si è fortemente radicata in me.

Questa vacanza è stato un assaggio di questo continente: 8 gg sono davvero pochi per vivere il sogno… 8 gg sono comunque sufficienti a farti capire il fascino di quel sogno, sogno dal quale non vorresti risvegliarti mai più.

Partiti da Milano dopo 7 ore e mezza siamo arrivati a Mombasa e dopo 3 ore di pulmann (è pesantino il trasferimento!) abbiamo raggiunto l’Angel’s Bay della Reliance a Mambrui. Il villaggio è in tipico stile africano bellissima la hall e i bungalows, con tetto in makuti, sono perfettamente inseriti nel giardino tropicale. La spiaggia è molto bella e ampia ma il mare lascia a desiderare: l’acqua è marrone c’è un fiume che arriva dalla savana e si getta nel mare… questa è l’unica nota negativa. Ci hanno detto che a gennaio e febbraio è molto più bello in quanto l’acqua è azzurra; al villaggio si mangia bene ed è un piacere mangiare al ristorante: la sua posizione in riva al laghetto è veramente magica… Ti sembra di essere sempre appartenuta a quel posto.

Siamo stati un po’ indecisi su come organizzare le escursioni che volevamo fare; alla fine tra i beach boys e l’ufficio escursioni dell’Angel’s Bay ci siamo affidati a quest’ultimo. Abbiamo usufruito del solo transfer per la spiaggia di Watamu e ci siamo appoggiati al Sun Palm sempre della Reliance. A Watamu il mare è bello e ci siamo rifatti gli occhi: i colori del mare qui sono stupendi e con la bassa marea si può raggiungere a piedi l’isola dell’amore: bellissima. Watamu è a 40 minuti di macchina da Mambrui il tragitto è abbastanza piacevole si passa per Malindi quindi gli occhi curiosi vagano e scrutano il paesaggio… purtroppo siamo riusciti ad andarci un solo giorno.

Il giorno seguente abbiamo fatto il safari di un giorno allo Tsavo Est con levataccia alle 3 del mattino. E’ indescrivibile l’emozione di vedere gli animali a casa loro… sembra d’essere dentro ad un documentario.

Siamo stati fortunati ad avere una nostra guida-autista: è stato meraviglioso; come facesse ad avvistare animali molto lontani o piccoli, guidando, resta per me un mistero. Potessi tornare indietro con il tempo farei minimo 2 giorni di safari dormendo in un campo tendato: l’esperienza dev’essere unica.

Comunque andare in Kenya e non fare nemmeno un giorno di safari è per me una cosa incomprensibile… continuavo a pensare a quello che si perdevano certe coppie conosciute al villaggio che proprio non pensavano al safari.

E’ arrivato giovedì e con questo giorno abbiamo oltrepassato la metà della vacanza; il pomeriggio, dopo una mattina trascorsa ad abbronzarci camminando sulla spiaggia, abbiamo fatto l’escursione a Malindi per visitare la fabbrica del legno e poi il mercatino. La nostra esperienza non è stata molto positiva… Abbiamo passato quasi 2 ore alla fabbrica del legno, un’ora solo aspettando alcune persone in fila per pagare ciò che avevano acquistato. Per il mercatino il tempo rimasto è stato davvero poco, troppo pochi 40 minuti… ed era la nostra unica possibilità di fare shopping. Quindi mi sento di darvi un consiglio o fissate in anticipo il tempo da dedicare rispettivamente alla fabbrica e al mercatino oppure andate a Malindi per conto vostro prendendo la navetta dal villaggio.

Il nostro ultimo giorno in Kenya l’abbiamo trascorso facendo il safari blu. Siamo stati sfortunati con la barca: andava pianissimo e aveva il tetto inagibile per cui non è stato possibile salire e sdraiarsi a prendere il sole; e all’ombra del tetto fisso era un po’ troppo freddo per i miei gusti…Comunque l’escursione merita, ne è valsa veramente la pena vedere la meravigliosa isola Sardegna 2 con la quale abbiamo chiuso in bellezza la nostra vacanza vissuta intensamente.

Asante sana Kenya.



    Commenti

    Lascia un commento

    Africa: leggi gli altri diari di viaggio