Emirati Arabi e Oman, una lunga crociera da sogno

Alla scoperta di due magnifici e incantevoli stati del golfo Persico
 
Partenza il: 04/01/2013
Ritorno il: 11/01/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Dopo alcuni mesi di ricerca io e il mio fidanzato Roby decidiamo di fare una vacanza per noi alternativa rispetto alle precedenti.. Una crociera alla scoperta di due magnifici e incantevoli stati del golfo Persico: gli Emirati Arabi e l’Oman.

Optiamo per la crociera offerta da Costa Crociera con partenza il 4 gennaio 2013 (le navi partono tutti i venerdì dal porto di Dubai) e, a seguito di alcune ricerche, decidiamo che la Costa Atlantica deve essere la nave da favola che potrebbe superare tutte le nostre aspettative.

Quindi all’alba del 4 gennaio partiamo alla volta di Milano Malpensa dove ci attende un volo charter della compagnia Neos che ci accompagnerà fino al Dubai International Airport. Il volo scorre via veloce tra spuntini vari e la visione di un film, nonostante duri 8 ore poiché effettua uno scalo tecnico a Catania per imbarcare altri passeggeri.

Alle 22 ora locale (ci sono 3 ore di fuso) atterriamo a Dubai e, una volta terminati gli infiniti controlli dei documenti, troviamo il personale di Costa Crociere pronto ad accompagnarci al porto della città. Finite le pratiche di imbarco, ci rilasciano la nostra “Costa Card” che ci servirà per tutta la settimana come chiave per la nostra cabina, per salire e scendere dalla nave nei successivi porti e per pagare le spese di bordo (sulla nave non circola denaro).

La stanchezza inizia a farsi sentire ma appena entriamo sulla nave, ci dimentichiamo di tutto perché rimaniamo letteralmente affascinati dalla grandezza e dalla bellezza della Costa Atlantica. Perlustriamo velocemente tutta la nave per cercare di orientarci e per capire come è organizzata la nostra favolosa abitazione galleggiante..

5 gennaio: Navigazione

Il primo giorno passa tranquillamente tra i vari pasti (in nave si può mangiare a tutte le ore del giorno!), un po’ di relax a bordo piscina e una serata a carattere informale (tutte i giorni il personale di bordo ti fa trovare il “Today” con le indicazioni e le attività giornaliere. Inoltre viene anche specificato il tema della serata al fine di essere vestiti adeguatamente. Si consiglia pertanto un guardaroba vario per ogni occasione e leggero date le temperature elevate anche di notte).

6 gennaio: Muscat

Abbiamo optato per una vacanza “fai da te” quindi precisiamo sin d’ora che, eccetto a Fujairah, noi siamo sempre scesi da soli senza usufruire delle molteplici escursioni offerte da Costa Crociere.

Dopo esserci svegliati all’alba per ammirare il sole sorgere, assistiamo all’attracco nel porto di Muscat, la capitale dell’Oman. La prima impressione della città vista dalla nave è spettacolare. Un’immensa distesa di case basse e bianche che si affacciano sul mare e che hanno come sfondo il deserto.

Io e Roby siamo tra i primi a scendere poiché vogliamo andare a vedere la Sultan Qaboos Grand Mosque che chiude ai visitatori alle 11 del mattino. Contrattiamo con un taxista il prezzo (in Oman nessuno ha l’abitudine di accendere il tassametro, quindi conviene contrattare prima il prezzo per non incorrere in spiacevoli sorprese. Loro accettano senza alcun problema gli euro) per il solo tragitto alla Moschea e dopo una ventina minuti, ci appare imponente come non mai. Il tempo di scattare alcune foto e ci prepariamo ad entrare. Essendo i musulmani molto attenti all’abbigliamento da tenere soprattutto nei luoghi sacri, fanno entrare nelle loro moschee gli occidentali solo se vestiti adeguatamente: le donne devono avere braccia, gambe e capo coperte, mentre per gli uomini sono sufficienti pantaloni lunghi e t-shirt.

La nostra vista rimane abbagliata da tutti i marmi bianchissimi presenti all’interno e all’esterno della moschea, dal tappeto più grande tessuto a mano al mondo e dalla pulizia che regna sovrana nella moschea come in tutto il resto della città.

Storditi dalla maestosità della moschea (ma anche dal caldo che inizia a farsi sentire), decidiamo di prendere un taxi e di andare a scattare alcune foto davanti al palazzo del Sultano, per poi dirigerci al Old Muttrah Souk (il corrispettivo del nostro “mercato” con svariate tipologie di merci) al fine di comprare qualche regalino da portare a casa. E’ necessario contrattare molto sui prezzi e soprattutto intorno alle 14 chiude per la pausa pomeridiana. Nel souq ci sono molti turisti ma anche tantissimi locali e quello che colpisce sono sia gli uomini vestiti con lunghe tuniche bianche e il loro caratteristico copricapo, sia le donne tutte in nero, più o meno coperte in volto.

Terminato lo shopping, ci dirigiamo lungo la Corniche per una piacevole passeggiata che ci condurrà a bordo della Costa Atlantica dove fermentano i preparativi per la prima serata di Gala. La serata è piacevole, ma dopo vari festeggiamenti, siamo stanchi morti e andiamo a letto.

7 gennaio: Fujairah

Poiché a Fujairah non c’è molto da visitare, stabiliamo che questa è la tappa ideale per fare il tour in fuoristrada nel deserto e safari lungo il Wadi con l’escursione organizzata da Costa Crociera. Durante la giornata si attraverseranno diversi paesaggi desertici e wadi, ci si addentrerà nel deserto inerpicandosi sulle alte dune rossastre per poi raggiungere l’oasi di Wadi Shawkah. Un’esperienza unica ed emozionante! Siccome è una delle escursioni più belle si consiglia di prenotarla con anticipo.

Dopo tanta sabbia, ritorniamo in nave stanchi ma ancora eccitati e ci prepariamo per la serata araba che terminerà con la sorpresa di mezzanotte… Che però non vi svelo!

8 gennaio: Khasab

Khasab è soprannominata la Norvegia d’Arabia perché è caratterizzata da un lunghissimo e spettacolare fiordo. Appena scesi dalla nave, intravediamo sulla nostra destra le caratteristiche imbarcazioni, i dhow, pronti a partire. Quindi, senza uscire dal porto, ci dirigiamo a piedi e dopo aver contrattato il prezzo (20 euro a persona per 4 ore di tour) con alcuni locali, siamo pronti per salpare su questa particolare imbarcazione. Il trattamento riservatoci a bordo è splendido poiché ci offrono bibite e frutta fresca e dopo aver avvistato alcuni delfini, ci conducono sino a Telegraph Island (quando contrattate, accertatevi che vi portino sino a Telegraph Island) per poter fare un indimenticabile bagno nelle acque del Golfo Persico e avvistare una miriade di pesci tropicali tutti coloratissimi.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Abu Dhabi
    Diari di viaggio
    1 settimana a dubai

    1 settimana a Dubai

    Giorno 1: Marzo 2020, è appena scoppiata la pandemia Corona Virus in Italia ma ancora non hanno imposto nessuna restrizione a livello...

    Diari di viaggio
    crociera emirati e oman

    Crociera Emirati e Oman

    Da qualche anno abbiamo iniziato ad inserire tra le varie tipologie di viaggio ogni tanto una crociera. Dopo averci provato, abbiamo vinto...

    Diari di viaggio
    emirati arabi ed oman da nord a sud a natale: 2.700 km in 4x4, in autonomia, uno spettacolo!

    Emirati Arabi ed Oman da nord a sud a Natale: 2.700 km in 4×4, in autonomia, uno spettacolo!

    con l’impiegato siamo andati al parcheggio, l’auto è diventata una Suzuki Grand Vitara. Stanchi del lungo trasferimento da Dubai,...

    Diari di viaggio
    dubai, abu dhabi, giava e bali: il nostro viaggio di nozze fai da te

    Dubai, Abu Dhabi, Giava e Bali: il nostro viaggio di nozze fai da te

    5 agosto Arriviamo a Dubai al mattino presto, dopo 6 ore di volo tranquille con Emirates. Dopo una veloce colazione in aeroporto, ci...

    Diari di viaggio
    long weekend ad abu dhabi

    Long weekend ad Abu Dhabi

    Lungo fine settimana ad Abu Dhabi Dal 22 al 27 febbraio 2018A Roma fa freddo e con mia moglie decidiamo di concederci un fine...

    Diari di viaggio
    dubai: da scettico a meravigliato

    Dubai: da scettico a meravigliato

    Siamo appena tornati da Dubai, io e mia moglie, e devo dire che, nonostante i miei dubbi iniziali, ne è valsa davvero la pena, la rifarei...

    Diari di viaggio
    abu dhabi e dubai: una settimana negli emirati arabi

    Abu Dhabi e Dubai: una settimana negli Emirati Arabi

    o su relitto; sapendo che la barriera corallina in questa zona non è particolarmente interessante, abbiamo optato per i relitti nella zona...

    Diari di viaggio
    emirati arabi: verso il quarto vuoto

    Emirati Arabi: verso il Quarto Vuoto

    Sorvoliamo Abu Dhabi che è già sera. Nuvole e lampi all’orizzonte, l’aereo ritarda ad atterrare a causa del temporale che ha allagato...

    Diari di viaggio
    emirati arabi uniti e oman, l'arabia di ieri e quella di domani

    Emirati Arabi Uniti e Oman, l’Arabia di ieri e quella di domani

    preghiera davvero meravigliosa, sormontata da una coloratissima cupola ed un lampadario enorme, e la città vecchia di Muscat circondata da...

    Diari di viaggio
    dubai in pratica

    Dubai in pratica

    Non riuscivo a immagine a cosa sarei andata incontro. Non ho problemi a immaginarmi camminare per Madrid o Parigi, ma quando si è trattato...