Ecuador, mi amor eterno

“La gente della mia Quito è imperterrita, paziente, aperta, raramente esce dai gangheri. È gente minuta, ce ne sta molta in un quadro di vita quotidiana, otto o nove sull’ultimo sedile di un bus urbano, tre o perfino quattro in un letto d’ospedale, venti sul pavimento di un cella, migliaia nelle processioni del Venerdì Santo per...
 
Partenza il: 11/01/2005
Ritorno il: 27/01/2005
Viaggiatori: fino a 6

“La gente della mia Quito è imperterrita, paziente, aperta, raramente esce dai gangheri.

È gente minuta, ce ne sta molta in un quadro di vita quotidiana, otto o nove sull’ultimo sedile di un bus urbano, tre o perfino quattro in un letto d’ospedale, venti sul pavimento di un cella, migliaia nelle processioni del Venerdì Santo per le stradine strette.

L’Ecuador è un paese portatile, grande come un cappello di paglia, così piccolo che sta in qualunque cuore.” Iván Egüez

“Non ti innamorare di Isabela”… Quante volte Richar ha ripetuto questa frase durante le poche ore che abbiamo passato insieme! La prima volta l’ha detta dopo appena dieci minuti che ci conoscevamo, di fronte ad un piatto di pesce alla griglia e riso, alzando il suo bicchiere colmo di Pilsener al cielo per brindare al nostro arrivo.

Poi l’ha urlata di ritorno dal Volcan Sierra Negra, mentre i cavalli sbuffavano lanciati al galoppo e le felci che ci circondavano ringraziavano la pioggia caduta poche ore prima regalandoci il loro verde migliore, il più brillante.

Persino i leoni marini e le iguane di Las Tintoreras l’hanno sentito metterci in guardia di fronte al fascino della sua isola, l’isola che a poco a poco stava cercando di farci scoprire.

“Non ti innamorare di Isabela”: è stato questo il suo avvertimento quando il tramonto regalava alle palme in riva alla spiaggia una luce calda, intrigante ed il sole colava a picco nell’oceano, abbandonando i nostri corpi bagnati dopo una nuotata indimenticabile; il vento ha catturato il suo sussurro e l’ha portato lontano, chissà dove; forse fino alle stelle che stavano cominciando ad illuminarsi e che a notte fonda hanno ipnotizzato i nostri sguardi, mentre le onde del mare si infrangevano sulla battigia e da una casa a pochi metri dal molo giungevano le note smorzate di una chitarra, triste base di una voce ancora più triste… “Non ti innamorare di Isabela”… L’incredibile verità di cinque parole sentite troppe volte, ma mai veramente ascoltate, continua ad affacciarsi alla mia mente quando cammino sulla lunga spiaggia sabbiosa di Puerto Villamil poche ore prima che l’aereo decolli per trascinarmi via da questo Paradiso.

Sono le 7.00 del mattino.

Le onde dell’oceano portano verso di me un intenso profumo di salsedine mentre mi avvio verso il Muro delle Lacrime, decisa ad avvistare le sule dai piedi azzurri.

Le mille impronte che affollano la spiaggia cercano di raccontarmi la storia delle sue ultime ore… Lunghe strisce ondulate sono il segno che molte iguane marine questa notte hanno abbandonato gli scogli per rifugiarsi nel sottotetto di una casa dipinta di viola a pochi metri dal mare, per nulla spaventate dai tanti cani che devono aver vagato sotto le stelle dopo che le ultime luci del paese si sono spente. Le loro tracce confuse si mescolano con i piccoli segni lasciati dalle zampe scheletriche degli uccellini che dall’alba stanno percorrendo instancabili la battigia, in cerca di insetti, pronti a gettarsi verso il mare appena l’onda si ritira e a fuggire spaventati appena un’altra si avvicina minacciosa.

E naturalmente anche molti uomini sono passati di qui, a notte fonda oppure alle prime, tenui luci del mattino, a piedi oppure in bicicletta, ma, quando comincio a scorgere in lontananza le prime sule che si avviano verso il mare, conto appena quattro persone.

Una ragazza con qualche chilo di troppo sta correndo nella mia direzione, mentre un turista dall’aspetto nordico osserva come ipnotizzato il volo elegante di una fregata. Gli altri due uomini camminano in silenzio, proprio come me… E proprio come me staranno spaventando i piccoli granchi rossi che popolano la spiaggia, inducendoli a correre nei loro buchi scavati nella sabbia.

Che pace! Questo è davvero il luogo ideale per ripercorrere i primi giorni del nostro viaggio e per farsi prendere dalla malinconia al pensiero che tra breve questa sabbia che sto calpestando, il profumo di salsedine portato dalle onde e la leggera aria che fa volare in alto le nere fregate dovranno essere archiviati in un prezioso cassetto della memoria.

Mentre i richiami delle sule si fanno sempre più vicini, ritorno con la mente all’inizio del viaggio, all’aeroporto di Torino, a quello di Madrid e finalmente a quello di Quito, che ci accoglie con grandi vasi di rose di tutti i colori, il cui profumo ci inebria solo il tempo necessario per sbrigare le solite formalità doganali; appena usciti, infatti, è l’odore dei gas di scarico dei pullman e dei taxi a ricordarci che siamo giunti nella città più popolosa dell’Ecuador.

Fabio, il nostro accompagnatore, ci riconosce subito e ci saluta con un sorriso ed una vigorosa stretta di mano. Lui vive “a Galapagos” da dodici anni ormai, spinto prima dal volontariato, poi dall’amore ed infine dalla voglia di costruire qualcosa in questa terra che l’ha ammaliato e che gli ha permesso di cambiare vita, lasciandosi alle spalle la sua Aulla.

Caricati i bagagli sul pulmino, ci buttiamo in mezzo al traffico di Quito ed alle sue strade dalla forte pendenza, popolate di botteghe, venditori di biglietti della lotteria e cani, ed in breve tempo siamo a casa sua, dove a rimetterci in sesto dopo la “cena” offerta dall’Iberia ci penserà un rigenerante mate de coca sorseggiato insieme alla sua famiglia: la moglie Monica, professoressa di psicologia all’università di Quito, ed i suoi due figli, Simonetta e Piercito, che ci salutano con un solo bacio, come si usa qui.

Mentre l’acqua si scalda, Fabio ci accompagna sul balcone per ammirare dall’alto la collina illuminata e poi nel suo ufficio, dove il posto d’onore spetta al computer attraverso il quale ci siamo conosciuti… Naturalmente, fa un certo effetto riconoscere nelle foto appese alle pareti Isabella Rossellini e Russel Crowe abbracciati alla stessa persona con la quale stiamo scherzando in questo momento! Sorseggiamo il mate accanto all’albero di Natale che illumina il salotto – qui le decorazioni natalizie rallegrano le case fino alla fine di gennaio – e sono sufficienti pochi minuti per entrare in confidenza con questo toscano duro come il marmo e dalla simpatia diretta tipica della sua regione d’origine; ma la stanchezza del viaggio comincia ben presto a farsi sentire e così, salutata la famiglia di Fabio, raggiungiamo in breve tempo l’hotel Alameda Mercure, dove passeremo la nostra prima notte ecudoreña.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su baltra
    Diari di viaggio
    viaggio nella preistoria

    Viaggio nella preistoria

    6/11/2007 – 13/11/2007 SPRAZZI DI VITA ECUADORENA Questo è un viaggio nel tempo oltre che nello spazio. E' un viaggio che è difficile...

    Diari di viaggio
    in viaggio di nozze tra peru’ ecuador galapagos

    In viaggio di nozze tra peru’ ecuador galapagos

    alcuni consigli pratici, già ribaditi in parte dagli altri viaggiatori. Per quanto riguarda il Perù: - noi non abbiamo visitato per...

    Diari di viaggio
    ecuador e galapagos 2005

    Ecuador e galapagos 2005

    ECUADOR E LE GALAPAGOS (Claudio, Paola & Tommaso) L’Ecuador è un paese molto piacevole ed interessante da visitare, dalla costa...

    Diari di viaggio
    ecuador, mi amor eterno

    Ecuador, mi amor eterno

    “La gente della mia Quito è imperterrita, paziente, aperta, raramente esce dai gangheri. È gente minuta, ce ne sta molta in un quadro...