ecuador galapagos: un viaggio mille emozioni

Come ormai da qualche anno la meta delle nostre vacanze prende forma piano piano e così dopo aver passato in rassegna diversi continenti e altrettante ipotesi una sera butto lì la mia proposta: Ecuador e Galapagos. Il solito sconcerto iniziale ma non ci vuole molto affinché anche Andrea cominci ad appassionarsi al viaggio e così diamo il via...
 
Partenza il: 16/08/2009
Ritorno il: 04/09/2009
Viaggiatori: in coppia

Come ormai da qualche anno la meta delle nostre vacanze prende forma piano piano e così dopo aver passato in rassegna diversi continenti e altrettante ipotesi una sera butto lì la mia proposta: Ecuador e Galapagos. Il solito sconcerto iniziale ma non ci vuole molto affinché anche Andrea cominci ad appassionarsi al viaggio e così diamo il via ai preparativi, comincio a passare in rassegna i vari siti internet e il viaggio comincia a prendere forma.

I punti fermi del viaggio sono il trenino delle Ande, i coloratissimi mercati e ovviamente le Galapagos ma nelle mie ricerche mi imbatto nella possibilità di trascorrere alcune notti nella foresta amazzonica e l’idea mi conquista immediatamente così senza troppi ripensamenti inserisco anche questa tappa e via l’itinerario si compone e a fine marzo siamo pronti ad effettuare le varie prenotazioni.

Questo il nostro programma di viaggio: Quito – 3 notti Banos – 1 notte El puyo – 2 notti (foresta amazzonica) Banos – 2 notti Riobamba – 1 notte Cuenca – 1 notte Guayaquil – 1 notte Puerto Ayora – 5 notti Quito – 1 notte Abbiamo pernottato in hotel semplici, puliti e con acqua calda (per qualsiasi informazione chiedete pure).

Il cibo è stata una piacevole sorpresa molto riso pollo e pesce cucinati semplicemente e con piatti abbondanti ed economici dai 9 ai 20 dollari per un pasto completo per due persone un poco più care la Galapagos.

Clima essendo inverno meglio portarsi pile e felpe soprattutto visto le altitudine che si raggiungono, facile trovare cielo coperto in questa stagione anche alle isole Galapagos comunque temperature tra i 18 e i 25 gradi ottime per girare.

Il 16 agosto finalmente si parte l’emozione è davvero tanta è il nostro primo viaggio in Sud America e soprattutto non sappiamo cosa aspettarci dai giorni che trascorreremo in foresta amazzonica comunque alle sette e mezza del mattino del 17 agosto atterriamo all’aeroporto di Quito ed inizia il nostro viaggio.

Nei giorni trascorsi a Quito abbiamo visitato la città vecchia con le sue numerose chiese, la mitad du mundo sottoponendoci ai vari esperimenti proposti e ci siamo persi nelle vie piene di traffico e di gente abituandoci ai ritmi, ai colori e agli odori del paese.

Il secondo giorno siamo andati con un autista al mercato di Otavalo e rapiti dalla gentilezza dei negozianti, per nulla insistenti, ci siamo fatti trasportare in uno sfrenato shopping che ha cominciato ad appesantire i nostri bagagli ma immersi in quell’atmosfera cordiale non siamo riusciti a trattenerci. Soddisfatti dei nostri primi giorni lasciamo la capitale, la foresta ci aspetta ma prima di arrivare a destinazione abbiamo il tempo di fermarci al mercato di Saquisilì dove prima ci troviamo in mezzo a lama, mucche, pecore e maiali nel caratteristico mercato destinato alla loro compravendita e successivamente raggiunto il mercato artigianale proseguiamo nei nostri acquisti e fotografiamo increduli le bancarelle del pesce e della carne pensando alla normativa sull’igiene italiana.

I mercati ci hanno letteralmente rapiti, abbiamo avuto la possibilità di entrare in contatto con la popolazione andina che nonostante le notevoli difficoltà economiche nelle quali vive si è dimostrata estremamente gentile e dignitosa.

Si riparte per arrivare a Banos alle porte della foresta amazzonica e preparati gli zaini la mattina successiva si parte alla volta di Puyo dove ad attenderci troviamo Enrique la nostra guida, contattata precedentemente, infilati gli stivali in gomma e fatta un poco di spesa al mercato per i giorni a venire si parte per le capanne sotto un’acqua torrenziale pieni di un entusiasmo misto a terrore.

Quante volte ci eravamo immaginati il villaggio e finalmente dopo due ore di fuoristrada e qualche minuto di cammino siamo finalmente nel luogo che tanto ci attirava e preoccupava prima della partenza e… che dire… ce ne siamo innamorati.

Salutata la famiglia di Enrique e consumato un veloce pasto siamo pronti a partire per la nostra prima “passeggiata” nella foresta Fin da subito mi è chiaro che non sarà un gioco da ragazzi si cammina nel fango, si scivola facilmente e inoltre la strada è in salita mentre davanti a me Enrique si arrampica agevolmente senza il minimo segno di fatica io arranco nel fango rossa come un peperone e coperta di fango, ogni tanto inciampo e scivolo ma tengo duro e proseguo (dopo tutto ho proposto io la “gita” in foresta non posso arrendermi) e tra una fermata e l’altra riesco ad arrivare sana e salva al primo mirador dove una vista mozzafiato sul fiume mi ripaga di tutta la fatica.

Dopo un po’ di riposo siamo pronti a ripartire per il secondo mirador e mentre Enrique, durante il tragitto, si carica in spalla anche un bel tronco di legno che gli serve al villaggio io continuo ad arrancare e scivolare nel fango e mezza dolorante raggiungo anche la seconda tappa della passeggiata e dopo un lancio nel vuoto con la liana, che io passo riuscendo a malapena a reggermi in piedi, si riparte e sorpresa delle sorprese una fila di scalini ordinati, posti tra le coltivazioni del villaggio, ci conducono giù dalla montagna ma non ho neanche la forza di chiedere come mai non li abbiamo usati prima evitando almeno in parte la fangosa salita, proseguo imperterrita e contenta sono davvero in un posto fantastico, circondata da una natura rigogliosa e la fatica è ormai lontana.

Quasi convinta di essere arrivata alle capanne perdo per un attimo la concentrazione e subito sono costretta a chiedere aiuto, Enrique si gira pronto con il macete e mi chiede se ci sia un’anaconda ma io deve confessare di essermi “solo” impantanata nel fango non vado più ne avanti ne indietro, le gambe immerse nel fango fino all’altezza degli stivali in gomma (non oso immaginare se il fango vi fosse entrato) e tra una spinta e l’altra riescono a farmi uscire e riprendo il mio cammino verso casa.

Dopo una doccia e un po’ di riposo Enrique ci richiama all’ordine e con la nostra pila raggiungiamo la “sala ristorante” per una fantastica cena e per due chiacchiere in compagnia. La notte tanta temuta passa tranquilla e la mattina ci svegliamo con il rumore del fiume che scorre come sottofondo e pronti per affrontare un’altra intensa giornata che prevede passeggiata di circa cinque chilometri fino alla cascata Ola Vida con bagno e poi ritorno al villaggio in una traballante canoa di legno.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Ecuador
    Diari di viaggio
    alla scoperta dell'ecuador gioiello del sud america

    Alla scoperta dell’Ecuador gioiello del Sud America

    allo spiedo, prima dell’arrivo a Cuenca (2530 m) con breve giro nel centro sino alla piazza della cattedrale. Ottima sistemazione al...

    Diari di viaggio
    columpio en el cielo!

    Columpio en el cielo!

    9 Maggio 2019 (Milano-Quito) Fede deve andare a Quito per lavoro. Quale migliore occasione per prendere ferie e visitare questo piccolo...

    Diari di viaggio
    ecuador e galapagos 3

    Ecuador e Galapagos 3

    Giovedì 9 agosto 2018 - Non è stato facile organizzare questo viaggio in Ecuador a causa i costi elevati delle crociere alle Galapagos....

    Diari di viaggio
    galapagos: le isole che tutti sognano

    Galapagos: le isole che tutti sognano

    GUAYAQUIL-BALTRA-MOTONAVE LEGEND Sveglia all’alba per prendere il volo da Guayaquil (Ecuador) per le Galàpagos, un arcipelago di isole...

    Diari di viaggio
    galápagos fai da te

    Galápagos fai da te

    cerchiamo di stare attenti alle spese, ma anche di goderci la vacanza! Va bene risparmiare, ma se serve spendere qualche soldo in più per...

    Diari di viaggio
    tutti i colori dell’ecuador

    Tutti i colori dell’Ecuador

    Una meta che immagino sogni ogni viaggiatore amante della natura. L’Ecuador con la sua diversità riesce a offrire innumerevoli paesaggi...

    Diari di viaggio
    ecuador&galapagos

    Ecuador&Galapagos

    foto alle tante sule dai piedi azzurri che annidano anche qui. Molti sono anche i maschi che danzano per corteggiare le femmine. ...

    Diari di viaggio
    dai vulcani dell'ecuador al mare delle galapagos

    Dai vulcani dell’Ecuador al mare delle Galapagos

    GIOVEDì 9 GIUGNO Ancora una volta l’idea di vedere un vulcano in attività ci attira e se questo può succedere in Sud America, terra...

    Diari di viaggio
    capodanno tra ecuador, galapagos e bogotà

    Capodanno tra Ecuador, Galapagos e Bogotà

    Per il viaggio di fine anno la scelta questa volta cade sull’Ecuador e sulle sue mitiche Galapagos. Grazie a uno spostamento...

    Diari di viaggio
    le galapagos senza un mutuo

    Le Galapagos senza un mutuo

    Alcuni anni fa scrissi un reportage che spiegava come godere appieno di una meta di lusso come le Hawaii, senza dover necessariamente...