Dubai, fra tradizioni e modernità

Una città che unisce antico e moderno, natura e cemento
 
Partenza il: 19/04/2012
Ritorno il: 27/04/2012
Viaggiatori: 3
Spesa: 1000 €

Desideriamo il caldo, il mare, il sole, senza trascorrere troppe ore in aereo perché abbiamo un bimbo i 2 anni, quindi la scelta ricade su Dubai, non troppo lontana da noi e già con le temperature della nostra estate.

Partiamo da Roma il 19 Aprile alle ore 22:40, con la Qatar airlines, ottima compagnia, è previsto uno scalo a Doha. Arriviamo la mattina successiva alle 9:00. Il tempo è meraviglioso, noi indossiamo panni pesanti e non vediamo l’ora di cambiarci. Prendiamo un taxi e ci dirigiamo direttamente al Suha hotel apartments, dove abbiamo prenotato un appartamento, ottimo per la posizione e per i servizi. L’appartamento è disponibile solo nel primo pomeriggio, quindi ne approfittiamo per una passeggiata sulla Jumeirah road piena di negozi, hotel e ristoranti. Dopo aver preso possesso dell’ appartamento, indossiamo infradito e costume decisi a passare il pomeriggio in spiaggia con sabbia bianca fina e mare cristallino.

BURJ KHALIFA e DUBAI MALL

Il giorno successivo… la mattinata si passa in spiaggia, nel pomeriggio decidiamo di muoverci con la metropolitana per raggiungere il grattacielo più alto del mondo, il Burj Khalifa con i suoi 828 metri. Entriamo nel fantastico Dubai Mall (centro commerciale) proprio accanto al gigante, per acquistare i biglietti per la visita (al 124° piano del grattacielo c’è un osservatorio dove poter ammirare Dubai dall’alto), ma che delusione… è tutto pieno… è necessaria la prenotazione. Sfruttiamo “l’occasione” per farci un giro nel centro commerciale, lussuosissimo, sono presenti tutti i brend immaginabili (tra cui si evidenziano molte firme prestigiose italiane), magnifico, anche i bagni sono meravigliosi, con tanto di guardia davanti a quelli femminili. Fuori dal centro commerciale ci sono le Dancing Fountains, dove ogni ora si radunano centinaia di persone ad ammirare il loro spettacolo. Per la cena rimaniamo nel centro commerciale, ci sono così tanti ristoranti che abbiamo l’imbarazzo della scelta.

A SPASSO FRA BANCARELLE E GITA SUL FIUME

Il terzo giorno, mattina dedicata al mare, il tempo è splendido e non riusciamo a non farci un bel bagno nelle acque limpide di Dubai. Nel pomeriggio decidiamo di andare nella parte “vecchia” della città. Ci muoviamo con la metropolitana, partiamo dalla stazione Dubai marina (linea rossa), arriviamo alla stazione Khalid Bin Al Waleed, facciamo cambio con la linea verde per raggiungere la stazione Al Ghubaiba. Il viaggio in metropolitana, che è completamente automatizzata, ci ha consentito di ammirare la città dall’alto, infatti percorre per la maggior parte del tragitto su una sopraelevata. Il prezzo di andata e ritorno per 2 persone è di circa 7 euro. Per confezionare il biglietto è necessario comunicare la stazione di destinazione, infatti il prezzo varia in base alle tratte, ma non si deve fare molto affidamento su quanto dicono gli operatori… a noi avevano detto che la stazione Al Ghubaiba era chiusa, informazione non corrispondente alla realtà… era perfettamente aperta e funzionante!

Una volta arrivati a destinazione decidiamo di fare un giro della durata di circa un’ora, su un abra, sul fiume Dubai Creek, costo circa 26 euro a coppia. Il fiume è molto trafficato, si muovono tante ‘barche taxi’ piene di persone locali che le utilizzano per spostarsi da una parte all’altra della città, ma frequentate anche da molti turisti. E’ molto suggestivo.

Dopo scegliamo di andare a curiosare nei souk, in particolare quello delle spezie carico di odori e colori, e quello dell’ oro, che per come è esposto sembra quasi gratis. I venditori offrono la loro merce con grazia, la maggior parte di loro non è invadente. L’importante qui è contrattare per ogni cosa.

Per la cena rientriamo nella zona del nostro hotel, Jumeirah, e prediligiamo cibo messicano.

DESERTO

Il quarto giorno, capiamo che avremmo dedicato tutte le mattine alla spiaggia, il nostro bimbo si diverte tanto con la sabbia, le conchiglie e il mare.

Nel pomeriggio ci vengono a prendere alle 15:30 con una jeep per andare nel deserto degli Emirati. Escursione prenotata direttamente nell’albergo per circa 80 euro a testa (bimbo gratis). Siamo un po’ preoccupati per il nostro bambino, ci hanno detto che gli autisti hanno una guida notevolmente allegra. Mi sono raccomandata all’autista di non esagerare, lui mi ha guardato simpaticamente e mi ha fatto intendere cordialmente che ogni mio tentativo di raccomandazione sarebbe stato vano. Non eravamo soli, lì ci aspettavano un’altra dozzina di jeep. Dopo averci concesso qualche foto ed essersi sistemati le gomme dei fuoristrada (sgonfiandole per aumentare la presa con la sabbia), si parte per l’avventura, Tutte le jeep si allineano una dietro l’altra, seguendo un fuoristrada che fa da guida. Sembra di stare sulle montagne russe, salgono e scendono dalle dune come se stessero guidando una bicicletta. Questi salti durano circa un’oretta, durante la corsa sulle dune aggrappata alle maniglie della jeep guardo preoccupata mio figlio nel timore che si senta male, ma lui sorride e grida: mamma il vento! (si riferisce alla sabbia alzata dai pneumatici) e “Ancoa-ancoa!”, mi sento più serena, la folle corsa continua ancora e al termine mio figlio è un po’ provato. Ci fermiamo vicino a una sorta di villaggio, dove ci fanno fare il giro in cammello (pochi metri), si possono provare i quad o gli snowboard per scivolare sulla sabbia. Intanto si è fatta notte, la temperatura non è rigida come avevo letto da qualche parte, guardo la luna di cui si vede un piccolo spicchio, non sufficiente ad illuminare ed è meraviglioso vedere il buio nero del deserto.

All’interno della tenda ci aspetta la cena, tutti seduti su cuscini adagiati su tappeti direttamente sulla sabbia e al centro una pista con l’immancabile ballerina di danza del ventre.

Accanto a noi un’area dove è possibile “vestirsi da arabi” sia in versione lui che lei al fine di farsi ritrarre in foto da inviare agli amici. Idea molto simpatica.

Dopo la cena, rigorosamente araba e gustosa, ci riportano in hotel (con qualche ultimo salto e sgommata finale).

MADINAT JUMEIRAH

Il quinto giorno, sempre nel pomeriggio, decidiamo di andare a fotografare quello che ormai è diventato il simbolo di Dubai, l’hotel Buri Al Arab. Questa volta prendiamo un taxi, con circa 6 euro arriviamo proprio davanti al Madinat Jumeirah. Si tratta di uno stravagante complesso turistico che comprende due lussuosi alberghi, una riproduzione di un bazar arabo, torri del vento, scalinate, canali nei quali navigano i cosiddetti Abra, un anfiteatro, souk. Ci sono diversi cafè e ristoranti che si affacciano sul fiume. Molto suggestivo. Iniziamo a girovagare all’interno del villaggio, ammirando soprattutto i negozi, uno in particolare di arredamento e oggettistica per la casa, con prodotti meravigliosi.

Guarda la gallery
cultura-wqpnk

Burj Al Arab

cultura-k9zha

Madinat Jumeirah

cultura-njs2p

Moschea a Bastikiya

cultura-r6kxw

Burj Khalifa

cultura-ydy8a

Bastikiya

cultura-p4zbm

Vista da Dubai Creek

cultura-87b3v

La stazione della metropolitana

cultura-b5zhd

Deserto

cultura-hs36m

Madinat Jumeirah

cultura-m6rpr

Vista dal Dubai Creek

cultura-twvdd

Grattacieli



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Dubai
    Diari di viaggio
    una settimana a dubai a capodanno

    Una settimana a Dubai a Capodanno

    Fare Capodanno a Dubai è un’ottima scelta, un assaggio di estate nel pieno dell’inverno europeo.Prima di optare per questa...

    Diari di viaggio
    la dubai che non ti aspetti

    La Dubai che non ti aspetti

    “Ora devi aggiungere gli Emirati” cosí mi hanno scritto, finendo di leggere il mio Diario di viaggio. L'ho preso come un invito e in...

    Diari di viaggio
    cinque giorni a dubai

    Cinque giorni a Dubai

    Questo è dedicato a tutte quelle persone che tutte le volte mi dicono "Si ma non ho soldi per venire a Dubai costa troppo".Parto...

    Diari di viaggio
    dubai gold

    Dubai Gold

    1°g sab 16 ottobre - Volo Milano-Dubai Volo Emirates Milano-Dubai con partenza alle ore 14.45 e arrivo alle ore 22.50.Preleviamo...

    Diari di viaggio
    1 settimana a dubai

    1 settimana a Dubai

    Giorno 1: Marzo 2020, è appena scoppiata la pandemia Corona Virus in Italia ma ancora non hanno imposto nessuna restrizione a livello...

    Diari di viaggio
    una settimana a dubai 2

    Una settimana a Dubai 2

    Abbiamo prenotato a dicembre volo Emirates + Hotel Rove Downtown - pernottamento e colazione - con Expedia, risparmiando quasi 400,00....

    Diari di viaggio
    crociera emirati e oman

    Crociera Emirati e Oman

    Da qualche anno abbiamo iniziato ad inserire tra le varie tipologie di viaggio ogni tanto una crociera. Dopo averci provato, abbiamo vinto...

    Diari di viaggio
    cruise emirates, in crociera in inverno!

    Cruise Emirates, in crociera in inverno!

    Mai come questa volta la nave (Costa Diadema, per la cronaca, classe 2014, made in Marghera) è stata solo un mezzo di trasporto tra un...

    Diari di viaggio
    emirati arabi ed oman da nord a sud a natale: 2.700 km in 4x4, in autonomia, uno spettacolo!

    Emirati Arabi ed Oman da nord a sud a Natale: 2.700 km in 4×4, in autonomia, uno spettacolo!

    con l’impiegato siamo andati al parcheggio, l’auto è diventata una Suzuki Grand Vitara. Stanchi del lungo trasferimento da Dubai,...

    Diari di viaggio
    sudafrica e dubai: in viaggio tra estate e inverno

    Sudafrica e Dubai: in viaggio tra estate e inverno

    Anche se avevamo visitato Egitto, Tunisia e Marocco una vera vacanza “africana” non l’avevamo mai fatta. Per questa nostra prima...

    Video Itinerari