Dieci giorni fra mare e barocco

Giorno 1 si parte da Firenze per Borgo Cardigliano (circa 50 km a sud di Lecce) 907 chilometri secondo la Michelin. Il Borgo ci accoglie nel tardo pomeriggio in una quiete un po’ surreale, che permane per gli altri giorni, nonostante il parcheggio e a sala colazione mostrino tracce di vita l’atmosfera è di calma totale. Lo consiglio a...
Partenza il: 10/07/2008
Ritorno il: 20/07/2008
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Giorno 1 si parte da Firenze per Borgo Cardigliano (circa 50 km a sud di Lecce) 907 chilometri secondo la Michelin.

Il Borgo ci accoglie nel tardo pomeriggio in una quiete un po’ surreale, che permane per gli altri giorni, nonostante il parcheggio e a sala colazione mostrino tracce di vita l’atmosfera è di calma totale. Lo consiglio a coppie e a chi ha un auto, e vuole fare base per spostarsi in varie località. La piscina è meravigliosa, i cellulari prendono malissimo, le stanze sono spaziose anche se la nostra era un po’ buia e dappertutto ci sono tovaglie in finto broccato (sighhhhhhhh!!!) Per un pasto scegliamo Specchia, borgo suggestivo classificato tra i più belli d’Italia e raggiunta la piazza principale ci accomodiamo alla Bettola Carne ottima, porzione oltre l’abbondante, prezzi onestissimi. 2 giorno Necessitiamo una familiarizzazione col mare e un giorno di sano riposo per riprenderci dal viaggio. Scegliamo la spiaggia di Maldive (la parte attrezzata ma c’è anche spiaggia libera a volontà. Essendo molto famosa è anche affollata. Spiaggia di sabbia e acqua davvero cristallina. Per arrivare olivete e paesaggio abbastanza piatto. Sulla via del ritorno sosta a Presicce, grazioso pase di cui visitiamo la chiesa e in cui si possono vistare anche i famosi frantoi ipogei. Cena auto preparata dopo la spesa al supermercato con deviazione in un campo di ulivi causa strada interrotta (due signori gentilissimi ci hanno guidato in salvo) 3 giorno Andiamo alla scoperta di Otranto, che promette di essere uno dei punti clou. Restiamo abbastanza deluse sia dall’ufficio turistico che è come molti carente, e dal personale non proprio collaborativo. La cattedrale è bellissima ma ricorderò sempre con un sussulto le orride sedie sul mosaico del 1000. (se poi penso ai tacchi sul mosaico anche peggio), cerchiamo di orientarci con la guida e di guardare almeno la parte libera e la famosa cappella dei Martiri di Otranto (assaliti dai turchi nel 1480, abbandonati dai rinforzi e massacrati). Aseguire passeggiata per le strade e i vicoli, zeppi di negozietti e bar. Ci hanno detto che c’è molta vita notturna, ma non sperimentiamo e riprendiamo la nostra macchina per fare un po’ di lungomare, che qui sul versante adriatico è pieno di scorci a picco sul mare, rientriamo a Cardigliano e sguazziamo nella piscina dell’albergo. A ora di cena ci dirigiamo verso la Sagra paesana a Scorrano, dove ceniamo con circa 5 euro, la varietà dei piatti è limitata e anche nelle altre sagre si trova spesso la carne di cavallo (pezzetto) e wurstel, pizza ovvero una focaccia con le verdure. La convenienza è assicurata! 4 giorno Andiamo a Santa Cesarea Terme, affascinate anche dalla moresca Villa Sticchi, che però è privata. Le terme sono per le cure termali e accanto ci sono due stabilimenti balneari che tramite scale, scalette e terrazze arrivano a mare, offrendo anche la piscina fetida (ovvero temale!). Ne scegliamo uno per stare a guazzo e dopo pranzo scegliamo di continuare a perlustrare il lungomare arrivando fino al capo di Leuca, dominato dal Santurio, molto frequentato perché pare che la visita garantisca un posto in paradiso!A cena a Tricase al ristorante La Bolina, un vero spettacolo sia la posizione sia soprattutto il cibo antipasto:fritto di pesce e verdure- paccheri ricotta e cozze- gamberoni di gallipoli con frittatina di ceci e mousse frutta, pastiera scomposta: ogni piatto un emozione, conto medio alto ma meritatissimo! 5 giorno Partiamo alla volta di Galatina, che si rivela uno dei clou del viaggio, sia per i meravigliosi palazzi sia per la chiesa di Santa Caterina e per i suoi bellissimi affreschi,a volte un po’ macabri ma davvero meravigliosi! La giornata prosegue sull’affollata spiaggia di Torre dell’orso. Rientro alla base e relax 6 giorno Relax in piscina e partenza per Gallipoli, dove la città vecchia ci accoglie battuta da un maestrale fortissimo ma impavide visitiamo Duomo, vie viuzze, oratori, chiesa di San Francesco (dove la bravissima volontaria ci fa una spiegazione coi fiocchi (purtroppo la chiesa della Purità è chiusa per restauri9, al contrario al frantoio ipogeo la ragazza è evidentemente esaurita. Cena al Portolano che sconsiglio per due motivi: dove il proprietario non ci fa scegliere nulla, ci propina un misto di antipasti e gnocchi alla pescatora, si intasca 25 euro a cranio senza ricevuta. Sicuramente auguro ad altri maggior fortuna! 7 giorno Approfittando del maestrale che soffia visitiamo Lecce, meravigliosa città piene di chiese e monumenti. Gli orari richiedono un po’ di pianificazione ma fortunatamente riusciamo a incastrare la visita alle chiese principali. (santa croce – duomo- teatini- e a girovagare per le strade a scoprire dettagli e botteghe. Al ritorno ci dirigiamo ad Andrano per la sagra delle spighe: finalmente oltre a un ottimo piatto di pasta casalinga (euro 2 e 50) ascoltiamo un vero gruppo di pizzica- taranta. Gli ariantica sono 16 elementi ( e non ragazzini) che cantano e ballano con grande energia scatenando bambini e genitori ! Purtroppo la giornata è stata lunga e ci ritiriamo a ronfare.


Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo

Fuerteventura: due settimane di primavera a Novembre

Nonostante la pandemia Covid, in ambito europeo ci si può muovere sia pure con qualche...

Festival degli aquiloni

festival degli aquiloni

Patrizio Roversi e Chef Hiro

Slow Tour Padano, 6 puntata: passato e futuro

Nella sesta ed ultima puntata di Slow Tour Padano, in onda sabato 4 dicembre alle 15.35...

Leggi i Diari di viaggio su Italia
Diari di viaggio

Fuga di fine estate in Valsugana

Amo camminare e scoprire mete diverse, le temperature africane hanno allentato un pò la presa e quindi parto da Milano Centrale alla volta...

Diari di viaggio

Salento Ionico

Giorno 1 Siamo partiti da Brindisi in due la mattina del 18 agosto e dopo 2 ore di auto (100 km) siamo arrivati a Torre San Giovanni...

Diari di viaggio

LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno. Pedaliamo fino alla...

Diari di viaggio

MARCHE A TUTTO TONDO!

Finalmente come ogni anno le nostre solite ferie settembrine stanno per arrivare, cosi insieme a mia moglie e la nostra piccola Azzurra...

Diari di viaggio

Presepe vivente a Civita di Bagnoregio

Domenica 5 gennaio 2020 La destinazione della nostra gita è Civita di Bagnoregio. In questa giornata, vigilia...

Diari di viaggio

SPRING BREAK SICULO

DAY 0 – LUN 23/04/2018 Reduci dai bagordi dell’indimenticabile weekend a Malta per il matrimonio del caro amico Beppe, atterriamo verso...

Diari di viaggio
Mazara del Vallo la città del muezzin e del suono delle campane

Mazara del Vallo

Mazara del Vallo è davvero una di quelle città che non ti aspetti, un crogiolo di Italia e Africa del nord che vive in perfetto...

Diari di viaggio
Oristano - Basilica Santa Giusta

IN SARDEGNA TRA STORIA E NATURA

Sabato 11 maggio Dal ponte scoperto del traghetto Nuraghes della Tirrenia, partito da Genova alle 20,30 della sera precedente,...

Diari di viaggio

Siena, Val d’Orcia, Pisa e Lucca

Viaggio praticamente last-minute, organizzato nella pausa di libertà del lockdown; insomma, da pronti e via!! 1° giorno Giovedì 27...

Diari di viaggio

Brescia, Leonessa d’Italia

Io vivo in provincia di Brescia e mi ero da tempo ripromesso di fare il turista nella mia città e di visitarla con occhi diversi,...