Diario del Costarica 2011

Diario del nostro viaggio in Costarica Centrale e Costa Caraibica
 
Partenza il: 18/02/2011
Ritorno il: 06/03/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Eccoci qui a raccontare della nostra fantastica esperienza di viaggio in Costa Rica

Partenza Premuniti di opportuna Lonely Planet acquistata giorni prima, partiamo da Roma alle 8 del mattino, sveglia alle 4.30…) e dopo uno scalo a Madrid e poi a Panama (dove aspettiamo più di 3 ore in quanto l’aereo proveniente da Madrid ha ritardato di quasi un’ora…) riusciamo dopo “sole” 20 ore di viaggio, alle 21 ora locali (le 4 del mattino in Italia..), a raggiungere l’aeroporto internazionale Juan Santamaria di San Jose. Arrivati lì, dopo le veloci pratiche di dogana, prendiamo un taxi arancione (quelli ufficiali e consigliati) e andiamo verso il nostro piccolo alberghetto ad Alajuela (Hotel Trotamundos che in spagnolo significa girovago) dove passiamo la nostra prima notte in Costa Rica. L’albergo non ci entusiasma, almeno la prima notte di permanenza in Costa Rica…poi ci abitueremo agli “standard” delle Cabinas (alberghetti simili agli hostal spagnoli) sparse per tutto il paese. La stanza è piccola, spartana, un po’ rumorosa per i rumori provenienti dalla strada ma sostanzialmente pulita, essenziale ed economica (35 dollari a notte). L’acqua calda, come in molti altri posti, è presente solo nel vano doccia e non è altro che un “riscaldatore” elettrico d’acqua presente nel telefono doccia. Giorno 1 – Santa Elena Ovviamente il fuso orario, nonostante le poche ore di sonno, ci fa svegliare presto e poiché la colazione fai-da-te dell’albergo non ci soddisfa usciamo a cercare qualcosa di meglio ma alle 8 del mattino è tutto chiuso. Quindi aspettiamo il taxi che ci porterà al ristorante Calalù (a circa 15 km) dove prenderemo il primo shuttle-bus che ci porterà a Santa Elena/Monteverde, prima tappa del nostro viaggio. Al ristorante Calalù finalmente facciamo la nostra prima colazione Costaricense a base di gallo pinto (riso e fagioli) e uova picados (strapazzate). Poi arriva il nostro Shuttle, un minibus con 9 posti, e partiamo. La strada fino a Puntarenas (sul Pacifico), la famosa Interamericana, è buona con tratti autostradali (ad una sola corsia e solo in alcuni tratti a doppia corsia …) e ci fa sorridere lo stop al casello per il pagamento del pedaggio : non c’è una sbarra ma è la casellante addetta al pagamento che espone il cartello di Stop (ALTO) per fermare l’auto. Dopo aver preso lo svincolo per Juntas l’autobus imbocca una strada sterrata che comincia a salire. Solo dopo un po’ ci rendiamo conto che i 20 km rimanenti fino a Santa Elena/Monteverde saranno tutti così. La strada in alcuni tratti è quasi impraticabile e i sobbalzi ci ricordano qualche attrazione del Luna Park. Attorno piccole case sparse di agricoltori e/o allevatori e ogni tanto una scuola in prefabbricato, ma tutto molto ordinato e pulito. Scansiamo sulla strada anche un’iguana che la attraversa. Finalmente dopo 4 ore di viaggio di cui una ballando, arriviamo al nostro albergo Casa Tranquilo, anche questo modesto ma pulito e accogliente. Qui il giovane proprietario ci dà dei consigli sulle escursioni da fare e in pratica scegliamo di fare il Don Juan Coffe Tour nel pomeriggio e l’escursione guidata notturna nella foresta Santamaria. Il Don Juan Coffe Tour è stato molto interessante perché ci ha permesso di scoprire il processo di produzione del caffè dalla raccolta alla tostatura e le varie qualità di caffè tra cui la più aromatica e intensa è quella marrone chiara mentre quella scura è la più forte. Conosciamo anche il vecchio proprietario della fazenda, il “vero” Don Juan. All’interno della fazenda ci fa sorridere la presenza, quasi come un oggetto prezioso, di una moka napoletana. Dopo il Don Juan Coffe Tour arriviamo al Santamaria per l’escursione notturna nella foresta. Ci dotano di torcia e intanto il freddo e una pioggia fine cominciano a farsi sentire. Grazie alla guida scorgiamo tra gli alberi una famiglia di perezosos (bradipi), qualche tarantola nascosta nella tana, molti insetti, una famiglia di procioni (forse…) che attraversano il nostro sentiero, un serpente e una miriade di formiche rosse intente a costruire il formicaio. La sera torniamo a riposare ma non ci aspettavamo un vento così forte e soprattutto un freddo pungente. Sembra assurdo ma dormiamo in un paese tropicale con doppia coperta.

Giorno 2 – Monteverde Pronti per l’escursione al parco naturale di Monteverde con guida privata arriviamo all’entrata del parco in taxi e lì ci aspetta la nostra guida. Facciamo una buona colazione al bar del Parco e finalmente iniziamo il nostro tour. La nostra guida ci precede col suo binocolo professionale iniziando a spiegarci la differenza tra bosque primario e bosque secondario e dandoci qualche informazione sulla flora presente e sulla fauna che potremmo incontrare. L’atmosfera è fantastica. Si sentono solo i suoni degli animali e i nostri passi, oltre a quelli di altri gruppi di escursionisti. L’umidità e la pioggia fine ci accompagnano per tutta l’escursione. Riusciamo a vedere un pavo (black guan) , qualche Mono araña (scimmia ragno), colibrì e, fortunatissimi, anche un bellissimo quetzal. La guida ci racconta che poco tempo prima era stato lì per 3 giorni consecutivi il principe del Giappone con l’intenzione di vedere un quetzal e che non c’era riuscito. Sarà una leggenda? Comunque se non lo fosse siamo stati sicuramente più fortunati di lui. Riusciamo anche a intravedere un tucano ma non proprio da vicino. Ci colpisce la grande capacità visiva e auditiva delle guide che riescono a scorgere animali dove il nostro occhio ed il nostro orecchio non riescono ad arrivare… Torniamo a Casa Tranquilo e rifacciamo le valigie pronti per arrivare a La Fortuna (Arenal) tramite il famoso jeep-boat-jeep. In effetti non si tratta di un vero jeep-boat-jeep quanto di un minibus-boat-minibus…il primo minibus ci porta, percorrendo per 2 ore strade sconnesse in salite e discese ripide, all’imbarco sul lago Arenal dove ci attende una imbarcazione con circa 18 posti che ci porta all’altra sponda del lago dove ci attende un altro minibus che ci accompagna direttamente al nostro albergo (l’unico VERO albergo del nostro viaggio…) Vista del Cerro. L’albergo è accogliente, pulito anche se non è nella città di La Fortuna. Ma poi ci renderemo conto che non è un male perché lì vicino ci sono delle soda (tipici piccoli ristorantini del Costarica) veramente convenienti e ottime. Il pomeriggio prenotiamo in albergo (55 $) il tour del giorno successivo al vulcano Arenal con successive terme Baldi e cena a buffet. La sera con un taxi andiamo a cenare alla Soda La parada proprio al centro del paese. Niente di eccezionale.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su cahuita
    Diari di viaggio
    immersi nella natura di panama e costarica

    Immersi nella natura di Panama e Costarica

    10 Agosto bologna\Francoforte\panama city Arrivo a Panama City nel tardo pomeriggio Transfert a 35 dollari organizzato dall’albergo...

    Diari di viaggio
    costa rica: fauna & flora del mar caraibico e del pacifico ai maestosi vulcani

    Costa Rica: fauna & flora del mar caraibico e del Pacifico ai maestosi vulcani

    INTRODUZIONE Per chi ama la natura, gli animali, le piante, l’avventura, i luoghi naturali affascinanti unici al mondo, il buon cibo...

    Diari di viaggio
    panama e costa rica, pura vida

    Panama e Costa Rica, pura vida

    5 marzo 2014: PARTENZA La parte che eviterei volentieri nelle vacanze sono le attese in aeroporto....oggi ci toccano 2 ore di attesa in...

    Diari di viaggio
    costa rica in libertà 2

    Costa Rica in libertà 2

    Quest'anno decidiamo di prenotare e organizzare il nostro viaggio da soli, senza l'aiuto dell'agenzia di viaggio, così scegliamo una...

    Diari di viaggio
    costa rica, mucho gusto e costo

    Costa Rica, mucho gusto e costo

    Un paese sicuramente non adatto a chi ha paura degli insetti, dei rettili, degli anfibi, degli uccelli (di volatili ce ne sono 850...

    Diario del Costarica 2011

    Eccoci qui a raccontare della nostra fantastica esperienza di viaggio in Costa Rica Partenza Premuniti di opportuna Lonely Planet...

    Diari di viaggio
    costarica es muy diferiente

    Costarica es muy Diferiente

    Partenza da Roma alla volta di Madrid con volo iberia ore 8.00, scalo al modernissimo aeroporto della capitale, e partenza alla volta di...