Diario de Mallorca

Maiorca: un viaggio alla scoperta di panorami mozzafiato, girando un'isola che resta nel cuore
Scritto da: marzia-puvi
diario de mallorca
Partenza il: 08/08/2018
Ritorno il: 15/08/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

La motivazione principale per cui ho deciso di scrivere questo articolo è stata data dal fatto che, prima di incominciare questa avventura, non sono riuscita a trovare nessun sito che desse consigli reali su come sfruttare al meglio una settimana di vacanza in questa splendida isola.

Non sono sicura di essere riuscita, giorno per giorno, a vivere al meglio questa esperienza, ma spero che con questo itinerario di viaggio chiunque lo legga possa organizzarsi adeguatamente, sfruttando i miei consigli o magari evitando qualcosa che per lui potrebbe non essere adatto.

Ci tengo a precisare che lo scopo principale di questa vacanza, per me ed il mio ragazzo, era quello di vedere più cose possibili sfruttando al meglio i tempi. Mi sembra giusto precisare che non è un itinerario, ovviamente, adatto a famiglie con bambini piccoli o a ragazzi che vogliono semplicemente fare serata.

Essendo giovani abbiamo cercato di sfruttare a meglio i pochi fondi a disposizione, di conseguenza abbiamo prenotato un volo serale, ed un hotel per 7 notti ad El Arenal con la mezza pensione.

El Arenal dista a circa mezz’ora di autobus da Palma di Maiorca e può essere un’ottima soluzione, visti i prezzi più bassi e la vita notturna movimentata per chi voglia divertirsi e bere qualcosa anche la sera. La mezza pensione, invece, come ogni cosa ha i suoi pro e contro. I prezzi per mangiare erano molto alti, di conseguenza potendo cenare in hotel siamo riusciti a risparmiare qualche soldo, ma ovviamente così si riduceva il possibile tempo in spiaggia.

Per la nostra avventura abbiamo deciso di muoverci tramite gli autobus e a piedi quando possibile, in ogni caso a partire dall’aeroporto fino alle città sono presenti numerosi autonoleggi. Probabilmente il prezzo finale sarebbe stato minore rispetto a quello degli autobus, ma nel nostro caso, avendo meno di 25 anni, sarebbe stata applicata una tassa eccessiva che ci avrebbe fatto spendere troppi soldi.

Starà poi a voi scegliere cosa preferite.

Da qui ha inizio il nostro viaggio.

GIORNO 1: PALMA DI MAIORCA

Per un ritardo del volo siamo riusciti a raggiungere l’hotel soltanto alle 2 di notte, di conseguenza il mattino dopo abbiamo deciso di evitare lunghi viaggi per le spiagge, diventando così dei veri e propri turisti.

La mattinata abbiamo deciso di passarla in giro per la spiaggia di El Arenal, la quale abbiamo scoperto piena di vita e di ragazzi. Sul lungomare sono presenti tantissimi negozi di souvenir e bar, dove è possibile mangiare un’ottima Paella.

Nel primo pomeriggio, vogliosi di scoprire questo splendido posto, abbiamo deciso di prendere l’autobus verso Palma di Maiorca. Dalla nostra posizione erano presenti diversi autobus per poter andare verso la città, ma il più consigliato è il numero 23 (il quale porta direttamente il Piazza di Spagna in mezz’ora, al prezzo di 1,50 euro, e passa circa ogni 20 minuti). Esistono, inoltre, gli autobus 15-25-31 che portano a Palma città, ma questi li sconsiglio visto che effettuano numerose fermate passando per il lungomare, rischiando di raddoppiare di conseguenza i tempi d’arrivo.

Arrivati in Piazza di Spagna, dopo aver visto qualche negozio e il centro, ci siamo incamminati verso il lungomare (circa 20 minuti a piedi), dove è presente la maestosa Cattedrale. Qui vi consiglio di prendervi qualche minuto per ammirare la vista, semplicemente spettacolare.

Successivamente abbiamo deciso di visitare la Cattedrale, il cui costo del biglietto è di 7 euro a persona (che comprende l’ingresso alla Cattedrale di Palma e al Museo della Diocesi). Fidatevi, è da vedere assolutamente. Fuori è bellissima, ma dentro lascia senza fiato.

Finita la visita, dopo circa un’oretta, ci siamo incamminati tra le vie della città, trovando così i Bagni Arabi. Incuriositi da come fossero siamo entrati, spendendo 2,50 euro a testa per il biglietto, rimanendo, lo ammetto, un pochino delusi. Probabilmente non è il modo migliore con cui avrei speso quei soldi, ma nel caso abbiate dietro dei panini è sicuramente un posto molto tranquillo nel quale fare un pranzo al sacco.

Infine, sulla strada vicino alla Cattedrale, che riporta a Piazza di Spagna, abbiamo ripreso l’autobus per ritornare ad El Arenal. Stanchi ma contenti, con 22mila passi contati dal cellulare.

GIORNO 2: PLAYA DE ES TRENC

Il secondo giorno, ovviamente, era d’obbligo dedicarlo a una spiaggia. Grazie al consiglio dei dipendenti dell’hotel in cui alloggiavamo abbiamo deciso di passare la giornata a Playa de es Trenc. Beh, che dire. WOW. Da El Arenal, al prezzo di 4 euro a persona, ci è stato possibile raggiungere questa bellissima spiaggia in circa un’ora con l’autobus n° 530 (con un cambio autobus dopo 40min di viaggio). Questa spiaggia è composta da sabbia chiarissima ed è lunga circa 2km, con un mare che somiglia ad una gigantesca piscina. Forse l’acqua più bella di tutta la vacanza.

GIORNO 3: COLONIA DE SANT JORDI

Il terzo giorno, ancora vogliosi di vedere delle spiagge, abbiamo deciso di andare leggermente più a sud rispetto ad Es Trenc, prendendo l’autobus n° 502 che, partendo da El Arenal, ci ha portati in circa un’ora alla spiaggia al prezzo di 4,55 euro a testa. Anche qui, ovviamene il mare era meraviglioso. L’unica pecca di molte spiagge è che sono presenti pochissimi bar (senza posti all’ombra), di conseguenza vi consiglio fin da subito di comprarvi un ombrellone.

GIORNO 4: PASSEGGIATA CALA BLAVA + PLAYA DE PALMA

Ustionati dai giorni precedenti il quarto giorno abbiamo deciso di preferire un bel panorama rispetto al sole cuocente della spiaggia. Partendo da El Arenal è possibile arrivare a Cala Blava percorrendo una lunghissima pista ciclabile che affianca la costa. Avendo deciso di effettuarla a piedi abbiamo raggiunto la nostra destinazione dopo circa due ore di camminata, fermandoci però a goderci il panorama e ad effettuare diverse foto. Nonostante il caldo credo che lo rifarei altre mille volte.

Raggiunta la destinazione, e dopo esserci bagnati i piedi stanchi lungo le calette scogliose presenti abbiamo preso l’autobus n° 23 per poter ritornare al nostro hotel. Dopo una breve sosta, non contenti della breve camminata, abbiamo percorso il lungo mare nella direzione opposta, raggiungendo così Playa de Palma. Questa è semplicemente il prolungamento della spiaggia di El Arenal, di conseguenza troverete molta gente e acqua pulita ma non trasparente. Probabilmente in un solo giorno fare due camminate in direzioni opposte non è stato molto furbo, ma così abbiamo imparato che dovevamo organizzare in anticipo la giornata, senza lasciarla al caso la mattina stessa.

Guarda la gallery
maiorca-hgaad

Cattedrale-Palma di Maiorca

maiorca-xvytv

Playa De Es Trenc

maiorca-durr5

Cala Blava

maiorca-khvzj

Playa De Es Trenc

maiorca-93h3s

Playa De Es Trenc

maiorca-5ww24

Playa De Muro



    Commenti

    Lascia un commento

    Baleari: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari