Dalle città coloniali al Nordest passando da Noronha

Rio, Minas Gerais, Olinda e Noronha con tre bambini al seguito
 
Partenza il: 28/07/2012
Ritorno il: 19/08/2012
Viaggiatori: 5
Spesa: 3000 €

Siamo già stati in Brasile nel 2009 con i nostri 3 figli e ci è rimasta nel cuore la allegria di questo popolo e la bellezza della natura, cosi abbiamo deciso di tornare a Rio, che avevamo già visitato, e di visitare delle mete che non avevamo potuto raggiungere la scorsa volta, ma di cui ci avevano parlato benissimo i brasiliani conosciuti durante il primo viaggio.

28 luglio

Volo Roma-Rio de Janeiro. Comodissimo il volo alle 22.30. In volo pochi italiani e tanti brasiliani.

29 luglio

Arrivo in anticipo a Rio verso le 5 del mattino; prendiamo un taxi con coopertramo (costo 105 real) e alle 5.50 siamo già all’hotel E’ ancora buio e le stanze non sono pronte ma noi ci cambiamo nel bagno dell’ hotel e all’alba siamo già ad Ipanema in spiaggia. Ci rechiamo all’Arpoador, punto di ritrovo dei surfisti: c’è una gara e vediamo spuntare surfisti da tutte le parti, ancorché siano ancora le sette del mattino. I bambini sono esaltati! E anche loro iniziano a cavalcare le onde a modo loro. E’ domenica e il lungomare di Ipanema è chiuso al traffico e pieno di runner, pattinatori, skateboarder, biker e famiglie con passeggini. Un must è bere l’acqua di cocco alle cabanas e così proviamo anche noi. Pranzo con crepe di tapioca e churros al cioccolato; giro per un mercato hippy della domenica, riposino pomeridiano e tramonto al pan di zucchero e cena al Porcao Rio’s, ottima e panoramica churrascheria.

30 luglio

Manuela fa una corsa all’alba a Ipanema: il lungomare è pieno di runner di tutte le età e sulla spiaggia il comune di Rio organizza persino lezioni di ginnastica per la terza età. Qui lo sport fa parte della cultura nazionale: bellissimo! Poi colazione e relax a Ipanema. In spiaggia facciamo merenda con i “globo”, dei biscotti leggeri, tipicamente carioca, salati o dolci, che vengono trasportati in enormi sacchi per essere venduti in spiaggia. In effetti in spiaggia vendono di tutto: splendidi costumi, parei, bijou vari e gelati.

Ad Ipanema compriamo i biglietti per l’autobus per Tiradentes e cambiamo i soldi (tasso: 100 euro = 250 real).

Pomeriggio al giardino botanico e cena alla storica Garota de Ipanema, luogo di nascita della bossa nova.

31 luglio

All’alba si prende il taxi per la Rodoviaria efficientissima stazione da cui partono bus per tutto il Brasile. La nostra compagnia di bus è la Paraibunas e l’autobus è nuovissimo e molto confortevole; la nostra destinazione e’ Tiradentes dove arriviamo alle 12,00 dopo circa 5 ore dalla partenza, attraversando delle montagne bellissime a ridosso di Rio e facendo una lunga pausa ad una stazione di servizio lungo la strada.

Prendiamo un taxi e arriviamo alla pousada Arraial Velho. Siamo tutti e 5 (2 adulti e tre bambini di 6, 10 e 12 anni) in una stanza molto carina e ci accoglie la simpaticissima Cleo. Facciamo subito un giretto per Tiradentes citta’ deliziosa, tutta lastricata di pietra e piena di negozi di antiquariato e artigianato. La citta’ e’ semideserta e pare che viva solo il fine settimana quando si popola di ricchi brasiliani, attirati dai bei negozi di antiquariato e dalla buona cucina (la città è sede di un famoso festival gastronomico,ospita numerose trasmissioni televisive con temi gourmet ed è ricca di ristoranti). In effetti e’ tutto tirato a lucido e piuttosto caro. Facciamo pranzo a Quinta de Ouro,self service, semplice ma di sostanza, dove si paga a chilo e proviamo la cucina “miniera” (ossia tipica dello stato del Minas Gerais), piuttosto pesante ma saporita, a base di fagioli, farina di manioca, polli e verdura: Gustiamo il piatto chiamato “ora pro nobis”, a base di verdura. Il pomeriggio lo trascorriamo alla nostra pousada dove viene offerto il “cha da tarde”, ossia il tè del pomeriggio e giochiamo a carte a burraco.

1 agosto

Colazione fantastica con torte fatte in casa, pan de queso appena sfornato, bollinhos di banana frutta e succhi appena spremuti (manga, abacaci’ cioè ananas e maracuja cioè frutto della passione)! Marmellate di ogni tipo e un formaggio fuso ottimo. In mattinata breve passeggiata in un bosco a ridosso del chafariz (fontana) e poi ci trasferiamo con autobus locale a San Joao del Rey dove visitiamo la parte coloniale. Pranzo in un ristorante carino rientro a Tiradentes e cena al “Tragaluz” bellissimo ristorante con piatti molto ricercati, ma servizio scarso. Il nome tragaluz deriva dall’auspicio del proprietario che un nuovo anno “traga luz” ossia “porti luce”

2 agosto

Dopo la genuina colazione della nostra pousada, ci mettiamo in viaggio con direzione Ouro Preto. Lo spostamento viene effettuato con transfer privato da noi organizzato tramite la pousada Chico Rei di Ouro Preto, dove soggiorneremo.

A meta’ strada un’autobotte di benzina ribaltata e andata a fuoco ci costringe ad un percorso alternativo, più lungo ma molto più bello: si tratta della “estrada real” la vecchia strada sterrata che collegava le citta’ coloniali da Paraty, vicino Rio, sino a Diamantina, attraverso campagne, fazendas e piccoli raggruppamenti di case rurali. Perdiamo più di un’ora ma il percorso e’ molto interessante.

Durante il tragitto ci fermiamo a Conghonas, dove visitiamo la chiesa del Bom Jesus, la cui scalinata di ingresso e’ caratterizzata dalla presenza di 12 statue dei profeti, realizzate da Alejadinho, scultore ed architetto brasiliano molto famoso, il quale ha concluso la propria carriera malato e con gli arti amputati e si dice abbia ultimato gli ultimi capolavori facendosi legare alle spalle uno scalpello per poter lavorare personalmente la pietra. Dopo una sosta di circa un’ ora, con pausa allietata da spremuta di succhi tropicali, si riparte per Ouro Preto.

L’arrivo e’emozionante!

La città nasce all’epoca della corsa all’oro: tutta la zona e’ piena di miniere di oro, topazio imperiale e altre pietre preziose. E’ stata la prima città coloniale del Brasile ad essere dichiarata patrimonio mondiale dell’Unesco.

Primo giro della città e cena al ristorante “Il Passo”: bella atmosfera e buon cibo.

La prima notte in pousada siamo in due stanze diverse; poiché la stanza familiare da noi prenotata e’ occupata per le riprese di un film sulla vita di Elisabeth Bishop, scrittrice che per un periodo della sua vita si trasferì ad Ouro Preto, vivendo proprio nella stanza familiare della pousada Chico Rey.

Guarda la gallery
olinda-4qms2

Dalle città coloniali al nordest passando da Noronha con 3 bambini



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Brasile
    Diari di viaggio
    assaggi di brasile

    Assaggi di Brasile

    15 Novembre 2019 - Brasilia Il nostro viaggio-lavoro in terra brasiliana parte proprio dalla sua capitale, che raggiungiamo dopo 11 ore di...

    Diari di viaggio
    da città del messico a fortaleza

    Da Città del Messico a Fortaleza

    Guardando per l'ennesima volta le foto dell'album di un viaggio che ho fatto molti anni fa mi è venuta voglia di raccontarvi questa...

    Diari di viaggio
    il viaggio di nozze da sempre sognato: il meglio di argentina e brasile fai da te!

    Il Viaggio di Nozze da sempre sognato: il meglio di Argentina e Brasile fai da te!

    Da sempre Viaggiatori e non Turisti fai da te, in occasione del Viaggio di Nozze abbiamo pensato di sfruttare la nostra Esperienza sul...

    Diari di viaggio
    dieci giorni in brasile

    Dieci giorni in Brasile

    Sabato 10 Agosto 2019 Volo Pisa - Roma Fiumicino - San PaoloDomenica 11 Agosto 2019Arriviamo a San Paolo intorno alle 05:00 ora...

    Diari di viaggio
    12 giorni in brasile

    12 giorni in Brasile

    In Brasile nei luoghi più turistici: Rio de Janeiro, cascate di Iguazù, Salvador. Ci siamo spostati con voli interni, ci siamo appoggiati...

    Diari di viaggio
    três cavaleiros alla scoperta del brasile

    Três Cavaleiros alla scoperta del Brasile

    che abbiamo visitato sono stati i due musei ai quali erano interessati i figli, facendo una rapida corsa nelle poche ore della domenica...

    Diari di viaggio
    rio, foz do iguaçu e le città coloniali del minas gerais

    Rio, Foz do Iguaçu e le città coloniali del Minas Gerais

    Il viaggio Se un "carioca" ti invita a visitare la sua città e il suo paese, come fai a dire di no?L’amico Rogerio Camargo, che...

    Diari di viaggio
    un bellissimo viaggio tra dune, lagune, fiumi, laghi, spiagge e oceano

    Un bellissimo viaggio tra dune, lagune, fiumi, laghi, spiagge e oceano

    Venerdi 21 giugno, bellissima escursione con dune buggy lato est di Jerico ai due laghi, lago Paradiso e lago Azul, la partenza dalla...

    Diari di viaggio
    tour del brasile con bambini

    Tour del Brasile con bambini

    Voli: Intercontinentale KLM Bologna – Amsterdam – Rio – Fortaleza - Amsterdam - Bologna 670€ a testa (compresi 2 bagagli in stiva)...

    Diari di viaggio
    di cosa parliamo quando parliamo di brasile... note da e per un viaggio breve

    Di cosa parliamo quando parliamo di Brasile… Note da e per un viaggio breve

    Di Andrea Franzoni (http://andreafranzoni.blog) Dici "Brasile", e già ti si para davanti agli occhi un’immagine preconfezionata stretta...

    Video Itinerari