Dalla prateria al deserto

Sconfinata Mongolia
 
Partenza il: 09/08/2009
Ritorno il: 22/08/2009
Viaggiatori: in gruppo
Spesa: 1000 €

Lunedì 10 agosto Eccoci riuniti tutti 9 alla Malpensa. Finalmente si parte. Sono 2 anni che pensiamo a questo viaggio e non mi sembra vero che fra poche ore saremo a Ulaan Baatar, la capitale. Ad aspettarci all’aeroporto di Ulaan ci sono Bilegt, la titolare della guesthouse, e i due autisti. Sono le sei del mattino e siamo tutti stanchi e assonnati, non tutti hanno dormito in aereo, comunque non abbastanza. Bilegt ci avvisa subito che dovremo dividerci perché nell’appartamentino non ci stiamo tutti 9 perciò una coppia, Silvia e Vanni, dovrà andare a casa sua dove ha una stanza in più. Dicevo appartamentino perché in effetti la guesthouse è al terzo piano di un palazzo ed è composta da due appartamentini. Il nostro ha due camere, una cucina e due bagni. Nella stanza più piccola ci sono due letti da una piazza e nell’altra, appoggiati alla parete in fondo, ci sono 5 materassi uno sopra l’altro e sul mobiletto, a destra dell’entrata, c’è una pila di lenzuola frasche di bucato. La nostra padrona di casa si scusa per la spartana sistemazione e dice che domani ci sistemerà meglio. Bilegt mi consegna le chiavi dell’appartamento, ci raccomanda di dormire e ci da appuntamento alle 13 per andare all’ufficio di cambio. Puntualissima all’una del pomeriggio suona alla porta e con lei ci sono anche Vanni e Silvia, siamo pronti anche noi per cui si parte. Arrivati all’ufficio suddetto cambiamo 200 Euro a testa che andranno nella cassa comune e poi chiediamo a Bilegt se, durante il tour, avremo ancora la possibilità di cambiare denaro e lei, ridendo di gusto, risponde che abbiamo denaro a sufficienza per tutto il periodo del viaggio anzi,ne avanzeremo anche. Adesso che abbiamo espletato tutte le formalità pratiche possiamo partire con il nostro programma. Prima tappa è la visita al monastero più grande della Mongolia, Gandan Kiid, ci giriamo per salutare e ringraziare Bilegt ma, con grande sorpresa, ci dice che questo pomeriggio volentieri lo dedica a noi di modo che non perdiamo tempo a cercare i luoghi di interesse che abbiamo scelto. Per noi è un privilegio averla come guida, non lo avremmo mai preteso.

Oggi siamo proprio fortunati. Visitato il monastero ci dirigiamo verso il palazzo bianco e una folla, vestita in modo elegante, viene verso di noi. La più parte indossa il costume mongolo e la nostra guida ci dice che è uno sposalizio e che quelli in centro con il cappello sono gli sposi e noi li abbiamo immortalati subito. Sarebbe stato bello arrivare in tempo alla funzione, non mi è mai capitato di assistere a un matrimonio buddista.

Non molto lontano da qui si trova la ger dello Sciamano, come non approfittarne per una visita e chissà forse soddisfare qualche nostra curiosità? Prima di entrare Bilegt ci chiede se abbiamo qualche specifica domanda da fare perché lui riceve solo se si ha qualcosa d’importante da chiedere, ma noi tutti rispondiamo che no non abbiamo niente di specifico da chiedere, solo così, qualcosa in generale e magari un augurio per il nostro viaggio. Lei arriccia il naso e poi racconta che una signora francese qualche tempo fa gli ha mandato una mail chiedendo se la poteva ricevere perché aveva un quesito da porgli e glielo disse. Lui molto gentilmente le rispose di pur rimanere in Francia perché la sua domanda non era sufficientemente interessante da pretendere una risposta. Ci stavamo perdendo di coraggio quando Bilegt sorridendo dice:” Proviamo “. Nella ger dello Sciamano si accede tramite una porticina in legno chiaro, tanto piccola da doversi chinare per non sbattere la testa. E’ una bellissima giornata piena di sole e all’interno l’unica apertura oltre l’entrata è un lucernario al culmine del tetto da dove passa il tubo della stufa, perciò bisogna abituare l’occhio al buio, ma Bilegt che già conosce la ger ci fa sedere su delle sedie poste proprio di fronte allo Sciamano. L’interno è molto spazioso forse perché di mobilia non ce n’è se togliamo la sua scrivania e due o tre file di sedie. Mi vien da dire in un angolo ma qui di angoli non ce ne sono è un perfetto cerchio quindi dirò che accovacciate nella parte destra dell’ abitazione ci sono due donne e la più giovane ha un bimbo in braccio. Lui, seduto alla sua scrivania, porta lunghi capelli color cenere e neanche tanto puliti e a me sembra che abbia un espressione molto annoiata, dico mi sembra perché fra noi e lui c’è una bella distanza e magari mi confondo o forse no perché a una domanda di Martina sa solo dire che la risposta la deve trovare dentro di lei e che è inutile chiedere a un prete o a uno Sciamano, solo lei conosce la risposta e però bisogna saper bilanciare bene la tecnologia moderna con la storia. Avevamo infatti notato che davanti a lui c’era uno degli ultimi modelli di cellulare e sulla sinistra un p.C. Gli chiediamo se ci fa un augurio per il nostro viaggio e ci risponde che certo che andrà bene in quanto abbiamo scelto un percorso storico. A questo punto salutiamo e ringraziamo e un po’ delusi guadagniamo l’uscita.

E’ ancora presto ma il museo che abbiamo in programma è già chiuso e gioco forza rimandarlo a domani però siamo in perfetto orario per andare a teatro ad assistere a uno spettacolo in costume locale con danze e canti. Bilegt ci saluta dandoci appuntamento in serata per un meeting riguardante il viaggio. Maria Angela, la nostra cassiera ha già i biglietti in mano e noi entriamo. Prendiamo posto in platea tutti nella stessa fila abbastanza vicina al palcoscenico e una signora che presta servizio in sala chiede se vogliamo scattare fotografie perché quelle vanno pagate a parte. Tutti in coro rispondiamo noooo!! E allora la signora si allontana. Incomincia lo spettacolo ed è un tripudio di colori e di luci . … E Gina, che è seduta alla mia sinistra, non resiste e comincia a fotografare, tanto non si accorge nessuno. Maria Angela, che ha visto la scena, a sua volta toglie la macchina dalla custodia e comincia a sparare flash. A questo punto Martina pensa: “ …E io chi sono?”. Così del nostro gruppo tre hanno disatteso le regole. Finito lo spettacolo e prima che accendessero le luci, le furbacchione hanno messo via le macchine fotografiche e si sono comportate come se niente fosse, ma la signora aveva già notato tutto e le stava aspettando al varco. Gina corse fuori mischiandosi alla folla, ma Maria Angela non ce l’ha fatta ed è stata presa per un braccio e anche se non conosce tanto bene l’inglese ha capito subito cosa voleva e così ha dovuto pagare per tutte tre, ma lo spettacolo meritava.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bayanzag
    Diari di viaggio
    mongolia, la sinfonia del silenzio nelle sconfinate praterie

    Mongolia, la sinfonia del silenzio nelle sconfinate praterie

    Mongolia, la via della seta, deserto del Gobi, le praterie e i cavalli, i laghi e la natura incontaminata: quante aspettative. Ho deciso di...

    Diari di viaggio
    alla scoperta della mongolia in occasione del nadam

    Alla scoperta della Mongolia in occasione del Nadam

    Situata nel cuore dell’Asia, la Mongolia ha attratto i grandi viaggiatori d’ogni epoca a partire da Marco Polo che fu ospite alla corte...

    Diari di viaggio
    la mongolia da un punto di vista unico: il cielo

    La Mongolia da un punto di vista unico: il cielo

    17 agosto Sono in aereo. Solo quattro ore di volo mi separano da Ulaanbaatar. Sono emozionato. chiudendo gli occhi rivivo le sensazioni...

    Diari di viaggio
    dalla prateria al deserto

    Dalla prateria al deserto

    Lunedì 10 agosto Eccoci riuniti tutti 9 alla Malpensa. Finalmente si parte. Sono 2 anni che pensiamo a questo viaggio e non mi sembra vero...