Dalla barriera al suk

Il mar Rosso era una meta a cui non avevo mai pensato. Sarà perchè sono abituata a viaggiar in barca o limitandomi a prenotare solo il biglietto aereo, che l’idea di una settimana nelle splendide acque dell’Eggitto ma anche in un posto “finto” dove l’opera dell’uomo sta mano a mano distruggendo il paesaggio, non mi convinceva...
 
Partenza il: 01/04/2002
Ritorno il: 08/04/2002
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Il mar Rosso era una meta a cui non avevo mai pensato. Sarà perchè sono abituata a viaggiar in barca o limitandomi a prenotare solo il biglietto aereo, che l’idea di una settimana nelle splendide acque dell’Eggitto ma anche in un posto “finto” dove l’opera dell’uomo sta mano a mano distruggendo il paesaggio, non mi convinceva affatto. Ma nella vita mai dire mai. Con la mia compagna di viaggio abbiamo acquistato tramite internet il solito pacchetto all inclusive presso un albergo sulla costa di Hurghada, al centro: il BellaVista Beach Resort. Carino, pieno di fiori e stranamente noi due eravamo le uniche turiste italiane.Gli altri ospiti tutti Russi! Sharm l’abbiamo scartata poichè la nostra intenzione era quella di avere come base l’hotel ma poi muoverci verso l’entroterra. La penisola del Sinai ci avrebbe offerto poco da visitare in confronto a quello che avremmo potuto fare dal nostro punto di partenza. Con il famoso “senno di poi”, non avremmo mai comprato tutto il pacchetto ma solo il volo. Ma con chiunque parlavamo, incluso l’Ente del Turismo Egiziano di Roma, ci sconsigliava vivamente di intraprendere un viaggio da sole, soprattutto perchè eravamo due ragazze… Un pò impaurite, abbiamo dato ascolto a tali consigli. Sbagliando.

Arrivate lì, dove kilometri e kilometri di costa erano tappezzati di alberghi che si susseguivano l’uno accanto all’altro, altri in costruzione, le spiagge di 50 mt ognuna pullulanti di corpi umani impegnati con la loro tintarella, l’orizzonte punteggiato da innumerevoli barchini a MOTORE che portavano “noi” turisti ad ammirare gli splendidi reefs… Tutto ciò ci ha amareggiate. La nostra guida del tuor operator, Ossama, ragazzo nostro coetaneo di 28 anni, il primo giorno ci ha elencato tutte le splendide gite che avremmo potuto fare tramite lui e l’albergo. Totale della spesa: no comment! Come prima cosa ci siamo fatte un giro per il paese dove innumerevoli agenzie di viaggio ci invitavano ad entrare attirandoci con un bicchiere di karkadè caldo. Il prezzo era decisamente più basso. Prenotiamo giusto una gita per il giorno dopo in barca: snorkeling in tre barriere, pranzo in barca e tramonto nella bellissima isola di Giftun. Per il bis siamo poi riuscite a scavalcare l’agenzia del paese e a contrattare direttamente con i barcaioli pagando ancor meno. Apparentemente, dove tutto sembra telecomandato dai capi, c’è anche la possibilità di fare un turismo più avventuroso ma soprattutto più vero!!!! Dopo una litigata con la nostra guida Ossama che ha cercato in tutti i modi dal dissuaderci di andare al Cairo da sole, minacciandoci addirittura di chiuderci in camera ma poi accontentandosi di farci firmare un foglio che lo deresponsabilizzava in caso di incidenti (ancora non abbiamo capito se la sua apprensione fosse sincera o solo per interesse…), ci siamo organizzate.

All’una di notte comincia la nostra avventura: viaggio in pulmann pubblico verso il Cairo(la compagnia si chiama El-Gouna Bus Company: si prende nella zona di Ad-Dahar, il biglietto costa E£ 50, circa 13 euro solo andata; altrimenti c’è un altra compagnia più conomica, Upper Egypt Bus ma arriva ina zona del Cairo più decentrata rispetto la prima). Sei ore di un bellissimo film i cui protagonisti erano i locali, con i loro innumerevoli pacchettini a seguito, bambini cambiati sui sedili, uomini vestiti di tuniche e turbanti con facce che sembravano carte geografiche bruciate dal sole…Quello era ciò che cercavamo, penetrare in qalche modo nel loro mondo e non vederlo da fuori, con un comodissimo pulmann tutristico popolato da turisti come noi. Al cairo ci siamo mosse benissimo, città dove regna il caos assoluto. Ci siamo prenotate un albergo da Hurgada: centrale ma un pò fatiscente… Che importa, tanto ci dovevamo solo dormire. Si chiama Carlton Hotel ed è comodo perchè vicinissimo alla fermata del pulmann e a due passi dalla centralissima piazza di Midar Tahir, dove si trova il Museo Egizio e da cui partono molti autobus. Ne abbiamo preso uno che ci ha portate alla piana di Giza dove ci aspettavano le Piramidi, protagoniste dei sogni del viaggiatore che è in noi. Un pò di delusione. Le immaginavamo regine in mezzo al deserto invece sono state ormai inghiottite dalla città e la povera Sfinge guarda un moderno fast-food! Ma sono sempre le Piramidi. Siamo entrate dentro quella di Cheope, l’unica aperta e forse i 40 pounds (circa 10 euro) per entrare non valgono la visita… In fondo si è sempre dentro un qualcosa di magico. Il modo più bello per godersele è forse quello di incamminarsi a piedi nel deserto circostante, salire sul punto più alto della duna, sdraiarsi e guardale da lontano immaginandole come potevano essere 4000 anni fa…

Abbiamo poi girovagato per la città perdendoci in vicoletti che ci offrivano scorci di vita cairota fatta di colori, odori, uomini, donne, vecchi, bambini e animali, chi vestiti, chi scalzi, arti e mestieri ormai dimenticati, chi tagliava il carbone e chi colava il vetro. Poi la “città dei moti”, capitate lì senza guida, sole, siamo entrate in punta dei piedi sussurrandoci il timore che avevamo nello stare tra quelle tombe e abitazioni apparentemente disabitate. Poi dal nulla un uomo. Lo salutiamo nella sua lingua, “mar aba”, e lui ci risponde con un sorriso di benvenuto. Ormai eravamo dei loro! Non voglio minimizzare ma con un pò di prudenza e, soprattutto, rispettando il popolo che ci ospita, non c’è nulla di così pericoloso nel viaggiare per due ragazze sole (certo è che se la mia amica non avesse avuto i capelli biondi, saremmo passate più inosservate!!!). Facendo due conti: due giorni al Cairo tramite albergo erano 180 euro, tramite agenzia locale 120, “turismo fai da te” 70 euro…!!!!! E non c’è paragone.

Un altro viaggio è stato a Luxor, sempre fatto tramite pulmann locale. Spettacolare il percorso in mezzo al deserto di roccia per poi fiancheggiare le rigogliose sponde del Nilo. Dal finestrino potevamo ammirare dal vivo uno dei più bei documentari del “National Geographic”…Luxor è stupenda: si può vivere l’atmosfera che non abbiamo trovato alle Piramidi di Giza. La valle dei Re, delle Regine, i templi sulle rive del Nilo, il dio fiume. Al tramonto un giro veloce in feluca ma purtroppo non c’era vento, dovevamo aspettare che arrivasse, come fanno tutti i marinai. Non potevamo sottostare ai loro ritmi poichè il pulmann che ci avrebbe riportate ad Hurghada ripartiva entro poco. Volevano almeno offrirci una tazza di te: che bella idea! Ma quando il secondo di bordo ha tirato su una tazza di acqua dal Nilo e messa a bollire, improvvisamente ci è scoppiato un gran mal di pancia!!!!!! Le foto mantengono vivo il ricordo di un bellissimo viaggio, dove il Mar Rosso è stao solo una scusa per scoprire un mondo vero e non fatto di soldi, abbronzanti e souvenir.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Egitto
    Diari di viaggio
    port safaga, dove trovare la quiete in egitto

    Port Safaga, dove trovare la quiete in Egitto

    La prima volta che mi sono recata in Egitto è stato per festeggiare una di quelle ricorrenze speciali che capitano poche volte nella vita...

    Diari di viaggio
    egitto, un viaggio senza fine nella terra degli inizi

    Egitto, un viaggio senza fine nella terra degli inizi

    Perché intraprendere un viaggio in Egitto?!?! Perché l’Egitto è storia, è cultura, archeologia, mistero, innovazione, magia, è un...

    Diari di viaggio
    mar rosso: berenice, tranquillità assoluta, solo snorkeling, pesci e coralli

    MAR ROSSO: Berenice, tranquillità assoluta, solo snorkeling, pesci e coralli

    Siamo tornati in Mar Rosso questo autunno, preferendo la parte più a sud della costa, ben oltre Marsa Alam, fino quasi la cittadina di...

    Diari di viaggio
    pasqua sul nilo

    Pasqua sul Nilo

    18 aprile 2019 - Giorno 1 Volo Milano Malpensa – LuxorMotonave Jaz Crown Jubilee con pensione completa a bordo (pasti a buffet)....

    Diari di viaggio
    ritorno in egitto, a tutto low cost
    pil

    Ritorno in Egitto, a tutto low cost

    In totale abbiamo speso circa 1100 euro in 4 per una settimana tutto compreso, più o meno così ripartiti:- Volo Easyjet: 65 Euro...

    Diari di viaggio
    egitto classico: istruzioni per l'uso

    Egitto Classico: istruzioni per l’uso

    Buongiorno a tutti! Ciao a chi già conosce i miei diari di viaggio e anche a chi mi legge per la prima volta. (Per altre mete, cercatemi...

    Diari di viaggio
    sharm el sheikh: mare, deserto e snorkeling

    Sharm el Sheikh: mare, deserto e snorkeling

    Ho viaggiato alcune volte coi miei genitori, Tunisia, Messico, Istria, Germania... ma ora a poco più di vent'anni parto sola, anzi col mio...

    Diari di viaggio
    seduzioni e misteri del basso egitto

    Seduzioni e misteri del Basso Egitto

    Il Cairo, con i suoi 10 milioni di abitanti, è l’agglomerato urbano più popoloso dell’Africa. Le sue periferie si sono allargate...

    Diari di viaggio
    i segreti del cairo

    I segreti del Cairo

    Nove milioni e mezzo di abitanti vivono lungo la riva orientale del Nilo, nel punto immediatamente a sud del suo Delta. “Al-Qahira”,...

    Diari di viaggio
    i tesori del nilo

    I tesori del Nilo

    Un Paese affascinante l’Egitto, custode di monumenti e segreti della civiltà più straordinaria del mondo antico e che Erodoto...