Dai balcani alla Turchia in moto

Viaggio su due ruote dalla Croazia alla Turchia, passando per il Montenegro, l'Albania, il Kosovo, la Macedonia e la Bulgaria
 
Partenza il: 29/05/2012
Ritorno il: 10/06/2012
Viaggiatori: 02
Spesa: 3000 €

Partenza: 29 maggio 2012 – Ritorno: 10 giugno 2012 – Partecipanti : 02, io e mio marito con moto Bmw f800gs – Navigatore: Garmin zumo con carta europa aggiornata e sd Turchia – Costo totale: circa € 2.500,00 – Paesi visitati: Croazia , Montenegro, Albania, Kosovo, Macedonia, Bulgaria, Turchia, Grecia

29/05

Dopo aver visionato le previsioni meteo per i successivi 15 gg, abbiamo prenotato il traghetto Ancona- Spalato con la BLUE LINE. Costo € 240,00 in cabina interna per 2 + moto. Partenza ore 20,30, nave buona.

30/05

Arrivo a Spalato alle ore 08,00. 1° DOGANA CROATA, tutto ok, direzione Kotor in Montenegro. Dopo un primo tratto di autostrada , troviamo strade strette dove la percorrenza è molto rallentata. Passata Dubrovnick ,( merita una visita)abbiamo trovato i primi lavori in corso con strada completamente sterrata, prima polverosa poi bagnata. La nostra moto è perfetta per tali condizioni, ma tanti motociclisti avevano molte difficoltà. Preso traghetto per passaggio a baia di Kotor ( si evita un largo giro), costo € 2,00 per la moto , i passeggeri non pagano. Abbiamo trovato una camera a 2 km dal centro di Kotor, Appartamenti Dobrotski Dvori, bella camera , ampia e pulita con terrazza sul magnifico fiordo di Kotor. Costo € 35,00, con parcheggio proprio davanti la porta . Annesso c’è il ristorante che però ci ha delusi per i cibi proposti , costo € 23,00 in due. La città vecchia di Kotor è bellissima , piena di locali , ristorantini, bar, souvenir.

Percorsi km. 300 circa in 5 ore

31/05 Si parte, direzione Skopje in Macedonia

Percorriamo tutta la costa montenegrina , bellissime le citta di Budva, Bar, Ulcinj, tutto in costruzione. Seguendo le indicazioni del navigatore giriamo a sx su una stretta stradina che ci ha portato ad attraversare paesini di montagna , campagna coltivata, tranquilli villaggi. Dopo aver lasciato la vista sul mare , siamo arrivati alla dogana albanese . Tutto bene. Rispetto alla costa montenegrina , qui il degrado è ben visibile. La cittadina di Shkoder è veramente brutta e sporca . Per strada incontriamo carrettini trainati da asini, piccoli trattori coperti da montagne di paglia, il fornaio che a bordo di un piccolo motorino consegna il pane a domicilio . A quasi 50km da Durazzo prendiamo la nuova autostrada , gratis, deserta, solo noi e molti pedoni a piedi. Pagamento e resto in euro per la sosta in autogrill. Ennesima dogana, si entra in Kosovo. Occorre comprare l’assicurazione per la moto nel botteghino 20 mt. a dx della barriera , scritta Bureau insurance. Costo minimo € 15,00 per 15 gg, anche se noi dobbiamo solo attraversare il territorio kosovaro. Doganieri molto simpatici. Continuiamo sulla stessa autostrada che unisce Albania e Kosovo. Uscita Prizner. Il navigatore che fino ad allora aveva funzionato alla perfezione , ora non ne vuole sapere di trovare la giusta direzione. Facciamo un po’ di sterrato ( da evitare assolutamente in Kosovo , vi dirò dopo) e ci ritroviamo nella degradata periferia di Prizner.

Invece la cittadina si rivelerà una bella sorpresa: in centro troviamo un bellissimo piccolo ponte in pietra ( come eravamo abituati a vedere in tv durante la guerra dei Balcani), un bel fiume sottostante ed una bella area pedonale. Per trovare la direzione giusta per Skopje , dobbiamo chiedere informazioni , con risposte comprensibili solo a gesti. Inizia un forte temporale. Ficchiamo la moto sotto una pensilina dei pulman (pezzi di lamiera messi insieme). Non devono vedere molti turisti da queste parti perché ci guardano molto sorpresi ma sempre gentili e sorridenti. Infiliamo le tute antipioggia e si riparte; la pioggia è quasi del tutto cessata , ma le strade sono allagate, piene di terra rossa. Incrociamo molti mezzi della forza Onu KFOR ancora presenti in Kosovo anche dopo 20 anni dalla fine della guerra, molti hanno la scritta mine . I cartelli lungo la strada sono inequivocabili “ restare sulla strada “, proprio per pericolo delle mine ancora presenti in Kosovo ( ecco perché mai fare sterrato e/o uscire dalla strada). Lungo il ciglio molte lapidi con ritratti di ragazzi in tuta mimetica morti durante la guerra.

Le strade del Kosovo comunque sono piene di voragini , le peggiori incontrate fino ad ora.

Nuova dogana ,siamo in Macedonia. Tutto bene. Il paesaggio cambia. Fino ad ora abbiamo visto solo montagne dalla Croazia al Kosovo , ora troviamo le colline , belle distese di campi coltivati. Decidiamo di non fermarci a Skopje ma di proseguire per la Bulgaria. Passiamo per Kumanovo e quando comincia ad imbrunire decidiamo di fermarci a Kriva Palanka. Chiediamo presso una stazione di servizio informazioni per un alloggio e ci indica un buon hotel in centro : una vera catapecchia , indecente. Decidiamo di tornare indietro di circa 15 km. avendo visto lungo la strada un motel . Camera € 34,00 inclusa la colazione. Ceniamo nell’annesso ristorante e per € 9,00 in due ordiniamo 2 ottime insalate , patatine e kebab. Tutto buono.

01/06

Si riparte. Siamo a soli 30 km. dal confine con la Bulgaria. Bene anche questa dogana. Strade pessime , piene di rattoppi e di buche . Tutta la Bulgaria si rivela assolutamente squallida, forse il paese meno interessante visto fino ad ora. Modifichiamo il programma di viaggio che prevedeva il pernottamento a Plovdiv e proseguiamo per la Turchia. Seguendo le indicazioni per Svilengrad arriviamo alla dogana turca . Occorrono 3 passaggi ma senza alcun problema ,siamo in Turchia.

Appena usciti dalla dogana ci fermiamo per togliere l’abbigliamento troppo pesante; siamo proprio di fronte alla stazione di polizia. Un poliziotto ci offre da bere e ci cambia lui stesso gli euro con le lire turche. Molto gentile. Poco dopo si incontra un casello dove occorre comprare la carta KGS per il pedaggio autostradale. Costo € 10,00.

Direzione Istanbul. A circa 30 km dalla città incontriamo un traffico pazzesco. Fila incredibile. Un gentile automobilista ci invita a prendere la corsia di emergenza , libera per le moto. Purtroppo anche molte auto fanno lo stesso , costringendoci così a passare lungo un canale che scorre lateralmente all’autostrada. Non è stato molto piacevole. Riusciamo finalmente ad arrivare all’hotel consigliato dalla Lonely Planet, il Tan Hotel in pieno centro a Sultanahmet. Camera disponibile a € 110,00 colazione inclusa. La moto la lasciamo proprio davanti l’ingresso.

Guarda la gallery
balcani-ms28d

MONTENEGRO

balcani-w6ww3

BODRUM

balcani-k8qqv

PAMUKKALE



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Albania
    Diari di viaggio
    balcani insoliti

    Balcani insoliti

    Buongiorno cari TPC, vi racconto il nostro viaggio appena terminato nei Balcani meno noti tra Albania, Kosovo, Macedonia del Nord e...

    Diari di viaggio
    tra castelli, mega palazzi, distributori di benzina e carretti

    Tra Castelli, mega palazzi, distributori di benzina e carretti

    Sono appena rientrato da un viaggio in Albania dove ho cercato di vedere, macinando Km, le amenità di questa nazione dalla Montagna al...

    Diari di viaggio
    tirana capitale emergente tra antico e moderno

    Tirana capitale emergente tra antico e moderno

    Quando durante le scuole elementari studiavo danza classica sentivo continuamente parlare di Tirana dalla mia insegnante e della sua...

    Diari di viaggio
    durazzo porta dell'albania, una terra sempre più desiderosa di farsi scoprire

    Durazzo porta dell’Albania, una terra sempre più desiderosa di farsi scoprire

    L'Albania è una terra molto vicino allo stivale che per anni è stata associata a carestia e povertà e che invece pian piano sta...

    Diari di viaggio
    una terra incontaminata dalla bellezza travolgente

    Una terra incontaminata dalla bellezza travolgente

    Reduci dal non poco costoso viaggio di nozze del 2017, per le vacanze estive 2018 io e mio marito decidiamo di optare per una terra ancora...

    Diari di viaggio
    albania in vespa: in viaggio verso le meteore

    Albania in Vespa: in viaggio verso le Meteore

    Dopo tre ore di guida sulla statale Adriatica, arrivo sulla circonvallazione di Ancona a bordo della mia vecchia Vespa PX, che sta...

    Diari di viaggio
    dieci amici in albania

    Dieci amici in Albania

    In 10 amici abbiamo deciso di effettuare un tour dell'Albania a fine settembre. Come sempre uno dei piaceri del viaggio è stata...

    Diari di viaggio
    cavalcata turca

    Cavalcata Turca

    Quest’anno, dopo vari ripensamenti, abbiamo deciso di visitare la Turchia.Per me che scrivo è la prima volta in assoluto che metto...

    Diari di viaggio
    ritorno nel paese delle aquile

    Ritorno nel Paese delle Aquile

    Nel mese di aprile due amiche mi chiedono di organizzare per loro un viaggio in Albania. Cosa che mi accingo diligentemente a fare. Nel...

    Diari di viaggio
    primavera albanese

    Primavera albanese

    Alcune indicazioni generali prima di passare al racconto delle singole giornate. 1. Capitolo sicurezza: l’Albania ci è sembrata una...

    Video Itinerari