Cuba: una “vuelta” di dieci giorni nella parte occidentale della perla caraibica

Un giro da L'Avana a Cayo Santa Maria, passando per Vinales, Trinidad e Santa Clara
 
Partenza il: 29/12/2017
Ritorno il: 10/01/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

“Dobbiamo andare a Cuba prima che tutto cambi davvero!”: da tempo (anche prima della comunicazione al mondo della morte di Fidel) ci ripetevamo questa frase, finché finalmente al termine del 2017 riusciamo a concretizzare il nostro proposito. Vi anticipo che – sulla base della mia impressione – credo che ancora Cuba sia un Paese molto diverso dai nostri “standard”, per cui meriti osservare da vicino come funziona una forma di Stato comunista, le cui peculiarità riescono ad essere preservate forse più che negli altri ultimi baluardi comunisti proprio per il fatto di essere un’isola. Detto ciò, veniamo a qualche informazione pratica di carattere generale.

Visto: abitando a Roma, mi sono recata personalmente al Consolato (traversa di viale Aventino), dove sono stata immediatamente ridiretta alla vicina agenzia Cubapoint, dovendo fare anche quello per conto del mio compagno (25 euro a persona).

Pagamenti: scordatevi pos e bancomat! A Cuba si paga solo in contanti. Pertanto, prima di partire, cercate di preventivare quanti euro stimiate di spendere: a noi ne sono bastati circa 700 € a testa, includendo tutte le spese, ad eccezione del resort pagato prima con la carta di credito. Arrivati all’aeroporto cubano, potrete cambiare al cadeca (casa de cambio) i vostri euro in cuc (pesos convertibles): il tasso di cambio medio nel periodo in cui siamo stati a Cuba è stato circa di 1€=1,16 cuc. Se vi dovesse essere troppa fila, potete comunque rinviare il momento del cambio, concordando con il tassista la corsa per 25/30 euro (che accettano di buon grado).

Prelievi bancomat: tutto sommato, è possibile trovare in giro degli sportelli bancomat, ma – nella nostra esperienza – il prelievo non è possibile con i bancomat MasterCard, mentre abbiamo potuto effettuarlo tramite le carte di debito prepagate (Genius Unicredit e Superflash Intesa Sanpaolo), pur essendo anch’esse appartenenti al circuito MasterCard.

Internet: sicuramente i collegamenti sono migliorati rispetto a qualche anno fa ed è possibile che, quando andrete voi, la situazione sarà diversa. Allo stato, ci si connette tramite le tarjetas Etecsa (1cuc/1 h; 3cuc/5h) nelle aree wifi, facilmente individuabili da rassembramenti di persone munite di smartphone, tablet o pc.

Casas particulares: noi abbiamo avuto esperienze assolutamente positive nelle casas (nient’altro che l’equivalente dei nostri b&b), per cui consiglio di soggiornarvi sia per il costo contenuto dell’alloggio sia soprattutto perché consente di avere contatti con i cubani e gli ospiti son ben contenti di darvi consigli sulla pianificazione del viaggio, dalle prenotazioni di altre casas o taxi a raccomandazioni di ogni genere. Non è necessario prenotarle tutte dall’Italia: noi ci siamo limitati a riservare in anticipo solo quella de L’Avana, giusto per non doverci mettere alla ricerca della casa dopo il volo intercontinentale!

Trasporti: a Cuba non è affatto un problema spostarsi da un capo all’altro dell’isola, ma è importante sapere alcune “coordinate”. Per quanto riguarda i trasporti urbani a L’Avana (l’unica città da noi visitata in cui non si possa andare da un capo all’altro tranquillamente a piedi), premetto che non abbiamo mai preso il bus, per cui non so darvi indicazioni al riguardo. Abbiamo sempre usato i taxi e vi invito a contrattare sempre e in anticipo la tariffa, senza sentirvi rassicurati dall’eventuale utilizzo del tassametro (il perché lo capirete nel prosieguo…). Per quanto concerne i trasporti extraurbani, consultate prima il sito dei bus di linea Viazul per orientarvi sulle tratte da loro percorse e, se siete sicuri del giorno del vostro spostamento da una località all’altra, potrete anche acquistare il biglietto dall’Italia. Altrimenti, potete anche comprarli all’autostazione o sul bus stesso, considerando però che quest’ultima opzione vi espone al rischio di non trovare posto, essendo i Viazul molto gettonati. Da poco tempo e per alcune tratte opera anche la compagnia turistica Cubanacan che sostanzialmente offre allo stesso prezzo è pressoché al medesimo orario corse analoghe a quelle di Viazul, ma con il vantaggio di viaggiare su bus più nuovi. E poi, la più peculiare delle soluzioni di viaggio cubane: i taxi collectivos. Si tratta di veri e propri taxi che offrono corse pressoché nella medesima fascia oraria dei Viazul con il vantaggio che ti vengono a prendere direttamente a casa. In media rispetto alla corsa sul Viazul, costa solo qualche spicciolo in più rispetto al biglietto del bus. Considerate però che i taxi collectivos non partono a qualsiasi ora, ma solo in prestabilite fasce orarie e, pertanto, lo dovete prenotare almeno il giorno prima. Se, invece, volete viaggiare in una qualsiasi altra fascia oraria, ci sarà sempre un taxi disposto ad accompagnarvi…ma a tariffa piena! Tra le altre opzioni di trasporto, a cui noi però non abbiamo fatto ricorso, residuano il classico noleggio auto e il noleggio auto con conducente. Su internet credo che ci siano dei siti web ad hoc. Esaurite le indicazioni generali…prendiamo questo volo per Cuba!



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
primavera nel peloponneso

Primavera nel Peloponneso

Il Peloponneso è ricchissimo di testimonianze storico-archeologiche/naturalistiche e gli...

palagio fiorentino stia

Palagio fiorentino Stia

palagio fiorentino Stia

palagio fiorentino stia

Palagio Fiorentino Stia

Palagio Fiorentino Stia

Leggi i Diari di viaggio su Trinidad e Tobago
Diari di viaggio
cuba! lì dove il tempo si è fermato

Cuba! Lì dove il tempo si è fermato

Cuba 2020 04-01-2020 Partenza con volo diretto Alitalia, acquistato ad ottobre del 2019, da Roma Fiumicino. Siamo in due Io (Gabriella) e...

Diari di viaggio
cuba: non solo mare! 2

Cuba: non solo mare! 2

Itinerario: Havana, Vinales, Cayo Jutias, Playa Giron, Punta Perdiz, Cienfuegos, Trinidad, Sancti Spiritu, Remedios, Cayo Santa Maria,...

Diari di viaggio
cuba, la macchina del tempo che ti riporta negli anni 50

Cuba, la macchina del tempo che ti riporta negli anni 50

Cuba non è una vacanza, non è un viaggio ma una vera e propria esperienza di vita che offre molto di più di quello che ci si può...

Diari di viaggio
a cuba... con un bimbo di 5 anni!

A Cuba… con un bimbo di 5 anni!

anche e soprattutto per la consapevolezza che a occidente di posti così fuori dai nostri schemi non è che ce ne siano rimasti...

Diari di viaggio
cuba e messico zaino in spalla

Cuba e Messico zaino in spalla

MESSICO- CUBA Periodo di viaggio: dal 25/08/19 al 10/09/19 Viaggiatori: 2 Giorni di viaggio:16 di cui 6 in messico e 9 in cuba....

Diari di viaggio
cuba: l'isola della revoluciòn

Cuba: l’isola della revoluciòn

Cuba, l’isola grande del Mar dei Caraibi, un sogno tenuto nel cassetto per molto tempo che si è dischiuso quando all’inizio...

Diari di viaggio
cuba: 15 giorni on the road alla scoperta dell'isola

Cuba: 15 giorni on the road alla scoperta dell’isola

Informazioni Spostamenti sull'isola: per visitare Cuba si può noleggiare una macchina oppure ci si può spostare con i mezzi locali...

Diari di viaggio
cuba, informazioni pratiche

Cuba, informazioni pratiche

io non le avessi già prenotate dall'Italia. Inoltre, ed è stata la cosa più interessante della vacanza, ci ha raccontato molto di Cuba,...

Diari di viaggio
nel cuore di cuba, da est a ovest

Nel cuore di Cuba, da est a ovest

Dopo l’incredibile esperienza dell’anno scorso, raccontata nel diario di viaggio Cuba e i 90 anni di Fidel in cui avevamo avuto...

Diari di viaggio
cuba, l'isola dei colori e della gioia di vivere

Cuba, l’isola dei colori e della gioia di vivere

del fratello, lascerà la scena politica chiudendo un'epoca, e nessuno sa che piega prenderanno gli eventi in futuro. La doppia valuta sta...