Croazia easy e low cost

La Croazia è una nazione meravigliosa... tutta da scoprire. E' low cost ed è a meno di un’ora di volo, può essere l’ideale per vacanze di una settimana come di un week end lungo
Scritto da: picia
croazia easy e low cost
Partenza il: 20/08/2014
Ritorno il: 27/09/2014
Viaggiatori: 4
Spesa: 1000 €

La Croazia è una nazione meravigliosa… tutta da scoprire. È low cost ed è a meno di un’ora di volo, può essere l’ideale per vacanze di una settimana come di un week end lungo. Plasmatela a vostro piacimento, si presta a venirvi incontro e a soddisfarvi. Tenete a mente questi consigli e la vostra vacanza croata sarà ancora più godibile. Fidatevi

Croazia. Estate 2014. Periodo 20 – 27 agosto. 2 coppie giovani (ma non troppo!!!)

Itinerario:Roma Fiumicino – Spalato – Bol – Hvar – Isola di Pag – Petrcane – Zara – Trogir

Ecco una serie di consigli che, se li avessimo saputi prima, sarebbe stato meglio….

1) In Croazia non hanno l’euro, ci sono ancora le Kune e per il cambio, il consiglio è quello di NON farlo in aeroporto perché vi prendono molti soldini per le commissioni. Di “Change” ce ne sono tantissimi e in questo periodo il rapporto è 1Euro= 7 Kune.

Alcuni ristoranti li accettano ma..andate sul sicuro, cambiate in kune.

Ci sono 7 aeroporti in Croazia, quindi se avete intenzione di fare un viaggio itinerante avete l’imbarazzo della scelta. Vicinissima è anche Trieste, praticamente al confine nord. Da dove è possibile affittare la macchina con compagnie italiane e scendere dall’Istria fino alla Dalmazia

Convenienti per prezzo e per la possibilità di portarsi la macchina dall’Italia sono i traghetti, ma ci impiegano dalle 7 alle 11 ore!

2) Se si prenota il biglietto aereo con un paio di mesi di anticipo si paga davvero poco, parliamo di una 70ina di euro a persona a/r con Easy Jet. Noi avendo prenotato a ridosso abbiamo speso il doppio (anche se è cmq poco)..la Croazia in tutto è molto economica.

3) Se prendete l’aereo cosa fondamentale è affittare la macchina prima della partenza,

Noi abbiamo speso 57 euro al giorno con la compagnia NOVA in loco.

4) Ricordate di portarvi un navigatore satellitare per due motivi: affittarlo insieme alla macchina è più costoso, e il telefono non puo aiutarvi a causa della scarsa ricezione di segnale e per la connessione ad internet dovete provvedere un abbonamento economico per Internet all’estero.

5) Per i documenti basta essere muniti di Carta d’Identità valida per l’Unione Europea.

Ricordate sempre la tessera sanitaria!

6) Prima cosa da acquistare una volta in Croazia: le scarpette in gomma per entrare in acqua;

Da comprare in un qualsiasi negozietto lungomare a meno di 10 euro (e da buttare prima della partenza. L’odore diventa un po impregnante per essere rimesse in valigia!)

Se siete persone che facilmente si adattano e amano i viaggi un po avventurosi “last second”, vi consiglio di prenotarvi solo la prima e l’ultima notte in albergo. Di affittacamere se ne trovano a bizzeffe, ovunque. Alcune un po piu fatiscenti, altre di ottima qualità con un ottimo prezzo. Ma è un po un terno al lotto. Dipende che tipi siete!

Noi prenotavamo la sera per la notte stessa. Ma non sempre è stato possibile e ci siamo accontentati di quello che ci capitava. Appena trovavamo un wifi ci si collegava a booking e si prenotava l’appartamento. Beer Briefing lo chiamavamo! Abbiamo cambiato quasi una località al giorno.

7) Per chi ama una situazione piu tranquilla e organizzata, fate tutto dall’Italia ma controllate bene le distanze dai centri storici e dal mare, altrimenti rischiate di avventurarvi in zone desolate.

8) La cittadina piu’ vicina all’aeroporto di Spalato è Trogir, solo 5 km di distanza, mentre Spalato è a 25km. Tenete questo a mente se avete un volo di rientro la mattina presto.

Ecco come è andata a noi

Giorno#1-2

Arriviamo a Spalato la mattina prestissimo. Prendiamo un bus che si trova li in aeroporto per portarci al porto (centro) di Spalato. 30 kune (4euro) a testa. Impiega 40 minuti e parte piu o meno ogni mezz’ora.

Arrivati al porto ci prenotiamo subito il traghetto per l’Isola di Brac (si pronuncia CH, non K), ne partono ogni ora e costano 33 kune a testa, sono grandi traghetti che trasportano anche automobili e impiegano 50 minuti per arrivare a Supetar.

Supetar è carina e piccola, potete fare una sosta per rigenerarvi prima di prendere il taxi (guidano un po spericolati) o il bus per raggiungere Bol (Vallo della Brazza).

Non c’è molta differenza tra l’uno e l’altro. Il taxi in genere è un furgoncino e fino a che non vengono occupati tutti i posti non parte. Ma tranquilli, ci vuole davvero poco..per chiunque mette piede sull’Isola di Brac una capatina a Bol è d’obbligo! Il costo è di 50 kune a testa (7 euro) ed il bus 40 kune. I tempi di percorrenza sono simili, considerando però che il bus ha ovviamente delle fermate intermedie. Arrivati finalmente a Bol capiamo di aver impiegato piu di mezza giornata di trasferimenti ma che ne è valsa assolutamente la pena.

Bol è una piccola cittadina molto ben curata, ristrutturata da poco e occidentalizzata con divanetti lounge un po ovunque ma frequentata da persone di ogni tipo. Il centro affaccia sul porto e sembra una cartolina. Le costruzioni sono fatte di pietra bianca che al tramonto intona colori rosei, romantici e affascinanti. La pietra proviene proprio dall’Isola di Brac ed è la stessa con cui hanno costruito la Casa Bianca di Washinton DC.

È tutto a portata di mano, tutto facile da trovare e poi la cordialità dei croati è sincera e non di convenienza.

C’è una lunga pineta, dove si possono affittare le bici (lo consiglio) e affaccia su grandi alberghi con SPA da una parte e fantastiche spiagge di ciottoli dall’altra. Se percorrete tutta la pineta arriverete alla famosa spiaggia di Zlatni Rat (quella lingua bianca con mare cristallino a sinistra e a destra che è un po il simbolo turistico di tutta la Croazia). Dicono che sia la spiaggia piu bella di tutto l’Adriatico e i piu romantici la chiamano il corno d’oro.

Guarda la gallery
croazia-empz9

Croazia feet by feet



    Commenti

    Lascia un commento

    Bol: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari