Cres no stress…una vacanza in Croazia

Vacanze in famiglia nell’isola di Cres (Cherso)
 
Partenza il: 18/08/2013
Ritorno il: 26/08/2013
Viaggiatori: 3
Spesa: Fino a €250 €

Per chi ama passare le vacanze estive al mare non solo in tranquillità ma anche facendo passeggiate e, a volte, camminate ardite, l’isola di Cres è una meta giusta come lo è stata per noi, che siamo una famiglia sprintosa e curiosa. In questa isola si può essere “estremamente” pigri solo se si ha una barca, perché le spiagge più belle sono raggiungibili solo via mare o con passeggiate più o meno, diciamo… dispendiose!

L’affollamento all’imbarco del traghetto ci fa pensare: “chissà che confusione ci sarà sull’isola”, invece la coda di auto si dissolve, poco dopo lo sbarco sull’isola, con il procedere lungo l’unica strada (a mò di spina dorsale!) che attraversa Cres e, piano piano, ogni vacanziero trova il suo posto.

Dove alloggiare a Cres

Noi abbiamo messo le tende – nel vero senso della parola! – al campeggio Kovacine, a Cres città – già prenotato ma, ahimè, le poche piazzole rimaste non erano all’ombra – un ottimo campeggio comunque che offre tutto il necessario e anche oltre, tranne il free wifi, assai difficoltoso da utilizzare!

Potrebbe essere molto divertente, ed anche utile, portarsi una bicicletta – cosa che noi non abbiamo fatto – sia per spostarsi nel campeggio, sia per percorrere la pista ciclabile lungo mare, sia per fare le innumerevoli escursioni segnalate, ma anche da inventarsi a piacere.

Vita a Cres: dove mangiare e vita notturna

La città di Cres è formata da intricate e strette viuzze, comunicanti fra loro quasi a formare un labirinto intorno alla piazza che costeggia il porto. La vita notturna dell’isola si svolge preferenzialmente in questa cittadina che offre attrazioni per vacanzieri: bar, ristoranti, gelaterie e quant’altro. Qui a Cres abbiamo cenato in due ristoranti: Konoba Busola e Konoba Kopac gustando dell’ottimo pesce a prezzi più o meno economici.

Cosa vedere a Cres

L’isola si presenta tuttora autentica, dove il turismo di massa non ha ancora intaccato le tradizioni ed il paesaggio naturale. Ovunque sono presenti muri a secco che delimitano le proprietà e danno ordine al paesaggio. Piccoli paesi a volte in parte diroccati, ma comunque non privi di fascino, offrono silenzio, tranquillità e spesso panorami mozzafiato ai vacanzieri ospitati nelle poche case ristrutturate.

Dopo aver passato il primo giorno sulla bella e affollata spiaggia del campeggio, martedì 20 agosto ci muoviamo alla scoperta di qualche “spiaggetta” – come piace dire a Romina – che sia un po’ meno accessibile, ma sicuramente più incantevole.

Valun, Lubenice e Uvala Sv. Ivan

Passiamo la mattinata a Valun, grazioso porticciolo dotato di due spiaggette molto carine e, nel pomeriggio, ci dirigiamo a Lubenice, ancora inconsapevoli di quello che ci avrebbe aspettato. Questo è un paese arroccato su uno sperone di roccia che si affaccia a strapiombo sul mare da un’altezza di 300mt. Affacciandosi dalla piazza del paese – con un ooohh! di meraviglia per lo spettacolo mozzafiato – si scorge in basso la spiaggia, bellissima insenatura a spicchio di luna classificata la quinta spiaggia più bella del mondo.

Di lì a poco ci inoltriamo per un sentiero che già sapevamo non poter essere agevole, ma che si dimostra più impegnativo del previsto – sia per lunghezza, sia per dislivello, sia per asperità del terreno e sia per il caldo torrido – soprattutto al ritorno (ahimè era tutta salita!) ed in un’ora circa ci ritroviamo in una spiaggia ancor più incantevole di ciò che prometteva tanto da ripagarci per la fatica appena fatta e quella futura.

Uvala Sv. Ivan, formata da ciottoli bianchi e arrotondati ha un’acqua gelida e ricca di pesci. Alzando il naso all’insù c’è una bella vista di Lubenice ed è ancor più apprezzabile lo strapiombo che la divide dal mare. Per chi non si accontenta, a metà circa il sentiero si divide in due ed è possibile scendere anche ad un’altra spiaggia impreziosita da una grotta visitabile (consigliamo comunque la prima in quanto la grotta è meta di gite in barconi pieni di turisti chiassosi).

Isola di Losinj

Mercoledì 21 agosto il meteo meno favorevole ci spinge a prendere la macchina e decidiamo di andare a Losinj (Lussino) isola gemella di Cres collegata a questa da un ponte mobile situato nella piccola città di Osor (Ossero), quest’ultima bellissima e dal sapore medievale che merita una sosta per una visita e per un caffè.

Lussino, come Cherso, viene attraversata da un’unica strada statale che si ferma nella punta dove si trova la città di Veli Losinj (Lussingrande). Questa piccola città, molto graziosa, una volta era un importante porto inserito negli scambi commerciali del golfo di Venezia, come testimoniano ancora i palazzi costruiti dalle famiglie di importanti mercanti del tempo. La città è ancora importante meta turistica per le sue terme conosciute fin dall’epoca dell’impero asburgico. Qui ci fermiamo per pranzo e, in un ristorantino lungo mare, ci gustiamo un san pietro alla brace veramente ottimo!

La città vicina e gemella è Mali Losinj (Lussinpiccolo), così chiamata perché una volta – contrariamente ad oggi – era più piccola di Veli Losinj. Siamo saliti sulla collina sopra Mali Losinj fino ad un punto panoramico e da lì abbiamo ammirato il profilo di tutta l’isola con la vista di gran parte dell’arcipelago croato dove è immersa.

Nel pomeriggio torniamo verso Cres e, varcato il ponte mobile, ci fermiamo ad Osor; il vento forte ci trattiene ma noi camminiamo lenti e respiriamo la pace di questo posto.

Risaliamo in auto e ci dirigiamo in direzione di Punta Kriza (Punta Croce), estremo punto a sud dell’isola di Cres, con una strada stretta, costeggiata di muriccioli e contornata di una ricca flora e ricca fauna da sembrare un parco nazionale. A metà di questa strada parte un sentiero che in quaranta minuti di camminata conduce alla grotta Jamina Sredi, abitazione dell’uomo preistorico.

La strada termina poi all’ingresso del campeggio Baldarin che si trova proprio sulla punta dell’isola. Ci fermiamo un po’ ad ammirare la spiaggetta e gustiamo, cogliendoli direttamente dall’albero, squisiti fichi – che buoni! – che da queste parti sono “a disposizione” un po’ ovunque.

Guarda la gallery
cres croazia

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-zjwp6

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-eznj6

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-tp9qj

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-cfgc8

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-w4rcc

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-6qwbr

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-tkqrm

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-8e4j1

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-ayjzg

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-kd1bj

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-wrax6

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!

cres-3puvu

CRES NO STRESS - Mai slogan fu più azzeccato!!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su cres
    Diari di viaggio
    in bici e barca nel nord della croazia: un percorso tra le isole più affascinanti dell’adriatico

    In bici e barca nel nord della Croazia: un percorso tra le isole più affascinanti dell’Adriatico

    14 AGOSTO: Roma - Trieste Partiamo da Roma, con la nostra macchina, alle 05.30 del mattino. Siamo a Trieste verso le 12.30. Ad...

    Diari di viaggio
    isola di cres

    Isola di Cres

    Periodo: fine maggio 2015 Durata: 5 giorni compreso il viaggioCosto totale per persona: 150 euroLocalità visitate: Cres, Beli,...

    Diari di viaggio
    cres no stress...una vacanza in croazia

    Cres no stress…una vacanza in Croazia

    Per chi ama passare le vacanze estive al mare non solo in tranquillità ma anche facendo passeggiate e, a volte, camminate ardite,...

    Diari di viaggio
    isole di cres di cherso e losinj di lussino in croazia...

    Isole di Cres di Cherso e Losinj di Lussino in Croazia…

    18 giorni per esplorare la natura di Cres e Losinj, tra bellissime spiagge deserte da raggiungere camminando ( a volte non poco.. ), o via...

    Diari di viaggio
    croazia... da spalato all'istria

    Croazia… da Spalato all’Istria

    12/8/12 Partenza da Ancona alle 20.30, dopo 6 ore di auto. Prenotato cabina interna e nottata tranquilla, a parte il freddo gelido che...

    Diari di viaggio
    istria, terra di contrasti

    Istria, terra di contrasti

    Fasana è un dolce paesetto veneto, coi suoi vicoli sul mare; i selciati sconnessi e grigi; i piccoli porticati; la gente rada e triste...

    Diari di viaggio
    croazia, isole del quarnaro in bici

    Croazia, isole del Quarnaro in bici

    Il nostro viaggio inizia a metà agosto da Bakar, vicino a Fiume, dove lasciamo la macchina e, dopo un pranzo di Cevapcicci e Radler,...

    Diari di viaggio
    istria incantevole... cherso selvaggia, lussino turistica

    Istria incantevole… Cherso selvaggia, Lussino turistica

    Dopo otto anni decidiamo di tornare in Croazia, anzi in Istria per la precisione, infatti prima di partire decido di documentarmi sul luogo...

    Diari di viaggio
    croazia e slovenia: inaspettati angoli di paradiso

    Croazia e Slovenia: inaspettati angoli di paradiso

    Fare le valigie, e partire. Partire così, senza programmi, senza orari, senza una meta precisa, solo una destinazione scelta a grandi...

    Diari di viaggio
    il meglio di istria e quarnaro

    Il meglio di Istria e Quarnaro

    Partiamo da Como alle 3 e mezza di mattina e nonostante sia agosto non troviamo alcun intoppo, almeno fino alla famigerata dogana tra...

    Video Itinerari