Costiera Amalfitana e Matera

Luoghi incantati e da scoprire
Scritto da: mau14
costiera amalfitana e matera

Questa vacanza era stata pensata e programmata per essere fruita da un piccolo gruppo di amici ma alcuni avvenimenti hanno cambiato tutti i programmi.

Incominciamo a programmare la vacanza nel mese di marzo. Dopo alcuni cambi di programma, io mia moglie Tiziana, Alberto e Nicoletta avremmo visitato la Costiera Amalfitana mentre Maurizio e Isa ci avrebbero poi raggiunto, da Procida, a Matera per concludere insieme la vacanza.

Prenotiamo con Wizz Air i voli di andata per Napoli Capodichino e ritorno da Bari Palese, un B&B a Vietri sul Mare dal 18 al 22 giugno e un altro B&B a Matera sino al venticinque, unitamente a Maurizio e Isa e il noleggio auto.

Era tutto pianificato quando a distanza di pochi giorni prima Maurizio e Isa devono rinunciare alla vacanza e Alberto è costretto, per motivi di lavoro, a restare a Milano.

Proviamo fino all’ultimo ma purtroppo non c’è niente da fare. La vacanza per Alberto e Nicoletta è saltata!

Quindi tutta la programmazione e pianificazione del viaggio salta e la mattina di sabato 18 giugno all’aeroporto di Linate ci presentiamo solo Tiziana ed io.

Viaggio con Wizz Air tranquillo e arrivo a Napoli Capodichino alle 9,50. Raggiungiamo il parcheggio dell’autonoleggio, prenotato con “Sicily by car” e dopo una lunga attesa, ci viene assegnata una Opel Corsa.

Il tragitto sino a Vietri sul Mare dura circa un’ora, allertiamo Marco, proprietario del “B&B Vietri 360” che ci indirizza verso un piccolo parcheggio privato, utilizzato anche da altri BB.

In pochi minuti raggiungiamo il nostro alloggio che si trova al secondo piano di una casa del 700 nel centro del paese. Il B&B è composto di tre camere, luminose, ampie e ben arredate. La nostra camera è denominata “Afrodite” ed è caratterizzata da un letto “rotondo”, è spaziosa, pulita e molto confortevole con un ampio e moderno bagno. Spieghiamo a Marco i problemi dei nostri amici, ascoltiamo i suoi consigli su cosa vedere e come muoversi in Costiera, poi sbrigate le formalità del check in, prendiamo possesso del nostro alloggio.

Sistemate le valigie e dopo un breve riposino scendiamo alla scoperta del paese. Vietri è famosa nel mondo per la produzione di ceramiche e, infatti, molti negozi propongono creazioni di ogni tipo e per tutte le tasche. Passeggiando raggiungiamo la chiesa di San Giovanni Battista e alcuni belvedere da cui si può ammirare un meraviglioso panorama.

Ci rinfreschiamo con un ottimo gelato poi, decidiamo di scendere sino a Vietri Marina per capire dove partono i traghetti per visitare le altre località della costa.

La passeggiata è anche piacevole ma il gran caldo con una temperatura che sfiora i quaranta gradi ci taglia un po’ le gambe!

Dalla strada panoramica ammiriamo i “Due fratelli”, due faraglioni che spuntano da un mare turchese. Le spiagge sono ben organizzate, tutte con eleganti bar e ristoranti e molto frequentate.

È ora di risalire. Mentre percorriamo la stretta strada passa l’autobus 63 che ogni venti minuti al modico costo di un euro fa da spola tra Vietri sul Mare e Vietri Marina. Sarà il nostro punto di riferimento per i prossimi giorni evitandoci lunghe e inutili fatiche.

Per cena prenotiamo al “Ristorante trentaquattro da Lucia”. Ottima cena di pesce con condivisione di antipasti vari, pacche con riccioli e citi alla genovese di tonno “spaziale”!

Non riusciamo a gustare i dolci, viste le porzioni abbondanti e finiamo la serata passeggiando per le vie illuminate di Vetri ammirando le splendide vetrine di manufatti di ceramiche.

Domenica 19 giugno 2022

Dopo un’ottima colazione gentilmente preparata da Marco scendiamo a Vietri Marina utilizzando il comodissimo bus 63 che ogni venti minuti fa la spola con Vietri.

Oggi abbiamo in programma la visita a Positano che decidiamo di raggiungere con il traghetto della Società Travelmar che unisce le varie località della costa.

È un’ottima scelta. Evitiamo il traffico della strada costiera, non abbiamo problemi di parcheggio e ammirare i vari paesi dal mare è un’ottima soluzione.

Fa scalo a Cetara, Maiori, Minori, Amalfi, dove si cambia traghetto, e dopo circa un’ora, intorno alle undici, siamo a Positano.

Il colpo d’occhio è eccezionale. Il paese è abbarbicato sul costone roccioso della costa e scesi dal traghetto sei subito attratto dalle case dai vari colori pastello e dalla cupola della chiesa di Santa Maria Assunta. Seguendo il flusso dei turisti e passando sotto un arco sei in paese. Un susseguirsi di negozi di ceramiche, abbigliamento, scarpe e sandali confezionati a mano su misura. Iniziamo la salita salendo una stretta scala dove ad ogni passo ti fermeresti per immortalare il paesaggio. Finalmente dopo una lunga ma piacevole salita raggiungiamo la strada statale. Qui il panorama è mozzafiato. Lo sguardo si perde all’orizzonte e sotto di noi un mare turchese con imbarcazioni di ogni tipo che si lasciano cullare dalle onde.

Dopo vari scatti fotografici iniziamo la lenta discesa. Tanti i turisti, soprattutto stranieri, tanti i negozi di souvenir e di artigianato locale e a ogni curva il panorama ti sorprende con scorci incantevoli.

Acquistiamo alcuni souvenir e raggiungiamo la cattedrale di Santa Maria Assunta con la cupola ricoperta di ceramiche verdi e gialle. All’interno la famosa icona bizantina della Madonna.

Dopo aver acquistato alcuni panini in un negozio proprio ai piedi della scalinata che porta alla chiesa, scendiamo verso il mare. La giornata è caldissima, i turisti sono tanti, passeggiamo un po’ lungo le spiagge poi decidiamo di anticipare il rientro e con il traghetto delle quindici rientriamo a Vietri.

Per cena prenotiamo al ristorante Passariello. Cena ottima con antipasti a base di tapas e spaghetti alla colatura di alici di Cetara. Buonissimi

Lunedì 20 giugno 2022

Riprendiamo il traghetto questa volta con destinazione Amalfi. Dopo una breve passeggiata lungo il lungomare attraversiamo “Porta Marina” e siamo nel cuore del paese. Davanti a noi si staglia la stupenda scalinata che porta al Duomo. Dopo foto e selfie saliamo la scalinata e acquistiamo il biglietto che ci permette di visitare il chiosco, la cripta e la basilica. Visitiamo il Chiostro Paradiso in stile romanico e arabo con le colonne di marmo bianco, i portici e vela e le palme piantate al centro del cortile. Dal centro del chiosco si può ammirare il campanile della cattedrale con la torre campanaria ornata di maioliche policrome in stile moresco. Attualmente la basilica ospita il Museo Diocesano che raccoglie gli oggetti sacri più significativi del Tesoro del Duomo e numerose opere scultoree e dipinti.

Guarda la gallery
140

170

175

338

519

img_20220623_215605



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi anche

    Video Itinerari