Costa Rica en carro

Anche quest’anno io ed Ettore ci siamo spinti fino in Centramerica con il desiderio di conoscere luoghi nuovi e, perchè no, per rilassarci un po’ dopo mesi di lavoro. La scelta cade sulla Costa Rica, sia perché è una terra che ci affascina molto dopo i racconti di amici che ci sono stati, sia perché ci siamo innamorati della cultura...
 
Partenza il: 01/08/2006
Ritorno il: 20/08/2006
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 2000 €

Anche quest’anno io ed Ettore ci siamo spinti fino in Centramerica con il desiderio di conoscere luoghi nuovi e, perchè no, per rilassarci un po’ dopo mesi di lavoro.

La scelta cade sulla Costa Rica, sia perché è una terra che ci affascina molto dopo i racconti di amici che ci sono stati, sia perché ci siamo innamorati della cultura latino-americana e vorremmo conoscerla in ogni suo aspetto. Ad accompagnarci, come sempre, la Lonely Planet, sicuramente indispensabile, ma questa volta, non sempre affidabile.

La formula-vacanza è molto cambiata rispetto agli ultimi viaggi, ma il risultato è stato comunque quello di una vacanza indimenticabile ed incredibile.

Abbiamo deciso di partire con un’altra coppia, Claudio e Giovanna, conosciuta la scorsa estate a Cuba e di abbandonare i mezzi pubblici per affittare un fuoristrada.

Il viaggio in Costa Rica ci ha permesso di visitare molti parchi con una flora ed una fauna davvero mozzafiato, di vedere ecosistemi molto diversi e di conoscere il suo popolo, i “ticos”, così cordiale e disponibile.

Unico neo di questa terra meravigliosa è la mancanza di un po’ di storia e cultura…Qui non ci sono monumenti e di conseguenza le città perdono di fascino e di interesse… Abbiamo prenotato il volo Milano-Newark-San Josè a metà giugno spendendo 1250 euro a testa.

Abbiamo noleggiato il fuoristrada (Gran Vitara 7 posti) via internet presso il concessionario Suzuki di San Josè spendendo 720 euro per 17 giorni, abbiamo percorso circa 2000 km (le strade qui sono tutt’altro che in buono stato) spendendo 210 euro di benzina.

Per dormire abbiamo speso 635 euro, per gli ingressi ai parchi 142 euro e per cibo ed extra vari altri 800 euro.

In pratica la vacanza è costata circa 2300 euro a testa.

Sinceramente mi aspettavo di trovare sistemazioni più economiche, ma la Costa Rica è una terra molto battuta dal turismo americano…Ed i prezzi sono a misura di gringos! 1 euro=640 colones (¢) 1 USD=515 colones(¢) La Costa Rica ha 8 ore di fuso in meno rispetto l’Italia.

1 agosto Emozionati come per ogni viaggio, ci alziamo all’alba per raggiungere l’aeroporto di Malpensa. Lì ci riuniamo con i nostri compagni di viaggio…L’avventura ha inizio!!! L’aereo decolla puntuale ed in 9 eterne ore siamo a New York.

E’ la prima volta negli States per me ed Ettore, tuttavia sarà solo per lo scalo e quindi ci accontentiamo di vedere la città dall’alto… Passati i vari controlli e la dogana abbiamo dovuto ritirare i bagagli e, senza rifare il check-in, li abbiamo dovuti lasciare vicini ad un rullo su cui vengono smistati…Cosa alquanto curiosa ed inutile! Anche il secondo aereo decolla in perfetto orario e questa volta, stanchissima, riesco a dormire per tutte le 5 ore del volo.

Atterriamo a San Josè verso le 20 p.M. Ora locale (le 4 a.M. In Italia), ritiriamo i bagagli e troviamo un taxi che per 12$ ci ha portato all’Hotel Santo Tòmas, in Avenida 7 calle 3y5, proprio nel centro della capitale.

Abbiamo prenotato 2 notti in hotel con Expedia qualche mese fa, la camera doppia con colazione ci è costata 42 euro.

Il Santo Tòmas è un piccolo albergo nel cuore della capitale, a pochi passi dal museo della Giada.

Ha una dozzina di camere piuttosto carine, con bagno privato ed acqua calda; ai suoi ospiti offre l’accesso gratuito ad internet, un bel giardinetto con una piccola piscina (bellina anche se l’acqua non è pulitissima) e si è rivelata una buona sistemazione. 2 Agosto …Come ogni volta che viaggio verso occidente, i primi giorni mi sveglio prestissimo, così inizio subito a studiare l’itinerario per oggi…Giornata dedicata alla visita della città ed all’adattamento al fuso… Mi rendo conto che la città non offre molto, anzi, e per di più oggi in Costa Rica si festeggia il giorno della Virgen de Los Angeles quindi le poche cose che ci sarebbero da vedere sono chiuse.

Così ci dirigiamo verso il Mercado Central, un luogo caotico e colorato in cui si vende di tutto e dove si può anche mangiare seduti in una soda (sono dei bar modesti dove si preparano piatti caldi a tutte le ore).

L’atmosfera è cordiale, la gente non ci assilla, al contrario un simpatico signore offre a Claudio di fare una foto con la sua tartaruga senza chiedere alcuna propina… Dopo aver girato tra tutte le bancarelle ci siamo diretti all’Avenida Central per comprare gli stivali di gomma per le varie escursioni nei parchi.

La ricerca non è stata semplice, ma alla fine abbiamo trovato 3 paia di “botas para lluvia” per 15000 ¢ (Ettore, che porta il 46 se li era portati da casa!).

Proseguiamo quindi verso il mariposario “Spirogyra Jardin de Mariposas” – ingresso 6$ cad.-, una sorta di serra con un giardino tropicale in cui volano tantissime specie di farfalle di colori e dimensioni diverse…Sono tutte bellissime, ma sinceramente il fatto che mi si posassero continuamente addosso mi faceva piuttosto schifo…Non sopporto gli insetti!!! La visita nella fattoria delle farfalle prosegue con un interessante filmato di circa 20 min. Che spiega il ciclo vitale di questi insetti.

Quando ci allontaniamo dal giardino è ormai ora di pranzo così prendiamo un taxi (660 ¢) che ci porta al Mercado dove ci rintaniamo in una delle tante soda per mangiare delle empanadas spendendo 5000 ¢ in quattro.

Dopo il pranzo ci siamo diretti alla Catedral Metropolitana, una chiesa enorme e moderna, che assomiglia più ad un salone di un palazzo che ad un luogo di culto.

Da lì, passando per quartieri piuttosto degradati con molti senzatetto, raggiungiamo il Teatro Nacional, uno degli unici edifici degni di nota in questa città; è un palazzo ottocentesco con una bella facciata ed una grande cupola in rame ormai completamente verde ed ossidata.

Ritorniamo in hotel passando davanti al palazzo della posta, altro edificio interessante ed attendiamo l’ora di cena riposando nel giardino dell’Hotel.

Per cena ci siamo diretti a piedi a El Pueblo, il centro commerciale di fronte al giardino delle farfalle: è una sorta di cittadella con ristorantini e negozietti di ogni genere.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Costa Rica
    Diari di viaggio
    da città del messico a fortaleza

    Da Città del Messico a Fortaleza

    Guardando per l'ennesima volta le foto dell'album di un viaggio che ho fatto molti anni fa mi è venuta voglia di raccontarvi questa...

    Diari di viaggio
    panama e costarica inseguendo il sole

    Panama e Costarica inseguendo il sole

    Viejo. Pranziamo in Plaza Bolivar con un bell’hamburger ed una birra fresca, poi setacciamo i negozi del Casco comprando gli ultimi...

    Diari di viaggio
    costarica in 7 giorni

    Costarica in 7 giorni

    Piccole e sintetiche notazioni : Il Costarica è un piccolo paese (grande come due regioni italiane), ma costituisce un’oasi...

    Diari di viaggio
    costa rica, pura vida 2

    Costa Rica, pura vida 2

    anche con i sandali, ma meglio le scarpe da trekking per evitare punture di formiche e insetti nelle foreste. Capita spesso di doverle...

    Diari di viaggio
    il meglio del costa rica

    Il meglio del Costa Rica

    Costa Rica itinerante in 10 giorni, dal Tortuguero - Puerto Viejo - Arenal al Corcovado con meno di 2000 euroIl programma del...

    Diari di viaggio
    costa rica, meraviglie continue

    Costa Rica, meraviglie continue

    Sono sempre stato attratto dalle immagini naturalistiche, cioè di esemplari del regno animale e vegetale immersi nel loro habitat. Il...

    Diari di viaggio
    costa rica low cost... in solitaria

    Costa Rica low cost… in solitaria

    Partendo da Città del Messico dove ho trascorso un anno lavorativo, decido di trascorrere un week end lungo in Costa Rica. Partenza...

    Diari di viaggio
    colombia coloniale, costa rica classica e panama per un relax alle san blas

    Colombia coloniale, Costa Rica classica e Panama per un relax alle San Blas

    DIARIO DI VIAGGIO COLOMBIA, COSTA RICA E PANAMA (SAN BLAS) Dopo un anno e qualche mese di programmazione eccoci di nuovo al punto di...

    Diari di viaggio
    costa rica, viaggio tra due oceani

    Costa Rica, viaggio tra due oceani

    Da alcuni anni avevo preso in considerazione un viaggio in Costa Rica in quanto avevo letto che l’80% del territorio è ricoperto da...

    Diari di viaggio
    immersi nella natura di panama e costarica

    Immersi nella natura di Panama e Costarica

    10 Agosto bologna\Francoforte\panama city Arrivo a Panama City nel tardo pomeriggio Transfert a 35 dollari organizzato dall’albergo...