Corsica in camper

Un viaggio di dieci giorni in agosto, non è il massimo
Scritto da: armic
corsica in camper
Partenza il: 04/08/2014
Ritorno il: 15/08/2014
Viaggiatori: due
Spesa: 1000 €

Corsica 2014

Equipaggio: Menica, Michele Camper Miller Arizona

Premessa: le vacanze! Per tanti sono una chimera; molti i camperisti, fermi con i loro camper in attesa di tempi migliori, il costo del Gasolio in autostrada supera 1,75Euro al litro. Anche per me, la crisi incide, pertanto riduco i giorni e budget. Ci sono due handicap da superare: la partenza in agosto e il contenimento del costo del viaggio. Come volevasi dimostrare, parto ai primi di agosto, e mi toccano 2400 km più il traghetto Livorno Bastia A/R. Ringrazio l’esperienza di alcuni camperisti, ma i loro appunti, “puntuali ” vengono disattesi: poco tempo a mia disposizione per visitare tutta la Corsica in dieci giorni con un camper lungo oltre 7metri e alto oltre tre che non ti agevola di certo negli spostamenti. In Corsica non è permesso il campeggio libero e non tutti i campeggi sono attrezzati per i camper. E’ bene comunque ricordare che le impressioni e le considerazioni riportate, sono frutto della mia personale interpretazione di luoghi e circostanze limitate dal tempo e dalla poca conoscenza della storia e dei luoghi d’interesse storico naturalistico che questa isola possiede, perciò non intendo influenzare in alcun modo le future scelte di altri camperisti.

PARTENZA da BARI: 4 agosto ore 12.00 Km 720

Bari-Cerignola-ss16bis – (conviene, è come un’autostrada ma senza pedaggio) innesto autostrada Bari – Pescara – poi per Firenze – Livorno, pernotto presso autogrill altezza Grosseto.

Autostrada: A 14

ARRIVO a LIVORNO “salto” a PISA: 5 agosto Km. 220

Arrivo nella mattinata al porto di Livorno per verificare i biglietti presso la Corsica Ferrier- poi ci rechiamo a Pisa, posteggiamo vicino alla Piazza dei Miracoli: la visita alla torre pendente non è facile, c’è una coda infinita per il biglietto, rientro veloce a Livorno pranzo a un Ristorante sul lungomare, e nel tardo pomeriggio visita all’Acquario. Rientro e pernotto al parking camper del porto per imbarco a Bastia.

ARRIVO A BASTIA-loc. Querciolo: 6 agosto Km. 30

Navigazione ottima, mare calmo, arrivo puntuale ore 12.00- Uscita Bastia-Direzione sud , dopo circa 35 Km in località Querciolo troviamo l’indicazione camping, si gira per una stradina secondaria, poi altri tre km. verso il mare troviamo posto nel camping Europa Beach gestito da una coppia di Corsi; Lui parla bene l’ italiano e la prima cosa che ci chiede : quanti giorni rimarrete? Sapete! Questo camping è frequentato quasi elusivamente da Italiani che ogni anno ritornano perché innamorati del posto. Per noi, nulla di eccezionale, il camping molto spartano è un’ex caserma della legione straniera ha servizi che lasciano qualche dubbio, docce fredde, bagni unisex manca il market e non offre altro che la sua spiaggia. La nostra prima giornata passa con il primo Bagno in Corsica, e la cena in camper per pianificare il viaggio.

campeggio “Europa Beach” 24 euro giorno.

www.corsicacamping-europabeach

e-mail : [email protected]

I Diari di viaggio da me consultati prima di partire, m’indicavano come prima tappa, il nord di Bastia “Capo Corse”, ma sembra che su quella zona vi siano pochi campeggi adatti ai camper, e che per arrivare a Barcaggio, paesino di pescatori alla punta del Capo, si fatica per la strada poco agevole. Ecco perché abbiamo per il momento optato per il sud.

QUERCIOLO-PORTO VECCHIO: 7 agosto Km. 120

Una Buona notizia, in Corsica il gasolio costa dalle 1.350 a 1.450 euro al litro ma attenzione all’acqua, alla corrente elettrica e alla birra locale, se la fanno pagare…….

Al mattino prima di partire, riempio un serbatoio d’acqua, scarico le acque grigie, e pago 24 euro di cui 6 per il carico dell’acqua (scarsi 80 litri) e 4 per l’elettricità; prendo per PORTO VECCHIO, la strada è senza problemi, tranne le code quando attraversi i paesi sulla costa. Sono pochi i giorni a disposizione, ci siamo prefissi almeno le tappe più importati: Bastia- Portovecchio- Bonifacio- Aiaccio-Corte-Calvi-Saint Flores e per ultimo CapoCorse. Purtroppo non riusciremo a visitare tutto, dovremo rinunciare ad Aiaccio e Capo Corse. Il primo impatto non ci esalta molto, arriviamo a ridosso di una bella spiaggia vicino alla Torre Genovese dopo Solenzara, le indicazioni vietano il parcheggio ai Camper, pertanto proseguiamo per Porto vecchio, arrivati all’ingresso del paese, incrociamo il parcheggio alla catena ipermercati “Casinò”, ci fermiamo, entriamo per i primi acquisti e per avere un’idea dei prezzi e dei prodotti, e dopo aver mangiato qualcosa riprendiamo la marcia alla ricerca del campeggio. Prendiamo la via che costeggia il mare, al primo campeggio che trovo ci sistemiamo. C’è una piccola piscina ma noi cerchiamo il mare, dobbiamo uscire dal campeggio, e a piedi dopo oltre 500 metri arriviamo finalmente su di un’affollatissima spiaggia a ridosso a una scuola di vela e surf: “Pezza Cardo”, questo è il nome del nostro campeggio, non è male per i servizi e l’ombra ma è lontano dalla spiaggia, buono anche il prezzo…. forse perché non abbiamo caricato acqua.( euro19). Cena in camper, pronti per ripartire all’indomani.

Porto Vecchio: Camping pezza Cardo (www.pezzacardo.com) E-mail : [email protected] 17 euro al giorno.

PORTO VECCHIO-BONIFACIO: 8 agosto km 32.

Lasciato “Pezza Cardo” – ci rifermiamo al parcheggio “Casinò”, proseguiamo a piedi per il porto (il ritorno lo faremo con il taxi, 10euro per 2/3 km circa- mancano i mezzi pubblici e per noleggiare una piccola utilitaria ci hanno chiesto 95euro il giorno, mi sembra un po’ troppo). Nella mattinata visita della città vecchia che si trova nella parte alta del paese, caratteristica per le sue vecchie case lasciate intatte nel tempo che ne fanno un borgo molto particolare; per raggiungerlo prendiamo il trenino 7,60 euro in due solo andata, ci aspettano negozietti ben forniti, Il Duomo, i Due Bastioni. All’orario di pranzo entriamo in uno dei ristorantini caratteristici per mangiare qualcosa, abbiamo intenzione di continuare nel pomeriggio per Bonifacio che dista altri 30km (due baghette ripiene…, patatine e due birre locali più una henikem 25 euro)anche qui la sorpresa, la loro birra locale Petra se la fanno pagare 4 euro bottiglietta 25cc.



    Commenti

    Lascia un commento

    Bastia: leggi gli altri diari di viaggio