Copenhagen e dintorni

Quattro giorni respirando un po' di nord Europa
 
Partenza il: 15/03/2013
Ritorno il: 18/03/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Era da tempo che sognavo di fare un giretto in Scandinavia e come per incanto, sono riuscita a visitare la meravigliosa Copenhagen!

Iniziamo dal periodo: l’ideale sarebbe l’estate, tra giugno e agosto, il problema è che siamo in altissima stagione ed i prezzi salgono alle stelle; per cui armati di coraggio abbiamo prenotato per la metà di marzo dal 15 al 18 per l’esattezza, devo dire che a parte un vento veramente gelido da far venire le mani violacee (qui sono abituati), ed una temperatura costante di -2°C, siamo stati fortunati, visto che non ha mai piovuto e il sole ci ha accompagnato per quasi tutto il viaggio.

Partenza da Milano Malpensa con Easy Jet alle 7.15 e arrivo per le 9.20 circa all’aeroporto di Copenhagen Kastrup, dopo aver acquistato al Centro visitatori al terminal 3 la Copenhagen Card al prezzo di 479 corone cad. circa 64 €, certo non è poco ma sono compresi 70 musei e tutti i mezzi di trasporto, è utile soprattutto per chi decide di uscire dalla città, altrimenti secondo me non serve a nulla, visto che i siti di maggior interesse turistico sono in centro per cui, io consiglio di camminare o di noleggiare la bici.

Utilizzare la bicicletta ci sarebbe piaciuto parecchio, ma faceva veramente freddo, ci si può rivolgere ai bike rent della città e durante il periodo estivo il Comune al prezzo di 20 corone che poi vengono restituite, mette a disposizione le bici nelle rastrelliere, comodo no?

Abbiamo alloggiato presso l’Hotel Danmark un tre stelle a 7- 8 minuti dalla stazione centrale, a due passi dalla Piazza del Municipio e dallo Strøget, la via dello shopping più lunga del nord Europa, l’Hotel è da consigliare per la posizione molto comoda, la nostra stanza era piuttosto vecchia e angusta ma pulita con degli spifferi dalla finestra non indifferenti. Gli spazi comuni dell’Hotel sono moderni e ben tenuti, il bar è molto carino, noi non avevamo la colazione inclusa perché costava 21 € a persona (direi eccessivo), ma all’ingresso dell’Hotel c’è tutte le mattine un piccolo tavolino con bevande calde e bicchieri gratuiti.

Prima nota positiva della città è stata la gentilezza di più persone che vedendoci con la cartina alla mano, si avvicinavano per darci il loro aiuto, sinceramente non mi è successo da nessuna parte all’estero.

Dopo uno spuntino al Mc Donald’s situato all’inizio dello Strøget, abbiamo iniziato la perlustrazione della città, lo Strøget inizialmente presenta negozi un po’ turistici, poi percorrendolo tutto iniziano i negozi ricercati, il negozio più carino per me escludendo i negozi d’abbigliamento è senz’altro quello della Lego (un paradiso per gli appassionati, mille forme e statue composte da migliaia di pezzi colorati dal drago gigante al Tower Bridge ai castelli. Continuando poi la nostra passeggiata pomeridiana, siamo passati davanti ai famosi giardini di Tivoli che purtroppo aprivano l’11 di aprile, la grande piazza del Municipio dove volendo si può salire sulla torre facendo una visita guidata e poi passando dal palazzo della Borsa della città, abbiamo raggiunto il bellissimo palazzo di Christiansborg. Il palazzo di Christiansborg è situato sulla piccola isola di Slotsholmen, è unico nel suo genere proprio perché al suo interno vi è la sede del Parlamento danese, gli uffici del primo ministro, la cappella di corte e la parte reale, dove sono presenti molte splendide stanze per ricevimenti ed incontri reali e di Stato. Esternamente si presenta come un palazzo severo e freddo ma gli interni sono meravigliosi, è qui che nel 1972 fu eletta l’attuale regina Margrethe II di Danimarca alla morte del padre, il palazzo ha una storia travagliata, proprio perché è stato ricostruito più volte dopo due incendi nel 1794 e nel 1884, i pezzi forti del palazzo sono: il salone delle tappezzerie moderne e coloratissime, la Alexander hall che è usata dalla famiglia reale per le cene ufficiali, la stanza del trono, in cui la regina accoglie ambasciatori di Stato e la splendida biblioteca a due piani con ascensore e innumerevoli e preziosi volumi di cui molti scritti in italiano. Stranamente non è un luogo particolarmente turistico, quindi abbiamo potuto girare da soli ed indisturbati per il palazzo, si possono fare foto, non ci sono audio guide per cui si leggono le didascalie oppure visita guidata solo in inglese, la cosa più curiosa e su cui sono d’accordo è l’obbligo di indossare dei calzari blu sopra alle scarpe tipo R.I.S. per non sporcare.

Camminando per caso, ci siamo imbattuti nella chiesa di Holmens (la chiesa della Marina Reale), dove si sposò la regina, è veramente molto particolare e spoglia tutta in legno dall’altare all’organo, chiesa di culto luterano come la maggior parte delle chiese a Copenhagen, è la più bella tra quelle visitate in questa città, e ne ho viste 5 o 6. La giornata non è ancora terminata, decidiamo di raggiungere la famigerata statua della Sirenetta, simbolo della città, passiamo davanti al coloratissimo Nyhavn, il famoso e celebre canale pieno di stupende casette colorate dallo stile nordico,costruito nel XVII, anticamente zona malfamata e frequentata da marinai e personaggi di dubbio gusto, oggi è uno dei luoghi più turistici della città e i prezzi dei bar e ristoranti lo dimostrano. Per raggiungere la Sirenetta si fa una bella camminata, in cui si passa vicino al palazzo di Amalienborg dove risiede la Regina, il principe ereditario e dove tutti i giorni si effettua il cambio della guardia, ma eccola in lontananza, nulla di che, come mi aspettavo, foto di rito e dietrofront giusto perché è un simbolo, in ogni caso è una copia a seguito dei numerosi atti di vandalismo subiti negli anni. Non perdetevi tornando indietro la stupenda fontana di Gefion, lì vicino che però in inverno è spenta e la chiesetta anglicana di St, Albans, l’unica in città. Prima di crollare, ci concediamo una cenetta umile con piatto unico in un locale Shawarma che è una catena numerosa a Copenhagen.

2° giorno

Usciamo tutti coperti per affrontare un’altra meravigliosa giornata, ci dirigiamo alla stazione centrale, facciamo colazione in una catena di panetterie molto apprezzata in città dal nome impronunciabile Lagkagehuset; non ci sono brioches ma tante torte, muffins e pasticcini tipici; due cappucci di dimensioni americane, due muffins e tradotto in euro quasi 15!! Alla faccia! Non facciamo i biglietti perché è tutto compreso nella card che abbiamo acquistato e saliamo sul nostro treno direzione Helsingør, si tratta di un treno regionale che in 45 minuti circa porta nella zona della Selandia, il treno come previsto non è in orario bensì in anticipo, perfettamente pulito con sacchettini per non sporcare a bordo, carrozze individuali per donne in gravidanza, con passeggini ecc. porte automatiche (quante differenze con i nostri treni), un altro mondo. Per raggiungere Helsingør si attraversa una campagna con spruzzatine di neve e più di un capriolo che scorrazza, wow! Dopo 45 minuti ci siamo, prima cosa, per risparmiare un po’ acquisto del pranzo nel supermercatino della stazione e dopo una breve passeggiata si raggiunge il famoso castello di Kronborg. La cittadina è famosa proprio per il castello in questione, in ogni caso si fa tutto con molta calma, sembra un paesino da fiaba; il faro coloratissimo, il mare ghiacciato, i pescherecci che tornano al porto, i gabbiani che dire, sublime! Il castello di Kronborg è uno dei più famosi del nord Europa, in cui Shakespeare ambientò l’Amleto, infatti in estate si tengono numerose rappresentazioni, è una fortezza rinascimentale, all’interno è piuttosto spoglio; si visitano con particolare interesse gli appartamenti reali e la stanza da ballo, la più grande del nord Europa. Dal cortile si accede anche alla cappella reale e nei sotterranei si possono visitare le casematte, cioè i lunghi sotterranei del castello dove campeggia la famosa statua dell’eroe dormiente Holger Danske (il danese) personaggio leggendario che protegge la sua terra e per difenderla potrebbe risvegliarsi. All’esterno il castello offre un panorama strabiliante sul famoso stretto dell’Øresund, un tratto di mare lungo solo 4 km che separa la Danimarca dalla Svezia. A questo proposito torniamo dopo la visita al castello, verso il porto, prendiamo il traghetto della compagnia Scandlines che in soli 20 minuti, porta ad Helsingborg, in Svezia. Questa compagnia effettua traversate tutto il giorno ogni 20/30 minuti, comodissimo, arrivati in territorio svedese, ci concediamo un giretto per vedere la chiesa di St. Mary, il particolare e rosso municipio della città e salire alla fortezza di Karnan da dove si vede tutta la cittadina e le coste danesi dall’alto, è sabato pomeriggio ed i negozi sembra assurdo qui sono chiusi come anche in Danimarca, decidiamo di prendere il traghetto e torniamo poi in treno a Copenhagen. Cena veloce, passeggiatina e dato il freddo pungente a nanna.

Guarda la gallery
cultura-r5v33

fortezza di Karnan

cultura-tut52

Veduta di Helsingborg

cultura-utj29

la Rundetaarn

cultura-k2gze

Copenhagen dall'alto

cultura-8nav5

la Marmorkirken

cultura-pwtj9

Diamante Nero

cultura-fkuef

Palazzo di Christiansborg interni

cultura-pqrxu

Castello di Rosenborg

cultura-xwhjh

la Sirenetta

cultura-dcrct

Castello di Kronborg

cultura-fbf5j

smorrebrod tipico

cultura-6e83e

Nyhavn

cultura-1hszh

peschereccio ad Helsingor

cultura-rgvt5

Municipio di Helsingborg



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Copenaghen
    Diari di viaggio
    ma che bella la danimarca

    Ma che bella la Danimarca

    Partiamo verso fine luglio da Milano alla volta della Danimarca. Siamo in camper e per motivi logistici passiamo dalla bassa Valtellina,...

    Diari di viaggio
    il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

    Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

    Il primo grande viaggio, il viaggio dei viaggi, da Parma a Napapijri.Amici dell’asfalto vi racconto una esperienza indimenticabile....

    Diari di viaggio
    interrail con le ali tra le capitali del nord europa

    Interrail con le ali tra le capitali del Nord Europa

    Un viaggio con tre giorni in media per ogni capitale, con la permanenza in ogni città influenzata dalle tariffe che si riuscivano a...

    Diari di viaggio
    un weekend a copenhagen

    Un weekend a Copenhagen

    DIARIO DI VIAGGIO: Giorno 1: in occasione del nostro anniversario di matrimonio, decidiamo di organizzare un weekend in Europa. La nostra...

    Diari di viaggio
    le tre capitali del nord: oslo, stoccolma e copenaghen

    Le tre capitali del nord: Oslo, Stoccolma e Copenaghen

    Un viaggio alla scoperta delle capitali scandinave: la verde Oslo incuneata tra i fiordi; le architetture della regale Stoccolma con...

    Diari di viaggio
    copenhagen, la città più felice del mondo

    Copenhagen, la città più felice del mondo

    Copenhagen è sempre stata nei nostri pensieri come città da visitare per chiudere (o quasi) la lista di Paesi del Nord Europa in cui...

    Diari di viaggio
    danimarca on the road con bimbo al seguito

    Danimarca on the road con bimbo al seguito

    Itinerario: Copenaghen, Helsingor (Castello Kronborg), Alla ricerca dei Giganti (Vallensbaek, Ishoj e Hoje Taastrup), Roskilde, Odense...

    Diari di viaggio
    weekend in danimarca: copenaghen

    Weekend in Danimarca: Copenaghen

    Partenza: Mercoledì 17 Aprile Ritorno: Domenica 21 Aprile Durata: 4 notti Partecipanti: 3 Costo a testa: meno di 500€Visitiamo...

    Diari di viaggio
    a zonzo per copenaghen 2

    A zonzo per Copenaghen 2

    La scelta di trascorrere le vacanze estive a Copenaghen è capitata un po’ per eliminazione. Mettere d’accordo cinque viaggiatrici non...

    Diari di viaggio
    on the road a casa dei vichinghi

    On the road a casa dei vichinghi

    l’agenzia AVIS. Il volo Ryanair FR9634 delle ore 20:25 partirà con quasi un’ora di ritardo a causa del maltempo che ha imperversato su...

    Video Itinerari