Coimbra. Portogallo. Casa di Miguel Torga

Il Settembrino visita la casa dello scrittore portoghese Miguel Torga
 

Il Settembrino sollevò il manico dei trolley come un collo di giraffa e camminò con i passi pedinati da un suono di rotelle che mulinavano sull’asfalto, si ammutolivano sui tappeti e sbalzavano sull’acciottolato. Arrivato a Coimbra, appoggiò appena lo sguardo su ciò che le guide gli incorniciavano come “cose da vedere”, “cose da non perdere” e scomparì in fretta dentro vicoli stretti come vene.

Sì allontanò dal centro di Coimbra e parcheggiò l’auto a R. Gil Vicente, vicino a un giardinetto pubblico con due aiuole in pendenza divise da un vialetto di sampietrini.

Al centro del vialetto c’è un monumento che onora il poeta e scrittore Fernando Pessoa. Il monumento è un muro curvilineo, simile a un’onda; su un lato è inciso un cerchio con il volto di Fernando Pessoa, come lo immortalò Almada Negreiros, e sotto c’è la scritta: “Fernando Pessoa – Poeta 1888-1935”. Sull’altro lato, invece, è inciso il verso del poeta “Tutto vale / se l’anima non è piccola”.

Casa Miguel Torga, Coimbra

Imboccò via Fernando Pessoa e cercò il numero 3 perché lì c’è la casa del medico e scrittore portoghese Miguel Torga, pseudonimo di Adolfo Correia da Rocha (São Martinho de Anta 1907, Coimbra 1995).  E’ stato il primo vincitore del Premio Camões nel 1989.

A 27 anni assunse lo pseudonimo di Miguel Torga per onorare il più grande autore della Letteratura iberica: Miguel de Cervantes (1547-1616), l’autore del Don Chisciotte della Mancia (pubblicato in due volumi, nel 1605 e 1615). Cervantes è stato il fondatore della letteratura moderna.

Don Chisciotte è un uomo che sogna un mondo chiaro, un mondo in cui il bene e il male siano distinguibili, in cui si può giudicare prima di comprendere ma, appena mette il naso fuori di casa, scopre che questo mondo non c’è più, che non c’è più un Dio che decreta il senso di tutto e non c’è più un’unica verità divina bensì tante verità che, appunto, possono essere tante quante i personaggi di un romanzo.

Il Settembrino arrivò davanti alla villetta e lesse la targa che dice che Miguel Torga è stato in questa abitazione dal 1953 fino al 1995, anno della sua morte. Proprio nel giardino venne accolto dall’erica selvaggia del Tràs-os-Montes, la Torga, una pianta a cui lo scrittore era affezionato tanto da adottarla come pseudonimo per il suo cognome. Una ragazza lo accolse e gli disse che lo avrebbe guidato nella visita della casa museo che, inaugurata nell’agosto del 2007, oltre alle visite guidate organizza anche attività culturali e programmi educativi.

In quel momento il Settembrino fu preso da una curiosità quasi febbrile di vedere i diari di Miguel Torga perché se c’era un uomo che aveva saputo tenere un diario, quello era stato Miguel Torga. Il Settembrino non aveva mai tenuto un vero e proprio diario. Aveva scritto solo diari di viaggio. Solo lì riusciva a scrivere perché per lui il viaggio è la metafora di un’iniziazione. Una vera iniziazione che non sta nella sterile forma del rituale ma nell’autentico e profondo cambiamento che avviene in lui prima e dopo il viaggio.

Guarda la gallery
foto_16

foto_9

foto_8

foto_7

foto_6

foto_5

foto_4

foto_3

foto_2

copertina

foto_15

foto_14

foto_13

foto_12

foto_11

foto_10

foto_1



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Coimbra
    Diari di viaggio
    coimbra. portogallo. casa di miguel torga

    Coimbra. Portogallo. Casa di Miguel Torga

    Il Settembrino sollevò il manico dei trolley come un collo di giraffa e camminò con i passi pedinati da un suono di rotelle che...

    Diari di viaggio
    portogallo on the road in 15 giorni

    Portogallo on the road in 15 giorni

    Visto il momento storico particolare che stiamo vivendo, siamo stati indecisi fino all’ultimo se partire oppure no per questo viaggio in...

    Diari di viaggio
    coimbra, un piccolo decadente gioiello

    Coimbra, un piccolo decadente gioiello

    Oltre alla sempre bella Lisbona abbiamo fatto un salto anche a Coimbra, nel mezzo del Portogallo, due ore di macchina a nord di Lisbona....

    Diari di viaggio
    porto, non è solo vino...

    Porto, non è solo vino…

    case. Poco lontano dall’Università vi è la barocca Sé Nova (XVII sec.) in origine, chiesa gesuita, nel 1772, la sede vescovile fu...

    Diari di viaggio
    non solo porto

    Non solo Porto

    SABATO 1 APRILE 2017: FORLÌ - PORTO Volo Ryanair da Bologna a Oporto, andata e ritorno 75 € a testa. Visto che da novembre 2016...

    Diari di viaggio
    prima volta in portogallo... che bello!

    Prima volta in Portogallo… che bello!

    Era tempo che volevo visitare Porto e l'occasione si presenta con l'apertura delle nuove rotte Ryanair da Milano Malpensa, per noi comaschi...

    Diari di viaggio
    porto con la moto

    Porto con la moto

    Madrid, Gibilterra e Portogallo in moto. Di Beatrice Cianchi con Vittorio Lazzeri (dal 2 al 22 agosto 2014).Costo totale della...

    Diari di viaggio
    in giro per l’europa 2

    In giro per l’Europa 2

    In giro per l’Europa2… sulle orme di Sw. Faustyna di Giusep11 dal 09.05.15 al 20.05.15Premessa I...

    Diari di viaggio
    un satlto a coimbra

    Un satlto a Coimbra

    Da Oporto, meta del nostro fine settimana, decidiamo di fare un salto a Coimbra. Prendiamo l'autobus a Praça de Batalha,12 euro "ida e...

    Diari di viaggio
    portogallo del nord

    Portogallo del nord

    Fine della nostra meravigliosa vacanza, lasciamo Évora che tanto ci ha dato così come il Portogallo: castelli medioevali, villaggi...