Cinque Terre: toccata e fuga

E' passata solo una settimana da quando siamo tornati dalle ferie estive e già la voglia di ripartire si fa grande... Ma come? Dove?! Basterebbe un week-end per non farci sopraffare dalla depressione e... Ci vengono in mente le Cinque Terre! Sì, dai, dicono tutti che sono belle e noi non ci siamo ancora stati! Dopo qualche consiglio preso dai...
 
Partenza il: 15/09/2007
Ritorno il: 16/09/2007
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 500 €

E’ passata solo una settimana da quando siamo tornati dalle ferie estive e già la voglia di ripartire si fa grande… Ma come? Dove?! Basterebbe un week-end per non farci sopraffare dalla depressione e… Ci vengono in mente le Cinque Terre! Sì, dai, dicono tutti che sono belle e noi non ci siamo ancora stati! Dopo qualche consiglio preso dai racconti di viaggio dei Turisti per Caso, decidiamo di andare in treno, onde evitare spese eccessive per i parcheggi (tutti a pagamento, cifre tipo Euro 20 al giorno). Cerchiamo alloggio in uno dei paesini ma, nonostante fosse già metà settembre, i posti accessibili a livello di prezzi sono tutti pieni, se no alberghi da 120 Euro e più a notte, solo pernottamente… Un po’ caruccio… Finalmente, tramite internet (Levantur), riuciamo a trovare una camera con bagno a Levanto (Euro 80 solo pernottamento); non è economica ma… O così o si rinuncia.

Dal sito delle Ferrovie dello Stato prenotiamo i biglietti (Intercity Milano-Levanto a/r Euro 30 a testa).

E sabato mattina partiamo. Arriviamo a Levanto per le 11 e subito andiamo in agenzia per ritirare le chiavi. L’alloggio è a un minuto a piedi dal centro di Levanto, ma in una stradina in collina, appartato e molto silenzioso, suggestivo il sentiero per raggiungerlo, tra oleandri e viti.

Sistemate le nostre quattro cose, ritorniamo alla Stazione di Levanto e facciamo la Cinque Terre Card giornaliera: è una carta che, al prezzo di Euro 8, ti permette di viaggiare in treno sulla tratta Levanto-LaSpezia quante volte vuoi e comprende anche l’accesso ai vari sentieri del Parco delle Cinque Terre, compresa la Via dell’Amore (che da sola costa Euro 3).

Arriviamo a Riomaggiore e decidiamo di cominciare subito la nostra scarpinata per la Via dell’Amore, direzione Manarola. Il panorama è stupendo, ogni scorcio vale una fotografia, il colore del mare è indescrivibile ed è talmente trasparente che viene voglia di tuffarsi (a saper nuotare…!).

Nel tratto Riomaggiore-Manarola (tempo di percorrenza circa 30 minuti) la Via dell’Amore è facilmente percorribile, ci sono molte aree di sosta, sia panche ricavate dalla roccia, sia aree attrezzate all’ombra.

Arrivati a Manarola, ci compriamo focaccia di Recco e torta di patate e pesto e facciamo sosta per il pranzo. Beh, la bontà di queste specialità liguri quasi supera la bellezza dei luoghi! Decidiamo di proseguire ancora a piedi fino a Corniglia; nel tratto Manarola-Corniglia (tempo di percorrenza circa 1 ora) il sentiero si fa sterrato e in alcuni punti un po’ roccioso, ma è comunque percorribile e credo siano proprio in questo tratto gli scorci pià belli e il mare più blu. Ci sono anche un sacco di passaggi per scendere verso il mare e fare una sosta sugli scogli a prendere il sole o fare un bagno. Attrezzati ma nel rispetto dell’ambiente! Arrivti a Corniglia decidiamo di prendere il treno per Vernazza; Corniglia è l’unica dei cinque paesi abbarbicata sulla montagna; per raggiungerla bisogna percorrere una lunga scalinata e, vista la scarpinata appena fatta, decidiamo di evitare! Vernazza è carina, con il suo porticciolo, i bar e i ristoranti comincia a diventare già più turistica, come turistica è Monterosso, l’ultima delle Cinque Terre; un bel lungomare che arriva fino alla statua del Gigante o Nettuno, una grande statua di pietra ricavata dalla roccia a picco sul mare, molto suggestiva.

Si sono fatte le 17.30 e decidiamo di tornare a Levanto, stanchi per la camminata e desiderosi di lavarci via la polvere del sentiero appena percorso.

Per la cena scegliamo il ristorante Da Rino a Levanto; semplice, carino e anche non troppo costoso: trofie al pesto, gamberoni alla griglia, sottofiletto, acqua, vino, dolce e Sciacchetrà, Euro 59 in due; per chi vive a Milano non è poi così caro! Lo Sciacchetrà è un vino passito molto buono, ci è stato servito con i cantucci; al primo sorso ricorda molto il Porto, ma lascia poi un retrogusto di Vin Santo. Da provare! Anche Levanto è molto carina, molto curata, bella gente, bei negozi (qualcuno ha anche trovato occhiali da sole firmati col 70% di sconto…!); dopo cena abbiamo fatto una passeggiata sul lungomare, fino al porticciolo, dove c’è una passerella in legno che porta quasi fino al mare; in fondo ci sono delle panchine in pietra per stare tranquilli ad ascoltare il mare e fare e farsi fare un po’ di coccole dalla propria dolce metà! Purtroppo la giornata è già finita e domenica mattina si riparte.

Che dire, è stata una sfacchinata, davvero toccata e fuga, ma ne è valsa la pena.

Il consiglio che ci sentiamo di dare è di fare il più possibile tramite la Via dell’Amore, perché le vere Cinque Terre non sono i singoli paesini, ma il meravigloso panorama che si può godere solo dalla passeggiata; l’incanto di ciò che vedrete ripagherà la fatica!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Diari di viaggio
    una giornata tra villa adriana e villa d'este

    Una giornata tra Villa Adriana e Villa d’Este

    Ambizione di bellezza, ricerca della perfezione, cura dei dettagli. E poi storia di imperatori e cardinali, di meraviglie architettoniche,...