Cina fai da te con bimbi

Un viaggio fai da te con i nostri cuccioli nella terra del Dragone alla ricerca di Kung Fu panda. Lui non lo abbiamo trovato ma luoghi bellissimi, persone splendide ed una cucina fantastica!
Scritto da: daniluca-1
cina fai da te con bimbi
Partenza il: 03/08/2018
Ritorno il: 24/08/2018
Viaggiatori: 4
Spesa: 2000 €

Come sempre accade sul finire delle ferie di agosto pensiamo alla meta per l’anno successivo e quest’anno quasi senza indugio optiamo per la Cina, in attesa di essere “accesa” ormai da qualche anno. Compriamo per la prima volta il volo ad ottobre per agosto, risparmiando diverse centinaia di euro e scegliendo a noi gli orari più congeniali. Quest’anno testiamo il volo notturno all’andata che con i piccoli si rivelerà strepitoso in quanto dormiremo tutti e 4 beati per diverse ore.

VOLO: Lufthansa da Bologna con scalo a Monaco in arrivo su Shanghai e ritorno da Pechino. Costo: 1615€ 2 adulti, 1 child, 1 infant. Con Lufthansa ci siamo trovati benissimo, il mio piccolo di 14 mesi riusciva ancora a stare nella loro enorme culla e si è fatto delle belle dormite. Personale molto cortese. Non è Emirates per pasti, sedute, ecc. ma ottimo rapporto qualità prezzo.

VISTO: visto on line acquistato su China Visa Direct è un visto on line (non si deve spedire passaporto, basta la scannerizzazione dei passaporti e delle prenotazioni aeree e alberghiere) che consente di spendere la metà rispetto al classico visto, senza considerare la comodità di poter fare tutto da casa. Condizioni: essere almeno 2 e non stare in Cina oltre 23 gg (si conta dal giorno in cui si arriva sul suolo cinese). È un’agenzia governativa che si appoggia ad un’agenzia italiana, la Quiltour per il rilascio. Ottimo servizio clienti, personale gentilissimo. Noi ci siamo trovati divinamente. Su Tripadvisor un ragazzo ci ha anche passato codice sconto: #CH170302SPRDCN10# grazie al quale abbiamo approfittato anche di un ulteriore sconto del 10%, pagando il visto per 4 persone 356 € Questo visto consente anche in caso di mancata partenza, annullamento viaggio, di essere rimborsato con la compagnia Columbus, che noi abbiamo scelto per polizza medico sanitaria ed annullamento, pagata per l’intera famiglia 192€, con codice sconto del 10%: BRDTS9. La polizza Columbus per la Cina non è male ed ha anche massimali sanitari illimitati, oltre al fatto che rimborsa il visto on line, per cui l’abbiamo scelta ad occhi chiusi.

Volo interno: 367€ – 2 adulti 1 child e 1 infant da Shanghai a Guilin. Ho fatto l’errore di comprare a 1 mese dalla partenza come suggerito su alcuni forum, in realtà a gennaio il volo costava quasi la metà, cioè 80€, un centinaio di euro a prenotare con anticipo ce lo saremmo sicuramente risparmiato, per cui il nostro consiglio è di prenotare il volo interno per tempo una volta scelte le tappe. Noi abbiamo volato con Suparna Airlines, ex compagnia cargo e ci siamo trovati benissimo Aereo normale, pulito per essere cinese, super puntuale (abbiamo preso volo delle 7.30) e personale gentilissimo. La compagnia ad oggi ha solo sito cinese (mi hanno dall’ufficio commerciale detto implementeranno anche la versione in inglese) per cui ho prenotato tramite Trip.com. Ho avuto un problema col nome del piccolo troppo lungo, risolto in poco tempo da Trip.com. Su Trip se si viaggia con infant e child bisogna fare 2 distinte prenotazioni, 1 adulto con 1 child e 1 con l’infant. Attribuzione posti completamente gratuita fatta da al momento dell’acquisto. Apro parentesi su Trip.com: è tipo un Expedia versione cinese, dove si possono comprare biglietti aerei dei treni ed hotel. Per noi è stato fondamentale per acquistare volo interno (kayak o skyscanner non sono affidabili per la Cina, non si vedono tutti i voli, oltre a costare tanto di più) perché in rete non si trova, è un canale autorizzato dal governo. Non solo Trip.com si è dimostrato fondamentale anche nel Guizhou, una regione sconosciuta agli occidentali, dove agoda, booking, e compagnia bella non avevano strutture. Il servizio clienti è molto efficiente, e ci siamo trovati divinamente. Parlano perfettamente sia cinese che inglese. Per cui volendo se si ha difficoltà a comunicare con gli hotel possono essere di supporto.

Tutto il mondo Google in Cina non funziona (maps non calcola bene le distanze, whatsapp va a tratti, social inaccessibili) per cui bisogna pianificare con cura il tutto prima di partire scaricando google traduttore che funziona anche off line (fondamentale) e per chi vuole usare i social una vpn. Per le distanze noi abbiamo trovato utile rome2rio, migliore anche di maps.me. Sicuramente ci sono anche altre più precise, ma sono solo in cinese.

TRENI: o si comprano su Trip.com – commissioni inferiori, o ci si affida a un’agenzia specializzata in biglietteria. Comprare su Trip.com è facile ma se ci si muove in più di 2 meglio affidarsi ad un’agenzia che ha un diritto di prelazione diverso (se non ho male inteso e ad oggi). Le agenzie sono diverse, quella che è più consigliata dal web e che ci è stata caldamente consigliata da chi spesso va in cina è la DI Y travel. Noi ci siamo trovati divinamente, e la consigliamo vivamente, soprattutto se si viaggia in famiglia è importante avere qualcuno che fornisca un’assistenza così efficiente. On line ho trovato anche buono sconto per dimezzare le commissioni sui biglietti: OCTZK 5 usd vs 10 Il personale sin da subito è stato squisito, e rispondeva in brevissimo tempo. In Cina abbiamo avuto bisogno e in pochissimo tempo ci rispondevano anche su wechat. Apro parentesi wechat: in Cina si usa tanto wechat, è un whatsapp evoluto con cui si chatta, si caricano foto, condividono momenti e fanno pagamenti (ad oggi solo con carte di credito cinesi). I cinesi lo usano tantissimo. Noi lo abbiamo scaricato e lo abbiamo scaricato alle nostre famiglie per comunicare (in sostituzione a whatsapp dato che si possono tranquillamente fare chat ed allegare foto). Ci è stato di grande aiuto per comunicare in loco con ostelli, agenzie, guide… con tutto l’universo cinese perché ognuno di loro ce l’ha. Tra l’altro ha anche una funzione all’interno per la quale se vi inviano messaggi in caratteri vi fa una traduzione (non eccezionale, ma capibile). Veramente utilissima per potersi muovere e comunicare.

ALLOGGI: in generale ci siamo trovati sempre meglio negli ostelli in quanto pulitissimi, con personale molto preparato e che parlava inglese – cosa fondamentale per perdere meno tempo in cina ed incappare in minor sole, offrendo driver a prezzi non vantaggiosi ma onesti, sicuramente inferiori rispetto ai tassisti per strada o agli hotel in generale. Siti utilizzati per alloggi: booking, agoda, trip.com per guizhou, e hotels.com (dove avevo una notte da riscattare).



    Commenti

    Lascia un commento

    Chengdu: leggi gli altri diari di viaggio