Chiapas e Yucatan, tradizione e modernità

Un viaggio tra bellezze naturalistiche, siti archeologici, città coloniali e tradizioni locali. Alla scoperta di un Paese ricco di storia e cultura, con molte contraddizioni
 
Partenza il: 03/05/2012
Ritorno il: 21/05/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Abbiamo trascorso circa due settimane in Messico, cercando di scoprire quanto più possible le bellezze naturalistiche, i siti archeologici, le città coloniali e le tradizioni locali. Ci siamo sempre mossi con mezzi pubblici, come e insieme ai messicani. Abbiamo scoperto un pease ricco di storia e cultura, con molte contraddizioni, e sopratutto… vasto.

3 maggio 2012

Partenza da Parigi con Iberia per Messico City via Madrid. Prima sorpresa: il volo Madrid – Messico è annullato, e ci fanno partire il giorno dopo. Passiamo la notte a Madrid.

4 maggio 2012 – Mexico City

Sveglia all’alba e giro rapido in centro Madrid, il tempo di vedere al volo alcuni monumenti e strade importanti, sotto la pioggia. Il volo parte alle 12h00 e arriviamo che sono le 17h00 a Messico City. Prendiamo la metro per 3 pesos (è la metropolitana meno cara del mondo) e ci dirigiamo verso il centro città, lo Zocalo. Dormiamo al Mundo Joven, proprio nella piazza principale; la terrazza dà sui tetti della Cattedrale Metropolitana. Posiamo i bagagli e facciamo un giro nei dintorni. Nella piazza ci sono venditori ambulanti di cianfrusaglie e cibo, prendiamo due tacos per 24 pesos e una quesadilla per 12 pesos. Continuiamo la passeggiata nella Avenida Madero, via del passeggio, fino alla Torre Latinoamericana.

All’hotel prenotiamo il tour per Teotihuacan del giorno dopo (390 pesos cad).

5 maggio 2012 – Mexico City

Colazione discreta in hotel e alle 9h00 partiamo per il tour. Prima tappa al Tlatelolco, con la piazza delle Tre Culture (riunisce un sito precolombiano, una chiesa dell’epoca della colonizzazione ed edifici moderni). Fu scenario di una brutale soppressione della protesta studentesca nel ’68. Seconda tappa il Santuario di Nostra Signora di Guadalupe: un complesso di sette chiese dove apparse la Madonna e dove è esposto il telo su cui rimase impressa la sua immagine. Ultima tappa il sito archeologico di Teotihuacan. La cultura Teotihuacan è contemporanea a quella Maya (ma presente al centro del paese, i Maya al sud). Impressionanti le piramidi del Sole e della Luna, che scaliamo. Quella del Sole è la terza più alta al mondo, dopo Cholula e Giza. Il sito è impressionante. Verso le 17h30 rientriamo in città, nuova passeggiata nello Zocalo, fino a plaza della Repubblica (dove si trova il monumento alla rivoluzione). Facciamo una deviazione per visitare la bella plaza Tolsà e il bel Palacio Postal, in stile coloniale. Sul cammino notiamo ed entriamo nella casa degli Azulejos (le mattonelle di maiolica blu). Ceniamo con mega gelato allo yogurt. Nelle strade c’è tanta gente, tanti giovani e tante coppie che amoreggiano. Daniele taglia i capelli a Domenico (prima volta nella sua vita. Esce un taglio avanguardista).

6 maggio 2012 – Mexico City

Sveglia alle 6h30 e visita della Cattedrale Metropolitana, con i suoi altari barocchi e i muri storti (in tutta la città non c’è un solo palazzo dritto). Nei pressi visitiamo il Palacio Nacional, sede della Presidenza della Repubblica, e soprattutto dei murales di Diego Rivera che raccontano la storia del Messico. Nel frattempo la piazza si è animata; prendiamo da bere un succo tipico e facciamo il rito azteco (Limpia Azteca – Grupo Quetzalcoatl) contro il malocchio. Domenico tentenna mentre Daniele si lancia e si fa avvolgere da fumi, picchiettare con il basilico mentre un azteco gli danza attorno. Speriamo va…

Un gruppetto di ragazzine che studia inglese ci chiede se può intervistarci, ci pongono (emozionate e imbarazzate) delle domande in inglese e ci riprendono con la telecamera. Immaginiamo sia un compito per la scuola.

Con la metro andiamo alla stazione Tapo (fermata san Lazaro) per prendere i biglietti del bus per Puebla dell’indomani mattina e per Oaxaca del giorno dopo.

Ci dirigiamo verso Coyoacan per visitare la casa museo di Frida Kahlo. Si trova in un quartiere residenziale molto piacevole e tranquillo. Ci colpiscono una serie di belle villette circondate da muri alti e filo spinato con la corrente.

Il museo “Casa Azul” è molto bello, immerso nel verde, e grande. I muri sono dipinti di un blu intenso. All’interno la casa è ornata di quadri e oggetti di uso quotidiano. C’è anche il letto di Trotsky (che vi soggiornò per qualche tempo).

Ultima tappa nella giornata è la visita del Castello di Chapultepec (residenza di Massimiliano di Asburgo), che in realtà non ci colpisce particolarmente. E’ immerso in un immenso bosco e costruito in cima ad una collinetta. Sulla strada del ritorno Daniele viene coinvolto da un clown in un gioco imbarazzatissimo.

Sulla strada del ritorno mangiamo per strada delle Enchilladas (tacos inzuppati in salsa piccante al coriandolo e formaggio fuso). Pessima idea, ne vedremo presto le conseguenze. La sera usciamo nella Zona Rosa; il tempo di bere qualcosa e rientriamo.

Qui termina la visita della città, è stata più breve del previsto causa annullamento del volo (avremmo voluto visitare i canali e il museo archeologico, vabbé…).

7 maggio 2012 – Puebla e Cholula

Prendiamo il bus per Puebla e in due ore arriviamo a destinazione. Arriviamo al Capu, a 4 km della città, e prendiamo un bus che per 7 pesos ci porta in centro città. La prima impressione è un caos di pulmini e gente che va in tutte le direzioni. I pulmini più nuovi sono degli anni ’70 e sono addobbati con immagini di Gesù e della Madonna, guarda caso. Andiamo all’hotel Sant’Agustin, senza infamia né lode, ma vicino allo Zocalo (240 pesos per la doppia). Usciamo velocemente per andare a Cholula con uno dei soliti pulmini della speranza. Quella di Cholula è la piramide più grande del mondo ma… non si vede! E’ in realtà una collina con alla base dei ruderi e alla sommità una bella chiesetta, ma non si percepisce affatto che sia una piramide. Domenico inizia a dare segni di stanchezza. Visitiamo lo Zocalo di Cholula, dominato da un enorme monastero, e prendiamo del Pulche (bevanda tipica, un distillato di agave). Rientriamo in albergo e usciamo subito dopo per visitare lo Zocalo di Puebla. Visitiamo la piazza, la via principale, la cattedrale con la Cappella del Rosario, una meraviglia barocca piena di stucchi dorati. Ceniamo con una zuppa di pollo nella piazza ed esausti rientriamo in albergo e lì la maledizione di Montezuma si esprime in tutta la sua violenza. Passiamo una notte d’inferno, e alle 5h00 siamo obbligati ad alzarci per prendere il bus per Oaxaca. Siamo in uno stato pietoso.

Guarda la gallery
yucatan-region-bxnjy

Cenote Ik-Kil, vicino a Chichen Itzà

yucatan-region-yd39r

Cascate di Agua Azul in Chapas

yucatan-region-gezmj

Mexico City - Piramidi di Teotihuacan

yucatan-region-upcym

Cerro di San Cristobal de las Casas



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Campeche
    Diari di viaggio
    tre settimane nel messico del sud

    Tre settimane nel Messico del sud

    me se non per farci una passeggiata, magari la sera per godersi lo spettacolo delle luci. Vicino l’imbarcadero c’è una piacevole...

    Diari di viaggio
    alla scoperta del messico autentico

    Alla scoperta del Messico autentico

    La programmazione di questo meraviglioso viaggio è partita a Settembre 2016, una volta presi i biglietti aerei che da Roma Fiumicino ci...

    Diari di viaggio
    in yucatan con un salto in chiapas

    In Yucatan con un salto in Chiapas

    Eccomi qua a descrivere quella che per me è stata un’esperienza unica alla luce del fatto che fino a ieri avevo girato in lungo in largo...

    Diari di viaggio
    messico on the road fra maya e mare

    Messico on the road fra Maya e mare

    Consigli generali · Moneta: potete prelevare direttamente nei caselli ATM delle città. Noi non abbiamo riscontrato nessun...

    Diari di viaggio
    sulle strade del messico

    Sulle strade del Messico

    Il nuovo anno è iniziato al lavoro, ma poco importa siccome dopo qualche ora sarei partita per il Messico. E così il 2017 non poteva...

    Diari di viaggio
    messico: consigli per un viaggio fai da te

    Messico: consigli per un viaggio fai da te

    Un saluto a tutti da Dario e Mari ed eccoci alle prese con un altro diario di viaggio. Dopo la Turchia dello scorso anno, è ora la volta...

    Diari di viaggio
    emozionante messico e spettacolare belize

    Emozionante Messico e spettacolare Belize

    dove troviamo il nostro hotel Plaza Mirador, carino ma non eccezionale. Andiamo in giro per la città e pranziamo all’interno del...

    Diari di viaggio
    yucatan & chipas: un viaggio da fare

    Yucatan & Chipas: un viaggio da fare

    Premetto che questo diario sí vuole essere un racconto della nostra esperienza in Yucatan e Chipas, ma non mi soffermerò in dettagli di...

    Diari di viaggio
    messico per due

    Messico per due

    Ho deciso di scrivere qui questio viaggio, per raccontare e dare qualche informazione sul viaggio in Messico che ho fatto con mio marito...

    Diari di viaggio
    yucatan e chiapas 5

    Yucatan e Chiapas 5

    Partenza con blue panorama da roma con scalo tecnico a L'Avana, ritorno volo diretto Cancun-Roma costo 800 euro a persona (costo totale...

    Video Itinerari