..che bella la siria!

Ispirati dai resoconti entusiasti letti su questo sito siamo partiti in coppia per la Siria, con l’intento di verificare di persona. La Siria ci ha ammaliati e desideriamo ringraziare tutti quanti coi loro scritti hanno contribuito alla realizzazione del nostro bel viaggio. L’agenzia di riferimento era la siriana Nawafir Travel & Tours, più...
 
Partenza il: 03/08/2008
Ritorno il: 15/08/2008
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Ispirati dai resoconti entusiasti letti su questo sito siamo partiti in coppia per la Siria, con l’intento di verificare di persona. La Siria ci ha ammaliati e desideriamo ringraziare tutti quanti coi loro scritti hanno contribuito alla realizzazione del nostro bel viaggio.

L’agenzia di riferimento era la siriana Nawafir Travel & Tours, più volte segnalata da altri turisti, che si è confermata affidabile, competente ed efficiente. Yasser, il nostro contatto in loco, è stato paziente e disponibile a concordare e modificare l’itinerario secondo le nostre esigenze fino all’ultimo giorno. Tutti i servizi forniti sono stati di buon livello e conformi a quanto concordato.

La Siria è un paese sicuro e cordiale, le strade perfettamente tenute consentono spostamenti agevoli e rapidi, indubbiamente è un paese in cui noi italiani possiamo sentirci “ricchi”. Per tutto il tour di 13 giorni (alberghi di buon livello, auto con autista e ingressi nei vari siti) abbiamo speso 1200,00 euro a persona (aereo escluso). Ha inciso molto il soggiorno in Giordania, sia perché più cara, sia perché la Nawafir è stata costretta ad appoggiarsi ad un’agenzia locale erogatrice dei servizi in loco. Il periodo di viaggio (agosto) era sconsigliato per il caldo ma noi non ne abbiamo risentito, anche perché essendo secco era più tollerabile dell’afa che avevamo lasciato. Mon, 04.08 Arrivo a Damasco alle 5,00 con volo Alitalia notturno. Primo timore fugato: credevamo di trovarci spaesati in un aeroporto semideserto e invece l’aereoporto di Damasco è un vero e proprio suk, pieno di gente di tutti i tipi. Nonostante le due ore di ritardo dovute a un allarme bomba a Roma troviamo l’autista che ci accoglie con un sorriso… benvenuti in Siria! L’albergo (Beit Rumman) è delizioso: una casa damascena restaurata nel centro della città vecchia, con tanto di cortile con fontana esagonale al centro e sole 5 camere in stile. Ha aperto da pochi mesi, tutto è nuovo e accogliente ed il personale è cortese e gentile. Ci troviamo in un angolo di paradiso! Dopo un paio d’ore di riposo ci immergiamo subito nell’old city e in breve ci ritroviamo a prendere il tè con alcuni locali che davvero sembrano più interessati a scambiare quattro chiacchiere che a venderti qualcosa. E poi a due passi dall’albergo entriamo in una chiesa siriaco ortodossa e incontriamo Padre Giovanni, che parla l’italiano e ci tiene a farci visitare la chiesa, benché sia chiusa, ci mostra il Vangelo scritto in aramaico, e ci invita a tornare per il tè… Subito emerge una realtà estremamente variegata: alcune donne sono interamente coperte dal velo nero simile al burqa, altre indossano il velo ma hanno le fessure per gli occhi, altre portano il volto scoperto, altre ancora portano la testa avvolta da veli colorati, diverse, soprattutto giovani, vestono all’occidentale. E tutte convivono apparentemente pacificamente, “è una questione di scelte personali” mi è stato detto. Non mi sono mai sentita osservata, nemmeno nei suk, e la sera girando di notte nelle strade ci siamo sentiti più sicuri che a casa nostra in Italia. E ancora: ovunque a fianco alle moschee si incontrano chiese cristiane di tutti i tipi (greco ortodosse, siriano ortodosse, cattoliche…) e quello che si respira è un’atmosfera di grande varietà: ma che siano più tolleranti loro che noi? La sera cena da Elissar (segnalato dalla guida Lonely Planet e da alcuni locali): ancora gradita sorpresa: la cucina araba in Marocco e in Egitto non ci aveva entusiasmato ma questa cucina siriano-libanese è sublime! E il conto (1.200 lire siriane= 15 euro in due) è una gioia ulteriore.

Tue, 05.08 Damascus – Palmyra Conosciamo il nostro autista, Kalhed, che ci viene a prendere con una monovolume da 7 posti nuova di zecca che fa con noi il primo viaggio: come dice Kalhed siamo gli starters. 240 km per arrivare a Palmyra: la strada è ottima e trafficata da camion che vengono dall’Iraq, la frontiera qui è vicina. Propongo a Kalhed di cambiare itinerario e lui mi dice di affittare un tank per andare in Iraq! Ci addentriamo nel deserto ed a un certo punto entriamo nell’oasi di Palmira. E’ l’una e fa caldo, così preferiamo rimandare la visita alle quattro e nel frattempo Kalhed ci procura Alì, l’unica guida parlante in italiano. Alì tiene a precisare che lui è figlio di beduini che abitavano nelle rovine prima che il governo li cacciasse, è simpatico e in effetti la sua presenza è preziosa per orientarci nell’immenso parco archeologico. Palmyra è forse più bella di Pompei, se non altro perché sorge in mezzo al deserto, e lascia senza fiato.

Cena in albergo (Heliopolis) perché secondo Kalhed i ristoranti locali non sono un gran che e l’igiene scarsa.

Wed, 06.08 Palmyra – Hama – Srouj – Aleppo Kalhed decide di fare una strada alternativa per il deserto e non prendere l’autostrada: abbiamo così visto miriadi di villaggi con le case ad alveare, tanto che alla fine Srouj ha perso di attrattiva. Qasr ibn Wardan è un castello molto diroccato; il custode ci dice con fierezza di essere un beduino.

Saltata Hama perché è estate, il fiume è asciutto e le pale non girano. Preferiamo arrivare subito ad Aleppo e visitare St Simon.

Thu, 07.08 Aleppo Aleppo è ancora più orientale di Damasco: molte più donne sono velate e il suk è un dedalo di cunicoli oscuri. Tutti fumano il narghilé e i taxi sono sgangherati (noi abbiamo dovuto spingerne uno che si è fermato a metà corsa!). La maggior parte dei tassisti non parla inglese e non comprende caratteri occidentali (inutile mostrare i biglietti dell’hotel se non sono scritti in arabo!). La sera, verso le 11, un’infinità di gente si riversa nelle strade per lo shopping: penso che io d’inverno sto già dormendo…Qui sembra mezzogiorno! Cena deliziosa da Beit Sissi (o Sissi House), viene anche Kalhed che non vuol perdersi le sue prelibatezze.

Hotel Park (standard).

Fri, 08.08 Aleppo – Crac – Maloula – Damascus Il Crac Des Chevaliers è molto ben conservato ma l’emozione di oggi viene da Maalula, dove ascoltiamo il Padre Nostro in aramaico da una volontaria nella chiesa di S. Sergio. Le parole sembrano giungere da un tempo lontano, l’atmosfera è sospesa e carica di misticismo. Quella ragazza ci ha fatto proprio un bel dono.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Aleppo
    Diari di viaggio
    ricordi di siria

    Ricordi di Siria

    Questo non è un racconto di viaggio, ma è il ricordo di un viaggio, ricordo stimolato dalle notizie di distruzioni che sentiamo e vediamo...

    Diari di viaggio
    emozioni e sensazioni... siria e giordania.

    Emozioni e sensazioni… Siria e Giordania.

    La premessa di questo diario di viaggio è che non si parlerà di costi, avendo noi comprato un pacchetto, veramente tutto compreso, volo,...

    Diari di viaggio
    dall'antilibano all'eufrate. viaggio in siria

    Dall’Antilibano all’Eufrate. Viaggio in Siria

    DALL’ANTILIBANO ALL’EUFRATE. VIAGGIO IN SIRIA 7-14APRILE 20107 APRILE. BOLOGNA - ALEPPOPartiamo in sei: Teresa e Maria...

    Diari di viaggio
    italia fans club siria

    Italia Fans Club Siria

    Periodo: Dal 26 Dicembre al 6 Gennaio Volo: Turkish Airlines 400 euroGuida: Touring, niente di che, però era la più...

    Diari di viaggio
    le strade della siria in camper

    Le strade della Siria in camper

    dal 25.09.2010 al 16.10.2010 Partecipanti: Cinzia & Luca, Paola & Goffredo“La Siria è un paese canaglia”, “Ti fidi ad andare in...

    Diari di viaggio
    siria e giordania i love you!

    Siria e Giordania I love you!

    Siria e Giordania 2010 24-06 Italia 25-06 Damascus 26-06 Damascus- Palmira 27-06 Palmira-Aleppo 28-06 Aleppo 29-06 A Aleppo-Ebla-Apamea-...

    Diari di viaggio
    siria per caso

    Siria per caso

    Non mi sarebbe mai venuto in mente di fare un viaggio in Syria se non fose stato che la mia amica Patrizia, invitata dal suo amico Alaa,...

    Diari di viaggio
    giordania & siria in scooter 2009

    Giordania & Siria in scooter 2009

    Siria e Giordania (2009) Periodo : dal 1/8/2009 al 24/8/2009 Partecipanti : 2 (Massimo e Sabrina) Itinerario: Italia – Grecia – Turchia...

    Diari di viaggio
    siria culla della civilta' e fascino orientale

    Siria culla della civilta’ e fascino orientale

    La siria è un paese che mi ha affascinato molto, ricco di storia, siti archeologici, la cordialità e disponibilità del popolo siriano in...

    Diari di viaggio
    siria & giordania in scooter di 2009

    Siria & Giordania in scooter di 2009

    Siria e Giordania (2009) Periodo : dal 1/8/2009 al 24/8/2009 Partecipanti : 2 (Massimo e Sabrina) Itinerario: Italia – Grecia – Turchia...