Cento sfumature di verde

Breve giro dall'Irlanda del Nord al Connemara
Scritto da: medea77
cento sfumature di verde
Partenza il: 03/08/2015
Ritorno il: 10/08/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Pronti, partenza e via! Ore 21.55 del 3 agosto 2015. Durata del volo 2 ore e 30 minuti. Costo dei due biglietti Ryanair 390 euro a/r. Primo consiglio: fate sempre attenzione al peso dei bagagli e, non solo a fare il check-in online, ma anche a stampare la carta d’imbarco. In caso di mancato check-in online potete farlo in aeroporto ma al costo di 45 euro, e se lo fate ma non stampate la carta d’imbarco sono 15 euro. Questa volta il volo è partito puntuale, al contrario di altri voli ryanair che in passato ci hanno causato vari problemi, perciò siamo riusciti ad arrivare all’autonoleggio prima che chiudesse.

Autonoleggio Budget, costo 290 euro per 7 giorni, city car, skoda, già carico di carburante ma da riportare altrettanto pieno. In ogni caso, visto il maggior costo della benzina in sterline in Irlanda del nord, avremmo comunque fatto il pieno a Dublino. In alcuni siti avevamo letto che occorreva avvisare l’autonoleggio in caso di visita nel nord, ma la signora dell’autonoleggio non sembrava fregarsene un granché. In un attimo arriviamo al parcheggio, familiarizziamo con la guida a sinistra e partiamo per il breve tragitto che ci separa dall’albergo.

Travellodge, Pinnock hill Roundabout, Swords. A tre minuti di auto dall’aeroporto. E’ possibile fare il check-in a qualsiasi ora visto che la reception è aperta 24h/24. Lo staff è giovane e disponibile, ci spiegano tutto in modo accurato. Le camere sono ampie anche se abbastanza spoglie, ma questo è tipico degli alberghi vicino agli aeroporti. Bagno in camera, pulito, asciugamani e set di cortesia. Possibilità di farsi thè e caffè in camera col bollitore. Moquette per terra, riscontrata in molti alberghi, secondo me poco igienico, infatti, anche in questo caso, c’erano macchie per terra, in più ho trovato una forcina per capelli! Costo: 61 euro a notte per camera matrimoniale. 9 euro a testa per colazione a parte.

04/08/2015

Non abbiamo grossi impegni… la sveglia non suona prima delle 8.30. Colazione energizzante (anche se per un costo direi eccessivo se confrontato con quello degli altri posti) in modo da fermarsi il meno possibile lungo la strada, e via alla volta di Belfast!

A Belfast tentiamo di raggiungere la sede di un’agenzia di Black Taxi Tour con l’indirizzo trovato su tripadvisor, ma probabilmente si tratta della casa del titolare, perciò inseriamo le indicazioni per il centro nel navigatore (portato da casa) e depositiamo l’auto in un parcheggio. Chiediamo indicazioni per fare il tour in Black Taxi e vedere i Murales di Belfast, simbolo delle battaglie tra cattolici e protestanti, e c’è proprio un’agenzia a 5 minuti di strada. Prenotiamo subito per 30 sterline. I prezzi sono uguali ovunque e non contrattabili, ma se vi interessa scoprire la parte storico-culturale di Belfast sono ben spesi. Noi non siamo grandi esperti della storia irlandese, perciò consigliamo il tour in taxi con guida anziché in solitaria, in macchina o a piedi; la nostra, Hugh, è stata molto solerte fermandosi ad ogni murales, raccontandocene la storia e rispondendo a tutte le nostre domande, facendoci immergere nell’atmosfera tesa e conflittuale della città. Ad esempio, lo sapevate che a Belfast esiste un muro nel quartiere popolare che separa i cattolici dai protestanti e che ancora oggi i ragazzini lanciano i sassi da un lato all’altro del muro? Conoscete la storia di Bobby Sands, attivista dell’IRA, primo detenuto a morire in seguito a sciopero della fame nella lotta per i diritti dei detenuti? Conoscete la storia di Topgun, lealista protestante considerato un eroe dai compagni per aver ucciso a sangue freddo 12 cattolici? Oggi esistono anche murales che fanno riferimento ad altre guerre nel mondo che simboleggiano la lotta per la libertà e per i diritti umani (es. Mandela, Gaza, ecc). Agenzia Taxitrax, www.taxitrax.com, guida Hugh Jorda.

Siccome non ci interessa vedere il museo del Titanic ma preferiamo vedere le bellezze della natura lasciamo Belfast appagati e iniziamo il tour della Costal Route. La sentirete chiamare in mille modi, come Giant’s Causeway route, Antrim Route, ma sempre della stessa strada costiera, che parte da Carrickfergus e arriva a Coleraine, si tratta, l’importante è che seguiate sempre le indicazioni marroni con scritto Costal Route.

Iniziamo il nostro viaggio lungo la costa a Carrickfergus, con una sosta fotografica alla fortezza medievale che domina il mare e poi ripartiamo alla volta delle Glens of Antrim.

Belfast- Carckfergus km 20, tempo di percorrenza 25 minuti.

Non ci fermiamo a Larne ma direttamente a Glenarm, dove seguiamo le indicazioni della Lonely Planet per arrivare al punto panoramico. Basta seguire la strada a sinistra, appena entrati in paese, che sale, parcheggiare e seguire il breve sentiero, Layde Walk, di fianco a proprietà private, costellato di fiori e conigli. Purtroppo il cielo è coperto ma la vista è ugualmente appagante.

Carrickfergus-Glenarm km 34, tempo di percorrenza 37 minuti.

Altre soste fotografiche lungo la strada, purtroppo il tempo oggi è molto variabile anche se c’è stato un acquazzone solo a Belfast, le temperature sono medie basse e così resteranno per tutta la vacanza..

Glenarm-Cushendall km 20,8 tempo di percorrenza 23 minuti.

Garron View, 14, Clough’s Road. Il nostro B&B è un po’ fuori dal paese, disperso nelle campagne, circondato da prati dove pascolano pecore e mucche, ottimo per assaporare l’Irlanda. 68 euro per camera matrimoniale e comprensivo di colazione abbondante (noi abbiamo scelto la colazione tradizionale irlandese). Camera piccola ma ben arredata, pulito anche se con la solita moquette, asciugamani, phon, possibilità di farsi the e caffè in camera con bollitore. Bagno esterno in comune ma molto pulito, colorato, decorato e profumato con candele e altro, veniva quasi appetito!!

La signora ci avvisa che oggi in paese c’è un festival, si può mangiare per strada alle bancarelle, e noi ci andiamo con grande entusiasmo dopo un breve riposo e una doccia. Alterniamo la serata tra Guinness, arringhe affumicate, zuppa di pesce e cupcakes. Ma alle 21 ce ne torniamo al B&B, la nostra giornata è stata lunga. Poco male, a quell’ora le bancarelle stanno già chiudendo!



    Commenti

    Lascia un commento

    Belfast: leggi gli altri diari di viaggio