Catania e dintorni 2

15 giorni in giro per la parte orientale della Sicilia. Non accenno neanche alle spiagge bellissime che abbiamo visto, ma vi racconto cosa visitare.
 
Partenza il: 02/09/2019
Ritorno il: 15/09/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Quest’anno la meta delle vacanze è stata la Sicilia, precisamente Catania e dintorni. È stata una meta scelta all’ultimo secondo, accettando l’invito di una coppia di amici che da anni ci invitavano. Avremmo dovuto fermarci solo un paio di notti, a casa loro, ed è finita invece che siamo rimasti tutte e due le settimane di ferie, scoprendo la generosa ospitalità siciliana. Abbiamo conosciuto persone generose e disponibili, che senza neanche conoscerci ci hanno trattato come dei principi, il sud Italia meriterebbe di vivere di turismo, per le ricchezze (non solo artistiche) che possiede… Non avendo fatto una vacanza itinerante, non ho delle vere e proprie tappe da consigliare. Mi limito perciò stavolta ad elencare una serie di spunti che possano servire per chi voglia scoprire quest’angolo di isola.

CATANIA:

Consiglierei di dedicarci almeno due giorni. Le cose da vedere sono molte e non serve affidarsi ai giri turistici programmati per vederle, anzi. Ero personalmente attratto dall’idea di visitare la parte sotterranea e questa cosa è assolutamente possibile in totale autonomia, spendendo molto meno rispetto ai tour organizzati che comunque non comprendono tutti i siti. L’unico problema è riuscire ad incastrare tutti gli orari, perché soprattutto le chiese sono gestite da volontari (che ringrazio per gentilezza e disponibilità, e per fare quanto la pessima gestione della cosa pubblica non permetterebbe altrimenti…) e quindi non sono sempre aperte. (io mi son trovato molto bene con il sito www.oraridiapertura.net) Terme: consiglio la visita delle vecchie terme romane. Le Terme Achilliane sono situate esattamente nel sagrato del Duomo, hanno gli orari più flessibili e meritano una visita, l’ambiente è piccolo ma molto ben conservato. Le Terme della Rotonda sono forse le più belle, con tracce di strutture romane e bizantine, ma sono aperte solo il mercoledì e la domenica mattina, sono dalle parti del castello. Le Terme dell’Indirizzo sono invece in zona Pescheria ma sono una struttura assolutamente trascurata, uno spettacolo triste, come viene definito su alcune recensioni. E’ comunque un sito gratuito da vedere. Sempre in zona Pescheria, oltre al cavalcavia del treno c’è l’Ostello, una struttura che permette di scendere nel sottosuolo e vedere il fiume Amenano, che è il fiume rimasto sepolto dall’eruzione della fine del 1669 e che scorre sotto la città. La discesa si può fare di giorno, pagando 2 euro a testa, mentre la sera ci si può consolare del caldo diurno nel pub a fianco. All’interno dell’ideale percorso nella Catania sotterranea ci hanno raccomandato anche il Monastero dei Benedettini e le Chiese di Sant’agata. Il Monastero è imperdibile, vale la pena investire 8 euro e fare il tour guidato. E’ una struttura imponente, complessa, che permette di toccare dal vivo gli effetti dell’eruzione del 1669, che giunse ad accumulare quasi 12 metri di lava in corrispondenza dei vecchi muri esterni. È da vedere anche l’ingegnoso modo con cui la lava venne poi “riutilizzata” dai monaci come pavimento delle cantine della nuova costruzione…Splendido anche l’organo. Le Chiese di Sant’Agata, invece, merita un discorso a se stante: da piazza Stesicoro, alle spalle dei resti dell’anfiteatro romano, parte un “percorso” legato al martirio di sant’Agata, vale a dire San Biagio in Sant’Agata alla Fornace, Sant’Agata la Vetere (che fu la prima cattedrale di Catania) e Sant’Agata al Carcere. Ovviamente, anche in questo caso bisogna far conto con le aperture al pubblico, visto che sono visitabili grazie ai bravissimi ragazzi volontari che ti raccontano la storia legata al monumento. San’Agata alla fornace offre la possibilità di vedere un piccolo pezzo di originario pavimento sul quale la santa venne martirizzata, ed è aperta in genere la mattina, il giovedì invece dalle 16.30 alle 18. Risalendo la strada, si trova Sant’Agata alle Carceri, aperta solo la domenica mattina e dove si può visitare il carcere della santa, secondo la tradizione popolare, ed infine si arriva aSant’Agata la Vetere, aperta ogni giorno. E’ molto interessante visitare la cripta con lo scolatoio (il posto dove in tempi antichi i monaci ponevano i cadaveri per liberarli dalle interiora e dai fluidi corporei, prima di seppellirli), e sorge sul luogo del pretorio romano, dove la santa venne giudicata. Ovviamente, lo scavo che permetterebbe di riportare interamente alla luce il passaggio che riportava il condannato alle carceri è fermo da 40 anni, in attesa dell’erogazione dei fondi. A proposito di chiese, raccomando caldamente di investire 5 euro e visitare la Chiesa di San Giuliano in via Cruciferi, molto interessante e che permette di avere una vista bellissima sulla città di Catania, ascendendo alla parte più alta dove le suore di clausura, d’estate, potevano lavorare guardando la città e al riparo da sguardi indiscreti. La regola di clausura era talmente rigida che durante la seconda guerra mondiale dei tedeschi poterono rifugiarsi impunemente nel convento, perché la gente era convinta che ci vivessero ancora delle suore, dentro. E’ visitabile venerdì e sabato mattina, le guide sono assolutamente brave e disponibili. E, al termine di questo rapido excursus sulle bellezze catanesi, non possiamo dimenticare i vari palazzi nobiliari ed il bellissimo teatro greco, a poca distanza dal Duomo di Sant’Agata.

Guarda la gallery
cultura-tmdpc

Catania e dintorni



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
reggio emilia, viaggio nella città del tricolore

Reggio Emilia, viaggio nella città del Tricolore

Partite da Roma, Reggio Emilia, vi propone due modi per raggiungerla, con un treno...

trieste-duino. sentiero rilke, castello

Trieste-Duino. Sentiero Rilke, Castello

“Ricapitolando: devi uscire dal Castello. Prendi a destra e cammina sul marciapiede...

la torre martello a sandycove, dublino

La Torre Martello a Sandycove, Dublino

Se sei passato tra Talbot Street e Gardiner Street, il distretto di Dublino che alla fine...

Leggi i Diari di viaggio su Catania
Diari di viaggio
granita e medioevo: un giorno a catania

Granita e Medioevo: un giorno a Catania

È un pigro venerdì sera. Io e il mio fidanzato abbiamo cenato svogliatamente e ci stiamo bevendo l'ultimo bicchiere di vino. Nei nostri...

Diari di viaggio
sicilia per caso. viaggio itinerante alla scoperta di 20 località sorprendenti e uniche!

Sicilia per caso. Viaggio itinerante alla scoperta di 20 località sorprendenti e uniche!

Itinerario: Castelmola, Taormina, Catania, Siracusa, Laghetti Cavagrande - trekking, Avola, Noto, Palazzolo...

Diari di viaggio
catania in 3 giorni: cosa dovete vedere assolutamente

Catania in 3 giorni: cosa dovete vedere assolutamente

Ciao a tutti, mi chiamo Claudia e ho un blog per donne che viaggiano da sole! La mia ultima meta è stata Catania. Per una milanese come...

Diari di viaggio
etna in un giorno: cosa fare e dove mangiare

Etna in un giorno: cosa fare e dove mangiare

Vivere alle pendici dell'Etna, ti dà occasione di assistere a spettacoli della natura meravigliosi che non vorresti mai perdere. E per noi...

Diari di viaggio
weekend romantico a catania

Weekend romantico a Catania

Partenza 1 ottobre 2021 da Malpensa per il nostro weekend a Catania. Dall’ aeroporto prendiamo il bus per il centro e da lì...

Diari di viaggio
catania in 2 giorni tra classico e insolito

Catania in 2 giorni tra classico e insolito

Il nostro viaggio parte prestissimo da Milano in modo da poterci godere al massimo la giornata a Catania. Se non avete intenzione di...

Diari di viaggio
sicilia dell'est tra pioggia, sole e polvere nera.

Sicilia dell’Est tra pioggia, sole e polvere nera.

MERCOLEDI' 1 SETTEMBRE Avevamo sempre affermato che, appena mi sarebbe stato permesso di andare in vacanza a settembre (leggi...

Diari di viaggio
sicilia – l’oriente della sicilia tra etna, barocco, granite e paranze

SICILIA – l’oriente della Sicilia tra Etna, barocco, granite e paranze

Oggi, guardando l’Etna sparare via fumo e cenere, ho capito che ero, veramente, in una terra speciale, che merita anche quel poco che...

Diari di viaggio
assaggi di sicilia 2

Assaggi di Sicilia 2

GIORNO 1 Sei notti e sette giorni per esplorare un altro pezzo della nostra meravigliosa Italia. Io, mio marito e nostro figlio Leonardo...

Diari di viaggio
nel regno delle due sicilie

Nel Regno delle Due Sicilie

Nel novembre 2019, approfittando delle appena uscite programmazioni estive dei voli della Ryanair, prenoto già per l'estate 2020,...