Castelli della Loira e Bretagna 2

Mini tour della Francia in famiglia!
Scritto da: lalally
castelli della loira e bretagna 2
Partenza il: 28/07/2011
Ritorno il: 09/08/2011
Viaggiatori: 4
Spesa: 1000 €

In quattro, mamma, papà e due figli di 17 e 19 anni, decidiamo di partire per un mini tour della Francia: in molti ci consigliano la regione dei castelli della Loira e soprattutto la Bretagna. Ci informiamo sulla ricettività degli hotel in quelle zone, e computer portatile alla mano, partiamo con un solo hotel prenotato per tre notti, e tutto il resto ancora da decidere!

1° giorno: NAPOLI-TORINO Sveglia alle 4, niente colazione. Alle 5.30 siamo in macchina, con valigie alla mano, pronti a partire. Abbiamo prenotato una notte a Torino, per poterci riposare prima di riprendere il viaggio, ma essendo partiti così presto, e avendo fatto giusto un paio di soste agli autogrill, arriviamo a Torino intorno alle 16.00, in tempo per goderci un giretto della città. Posiamo le valigie all’hotel dove avevamo prenotato, l’Hotel President, nei pressi della stazione Torino Dora e in una ventina di minuti raggiungiamo il centro a piedi. Facciamo un giro del centro di Torino, vediamo i posti più famosi, come piazza Castello, la Mole Antonelliana, il Palazzo Reale e tutte le altre vie di maggior interesse. Il giro risulta piacevole, peccato per il fatto che la città ci sia parsa un po’ vuota a causa del periodo. Deliziose le decorazioni frequenti per i 150 anni dell’unità d’Italia, presenti in tutte le vetrine dei negozi e nelle vie della città. A ora di cena ci godiamo una cenetta in un ristorante (neanche a farlo a posta) di cucina campana! Poi tutti a letto, a goderci il meritato riposo.

2° giorno: TORINO-BLOIS Mettiamo la sveglia alle 7, e dopo esserci preparati, scendiamo per provare la colazione servita dall’hotel: niente male. Intorno alle 8.30, dopo aver sbrigato le pratiche di pagamento all’hotel, portiamo le valigie in macchina e si riparte: destinazione Blois! A parte un po’ di traffico sulla tangenziale di Torino, in appena un’oretta arriviamo al traforo del Frejus e troviamo una bella sorpresa: 36,80 € di pedaggio per attraversare il traforo! Anima e coraggio, passiamo il traforo e ci ritroviamo in territorio francese. Dopo appena 650 km arriviamo a destinazione: Blois, una paesino sul fiume Loira, punto centrale per visitare i castelli della Loira, dove abbiamo prenotato tre notti, all’Hotel Le Savoie. Sono circa le 16.30, quindi posiamo le valigie, ci rinfreschiamo con una doccia, e scendiamo a visitare il paesino, e il primo castello, proprio quello di Blois. Il paesino è delizioso, e anche il castello, dove purtroppo non siamo potuti entrare perchè già chiuso. Il paese si gira in veramente poco tempo, in quanto sono pochi i punti di interesse, al di là del castello. Quindi a ora di cena, tornando verso l’albergo, troviamo una brasserie buona ed economica, dove ci gustiamo un’entrecot alla francese! Poi, tornati in albergo, prima di andare a nanna, organizziamo l’itinerario di visita per il giorno successivo.

3° giorno: VALENçAY-CHAMBORD L’itinerario di visita deciso la sera prima prevede tre castelli da visitare, quindi ci svegliamo presto, ci prepariamo dei cornetti a Nutella, e partiamo alla volta del castello di Valençay, che dista una sessantina di km da Blois. Ci fermiamo ad un supermercato sulla strada, per comprare qualcosa da preparare per il pranzo, e per fare benzina. Così, arriviamo in men che non si dica al castello, così presto che stava appena aprendo. Entriamo e ci godiamo la visita del castello, che ci è costata ben 38 €, ma ne è valsa assolutamente la pena. La visita è durata tutta la mattinata e dunque, arrivati ad ora di pranzo ci fermiamo ad un’area pic-nic posta stesso nel parco del castello, e prepariamo le nostre baguette. Dopo ci dirigiamo verso il secondo castello in programma, quello di Cheverny, ma arrivati lì scopriamo delle tariffe molto alte, e che il castello è molto simile a quello visitato la mattina, quindi decidiamo di declinare e dirigerci verso il terzo castello in programma: Chambord. L’entrata è gratis per studenti e minorenni, quindi mamma e papà fuori a riposarsi e figli dentro a godersi i meravigliosi interni del castello. La vista dalla terrazza, poi, è veramente suggestiva: senza dubbio è per adesso il miglior castello visitato! Finita la visita, sfiniti anche a causa del caldo asfissiante, ci ritiriamo in albergo e ci diamo una rinfrescata, per poi recarci al Mcdonald, a 10 minuti di macchina dal paesino, per una cenetta molto semplice ed economica. Alle 22.30, con il sole appena tramontato, decidiamo di andarci a vedere uno spettacolo che danno all’interno del castello di Blois: una lettura recitata della storia del castello (purtroppo in francese, abbiamo capito ben poco!) con affascinanti giochi di luce sulle pareti del cortile del castello. Alle 23.30, finito lo spettacolo, torniamo in albergo a dormire.

4° giorno: CHENONCEAU, USSè, VILLANDRY Sempre con la sveglia molto presto, e dopo aver fatto una spesa di baguette, prosciutto e formaggio da preparare all’occorrenza, ci rechiamo al castello di Chenonceau, un po’ più lontano rispetto agli altri, ma senza dubbio il castello più bello in assoluto, fra quelli che abbiamo visitato. Appollaiato sul fiume Loira, offre una vista incantevole, e anche gli interni non deludono! Decisamente soddisfatti della prima tappa, ci rechiamo, carichi di aspettative, al castello di Ussè, conosciuto come castello della Bella Addormentata nel Bosco. Arrivati là, già da fuori presagiamo la fregatura, ma decidiamo di entrare comunque: 13 € a persona per entrare. Avendocelo consigliato in molti, decidiamo di spendere questi soldi, nella speranza che ne valesse la pena, ma invece sono stati i soldi peggio spesi di tutta la vacanza: mal tenuto, interni poco interessanti e scarni. Praticamente sfruttando la trovata pubblicitaria della Bella Addormentata, ti fanno spendere soldi per propinarti un castello veramente povero! In meno di 45 minuti eravamo fuori, assolutamente delusi. Digerita la delusione, ci mettiamo in macchina per raggiungere la terza ed ultima tappa del giorno, e dell’intero giro della valle della Loira: Villandry. È possibile visitare sia il castello che i giardini, ma noi decidiamo di visitare solo i giardini, i più famosi: ottima scelta! Le tariffe sono accettabili e ne vale veramente la pena! Infine torniamo in hotel, e ci mettiamo a cercare su internet un hotel nella bassa Bretagna dove dormire nei giorni successivi: detto fatto! Troviamo un hotel molto carino a Concarneau!



    Commenti

    Lascia un commento

    Blois: leggi gli altri diari di viaggio