Cartoline dalle Cicladi settentrionali

alla scoperta di Kéa, Syros e Kythnos
 
Partenza il: 10/07/2021
Ritorno il: 25/07/2021
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Raggiungiamo in serata Lavrio, nel sud dell’Attica. Il porto è piuttosto vivace con i suoi ristoranti e locali affollati nei pressi delle banchine. Il mattino seguente ci attende il traghetto per Kéa ed in circa un’ora si arriva a destinazione al porto di Korissia.

Kéa (o Tzia, come talvolta la chiamano i locali) è la meta preferita dagli ateniesi, soprattutto nei fine settimana, data la sua vicinanza alla capitale. Il turismo estero, complice la pandemia, è poco numeroso anche se alcune famiglie, soprattutto francesi, vi hanno acquistato case facendovi ritorno ogni anno.

Ioulida (o Ioulis) è il capoluogo dell’isola e senz’altro il centro più caratteristico. Gran parte dei suoi bianchi edifici con tetti rossi di tegole sono disposti sul fianco roccioso della collina, come un antico teatro. Più recentemente diverse case sono state dipinte con colori pastello, come il vecchio municipio in stile neoclassico, dando al borgo un carattere peculiare rispetto ad altri nelle Cicladi.

Il centro è chiuso alle macchine e si attraversa a piedi su strade e pittoreschi vicoli in salita. È stato piuttosto faticoso raggiungere il nostro appartamento nei pressi di una piccola chiesa dipinta di blu, soprattutto per i nostri pensanti bagagli trascinati a fatica su ripidi gradini.

La vista dalle nostre stanze spazia fino al mare, regalando romantici tramonti. L’appartamento è molto tradizionale, non solo per l’arredamento ma anche per lo stile “semi-grotta”; la normativa a tutela dell’architettura dei centri di interesse storico vieta l’installazione di aria condizionata, tuttavia certe amenità risultano superflue grazie alla naturale ventilazione degli ambienti. I muli al mattino salgono carichi di materiali da costruzione per ristrutturazioni in edifici vicini, forse destinati in futuro ad ospitare altri viaggiatori alla ricerca di alloggi genuini o senza esigenze sofisticate.

Il nucleo più antico di Ioulida è il Kastro, così chiamato per il castello che i veneziani costruirono sull’antica acropoli di epoca classica riutilizzando i materiali dei templi pagani; oggi restano visibili solo pochi muri, in gran parte incorporati negli edifici realizzati in epoche successive. Nel museo archeologico, aperto quasi tutti i giorni fino alle 15:00, i manufatti di maggior pregio sono delle statuine in terracotta alte circa 1 metro e raffiguranti formose danzatrici. Gli studiosi ipotizzano che fossero degli ex voto, avendole rinvenute nel tempio arcaico del sito di Agia Irini risalente al Paleolitico.

Percorrendo un breve sentiero lastricato a circa un chilometro e mezzo da Ioulida si raggiunge la statua del famoso leone risalente al V sec. a.C.

Scolpito nell’ardesia, la statua è lunga quasi 10 metri e si caratterizza per l’enigmatica espressione – quasi sorridente – tipica degli antichi kouroi o delle statue etrusche. Il percorso è di per sé molto suggestivo, regalando splendide viste di Ioulida e della campagna circostante ed incrociando numerosi fonti di acqua potabile come la sorgente Veniamin su un vasto piazzale con al centro un platano secolare.

Ioulida ha ottimi ristoranti con prezzi bassi ed una sobria vita notturna ed ha rappresentato la base ideale per l’esplorazione dell’isola e delle sue spiagge.

Koundouros ha un bel mare ma è affollata di stabilimenti e beach bar. Molti turisti greci sembrano prediligere questo genere di posti per cui le spiagge meno attrezzate sono spesso più tranquille.

Tra i litorali più famosi dell’isola c’è Pisses ma soprattutto la vicina Vroskopos del tutto priva di strutture e raggiungibile tramite un sentiero di 20 minuti a piedi. Molto attraente e semideserta la spiaggia di Spathi, nonostante la sua taverna alla moda e le acque invitanti, forse per il lungo sterrato necessario a raggiungerla.

Due baie deserte dall’acqua cristallina divise da un’acropoli, con bianche rovine e colonne affacciate sul mare… mille sfumature di azzurro e di verde, una spiaggia di sabbia grossa e ciottoli costeggiata dagli spalti di un antico teatro di pietra e da una tipica chiesetta cicladica.

Potrebbe sembrare una descrizione idilliaca da cartolina per raffigurare una Grecia ideale, ma invece questo luogo esiste davvero e si chiama Karthaia.

Karthaia era una delle tre polis che in epoca classica si suddividevano il controllo dell’isola.

La ragione per la quale questo luogo è rimasto incontaminato è la relativa difficoltà per raggiungerlo: dalla località di Stavroudaki un sentiero di oltre 3 chilometri in discesa termina sul greto di un fiume in secca ombreggiato che sfocia sulla spiaggia. Occorre portare con sé acqua a sufficienza e ripercorrere poi lo stesso sentiero in salita evitando le ore più calde. In ogni caso il ritorno è piuttosto faticoso, a meno che non si decida di tornare a dorso di mulo.

Raggiungiamo l’isola di Syros, seconda tappa del nostro viaggio, e lo scenario cambia completamente.

Syros è la più popolata tra le Cicladi ed Ermoupoli, il suo capoluogo, è anche il centro amministrativo dell’intero arcipelago. Ermoupoli è una vera e propria cittadina affacciata sull’Egeo con i suoi oltre 12.000 abitanti, dotata di uffici pubblici e giudiziari e che perciò resta dinamica e vivace durante tutto l’anno.

A seguito del dominio veneziano l’isola è stata per lungo tempo una roccaforte cattolica, ottenendo così la protezione della Francia grazie ad un accordo tra il sultano ottomano ed il re Francesco I.

A seguito della guerra d’indipendenza del 1821, Syros entra a far parte del regno di Grecia venendo raggiunta da flussi di popolazione ortodossa sfollata dalle isole di Chios, Samos e Kasos devastate dai turchi. In quel periodo venne fondata Ermoupoli, che in breve divenne il secondo porto commerciale dello stato ellenico.

La città ancor oggi si caratterizza per lo stile neoclassico dei suoi edifici signorili, con eleganti balconate e pensiline in ferro battuto. Sulla grande piazza Maiouli, lastricata con marmo della vicina Tinos, sorge il monumentale Municipio edificato dall’architetto Ziller. A fianco del Municipio c’è il locale museo archeologico, uno dei più antichi della Grecia.

Non distante dalla piazza, il Teatro lirico Apollon, costruito sul modello de “La Scala” di Milano, evidenzia la vivacità culturale raggiunta da Ermoupoli sul finire dell’800. È possibile visitarlo, accedendo ai quattro strati di palchi e al piccolo museo dove si conservano i camerini ed i vestiti di scena degli artisti che hanno calcato negli anni il palcoscenico. Notevole il soffitto affrescato dove in medaglioni sono raffigurati i grandi compositori italiani (tranne uno con Mozart) oltre a Dante Alighieri. Nei pressi del quartiere di Vaporia sorge la grande chiesa ortodossa di Agios Nickolas con la sua cupola azzurra.



  • starsunlu starsunlu
    concordo.... viste tutte e tre, Kea mi è rimasta nel cuore, syros è molto poco apprezzata e kythnos è un diamante grezzo.....fortunatamente sono entrambe ancora abbastanza sconosciute, sicuramente sono isole per appassionati di grecia, ome me"
Commenti

Lascia un commento

Leggi i Diari di viaggio su Grecia
Diari di viaggio
quattro giorni di relax a naxos

Quattro giorni di relax a Naxos

Quattro giorni di relax a Naxos Itinerario e informazioni utili a Naxos, per una breve pausa di relax.L’isola di Naxos è la...

Diari di viaggio
peloponneso tra storia e mare

Peloponneso tra storia e mare

Vacanze in Grecia... è sempre un grande, immenso, gigante Sì! Soprattutto quando si ha a disposizione una macchina, una settimana di...

Diari di viaggio
il nostro grande ritorno in grecia, tra il bellissimo mare di lefkada e l’emozione di meteore in tessaglia

Il nostro grande ritorno in Grecia, tra il bellissimo mare di Lefkada e l’emozione di Meteore in Tessaglia

Finalmente dopo circa due anni di stop, si ricomincia a viaggiare e decidiamo di ritornare a visitare la Grecia (la nostra ultima volta in...

Diari di viaggio
zante seen by my eyes

Zante seen by my eyes

Perdendosi tra ulivi e vigneti, curva dopo curva arrivi al mare, accolto dalle sacre sponde frastagliate, imponenti e incantevoli. I...

Diari di viaggio
nel dodecaneso, tra passato e presente

Nel Dodecaneso, tra passato e presente

Siamo tornati a Rodi. L’isola non sarebbe stata la meta principale ma un soprattutto un transito per raggiungere via mare altre isole...

Diari di viaggio
due settimane a naxos (cicladi)

Due settimane a Naxos (Cicladi)

NAXOS by Rosella & Edoardo: 2 settimane di esplorazione, sole, mare, riposoInnanzitutto i doverosi ringraziamenti ai Turisti per...

Diari di viaggio
due settimane di mare a creta

Due settimane di mare a Creta

Due settimane a Creta24 giugno - 8 luglio 2022Partecipanti: io e FrancaPrologoCon la situazione Covid che non è...

Diari di viaggio
corfù, isola diversa

Corfù, isola diversa

Corfù è forse la meno bella delle Isole Greche visitate, tuttavia interessante e con spunti notevoli che hanno reso la vacanza gradevole...

Diari di viaggio
rodi, buona la prima e anche le altre nove

Rodi, buona la prima e anche le altre nove

Dopo 2 ore che "traffico" su internet cercando voli (lievitatissimi come costo), coincidenze e trasferimenti per raggiungere un paio di...

Diari di viaggio
week end a preveza

Week end a Preveza

Weekend a Preveza, una perla dello Jonio. 27 Maggio 2022, venerdì. Volo economico (Ryanair) Fiumicino –  Aktio AR a 32 euro, acquistato...