Cartoline dalle Cicladi settentrionali

alla scoperta di Kéa, Syros e Kythnos
Partenza il: 10/07/2021
Ritorno il: 25/07/2021
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Raggiungiamo in serata Lavrio, nel sud dell’Attica. Il porto è piuttosto vivace con i suoi ristoranti e locali affollati nei pressi delle banchine. Il mattino seguente ci attende il traghetto per Kéa ed in circa un’ora si arriva a destinazione al porto di Korissia.

Kéa (o Tzia, come talvolta la chiamano i locali) è la meta preferita dagli ateniesi, soprattutto nei fine settimana, data la sua vicinanza alla capitale. Il turismo estero, complice la pandemia, è poco numeroso anche se alcune famiglie, soprattutto francesi, vi hanno acquistato case facendovi ritorno ogni anno.

Ioulida (o Ioulis) è il capoluogo dell’isola e senz’altro il centro più caratteristico. Gran parte dei suoi bianchi edifici con tetti rossi di tegole sono disposti sul fianco roccioso della collina, come un antico teatro. Più recentemente diverse case sono state dipinte con colori pastello, come il vecchio municipio in stile neoclassico, dando al borgo un carattere peculiare rispetto ad altri nelle Cicladi.

Il centro è chiuso alle macchine e si attraversa a piedi su strade e pittoreschi vicoli in salita. È stato piuttosto faticoso raggiungere il nostro appartamento nei pressi di una piccola chiesa dipinta di blu, soprattutto per i nostri pensanti bagagli trascinati a fatica su ripidi gradini.

La vista dalle nostre stanze spazia fino al mare, regalando romantici tramonti. L’appartamento è molto tradizionale, non solo per l’arredamento ma anche per lo stile “semi-grotta”; la normativa a tutela dell’architettura dei centri di interesse storico vieta l’installazione di aria condizionata, tuttavia certe amenità risultano superflue grazie alla naturale ventilazione degli ambienti. I muli al mattino salgono carichi di materiali da costruzione per ristrutturazioni in edifici vicini, forse destinati in futuro ad ospitare altri viaggiatori alla ricerca di alloggi genuini o senza esigenze sofisticate.

Il nucleo più antico di Ioulida è il Kastro, così chiamato per il castello che i veneziani costruirono sull’antica acropoli di epoca classica riutilizzando i materiali dei templi pagani; oggi restano visibili solo pochi muri, in gran parte incorporati negli edifici realizzati in epoche successive. Nel museo archeologico, aperto quasi tutti i giorni fino alle 15:00, i manufatti di maggior pregio sono delle statuine in terracotta alte circa 1 metro e raffiguranti formose danzatrici. Gli studiosi ipotizzano che fossero degli ex voto, avendole rinvenute nel tempio arcaico del sito di Agia Irini risalente al Paleolitico.

Percorrendo un breve sentiero lastricato a circa un chilometro e mezzo da Ioulida si raggiunge la statua del famoso leone risalente al V sec. a.C.

Scolpito nell’ardesia, la statua è lunga quasi 10 metri e si caratterizza per l’enigmatica espressione – quasi sorridente – tipica degli antichi kouroi o delle statue etrusche. Il percorso è di per sé molto suggestivo, regalando splendide viste di Ioulida e della campagna circostante ed incrociando numerosi fonti di acqua potabile come la sorgente Veniamin su un vasto piazzale con al centro un platano secolare.

Ioulida ha ottimi ristoranti con prezzi bassi ed una sobria vita notturna ed ha rappresentato la base ideale per l’esplorazione dell’isola e delle sue spiagge.

Koundouros ha un bel mare ma è affollata di stabilimenti e beach bar. Molti turisti greci sembrano prediligere questo genere di posti per cui le spiagge meno attrezzate sono spesso più tranquille.



  • starsunlu starsunlu
    concordo.... viste tutte e tre, Kea mi è rimasta nel cuore, syros è molto poco apprezzata e kythnos è un diamante grezzo.....fortunatamente sono entrambe ancora abbastanza sconosciute, sicuramente sono isole per appassionati di grecia, ome me"
  • starsunlu starsunlu
    concordo.... viste tutte e tre, Kea mi è rimasta nel cuore, syros è molto poco apprezzata e kythnos è un diamante grezzo.....fortunatamente sono entrambe ancora abbastanza sconosciute, sicuramente sono isole per appassionati di grecia, ome me"
  • starsunlu starsunlu
    concordo.... viste tutte e tre, Kea mi è rimasta nel cuore, syros è molto poco apprezzata e kythnos è un diamante grezzo.....fortunatamente sono entrambe ancora abbastanza sconosciute, sicuramente sono isole per appassionati di grecia, ome me"
Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Nell’immaginario collettivo il contadino è legato al liscio, ma oltre alla transizione...

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il primo grande viaggio, il viaggio dei viaggi, da Parma a Napapijri. Amici...

Andalusia on the Road: 7 giorni con un bambino

Andalusia on the Road: 7 giorni con un bambino

Destinazione: Andalusia Viaggiatori: 2 adulti + 1 bambino Periodo di viaggio: da giovedi...

Leggi i Diari di viaggio su Grecia
Diari di viaggio
Un sogno chiamato Cicladi

Un sogno chiamato Cicladi

Ci sono destinazioni che – per svariati motivi - più di altre richiamano il nostro interesse. Io, amante della Grecia e delle isole, da...

Diari di viaggio
Cogitazioni a spasso per il Peloponneso

Cogitazioni a spasso per il Peloponneso

Sabato 04 Agosto 2018 – Le mie vecchie scarpe Complice una attitudine al viaggio minimalista ed essenziale che io e Cristina...

Diari di viaggio
La Grecia che non ti aspetti

La Grecia che non ti aspetti

casa. Per molti anni abbiamo snobbato la Grecia come meta per i nostri viaggi perché la reputavamo troppo turistica, ma la Grecia...

Diari di viaggio
Cartoline dalle Cicladi settentrionali

Cartoline dalle Cicladi settentrionali

Raggiungiamo in serata Lavrio, nel sud dell’Attica. Il porto è piuttosto vivace con i suoi ristoranti e locali affollati nei pressi...

Diari di viaggio
Creta ovest con bambina di quasi 4 anni

Creta ovest con bambina di quasi 4 anni

di danneggiare l’auto (con assicurazione che non copre i tratti di strada non sterrata). Abbiamo impiegato 30 minuti di macchina per...

Diari di viaggio
Un itinerario fra Karpathos e Rodi in tempo di covid

Un itinerario fra Karpathos e Rodi in tempo di covid

Rosella & Edoardo a Karpathos e Rodi, al tempo del Covid Partenza il 18/6/21 Ritorno 3/7/21 Costo totale: 3.200 € [in...

Diari di viaggio
Le Isole Cicladi: Mykonos, Delos, Naxos e Santorini

Le Isole Cicladi: Mykonos, Delos, Naxos e Santorini

1^ giorno: ITALIA - MYKONOS Partenza per le Isole Cicladi. Arriviamo a Mykonos e iniziamo a scoprire l’isola più alla moda delle Cicladi...

Diari di viaggio
Atene in un giorno

Atene in un giorno

La scelta di abbinare un viaggio nella città eterna Roma ad Atene, altrettanto eterna e magica città, è nata praticamente per caso o...

Diari di viaggio
Island Hopping alle Cicladi

Island Hopping alle Cicladi

c’è una bella spiaggia che si raggiunge semplicemente scendendo una scalinata: è la spiaggia di Vardia. Stranamente snobbata dai più...

Diari di viaggio
Naxos On the Road

Naxos On the Road

- Dobbiamo andare e non fermarci finché non siamo arrivati. - Dove andiamo? - Non lo so, ma dobbiamo andare. (Jack Kerouac – On the...