Carnevale di Venezia 2008

Finalmente, dopo anni in cui il Carnevale lo abbiamo vissuto marginalmente (giusto qualche festa in maschera al liceo), ad inizio Febbraio abbiamo deciso di farci coinvolgere dall’atmosfera festaiola e goliardica del Carnevale, trascinati dalla mitica Rita della Akita Tour di Torino e dal suo nutrito gruppo di scatenati. Il sabato mattina,...
Partenza il: 10/02/2008
Ritorno il: 10/02/2008
Viaggiatori: in gruppo
Spesa: 1000 €

Finalmente, dopo anni in cui il Carnevale lo abbiamo vissuto marginalmente (giusto qualche festa in maschera al liceo), ad inizio Febbraio abbiamo deciso di farci coinvolgere dall’atmosfera festaiola e goliardica del Carnevale, trascinati dalla mitica Rita della Akita Tour di Torino e dal suo nutrito gruppo di scatenati.

Il sabato mattina, molto prima dell’alba, siamo partiti da Torino alla volta di Venezia: con pullman granturismo in circa 4 ore e mezza siamo arrivati a Tronchetto; tempo di fare l’abbonamento ai traghetti per 2 giorni (21,00 €) e con la linea N. 2 del vaporetto siamo scesi a S. Marco Giardinetti intorno alle 10.30.

Purtroppo il tempo non è stato dalla nostra parte ed si sono alternati momenti di pioggia a momenti di parziali schiarite, ma tutto sommato questo disguido meteorologico ha fatto sì che non ci fosse tantissima affluenza di turisti, cosicché ci è stato possibile vagare nel centro senza troppe difficoltà e senza calca.

Ci siamo subito diretti in Piazza S. Marco, per un cappuccino d’obbligo al Caffè Florian, assediato da turisti americani e giapponesi.

Dal porticato abbiamo iniziato a fare fotografie ai personaggi in maschera che stazionavano in piazza: tantissime damigelle, paggetti, regine, nobildonne e cavalieri; ma anche personaggi storici come Napoleone, oppure di fantasia come Darth Vader di Guerre Stellari, Dracula o i personaggi Disney. Addirittura un gruppo numeroso riproduceva l’“Ultima Cena” di Leonardo con tanto di tavola apparecchiata! Da qui abbiamo iniziato a gironzolare tra le Calli: Calle Marzaria, Calle dell’Orologio, Calle Larga S.Marco, Calle Specchieri.

Ognuna di queste viuzze è un dedalo di passaggi strettissimi, ponti, porticati attraverso i quali si finisce per perdersi, ma che permette di assaporare appieno l’atmosfera sette/ottocentesca che aleggia a Venezia nei giorni del Carnevale.

Tutti erano mascherati: su ogni vaporetto, in ogni calle si incrociavano da mattina a sera famigliole con bambini, coppie di mezza età, anziani mascherati di tutto punto a rappresentare antiche nobili famiglie di chissà quale lignaggio.

Approfittando di una temporanea sosta della pioggia ci siamo diretti al Ponte di Rialto: qui abbiamo trascorso alcune ore curiosando tra le botteghe di souvenir in vetro di Murano che proponevano cornici, vasi, monili e piccoli soprammobili.

Poi percorrendo la Salizada Pio X, Calle dei Stagneri, Calle Malvasia e Calle Specchieri siamo giunti al mercato coperto.

Qui era in corso una delle tante manifestazioni correlate al Carnevale, per cui in ogni piazzetta di Venezia vengono proposte degustazioni di prodotti tipici, concerti di musica jazz, letture di brevi saggi. E noi abbiamo avuto proprio la fortuna di assistere ad un concerto jazz improvvisato da un gruppo francese molto bohemien composto da un contrabbasso, un violino ed una bravissima cantante.

Per la cena avevamo prenotato alla Taverna Ca’ dei Dogi, in Corte Santa Scolastica, Castello 4242, proprio dietro Piazza S.Marco. Www.Cadeidogi.It E’ facilissima da raggiungere: con il vaporetto si scende alla fermata S.Marco Zaccaria, si imbocca la Calle de li Albanesi e girata la prima a sinistra si raggiunge la Ca’ dei Dogi.

Il ristorante offre piatti della tradizione gastronomica veneziana, preparati da chef esperti e con materie prime di ottima qualità.



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo

Città bellissima

città bellissima

L’Antica Salumeria a Roma, Piazza Rotonda

L'Antica Salumeria a Roma, Piazza Rotonda

Roma

Viaggio nella Città Eterna

Ottobre 2021, io e la mia ragazza avevamo da tempo deciso di prenderci una settimana di...

Leggi i Diari di viaggio su Cultura
Diari di viaggio

Dubai Gold

1°g sab 16 ottobre - Volo Milano-Dubai Volo Emirates Milano-Dubai con partenza alle ore 14.45 e arrivo alle ore 22.50. Preleviamo...

Diari di viaggio
Museo etnografico

Bulgaria: Sofia e Plovdid

Viaggio in Bulgaria, tre notti, quasi quattro giorni, due a Plovdid e due a Sofia. Plovdid è stata capitale europea della cultura nel...

Diari di viaggio
Duomo di Santo Stefano a Vienna

VIENNA, LA CITTA’ IMPERIALE A MISURA DI BAMBINO

Atterriamo nell'aeroporto (flughafen in tedesco) di Vienna-Schwechat (20 chilometri sud-est della cittadina) a pomeriggio inoltrato con un...

Diari di viaggio

INTERRAIL CON LE ALI TRA LE CAPITALI DEL NORD EUROPA

Un viaggio con tre giorni in media per ogni capitale, con la permanenza in ogni città influenzata dalle tariffe che si riuscivano a...

Diari di viaggio
POZZA DI FASSA

IN TUTTI I LAGHI. Val d’Ega e dintorni

19 AGOSTO 2021: NOVA PONENTE Partiamo prima dell'alba per evitare traffico ed alte temperature. Il viaggio si svolge senza problemi in...

Diari di viaggio
Nel Museo Egizio di Torino

Scoprendo i musei di Torino

Scoprendo alcuni dei più importanti musei di TORINO si comprende l'anima orgogliosa, policroma e resiliente di quella che è stata la...

Diari di viaggio

Tre giorni a Trieste e dintorni

Partiamo Sabato mattina dal casello di San Donà-Noventa. In un’ora e venti arriviamo alla Grotta Gigante, avevamo prenotato il biglietto...

Diari di viaggio

Monaco di Baviera 2

Non avevo mai considerato la Germania come una destinazione turistica (Berlino a parte), e mi sbagliavo, perché Monaco è sicuramente una...

Diari di viaggio
Sei giorni ad Amsterdam in agosto

Sei giorni ad Amsterdam in agosto

GIORNO 1: 10 agosto 2021 Siamo partiti da Bologna con il volo KLM delle 6 di mattina, a bordo ci hanno dato un panino non molto...

Diari di viaggio

Le scimmie di Kathmandu

Non passa giorno in cui io non pensi all'Asia e ormai dopo un anno e mezzo di separazione forzata, a causa delle restrizioni pandemia,...