Cappadocia e un po’ di Istanbul

Dai minareti ai camini delle fate
 
Partenza il: 26/04/2019
Ritorno il: 02/05/2019
Viaggiatori: 2

Ci sono dei luoghi che ti rimangono negli occhi e nel cuore: uno di questi è la Cappadocia o meglio una sua porzione abbastanza circoscritta

È una regione particolarissima che prima la natura e poi l’uomo hanno resa indimenticabile

È una regione vulcanica dove le eruzioni si sono sovrapposte apportando materiali di vario genere e consistenza. Nei milioni di anni seguenti la natura, tramite i suoi agenti, non tanto segreti, ha compiuto la sua opera, trasformando una parte di questa regione in un susseguirsi di coni, canyon, fenditure, altissimi funghi o camini delle fate che ne fanno una splendida follia geologica. Il paesaggio lunare, che non smetteresti mai di guardare, cela al suo interno chiese, monasteri, abitazioni, stalle, cucine, depositi scavati nel tenero tufo dagli abitanti della regione a partire dall’epoca romana fino quasi ai nostri giorni. Le città sotterranee vennero in particolare scavate per sfuggire alle invasioni dei popoli nomadi che si susseguirono nei secoli e in gran parte risalgono al periodo bizantino e sono un grande esempio di adattamento e resistenza dell’uomo. Ma quello che colpisce maggiormente sono le piccole chiese e cappelle spesso magnificamente affrescate che bucano questa tormentata e affascinante terra e ne fanno un luogo unico.

Ma cominciamo dall’inizio!

Arriviamo a Istanbul da Pisa atterrando al nuovo grandioso aeroporto in funzione da pochi giorni e situato ad una cinquantina di km dalla città non lontano dal mar Nero. Raggiungiamo Istanbul con bus navetta che ci scarica in pieno Sultanahmet. Il viaggio in bus è piacevole e il paesaggio interessante specialmente quando si entra in città brulicante di gente e di traffico con gli svettanti minareti che si fanno strada tra i palazzi accatastati sulle colline e che sostituiscono i nostri campanili. Lo sappiamo tutti Istanbul è il punto d’incontro di due mondi, una grande città dove si sono incontrate e scontrate civiltà e religioni, vivace brulicante di vita e di contrasti. Bellissima! L’avevamo già visitata accuratamente, ma prima di fare il balzo in Cappadocia non abbiamo potuto fare a meno fare una rapida tappa. Dopo una breve sosta in albergo facciamo una passeggiata serale a Sultanahmet tra AyA Sofia e la moschea Blu splendidamente illuminate. In occasione della tradizionale festa dei tulipani è stato allestito con questi coloratissimi fiori un tappeto che risulta essere il più grande del mondo.

Aya Sofia apre i cancelli alle 9 e così dopo una breve fila (i prezzi dei biglietti sono aumentati!) entriamo per la visita che non è possibile saltare. Voluta da Giustiniano fu la più grande chiesa cristiana fino a che non fu moschea (1453) e poi museo. È splendida con i suoi bellissimi mosaici e l’immensa cupola sorretta dalle colonne nascoste. Non mi dilungo, ma uscendo consigliabile è la visita alle tombe di tre sultani che succedettero a Maometto II il conquistatore di Costantinopoli.

Quella di Selim è particolarmente bella completamente decorata con le famose piastrelle di Iznik. Particolare non trascurabile e piuttosto toccante è che i mausolei contengono anche moltissimi sarcofagi (verdi) con i resti dei famigliari (figli,fratelli…) che il sultano faceva tranquillamente strangolare al momento del suo insediamento per evitare problemi di successione. Sono comunque luoghi di culto ed è necessario togliersi le scarpe. Questa macabra usanza terminò alla fine del XVI quando i famigliari venivano, più umanamente, imprigionati !

Tralasciamo il grandioso palazzo di Topkapi e la straordinaria Cisterna Basilica già visitati, ma assolutamente da non perdere, per rivedere la Moschea Blu che secondo me è più affascinante di AyA Sofia con le sue piastrelle di Iznik, le vetrate policrome e gli enormi e pur leggeri lampadari che quasi sfiorano i tappeti. Non possiamo entrare perché la coda in attesa è chilometrica. Ci torniamo verso sera e sarà possibile entrare anche se parte della moschea è in fase di restauro. Ce ne andiamo verso il Gran Bazar, altra tappa da non perdere, specialmente per chi visita Istanbul per la prima volta, ma non la preferita, almeno per noi ! Ci perdiamo un po’ per il labirinto dei suoi vicoli, ma presto decidiamo di salire fino alla Suleymaniye Camil la superba moschea fatta costruire da Solimano il Magnifico su progetto di Sinan il più famoso degli architetti dell’impero e qui sepolto insieme al sultano stesso. La moschea è costruita su una dei sette colli di Istanbul e da quassù si gode un magnifico panorama sul Corno d’Oro. Scendiamo poi verso il ponte di Galata e l’affollatissima zona prospiciente. Il ponte è invalicabile per la massa di gente e di mezzi che lo attraversano ed allora entriamo un momento nel coloratissimo e profumato Bazar delle Spezie (a fatica si cammina!) e spendiamo le ultime energie per rivedere la piccola ma incantevole Rustem Pasa Camil dove non c’è quasi nessuno. Semidistrutti rientriamo in albergo, a Beyazit, con il tram. Dopo cena non si può mancare di passeggiare a Sultanahmet Park tra AyA Sofia e la Blu splendidamente illuminate! Se volete bere un cay ( qui lo fanno tutti e sempre !)e magari fumare il narghilè,un ottimo e caratteristico locale è il Cay Bahcesi (Divan Yolu) con annesso vecchio cimitero in un verdeggiante cortile. Nei pressi (Sultanahmet) si può cenare con le famose polpette e fagioli in uno dei più famosi locali della città dove non si spende niente e si beve l’ayran (niente alcol) e cioè il Selim Usta. Poco più avanti in un vicoletto, un ottimo ristorante è il Karadeniz Salonu. Zuppa di lenticchie e anche buon vino!

E infine…

La nostra breve, ma intensa visita di questa affascinante città termina qui: la nostra meta è la Cappadocia che raggiungiamo in mattinata sempre prendendo un volo dal mastodontico nuovo aeroporto di Istanbul. In un’ora prendiamo terra nel piccolo aeroporto di Nevsehir dove ci aspetta la navetta per Goreme e il nostro hotel (ErenBey Cave hotel). Nei pressi di Avanos si abbandona il piatto paesaggio per entrare nel mondo delle fate ! Goreme è una cittadina al centro della martoriata e unica regione dove la natura si è espressa ai massimi livelli di particolarità e bellezza. Molte abitazioni, nella parete vecchia della cittadina, sono infatti in parte scavate nella roccia tra pinnacoli e coni. Lo spettacolo è sorprendente. Peccato che il grande sviluppo turistico ha portato a un notevole prolificare di alberghi, ( più di cento) negozi di tutto un po’ e ristoranti .La parte vecchia come ho detto rimane certamente la più caratteristica e interessante anche se ,visto il grande giro d’affari che il turismo sta procurando, potrebbe essere mantenuta un po’ meglio ! Comunque passeggiare per le anguste stradette dando un’occhiata ai tanti negozi e ritrovi circondati da tutte quelle bellezze che la natura mostra non è poi tanto male, anche se Goreme e dintorni, in queste giornate, è abbastanza congestionata da turisti, molti dei quali giovani e giapponesi ( o cinesi…), forse più che a Venezia che fotografano e filmano tutto e tutti ! Naturalmente venire a Goreme senza volare all’alba in mongolfiera (baloon) è un delitto capitale. Tutto predisposto compresa sveglia alle 04 e colazione presso una delle tante agenzie che forniscono questo servizio fino alla grande delusione : un po’ di vento in quota non permette il volo e così sarà per i prossimi tre giorni della nostra permanenza. Grande rammarico! Per riprenderci partecipiamo a uno dei tour previsti nella zona. Scegliamo il tour Green che in bus e con guida ci porterà in giro per la regione: non siamo abituati ai tour guidati, ma per questa vota cediamo… siamo in Turchia ! In vista dell’innevato massiccio del Hasan Dagi visitiamo la bella e fresca valle incassata di Hilara facendo un’escursione a piedi di poco più di un’ora Ci sarebbero da vedere un discreto numero di chiese rupestri, ma la guida le salta agevolmente! Dopo il pranzo (previsto) in un ristorante lungo il torrente (piuttosto impetuoso di questi tempi) si visita lo stupefacente monastero di Selime naturalmente completamente scavato nella roccia con una cattedrale dalle possenti colonne, da non perdere anche se la salita per raggiungere tutte le strutture compresa una grande cucina non è delle più agevoli. Non poteva mancare la visita a una delle tante interessanti città sotterranee della zona costruite e usate in varie epoche a difesa e protezione delle popolazioni. Entriamo in quella di Derinkuyu una delle più famose, non consigliata per chi soffre di claustrofobia ! Rientrati in albergo rinunciamo alla cena per manifesta stanchezza!

Guarda la gallery
cultura-h1zvu

16-Pasabagi

cultura-w4hed

9-Monastero di Selime

cultura-sdk4n

8-Goreme 3

cultura-59qq9

5-Erembey Cave Hotel

cultura-mk3f5

4-la Moschea di Solimano

cultura-bar6b

7-Goreme 2

cultura-wtu54

6-Goreme 1

cultura-v16t2

1-La Blu

cultura-kkmnt

3-Donne

cultura-3a869

2-Notturno

cultura-r8y33

17-Zelve

cultura-k3tbd

15-Pasabagi

cultura-zxpga

14-il castello di Uchisar

cultura-523js

13-Ushisar

cultura-xm1rx

12a-Museo all'aperto (Goreme)

cultura-wzphd

12-la chiesa del Malocchio (goreme)

cultura-jb9ea

11-La cihesa della Fibbia (Goreme)

cultura-w5mgd

10-La chiesa Buia (Goreme)

cultura-j5peu

18-Zelve



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cappadocia
    Diari di viaggio
    turchia: istanbul, cappadocia e bodrum

    Turchia: Istanbul, Cappadocia e Bodrum

    Per organizzare il nostro viaggio in Turchia ci siamo serviti di articoli, blog e dell’ultima guida Lonely planet (esiste solo in...

    Diari di viaggio
    turchia on the road 2022

    Turchia on the road 2022

    È un’estate calda quella del 2022, una di quelle che si ricorderanno. La logica avrebbe dovuto portarci verso mete motociclistiche...

    Diari di viaggio
    turchia: melting pot di culture e un paese pieno di sorprese

    Turchia: melting pot di culture e un paese pieno di sorprese

    La cultura araba mi ha sempre affascinata: la cucina, i luoghi di culto, gli abiti tradizionali, le danze e i canti. Al giorno d'oggi molti...

    Diari di viaggio
    cappadocia e un po' di istanbul

    Cappadocia e un po’ di Istanbul

    Ci sono dei luoghi che ti rimangono negli occhi e nel cuore: uno di questi è la Cappadocia o meglio una sua porzione abbastanza...

    Diari di viaggio
    cavalcata turca

    Cavalcata Turca

    Quest’anno, dopo vari ripensamenti, abbiamo deciso di visitare la Turchia.Per me che scrivo è la prima volta in assoluto che metto...

    Diari di viaggio
    turchia 2019

    Turchia 2019

    ITINERARIO Istanbul, Cappadocia, Pamukkale, Efeso e Bodrum.VOLIAndata Zurigo-Istanbul con Turkish Airlines € 172 cad., ritorno...

    Diari di viaggio
    turchia fai da te 5

    Turchia fai da te 5

    La scelta per le vacanze di questa estate 2019 è ricaduta sulla Turchia. Grazie ad alcuni nostri amici di Istanbul, che ci hanno fatto...

    Diari di viaggio
    turchia, l’oriente a portata di mano

    Turchia, l’Oriente a portata di mano

    1° GIORNO Il 2011 è stato un anno molto triste per me, per via della malattia e della morte di mia mamma. L'idea di affrontare il...

    Diari di viaggio
    in tour da istanbul a izmir...

    In tour da Istanbul a Izmir…

    7 luglio 2014: Torino - Istanbul Partenza con il volo TK1310 della Turkish Airlines delle 11,15 da Torino per Istanbul aeroporto...

    Diari di viaggio
    cappadocia e istanbul

    Cappadocia e Istanbul

    Turchia: Istanbul e Cappadocia 1-10 maggio 2015 Da tempo desideriamo fare un viaggio in Turchia. Quest’anno formiamo un gruppo di...

    Video Itinerari