Capodanno tra Ecuador, Galapagos e Bogotà

Il sorprendente Ecuador continentale, l’incredibile arcipelago immerso in una natura unica e ancora integra, e tappa finale nella capitale colombiana
 
Partenza il: 26/12/2014
Ritorno il: 08/01/2015
Viaggiatori: 9
Spesa: 3000 €

Per il viaggio di fine anno la scelta questa volta cade sull’Ecuador e sulle sue mitiche Galapagos. Grazie a uno spostamento dell’orario del volo di ritorno abbiamo la possibilità di trascorrere una giornata a Bogotà, e sarà una magnifica sorpresa.

26/12/2014: SI PARTE

Con largo anticipo abbiamo prenotato i voli con Lufthansa e l’itinerario prevedeva la partenza da Firenze per Francoforte e poi il volo intercontinentale per Bogotà. Ultimo trasferimento per Quito, con volo Copan airlines, allietato da un loquacissimo comandante che praticamente per tutto il volo ha descritto l’itinerario, i fenomeni di turbolenza che possono registrarsi sorvolando le ande, e parlato del più e del meno, scatenando l’ilarità dei passeggeri. All’arrivo, sommando le svariate ore di volo, ci sistemiamo stravolti al piacevole e centrale Hotel Real Audiencia. Quito, capitale dell’Ecuador, è chiamata, per la sua posizione in altura, “sobborgo del cielo” e in effetti l’aria rarefatta si fa sentire al momento di trasportare i bagagli in camera, salendo le scale dell’albergo. In ogni caso, al di là del fiato corto, non abbiamo risentito di alcun problema di adattamento all’altitudine.

27/12/2014: QUITO – LA MITAD DEL MUNDO

Visitiamo la capitale, che si rivela una città molto piacevole, con vari edifici, soprattutto chiese, in stile coloniale. Da segnalare la iglesia de san francisco, la vista dalla basilica del voto nacional, la collina del panecillo con la statua della Virgen de Quito (una statua visibile da ovunque) e la Ronda, zona di vicoletti con edifici ottocenteschi, negozi caratteristici e locali per la cena da tutte le tasche. Decisamente affascinante anche osservare la gente locale, che vende frutta meravigliosa a prezzi irrisori, o si inventa le attività più disparate, dalla vendita di pesci rossi in buste di plastica, alla somministrazione di gelati in carretti improvvisati o, ancora, alla vendita di prodotti artigianali. Nel pomeriggio visitiamo “La Mitad del Mundo”, ossia la cittadina dedicata alla celebrazione del passaggio della linea equatoriale, con foto di rito celebrative.

28/12/2014: COTOPAXI

Cominciamo l’itinerario alla scoperta dell’Ecuador continentale e la prima tappa prevede la visita del parco del Vulcano Cotopaxi. Abbiamo prenotato un piccolo pullman, condotto da un’autista locale, Heriberto, e con una guida di lingua italiana, Danilo, che da anni si è trasferito in Ecuador. Purtroppo, il tempo è inclemente e non si scorge il cono del vulcano; tuttavia, non desistiamo e decidiamo di percorrere l’ascesa fino al rifugio Josè Rivas (4864 mt.). Dal parcheggio delle vetture alla vetta occorre ascendere per circa 200 metri, che a queste altezze occorre affrontare a ritmi molto, ma molto blandi, per non entrare in affanno. Alla conquista della vetta, grande soddisfazione ed anche un’ottima cioccolata calda venduta da una persona del posto. Durante la discesa costeggiamo la laguna Limpiopungo e quindi ci sistemiamo alla splendida Hacienda La Cienega, una struttura in stile coloniale dove vale veramente la pena di alloggiare.

29/12/2014: QUILOTOA – BANOS

Di buon mattino, e dopo un paio d’ore di tragitto, giungiamo al Quilotoa, e dal belvedere si gode una vista spettacolare sul cratere e sul lago che contiene. Uno spettacolo veramente straordinario e sostiamo per un paio d’ore, percorrendo parte del percorso che corre lungo il perimetro, per godere della vista da più angolazioni. Quindi, convinciamo Heriberto ad effettuare una deviazione lungo il percorso, in modo da poter assaporare un pizzico di Amazzonia, raggiungendo Banos e le splendide cascate Paillon del Diablo. La vegetazione si fa sempre più straripante e rimaniamo affascinati da questo posto, la porta della zona amazzonica ecuadoriana. Ripartiamo con una promessa: torneremo per visitare più a fondo queste zone, in cui la natura è ancora la vera ed incontrastata padrona. Concludiamo la giornata raggiungendo l’Hotel Abraspungo, a Riobamba, altra sistemazione notevole.

30/12/2014: IL TRENINO DELLE ANDE, INGAPIRCA, CUENCA

Finalmente, il trenino delle Ande, con partenza dalla stazione di Alausi. Non si viaggia più, come una volta, sul tetto del treno, ma l’esperienza è comunque da brividi, dato che il convoglio si arrampica sulla nariz del diablo, lungo strapiombi impressionanti, fino a che un efficace sistema ingegneristico, consente di azionare degli scambi e di superare ostacoli naturali altrimenti invalicabili. Consigliassimo.

Il pomeriggio proseguiamo per Ingapirca, un sito Inca ben conservato, incastonato in un ambiente naturale mozzafiato. Infine, serata a Cuenca, bellissima cittadina in stile coloniale (splendida la cattedrale dalle cupole azzurre), e alloggiamo al bell’hotel Inca Real. In serata visita del centro storico, ed anche una tappa al belvedere panoramico Mirador de Turi, per godere il panorama offerto dalle luci della città.

31/12/2014: DA CUENCA A GUAYAQUIL

Mattinata dedicata alla visita della città, con tappa alla fabbrica di capelli Panama Homero Hortega, dove è possibile apprendere il percorso di produzione ed anche acquistare dei bellissimi cappelli originali. Quindi, proseguiamo per Guayaquil, dove assistiamo ai festeggiamenti del Capodanno, quando, allo scoccare della mezzanotte, i locali usano bruciare dei pupazzi, chiamati il Viejo, per salutare l’ano viejo e salutare il nino, l’anno che verrà. Tutto molto bello.

01/01/2015: GALAPAGOS

Di buon mattino, dopo aver salutato in aeroporto le nostre guide, ci imbarchiamo sul volo per le Galapagos, che dura circa 4 ore e che si conclude con le hostess che spruzzano le cappelliere con delle bombolette di ddt, per preservare l’integrità del mondo animale di queste meravigliose isole. All’arrivo, all’aeroporto sull’isola di Baltra, oltre a pagare la tassa di ingresso di 100 dollari a persona, occorre trasbordare le valigie con delle imbarcazioni, sino a raggiungere i veicoli per raggiungere le varie destinazioni sull’isola di santa Cruz. Noi alloggiamo a Puerto Ayora, il principale centro dell’isola. Nel pomeriggio, passeggiata a Tortuga bay, un riserva marina situata a pochi passo dalla cittadina, dove incontriamo iguana di terra e marine, pellicani e altra nutrita schiera di uccelli marini. Unico neo: il tempo, nuvoloso e fresco.

02/01/2016: ISOLA BARTOLOME’

Con lo yacht prenotato (bello, oltre ogni aspettativa), navighiamo verso l’isola Bartolome’, dove ci attende il paesaggio più rinomato di tutte le Galapagos. E’ veramente uno scorcio incredibile, e dalla sommità di una piccola altura si ammira il grande pinnacolo e la tavolozza di colori che lo circonda. Purtroppo, il clima non è dei migliori e le nuvole la fanno da padrone. Serata a Puerto Ayora, e cena a base di gustosa aragosta locale.

Guarda la gallery
isole-galapagos-gcx81

trenino delle ande

isole-galapagos-nk9yf

isabela

isole-galapagos-pnh8z

cuenca

isole-galapagos-175am

in gruppo

isole-galapagos-htmdp

cotopaxi

isole-galapagos-z6upt

quito

isole-galapagos-kkghr

fregata

isole-galapagos-xc2hj

quilotoa

isole-galapagos-ddurp

sula dai piedi azzurri



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bogotá
    Diari di viaggio
    monserrate, il tetto della città di bogotà

    Monserrate, il tetto della città di Bogotà

    Bogotà ricca di sole e bellezze da visitareChe Bogotà sia una città affascinante e ricca di cose da visitare è ormai noto...

    Diari di viaggio
    bogotà la città della rinascita

    Bogotà la città della rinascita

    Tante volte ho sognato di visitare Cartagena de Indias ma mai avrei pensato che anche la capitale colombiana Bogotà mi potesse così...

    Diari di viaggio
    colombia: aventurero solitario!

    Colombia: aventurero solitario!

    aeroporto, ma distratto non faccio in tempo a prenderlo. Dopo un po' passa un altro bus con lo stesso cartello ma dopo aver fatto cenno di...

    Diari di viaggio
    colombia on the road 2

    Colombia on the road 2

    minuti. Visita interessante e splendida vista sulla città· Cartagena Connections – Food Tour: piccola agenzia che...

    Diari di viaggio
    colombia 2019: un mese con i mezzi pubblici

    Colombia 2019: un mese con i mezzi pubblici

    VIAGGIO Viaggio di coppia autogestito dal 16/1/2019 al 15/2/2019 effettuato con bus locali più un volo interno. Tutti gli alberghi sono...

    Diari di viaggio
    colombia, una piacevole sorpresa

    Colombia, una piacevole sorpresa

    è preso 30.000 COP. Con il cuore in pace, abbiamo mangiato qualcosa per pranzo e abbiamo preso la via per Bogotà. Arrivati nella capitale...

    Diari di viaggio
    colombia coloniale, costa rica classica e panama per un relax alle san blas

    Colombia coloniale, Costa Rica classica e Panama per un relax alle San Blas

    DIARIO DI VIAGGIO COLOMBIA, COSTA RICA E PANAMA (SAN BLAS) Dopo un anno e qualche mese di programmazione eccoci di nuovo al punto di...

    Diari di viaggio
    colombia, il paese che non ti immagini

    Colombia, il Paese che non ti immagini

    Se penso che tra meno di dieci giorni, saranno quasi tre mesi che mi trovo in Colombia non mi sembra vero di quanto il tempo voli… Il mio...

    Diari di viaggio
    magica colombia di fai da te

    Magica Colombia di fai da te

    Dopo incertezze dubbi, trattative e piccoli compromessi, finalmente è deciso, si parte per la Colombia! Molti, sentendo la nostra meta,...

    Diari di viaggio
    capodanno tra ecuador, galapagos e bogotà

    Capodanno tra Ecuador, Galapagos e Bogotà

    Per il viaggio di fine anno la scelta questa volta cade sull’Ecuador e sulle sue mitiche Galapagos. Grazie a uno spostamento...

    Video Itinerari