Capodanno in Alsazia

Immersi nelle magiche atmosfere natalizie di Strasburgo, Obernai, Ribeauville...
 
Partenza il: 27/12/2011
Ritorno il: 01/01/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Se siete, come me, amanti del Natale non potete fare a meno di fare un giro in Alsazia nel mese di dicembre.

Io e il mio compagno ci siamo stati tra il 27 dicembre e il 1 gennaio e vi assicuro che ne vale veramente la pena. Non andateci dopo capodanno perché i mercatini sono finiti e iniziano già dal 2 gennaio a smontare le luminarie.

L’alsazia è già di per sé una regione bellissima; piccoli paesi con case a graticcio vecchie di almeno tre secoli ma perfettamente tenute, fiori in ogni angolo (naturalmente nella bella stagione) e piccoli torrenti o fiumicciatoli ovunque. Il tutto tra dolci colline coltivate quasi esclusivamente a vigne.

Immaginatevi tutto ciò addobbato con luminarie, ghirlande, presepi, alberi di natale ecc per il periodo natalizio… una favola! Tenete conto poi del fatto che questa regione è stata a lungo contesa da Francia e Germania e di conseguenza i suoi abitanti sono quasi tutti bilingue. Nessun problema anche con l’inglese.

Il nostro giro parte da Strasburgo, capitale dell’Alsazia e sede permanente del Parlamento Europeo e del Consiglio d’Europa.

C’è molto da vedere: la maestosa Cathèdrale Notre-Dame, la Maison Kammerzell che oggi ospita un fastoso ristorante, ma che un tempo era proprietà di un ricco mercante, La Petite France, un delizioso quartiere che si snoda tra canali e case a graticcio, le sedi delle istituzioni europee (un po’ fuori dal centro ma comodamente raggiungibile con uno dei tantissimi tram cittadini) e per gli amanti dei musei: il Musée de l’Oeuvre de Notre-Dame, dove vengono esposti sculture originali dell’edificio e alcune opere, come la collezione di arte medioevale e rinascimentale alsaziana, Palais des Rohan: una volta dimora dei principi-vescovi, oggi sede del Musèe des Beaux Arts, Musèe Archeologique e il Musée des Arts décoratifs.

C’è poi l’antica dogana che oggi ospita il Musée d’Art Moderne dove sono esposte opere i Klimt, Braque e Rodin; il Musée Historique che viene ospitato nell’antico mattatoio ed espone testimonianze della storia politica, economica e militare della città.

Per gli amanti dello shopping, la Rue des Grandes Arcadies che collega Place Kléber a Place Gutenberg. Ovunque bar e ristorantini tipici dove potete gustare tutti i piatti tipici alsaziani.

Giusto per citarne alcuni:

Choucroute: cavolo grattugiato e messo a salamoiare nelle botti. Questo è il piatto forte della gastronomia alsaziana, basti pensare che viene consumata in tutte le stagioni accompagnato da salumi o da pesce.

Flammekueche o Tarte flambée: è una pasta sottile ricoperta di crema acida, cipolle e lardelli e servita su di un tagliere di legno. È una specie di pizza che si divide fra i convitati e si mangia con le dita.

Pretzel: salatino a forma di cuore simbolo dei panettieri fin dal XIV secolo

La galette des rois: dolce consumato all’Epifania. Si trova in commercio solo in questo periodo dell’anno ed è una pasta sfoglia riempita di crema frangipane o altri ingredienti dolci, come la marmellata. Nel dolce si nasconde per tradizione la piccola figura di un re (o altre piccole miniature), la persona a cui capita di avere la figura nel suo pezzo di dolce – è considerata il re della giornata (occhio ai denti!) e verrà incoronato con una corona di cartone che danno quando acquistate la galletta.

E poi… vino, vino e ancora vino. In tutti i paesi le cantine sono aperte al pubblico e gentilissimi viticoltori sono a vostra disposizione per farvi assaggiare la loro produzione. Il tutto, ovviamente, senza alcuna spesa o obbligo di acquisto.

Tutte le case sono addobbate e illuminate, e non certo in maniera discreta o semplice. E’ un tripudio di luci, forme e colori. Hanno questa fantastica tradizione di mettere pupazzi anche enormi appesi alle finestre, alle porte e ovunque sia possibile appendere qualcosa. La cosa più bella è che nessuno tocca, ruba o distrugge nulla…incredibile. Tutto ciò vale nella grande città così come nel piccolo paesino.

Disseminati poi per la città diversi mercatini di natale nelle tipiche casette di legno. Si può trovare qualsiasi oggetto o addobbo natalizio, di tutte le dimensioni e per tutte le tasche…dagli articoli dozzinali a pregiate opere artigianali. Anche se non siete patiti per queste cose non potete non farvi trascinare dallo spirito natalizio e di sicuro acquisterete qualcosa… è scientificamente dimostrato!

Ben fornito anche il reparto gastronomico e con il freddo che c’è da quelle parti, un buon bicchiere di vino caldo è proprio l’ideale.

Per noi italiani che ad un buon espresso non riusciamo mai a rinunciare segnalo la Boutique Nespresso di rue de la Mésange 4 – sempre in centro – dove avete la possibilità di scegliere che tipo di caffè desiderate degustare in accompagnamento ad un delizioso cioccolatino (rigorosamente offerto).

Per quanto riguarda il cibo potete andare in uno dei tantissimi ristorantini tipici – ce ne sono a dozzine – per degustare, con una spesa contenuta i piatti di cui ho parlato prima. Se invece volete qualcosa di un po’ più particolare, ma anche un pochino più dispendioso andate a La Cloche a Fromage in Rue des Tonneliers 27, dove un maitre fromager (si scrive così?!) vi introdurrà nel gustoso mondo dei formaggi francesi. Il menù è quasi totalmente composto da piatti a base di formaggio… ovviamente. Fantastica la Raclette! (http://www.fromagerie-tourrette.com). Di fronte il loro negozio dove poter acquistare le delizie assaggiate nel ristorante. Per visitare (tralasciando i musei) bene la città e i suoi mercatini ci vogliono almeno un paio di giorni. Anche di più se amate stare ore e ore immersi nelle bancarelle natalizie.

A 25 km a sud-ovest di Strasburgo c’è Obernai, seconda tappa del nostro tour. Il centro della città non è grande e si gira in breve, ma è molto piacevole camminare tra le sue viuzze riccamente adornate e le bancarelle natalizie/gastronomiche. Particolarmente carino un presepe di piazza con gli animali veri che si fanno dolcemente fotografare ed accarezzare.

Da Obernai, in breve si può raggiungere il convento del Mont Sainte Odile, meta prediletta di tanti fedeli in pellegrinaggio – Saint Odille è la patrone dell’Alsazia – o di semplici turisti che oltre al convento hanno la possibilità di godere di un panorama mozzafiato. Se come noi arrivate in una giornata di sole dopo un’abbondante nevicata, rimarrete estasiati di fronte a questa veduta.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Alsazia
    Diari di viaggio
    alsazia, un mondo da fiaba

    Alsazia, un mondo da fiaba

    Mentre organizzavo il mio viaggio on the road nella Foresta Nera sono venuta a conoscenza dell’Alsazia, una piccola regione della Francia...

    Diari di viaggio
    ognissanti a strasburgo e colmar

    Ognissanti a Strasburgo e Colmar

    E rieccoci qui... sperando di potervi essere utili con le nostre informazioni... Avevamo programmato da Settembre che per il week end dei...

    Mercatini di natale in Alsazia 2

    Si sa, l’atmosfera natalizia rende qualsiasi luogo magico ma per gli appassionati di mercatini c’è una tappa da non perdere:...

    Diari di viaggio
    tour lungo la valle del reno

    Tour lungo la valle del Reno

    passeggiare per le sue strade guardandone le case, le torri e le mura che la circondano.Finalmente il giorno dopo torna il sole e il...

    Diari di viaggio
    alsazia, benvenuti in un mondo di fiaba

    Alsazia, benvenuti in un mondo di fiaba

    sua vita.A seguire facciamo visita alla Basilica di Saint Remi, una delle principali chiese cittadine. Basilica romanico-gotica...

    Diari di viaggio
    alsazia, terra con due anime e due cuori

    Alsazia, terra con due anime e due cuori

    Il mio primo approccio con l'Alsazia risale ormai a qualche anno fa, una rapida visita per i mercatini di Natale della quale conservavo un...

    Diari di viaggio
    vacanza rilassante tra strasburgo e dintorni

    Vacanza rilassante tra Strasburgo e dintorni

    Quattro amici e una bassottina in luoghi da riscoprire Strasburgo. Già, un viaggio programmato dallo scorso anno quando quattro copie...

    Diari di viaggio
    in alsazia tra colmar e strasburgo

    In Alsazia tra Colmar e Strasburgo

    5 dicembre 2015: Colmar Partiamo in pullman da Viareggio prima dell’alba. Direzione Colmar. Il viaggio dura circa 10 h (soste...

    Diari di viaggio
    un tour tra alsazia e belgio

    Un tour tra Alsazia e Belgio

    Il Belgio è bello e divertente. L’anno scorso siamo andati in aereo a Bruxelles e poi in treno a Gand e Bruges. Ci è piaciuto così...

    Diari di viaggio
    germania del sud on the road, passando per svizzera e alsazia

    Germania del sud on the road, passando per Svizzera e Alsazia

    Dopo 4 anni decidiamo di tornare in Germania per le vacanze di giugno; avevamo già visitato le città di Hannover, Brema e Amburgo e...