Capitali scandinave in famiglia di parte 2

Viaggio con una bambina al seguito alla scoperta di Oslo e Stoccolma
Scritto da: elvirarabuazzo
capitali scandinave in famiglia di parte 2
Partenza il: 19/08/2018
Ritorno il: 22/08/2018
Viaggiatori: 3
Spesa: 3000 €

Diario di Bordo….

Go to Stockholm

Arriviamo a destinazione il 19/08/2018 alle 22:30, ad Odenplan, così facciamo rapidamente il check-in al nostro hotel per andare a mangiare qualcosa. Molti locali sono già chiusi, persino il vicino Irishpub (Molly Malone) non ci resta che un panino da Burgerking, che è aperto fino a mezzanotte.

Day 1

Finalmente si comincia facciamo la SL-Biljettx2, di Stoccolma, valida per 72 ore, così da potere usare tutti i mezzi pubblici della città anche i traghetti. Infatti a conti fatti la city pass, non fa per noi, del resto avendo a disposizione i trasporti cittadini non si capisce l’utilità del bus Hop on-Hop Of e i relativi Bus boat tours. Prima fermata obbligatoria Gamlastan, il palazzo reale, assistendo al cambio della guardia. Ci perdiamo nella città vecchia, tra tutti i suoi vicoletti. In seguito foto di rito a Stortorget e alla cattedrale. Una sola nota negativa, la visita del palazzo ci lascia perplessi, con nostra grande sorpresa i passeggini non sono ben accetti, purtroppo con una bimba di appena 18 mesi è fondamentale. Inoltre, al momento del nostro ingresso, la piccolina dormiva, così siamo stati costretti a portarla in braccio a turno per tutte le sale espositive, che non sono proprio vicine tra loro. Inoltre, non ci siamo fatti mancare le scale a chiocciola, pertanto per chi si trova nelle miei stesse condizioni, sconsiglio vivamente l’esperienza, del resto non vi perdete molto, non sono i musei vaticani.

Finita la maratona, è tempo di prendere il traghetto n. 82, che collega Gamlastan a Djurgarden, ferma proprio davanti all’Abba Museum, ma noi andremo al Vasamuset. Questa enorme nave di quasi 7 piani d’altezza lascia a bocca aperta. Oltre ad essere ben conservata ci sono anche spazi per fare giocare i bimbi, ed al piano n. 5 c’è anche il selfie point, che non ci facciamo mancare. Usciamo alle 18:00 in tempo per tornare in hotel per uscire di nuovo per cena. Anche stavolta non manca la tappa all’HardRockCafè che tra l’altro non è lontano da Odenplan.

Day 2

Oggi facciamo felice la piccola Eleonora e andiamo a Skansen. Il clima è perfetto con un bel sole, l’ideale per visitare questo grande museo a cielo aperto, dove sono state ricreate e trasportate case di vari contesti storici di tutta la Svezia. Inoltre, l’area dei bimbi “Children’s zoo” permette di sostare e mangiare qualcosa prima di visitare la zona dedicata al bioparco. Qui i piccolini possono guardare gli orsi i lupi ed altri animali della fauna locale, in zone ampie dove possono anche correre in libertà. Dopo aver visto le fattorie d’epoca assaggiato pane fatto con forni a legna ed a mano è tempo di andare di nuovo in mare prendiamo il traghetto per gamlastan a piedi in direzione Riddarholmskyrkan per prendere il traghetto n. 85 e raggiungere Norr Malartrand. Questo tragitto ci permette di godere della vista della città vecchia dal mare e dell’imponente stadshuset, con i suoi mattoni rossi e le icone dorate in cima. Inoltre, la luce del pomeriggio che si specchia sulle onde del mare è qualcosa di magico e irripetibile. Apprendiamo che l’ultima visita in inglese è alle 16:00, per cui per soli 5 minuti perdiamo l’occasione di vistare l’interno, varchiamo i portici a Kungshomen e stavolta è tempo dell’happy hour, all’Iceberg bar. Si trova a pochi passi dalla stazione centrale uscita iceberghotel, un’esperienza per turisti, ma assolutamente da provare prendiamo 2 drinks e dopo 15 min. di temperatura sotto zero decidiamo di far ritorno all’hotel per uscire presto e cenare con portate svedesi. Su trip advisor notiamo le ottime recensioni del “Gustabud” lo troviamo facilmente con l’immancabile guida del cellulare app. citymapper, non possiamo che constatare che è tutto vero ottimo il cibo e la qualità prezzo, si sono fatte le 23 l’umidità si fa sentire per cui corriamo a rifugiarci sul bus per sistemarci per la notte.

Day 3

È già mattina, facciamo rapidamente il check out subito alla T-bane per vedere il quartiere di Ostermalm, e il mercato coperto “Saluhall” qui è possibile mangiare con poco rispetto agli standard, inoltre è tutto freschissimo tra i banchi della carne ci sono anche alci ed orsi da assaggiare, ma dato che il tempo stringe ci dirigiamo all’ Historiska Museet. Siamo fortunati e l’ingresso è gratuito, bellissime le sale vichinghe e la sala del Tesoro, oltre alla parte interattiva per bimbi che ricrea la battaglia di gotland. Dobbiamo sbrigarci… avendo la SL ancora valida, ne approfittiamo per usare la metro ed arrivare all’aeroporto senza pagare il treno espresso, linea rosa n.38 da Odenplan direzione Uppsala C. Il sottopassaggio porta direttamente ai terminal in tempo per check-in e salutare questa splendida città.

Se dovessi scegliere tra le due capitali devo dire che la mia preferita è proprio Stoccolma, bella e ricca di attrattive e con persone davvero cordiali. Forse un po’ troppo precise ma va bene così. Quattro giorni sono sufficienti per farsi un’idea della città di come si vive, con qualche giorno in più è possibile spostarsi dal centro e vistare l’arcipelago di Stoccolma, che si dice essere stupendo.

N.B. la città è più sporca di Oslo. Inoltre, il cattivo odore della metro più sotterranea ci ha fatto preferire i mezzi all’aperto, tutti capillari, frequenti e puntuali (Tram, Bus, Traghetti). Consiglio vivamente di scaricare l’app citymapper che permette di non perdersi e spostarsi velocemente, peccato non averla avuta anche per Oslo.

1 Euro equivale a 9,35 sek. Siamo rimasti sorpresi di notare che anche pagando con la carta venivano conteggiati i supplementi per cambiare valuta. Inoltre in merito all’acqua conviene sempre ricaricare le bottigliette presso fontane o ai distributori dell’Hotel dove si pernotta in quanto quelle comprate anche al discount non si trovano a meno di 3 e/o 5 euro nei locali. Inoltre, conservando la plastica potete restituirla in uno dei molti 7eleven per avere sconti sulla spesa successiva. Comunque è sempre possibile pagare in euro avendo come resto corone svedesi ma in questo caso si spende di più. In ogni caso è sempre più conveniente pagare con la carta di credito.

Guarda la gallery
stoccolma-yrfbm

Icebergbar

stoccolma-kv7dz

Stadshuset

stoccolma-76atm

Galmastan altra prospettiva

stoccolma-safu9

Odenplan

stoccolma-r5u2x

Skansen

stoccolma-xy1mf

Gnam Gustabud, Gamlastan

stoccolma-gy9yx

Old Town

stoccolma-6hebz

Historiskamuseet

stoccolma-zywfm

Saluhall

stoccolma-ng1vx

portafortuna

stoccolma-ghd4g

Vasamuseet

stoccolma-p5t73

Palazzo reale

stoccolma-gqzz1

Vista dal Ferry



    Commenti

    Lascia un commento

    Norvegia: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari