Cala Gonone è un’isola (ma non lo sa)

Viaggio in una Sardegna che ci ha pure il mare
 

Se, come me, amate le immersioni subacquee, Gonone è ben fornita di diving ben attrezzati. Gli azzurri fondali del golfo di Orosei sono ricchi di relitti, di grotte, di pareti e di reef adatti ad ogni brevetto, dal primo grado al subacqueo tecnico. Preferite dedicarvi alla scalata? Anche nel vostro caso, le pareti che si arrampicano sugli alti monte che abbracciano il paese vi offriranno indimenticabili emozioni. Se questi sport non fanno per voi, potete noleggiare un kayak e raggiungere una delle tante spiagge che si trovano a portata di… remo. Oppure imbarcarvi per una piccola crociera nel golfo e visitare la celebre grotta del Bue Marino dove vi racconteranno tutto sulla foca monaca che, un tempo, abitava queste coste. Le guide ben preparate, vi sottolineeranno la speranza di vederla, prima o poi, riaffiorare dalle acque del golfo, assieme alle balene che, di tanto in tanto, continuano ancora a far capolino.

Ma queste sono cose che trovate su una qualsiasi guida. Andiamo invece alla ricerca di qualche storia. Già, Quelle storie che mi piacciono perlomeno quanto mi piace il mare e che cerco sempre in tutti i miei viaggi. E quella che vi voglio raccontare è quella dei ponzesi e delle panchine.

Ma che lingua è questa?

Non so voi, ma io, in lingua sarda, non so dire neppure le parolacce. Questo è un bene perché da queste parti tutti mi ritengono una persona educata, ma quella volta, passeggiando sul lungomare dell’Acqua Dolce che chiude il paese a settentrione, si capiva subito che la gente parlava un dialetto che mi suonava come una specie di napoletano. E così ho scoperto che a Cala Gonone c’è una folta colonia di ponzesi. Le cronache raccontano che si sono stabiliti qui sin dall’inizio del ‘900. Sono loro che hanno colonizzato questa isola paese, facendo quello che a nessun sardo sarebbe mai saltato in mente di fare: costruirsi una casa con le finestre sul mare e vivere di pesca. I sardi, come ci ha spiegato Marcello Fois nel suo “in Sardegna non c’è il mare”, non vanno molto d’accordo col continente azzurro. Sarà perché tutto quello che è sbarcato ha portato con sé solo rogne, piraterie ed invasioni, o perché le terre vicine alla costa erano le più insalubri e malariche.

E questo spiega anche il mistero delle panchine. Già. Le panchine. Parlo delle panchine comunali, quelle messe apposta perché la gente ci si sieda per fare due chiacchiere ed ammirare il paesaggio. Ebbene, a Cala Gonone erano tutte rivolte verso i monti! La prima volta che le ho viste, non credevo ai miei occhi. Ho anche provato a smuoverle, pensando ad uno scherzo. No, no. Erano tutte ben imbullonate al suolo e tutte davano coscientemente le spalle al mare. L’amministrazione di Dorgali deve essere convinta che i viaggiatori preferiscano guardare la strada, il via vai delle auto o le belanti greggi che zampettano in lontananza sui monti, piuttosto che tuffare gli occhi ed il cuore nell’azzurra distesa marina!

Ma non è tutta la verità quella che vi sto raccontando. Una panchina che guarda verso il mare, una sola, l’ho trovata. Ma non è una di quelle eleganti, targate “assessorato al turismo”. È una sgangherata panchina di vimini di colore rosso acceso, mezza divorata dalla salsedine e dalle piogge. L’ha sistemata sulla strada una famiglia di pescatori ponzesi. Quando sono a terra, vanno a sedersi là, che più vicini all’acqua non si può. Cuciono le loro reti mentre ascoltano in silenzio le onde come il loro eterno sciabordio potessero narrare la storia dei loro nonni salpati, oltre un secolo fa, da quell’altra isola che sta proprio dall’altra parte del mare.

Guarda la gallery
calagonone_18

calagonone_9

calagonone_8

calagonone_7

calagonone_6

calagonone_5

calagonone_4

calagonone_3

calagonone_2

calagonone_19

calagonone

calagonone_17

calagonone_16

calagonone_15

calagonone_14

calagonone_13

calagonone_12

calagonone_11

calagonone_10



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
rasiglia e orvieto

Rasiglia e Orvieto

È ideale trascorrere un weekend tra questi due borghi così diversi, ma abbastanza...

versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare...

il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche...

Leggi i Diari di viaggio su Cala Gonone
Diari di viaggio
cala gonone è un’isola (ma non lo sa)

Cala Gonone è un’isola (ma non lo sa)

È come la tana del Bianconiglio. O l’armadio di Narnia, se preferite. Solo che è una galleria. Quella di Cala Gonone. Per chi...

Diari di viaggio
motosardegna nord

MotoSardegna Nord

Ci imbarchiamo a Genova su un traghetto Grandi Navi Veloci, acquistando il biglietto durante una delle campagne promozionali periodicamente...

Diari di viaggio
la sardegna cantata da de andrè

La Sardegna cantata da De Andrè

Questa “Sardegna in4giorni” è l’ideale per tutti i motociclistipercaso, ma anche per i turistipercaso più in generale, comunque...

Diari di viaggio
la sardegna è qui

La Sardegna è qui

La tappona: è un viaggio che abbraccia l'entroterra della Barbagia e la costa quello che parte da Orosei, sulla costa orientale della...

Diari di viaggio
un pizzico di avventura e l'idea di viaggiare on the road

Un pizzico di avventura e l’idea di viaggiare on the road

L’itinerario letterario in Sardegna Io amo l' avventura e l’idea di viaggiare on the road, la Sardegna è ancora una volta un luogo...

Diari di viaggio
le facce della sardegna

Le facce della Sardegna

Il camper è in prima fila, il portellone del traghetto scende ed ecco davanti a noi in tutto il suo splendore il mare cristallino, le...

Diari di viaggio
sardegna in solitudine

Sardegna in solitudine

La terra degli avi Lasciamo la bellissima Genova stretta tra un mare troppo profondo e montagne troppo alte a bordo della colorata Moby...

Diari di viaggio
mare e trekking nel cuore della sardegna

Mare e trekking nel cuore della Sardegna

Prefazione Straordinaria, stupefacente Sardegna, anche per me che ci abito, anche se già per la terza volta visito la magnifica zona del...

Diari di viaggio
sardegna in lungo e in largo

Sardegna in lungo e in largo

SARDEGNA 2003: 3000 Km per il periplo. Da Golfo Aranci a Golfo Aranci in senso antiorario. 16 Luglio 2003, Mercoledì Il traghetto...