Cala Gonone è un’isola (ma non lo sa)

Viaggio in una Sardegna che ci ha pure il mare
 

È come la tana del Bianconiglio. O l’armadio di Narnia, se preferite. Solo che è una galleria. Quella di Cala Gonone.

Per chi sbarca dal continente, come amano specificare da queste parti, la strada più veloce da percorrere è la Statale 131 che dal porto di Olbia si snoda tra le colline della Gallura, tra “stazzi” di pastori, enormi fichi d’india e bassi muretti a secco che stanno in pieni neanche loro sanno come. All’orizzonte, le aspre montagne della Barbagia vi fanno dimenticare in fretta il mare.

Arrivati a Dorgali, bisogna resistere alla tentazione di continuare a viaggiare lungo l’Orientale Sarda e non lasciarsi sedurre dalle sirene di una visita alla selvaggia valle di Tiscali che già comincia ad apparire a meridione. Piuttosto, rallentate e tenete d’occhio il lato sinistro della carreggiata. La galleria che porta a Cala Gonone vi apparirà inaspettata dopo un paio di curve e, se la mancate, vi toccherà percorrere un bel po’ di chilometri, prima di poter fare retromarcia! Ma una volta che vi sarete infilati nel buio del tunnel siete a posto. Proprio come Alice, avete varcato la soglia che porta al Paese delle Meraviglie. Non potete – né vorrete – più tornare indietro.

Io ho attraversato questo magico portale un bel po’ di volte oramai, ma non saprei ancora dirvi se l’azzurro intenso che risplende sul fondo della galleria è quello del mare, del cielo, del mare che rispecchia il cielo o del cielo che rispecchia il mare. Fatto sta che appena restituiti alla luce, non resisterete alla tentazione di fermare l’auto per riprendervi dallo stupore. Non dovete vergognarvi. Lo fanno tutti. C’è una piazzola apposta dove sostare e ammirare l’incredibile passaggio che si apre tutto intorno a voi. Il mare, quell’immenso mare che l’entroterra sardo vi aveva scacciato dalla mente, adesso spazia sotto i vostri occhi, in tutta la sua incredibile e risplendente vastità a far da contraltare al cielo.

Il mare. Esiste una parola più bella al mondo?

Il paese isola

Per arrivare al paese che sta in basso, così a ridosso del mare che pare ci si voglia tuffare dentro, bisogna scendere lungo una strada tutta curve che metterà a dura prova la vostra abilità di autisti. Io, ve lo dico subito, lascio sempre la guida a chi mi sta vicino. Ma su questo campo, non faccio testo e non fidatevi mai di me, che sono un veneziano doc, a mio agio con il timone ma un vero cane al volante! Però sulle isole posso dire la mia e Cala Gonone è un’isola, pure se non sa di esserlo. Quella galleria che ogni volta mi riporta alla mente l’armadio di Narnia è l’unico “ponte” che la collega alla terraferma sarda. Il monte e il mare cingono d’assedio il paese. Senza quella magica galleria, l’unica strada per arrivare in questi lidi rimane quella eterna del mare. Una strada che non conosce muri o frontiere.

Cala Gonone non è molto grande. Non fa nemmeno Comune, per questo fa riferimento amministrativo a Dorgali, e conta poco più di mille e seicento residenti. In estate si riempie di turisti che si spaparanzano nelle belle spiagge di sabbia rossa a prendere il sole e nuotare, prima di andare a cenare nei tanti locali del lungo mare che è la vera “piazza” del paese. Se capitate durante il festival del jazz, che qui si svolge ogni estate, avrete l’immenso piacere di ascoltare artisti del calibro di Paolo Fresu.

Guarda la gallery
calagonone_18

calagonone_9

calagonone_8

calagonone_7

calagonone_6

calagonone_5

calagonone_4

calagonone_3

calagonone_2

calagonone_19

calagonone

calagonone_17

calagonone_16

calagonone_15

calagonone_14

calagonone_13

calagonone_12

calagonone_11

calagonone_10



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
cosa vedere a zagabria e dintorni

Cosa vedere a Zagabria e dintorni

La parte est dell’Europa l’ho già vista un pochetto e allora mi sembrava giusto...

venezia con tutta la famiglia

Venezia con tutta la famiglia

La bellissima e meravigliosa realtà di Venezia va oltre la più stravagante fantasia di...

portacomaro d'asti imbrunire...

Portacomaro d’Asti Imbrunire…

Portacomaro d'Asti Imbrunire...

Leggi i Diari di viaggio su Cala Gonone
Diari di viaggio
cala gonone è un’isola (ma non lo sa)

Cala Gonone è un’isola (ma non lo sa)

È come la tana del Bianconiglio. O l’armadio di Narnia, se preferite. Solo che è una galleria. Quella di Cala Gonone. Per chi...

Diari di viaggio
motosardegna nord

MotoSardegna Nord

Ci imbarchiamo a Genova su un traghetto Grandi Navi Veloci, acquistando il biglietto durante una delle campagne promozionali periodicamente...

Diari di viaggio
la sardegna cantata da de andrè

La Sardegna cantata da De Andrè

Questa “Sardegna in4giorni” è l’ideale per tutti i motociclistipercaso, ma anche per i turistipercaso più in generale, comunque...

Diari di viaggio
la sardegna è qui

La Sardegna è qui

La tappona: è un viaggio che abbraccia l'entroterra della Barbagia e la costa quello che parte da Orosei, sulla costa orientale della...

Diari di viaggio
un pizzico di avventura e l'idea di viaggiare on the road

Un pizzico di avventura e l’idea di viaggiare on the road

L’itinerario letterario in Sardegna Io amo l' avventura e l’idea di viaggiare on the road, la Sardegna è ancora una volta un luogo...

Diari di viaggio
le facce della sardegna

Le facce della Sardegna

Il camper è in prima fila, il portellone del traghetto scende ed ecco davanti a noi in tutto il suo splendore il mare cristallino, le...

Diari di viaggio
sardegna in solitudine

Sardegna in solitudine

La terra degli avi Lasciamo la bellissima Genova stretta tra un mare troppo profondo e montagne troppo alte a bordo della colorata Moby...

Diari di viaggio
mare e trekking nel cuore della sardegna

Mare e trekking nel cuore della Sardegna

Prefazione Straordinaria, stupefacente Sardegna, anche per me che ci abito, anche se già per la terza volta visito la magnifica zona del...

Diari di viaggio
sardegna in lungo e in largo

Sardegna in lungo e in largo

SARDEGNA 2003: 3000 Km per il periplo. Da Golfo Aranci a Golfo Aranci in senso antiorario. 16 Luglio 2003, Mercoledì Il traghetto...