Budapest in 5 giorni

Definita "la Parigi dell'est" o "la Regina del Danubio", è una città misteriosa, regale e moderna che affascina con i suoi panorami mozzafiato e i suoi gioielli architettonici.
 
Partenza il: 18/11/2019
Ritorno il: 22/11/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Primo giorno

Il ns volo Ryanair in partenza dall’aeroporto di Bari atterra all’aeroporto Ferihegy nel primo pomeriggio. Fortuna che ho il posto vicino al finestrino perché la traiettoria dell’aereo permette di sorvolare la città e ammirare dall’alto i principali monumenti. Il tempo é splendido e dopo aver raggiunto l’uscita ci attende l’autista del taxi prenotato con l’hotel, che in circa 30 minuti, ci porta a destinazione.

Il ns hotel per 4 notti é il Casati, un boutique hotel situato in Paulay Ede utca, una traversa di viale Andrássy.

La camera é spaziosa è dotata di ogni comfort. Sistemati i bagagli ci rinfreschiamo e usciamo a fare un giro.

Per strada é pieno di gente e i negozi hanno già addobbi natalizi.

Non avendo pranzato decidiamo di andare a cena e scegliamo il ristorante Krizia che ha buone recensioni su TripAdvisor.

Soddisfatti della cena raggiungiamo la Fashion street illuminata e passeggiamo tra i numerosi negozi della Deak Ferenc utca. Proseguiamo a Vörösmarty ter, dove si respira una tipica atmosfera natalizia con il grande albero di Natale e dove vengono allestiti i famosi mercatini natalizi.

Secondo giorno

Oggi visitiamo il quartiere di Buda, il primo nucleo della città di Budapest. Su questa collina e tra le mura del Castello vennero a rifugiarsi gli abitanti di Pest quando ormai gli attacchi dei mongoli divennero insostenibili.

Attraversiamo il Ponte delle Catene, immensa opera in stile Art Nouveau che i cittadini chiamano Széchenyi Lánchíd, dal nome del conte ungherese che ne volle la costruzione. Costruito a partire dal 1839 é il primo ponte che unì le due città di Buda (nucleo più antico e nobile) e Pest (moderna e innovativa), divise dal fiume Danubio.

Raggiungiamo la funicolare, Sikló, ma é chiusa e prenotiamo un trenino elettrico che al costo di 7 euro ci porterà al Castello, al Bastione dei Pescatori, alla chiesa di Mattia con possibilità di scendere e risalire alle varie fermate fino alle 17.

Il panorama dal Castello é bellissimo, ma dal Bastione dei Pescatori é fenomenale. Colpiscono i diversi stili architettonici che convivono, rendendo il quartiere antico un vero gioiellino.

A pranzo ci fermiamo da Lánchíd Söröző Brasserie, una trattoria tipica ungherese con un arredamento semplice e diversi oggetti in stile vintage rock. Con ottima musica di sottofondo, abbiamo gustato una deliziosa zuppa di aglio con erbe, formaggio alla piastra e stufato di patate con salsiccia affumicata.

Soddisfatti e rifocillati ci dirigiamo a piazza Vörösmarty per prendere la metro M1, detta Millenium Foldalatti Vasút, la più antica d’Europa dopo Londra (risale al 1896). Ha un aspetto molto vintage, sembra di essere catapultati nel passato, e con treni creati apposta x percorrerla visto che é più stretta e più bassa degli standard.

Scendiamo a Hősök tere e si apre davanti a noi la Piazza degli Eroi, una delle più importanti piazze di Budapest, ricca di elementi politici e storici. L’area centrale della Piazza degli Eroi ospita il Monumento del Millenario con le statue dei capi delle sette tribù che hanno fondato l’Ungheria nel IX secolo e altre statue simbolo della storia ungherese.

Vicino c’é il parco municipale Városliget (in ungherese “boschetto della città”), con un’estensione di 100 ettari. Il parco ospita numerosi edifici e (in preparazione) d’inverno il Palaghiaccio, la più grande pista di pattinaggio d’Europa, creata sul sito del lago artificiale del castello di Vajdahunyad, quest’ultimo edificio molto particolare perché costruito seguendo stili architettonici diversi: romanico, gotico, rinascimentale e barocco.

Incontriamo anche la misteriosa statua di Anonymous, una figura incappucciata nel City Park di Budapest la cui identità è sconosciuta. Pare fosse uno scrittore che serví alla corte del re Béla III, tra il 1172 e il 1196.

Di fronte ci sono i bagni termali Széchenyi.

Riprendiamo la metro e torniamo a Vörösmarty tér e da lì a piedi fino alla Basilica di Santo Stefano. L’entrata é libera ma si consiglia un’offerta di almeno 1 euro.

L’interno é sontuoso é pieno di decori ma poco illuminato. É possibile salire sul campanile ma visto che oggi abbiamo ammirato diversi panorami sulla città preferiamo saltare.

Nella piazza antistante ci sono operai che lavorano per gli addobbi natalizi e i mercatini.

Torniamo a Vörösmarty tér e ci riposiamo sorseggiando un bicchiere di Forralt bor, cioè “vino caldo”, una bevanda ungherese a base di vino rosso e di spezie, profumata con agrumi. La piazza brulica di gente anche per via dei mercatini natalizi.

Rientriamo in hotel per riposarci prima di andare a cena. Concludiamo la serata a Gozsdu udvar, un cortile lungo come una strada dove si trovano tanti pub di tendenza e ristoranti aperti 24/24. Molto frequentato dai locali e da turisti con tante luci e musica.

Terzo giorno

Oggi la giornata é uggiosa ma anche le previsioni meteo lo indicavano.

Ci dirigiamo a Ferenk tec e da lì prendiamo il tram n.2 che in due fermate porta davanti il Parlamento.

Dopo qualche foto raggiungiamo la passeggiata, lungo la riva del Danubio, delle scarpe di bronzo.

Sessanta paia di calzature in bronzo, distese su quaranta metri in ferro della banchina dalla parte di Pest. Arrugginite e logorate sembrano lì da sempre, lasciate per forza da chi non c’è più. E invece sono state tutte create nel 2005 dal regista ungherese Can Togay e dall’amico scultore Gyula Pauer.

Inutile dire che questa installazione artistica è molto suggestiva, e ricorda il massacro di cittadini ebrei compiuto dai miliziani del Partito delle Croci Frecciate durante la seconda guerra mondiale. Prima legati a gruppi di tre poi costretti a lasciare le scarpe sulle rive del Danubio, infine la persona al centro, freddata con un colpo di pistola, trascinava con sé gli altri due in acqua.

Riprendiamo il tram n.2 (che costeggiando il corso del Danubio offre una vista spettacolare) in direzione Museo Nazionale.

Facciamo una tappa al Központi Vásárcsarnok ovvero il mercato centrale. L’edificio in stile liberty risale al 1800 con splendide decorazioni a mosaico, eleganti ricami in ferro battuto, lampioni vecchio stile, i classici banchi colorati che ospitano al piano terra i generi alimentari e sopra l’artigianato ungherese.

Guarda la gallery
cultura-3n3pc

murales

cultura-qxnvk

albero della vita, sinagoga

cultura-51wa1

gozsdu udvar

cultura-cn6g3

museo nazionale

cultura-vm5n5

varosliget parc

cultura-1pyd3

ponte delle catene

cultura-64urt

bastione dei pescatori

cultura-38t41

statua anonymus

cultura-akuqr

nei pressi del parlamento

cultura-zss25

statua nel quartiere dei teatri

cultura-5p2vw

piazza degli eroi

cultura-s6mkq

memoriale sul danubio

cultura-92h7w

luci sul danubio



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Budapest
    Diari di viaggio
    budapest in quattro meravigliosi giorni

    Budapest in quattro meravigliosi giorni

    Decidiamo di partire alla volta di Budapest!L’impressione è di essere in una piccola Vienna: Giorno 1 Nonostante le decisioni...

    Diari di viaggio
    48 ore a budapest

    48 ore a Budapest

    48 ore, tanto è durata la gita che io ed il mio ragazzo abbiamo deciso di regalarci per San Valentino 2020. Incuriositi dalla rinomata...

    Diari di viaggio
    budapest in auto

    Budapest in auto

    Amici dell’asfalto buongiorno, sono a raccontarvi un nuovo viaggio.Il 3 giugno 2015 io, mia moglie e il nostro cagnolino Wuilli (da...

    Diari di viaggio
    breve tappa in ungheria: 5 giorni a budapest e dintorni

    Breve tappa in Ungheria: 5 giorni a Budapest e dintorni

    Da un anno non andiamo all’estero e sentiamo forte il richiamo di una capitale. La stagione è ancora bella, si potrebbe approfittare del...

    Diari di viaggio
    budapest in 5 giorni

    Budapest in 5 giorni

    Primo giorno Il ns volo Ryanair in partenza dall’aeroporto di Bari atterra all'aeroporto Ferihegy nel primo pomeriggio. Fortuna che ho il...

    Diari di viaggio
    navigando lungo il danubio

    Navigando lungo il Danubio

    L'esperienza di navigare su un fiume importante, l'avevo già provata quando da Mosca la motonave aveva terminato il suo viaggio a San...

    Diari di viaggio
    budapest e dintorni: tra le bellezze della città e l'ottima gastronomia

    Budapest e dintorni: tra le bellezze della città e l’ottima gastronomia

    Budapest e dintorni1-8 agosto 2018Azzano San Paolo all’Orio Parking - Budapest : 1° giorno Lasciata l’auto ad Azzano...

    Diari di viaggio
    maratonadi ndo per budapest

    Maratonadi ndo per Budapest

    vicino al B&B: Fulemule Etterem (Usignolo Ristorante) dove avevamo già mangiato molto bene la prima sera. Io ho preso Serpenyos...

    Diari di viaggio
    budapest meravigliosa... fai da te

    Budapest meravigliosa… fai da te

    Abbiamo scelto questa meta dopo averne parlato molte volte e devo dire che questo breve viaggio è stato sorprendente. Una città...

    Diari di viaggio
    budapest, perla dell'est!

    Budapest, perla dell’est!

    30/09/2018 G1 - 20500 passi (12km)Sveglia prima dell’alba, carichiamo bambini e bagagli e partiamo verso il parcheggio aeroportuale...

    Video Itinerari